Sbalzi d'umore

e Sabine Schrör, giornalista medico

Martina Feichter ha studiato biologia con una materia elettiva farmacia a Innsbruck e si è anche immersa nel mondo delle piante medicinali. Da lì non era lontano da altri argomenti medici che la affascinano ancora oggi. Si è formata come giornalista presso l'Axel Springer Academy di Amburgo e lavora per dal 2007 - prima come redattrice e dal 2012 come scrittrice freelance.

Maggiori informazioni sugli esperti di

Sabine Schrör è una scrittrice freelance per il team medico di Ha studiato economia aziendale e pubbliche relazioni a Colonia. In qualità di editor freelance, è a suo agio in un'ampia varietà di settori da oltre 15 anni. La salute è una delle sue materie preferite.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Tutti hanno già sperimentato sbalzi d'umore: a volte sei triste e triste, a volte felice e pieno di gioia di vivere, a seconda della situazione della tua vita. Oltre ai “normali” sbalzi d'umore, esistono anche forme patologiche, dovute ad esempio alla depressione o al disturbo bipolare. Leggi tutto ciò che devi sapere sulle cause, la diagnosi e il trattamento degli sbalzi d'umore e scopri cosa puoi fare tu stesso contro gli sbalzi d'umore innocui.

Breve panoramica

  • Cosa sono gli sbalzi d'umore? Stati d'animo che cambiano rapidamente da gioia o euforia a tristezza o aggressività e viceversa. Possono essere "normali" (fisiologiche) o malate (patologiche).
  • Cause: ad es. contraccezione ormonale mediante pillola, pubertà, sindrome premestruale (PMS), menopausa, mancanza di magnesio o sodio, ipoglicemia, emicrania, disturbo bipolare, disturbo borderline, demenza, sclerosi multipla, morbo di Parkinson, cirrosi epatica, tossicodipendenza, gravidanza , "Baby Blues", depressione postpartum, psicosi postpartum
  • Quando dal dottore? In caso di sbalzi d'umore gravi, di lunga durata o ricorrenti senza causa apparente. Se altri sintomi psicologici o fisici si verificano contemporaneamente. Per gli sbalzi d'umore durante la pubertà, quando compaiono sintomi aggiuntivi come tristezza persistente, aggressività o disturbi alimentari.
  • Esami: visita iniziale (anamnesi), esame obiettivo, esame neurologico per verificare la funzionalità e la conducibilità dei nervi, tomografia computerizzata (TC), tomografia a risonanza magnetica (tomografia a risonanza magnetica, MRT), ecografia (ecografia)
  • Trattamento: trattamento medico appropriato per cause correlate alla malattia. In caso contrario, l'autoterapia aiuta con lievi sbalzi d'umore, ad esempio con piante medicinali (come valeriana, iperico, cohosh nero, pepe del monaco, trifoglio rosso durante la menopausa), acidi grassi omega-3, preparati di vitamina B6, L-triptofano (per la sindrome premestruale), omeopatia.

Sbalzi d'umore: cause

Gli sbalzi d'umore cambiano rapidamente gli stati emotivi: dalla gioia o dall'euforia alla tristezza o all'aggressività e viceversa. Viene fatta una distinzione tra sbalzi d'umore fisiologici ("normali") e patologici (patologici).

Le cause più importanti del cambiamento di umore includono:

  • Pubertà: a causa dei cambiamenti fisici ed emotivi durante la pubertà, molti adolescenti soffrono di irritabilità e gravi sbalzi d'umore.
  • Sindrome premestruale (PMS): questo complesso di sintomi nei giorni prima del ciclo mestruale può includere, ad esempio, sbalzi d'umore, depressione, irrequietezza interiore, ansia, desiderio di cibo, problemi di sonno, gas, crampi addominali e dolore al petto.
  • Menopausa (climaterica): i sintomi caratteristici includono vampate di calore, vertigini, nausea, disturbi della libido (libido = desiderio sessuale) e sbalzi d'umore.
  • Carenza di magnesio: una carenza persistente di magnesio può causare sbalzi d'umore, depressione, ridotta tolleranza allo stress, ansia, nervosismo, mal di testa, crampi ai polpacci, crampi muscolari lisci (ad es. nello stomaco, intestino, vescica e utero), palpitazioni e una sensazione di pressione dietro il grilletto dello sterno.
  • Carenza di sodio: se il corpo non ha abbastanza sodio a lungo termine, questo può portare a disturbi circolatori, bassa pressione sanguigna e sbalzi d'umore.
  • Ipoglicemia: esaurimento, mal di testa, disturbi della concentrazione e del comportamento, irritabilità, risvegli notturni, desiderio di dolci e sbalzi d'umore possono accompagnare l'ipoglicemia.
  • Emicrania: Nella cosiddetta fase prodomale (ore o giorni prima dell'attacco di cefalea) possono manifestarsi vari disturbi come sbalzi d'umore, irrequietezza interiore, scarsa concentrazione, voglia di mangiare, sete eccessiva, brividi, ritenzione idrica nei tessuti (edema ), disturbi del sonno e dell'apparato digerente.
  • Disturbo affettivo bipolare (precedentemente: malattia maniaco-depressiva): sbalzi d'umore estremi modellano il quadro clinico di un disturbo affettivo bipolare. Le persone colpite oscillano tra l'euforia (mania) e l'estrema depressione (depressione).
  • Disturbo Borderline: le persone con sindrome borderline hanno difficoltà a regolare le loro emozioni altamente fluttuanti. Tra le altre cose, soffrono di sbalzi d'umore violenti e imprevedibili.
  • Demenza: con l'inizio della demenza, ad esempio, la memoria a breve termine non funziona più in modo affidabile. Inoltre, i pazienti non possono più valutare correttamente situazioni e fatti complessi. Inoltre, ci sono problemi di orientamento in ambienti non familiari, disturbi della ricerca delle parole e sbalzi d'umore.
  • Sclerosi multipla (SM): i sintomi che accompagnano questa malattia infiammatoria cronica del sistema nervoso sono, ad esempio, disturbi mentali con sbalzi d'umore e depressione reattiva.
  • Morbo di Parkinson (paralisi): in questa malattia neurologica, le cellule nervose del cervello vengono gradualmente distrutte. Oltre ai principali sintomi di mancanza di movimento fino all'immobilità, possono verificarsi tremori a riposo e rigidità muscolare, sbalzi d'umore e/o disturbi del sonno.
  • Cirrosi epatica: la progressiva distruzione del tessuto epatico innesca sintomi come affaticamento, perdita di peso, pressione e pienezza nella parte superiore dell'addome e anomalie della pelle, nonché sintomi simili alla demenza, tra cui perdita di memoria, disorientamento e sbalzi d'umore.
  • Tossicodipendenza: i tossicodipendenti soffrono molto spesso di disturbi emotivi come sintomi di depressione e sbalzi d'umore. Questo vale anche per la tossicodipendenza.

Sbalzi d'umore dalla pillola

Anche le donne che usano la pillola anticoncezionale sono soggette a cambiamenti di umore. Preparazioni combinate con estrogeni e progestinici possono innescare stati d'animo depressivi come effetto collaterale. Tuttavia, questo non si applica alla cosiddetta mini pillola, che contiene solo progestinico.

Puoi scoprire di più sugli sbalzi d'umore e altri effetti indesiderati della pillola contraccettiva nell'articolo Effetti collaterali - pillola.

Sbalzi d'umore nelle donne in gravidanza

Gli sbalzi d'umore durante la gravidanza non sono rari: i cambiamenti ormonali e la sfida psicologica sono alla base del rapido cambiamento tra sentimenti di felicità e tristezza. Gli sbalzi d'umore di solito scompaiono da soli dal secondo trimestre di gravidanza.

Sbalzi d'umore nelle giovani madri

Molte neomamme soffrono di umore instabile nei primi giorni dopo il parto. Il rapido cambiamento dei sentimenti di solito può essere ricondotto a una delle tre possibili cause:

Blues post-partum ("Baby Blues")

Un "baby blues" (anche "baby blues") di solito si manifesta tra il terzo e il decimo giorno dopo la nascita. I segni sono, ad esempio, preoccupazione esagerata per il bambino e per il futuro, pianto, abbattimento, difficoltà di concentrazione, irritabilità, aggressività precedentemente sconosciuta, sbalzi d'umore, sensazione di confusione e disturbi del sonno e dell'appetito lievi. Numerosi esperti vedono il “baby blues” non come un disturbo psicologico, ma come una normale reazione della neomamma ai numerosi cambiamenti che la nascita e il ruolo della maternità portano con sé. Il più delle volte i sintomi regrediscono da soli e il baby blues può anche trasformarsi in depressione postpartum.

Depressione post-partum (depressione post-partum)

La depressione postpartum si sviluppa nelle prime settimane, di solito fino al terzo mese dopo il parto, ed è una delle complicanze più comuni del puerperio. I sintomi principali sono tristezza persistente, perdita di gioia di vivere e interesse (soprattutto nel bambino) e una sensazione di inutilità.

Gli esperti sospettano che l'interazione di diversi fattori scateni la depressione postpartum. Ad esempio, la mancanza di sonno, l'esaurimento fisico e mentale, i bambini che urlano molto (bambini che urlano) e i disturbi mentali nella storia medica della donna o della sua famiglia giocano tutti un ruolo.

Psicosi post-partum

Questo grave disturbo mentale postpartum è molto raro. Di solito si sviluppa entro le prime ore o giorni dopo il parto. Gli esperti distinguono tre forme di psicosi postpartum:

  • Tipici della forma maniacale sono, ad esempio, l'iperbole, la megalomania, un basso bisogno di sonno, nonché irrequietezza motoria e deliri.
  • La forma depressiva, invece, mostra le caratteristiche tipiche della depressione grave. Inoltre, le persone colpite perdono il contatto con la realtà.
  • La forma schizofrenica è associata, tra le altre cose, a estrema svogliatezza, allucinazioni, delusioni e irrealtà.

Oltre a queste tre forme di psicosi postpartum, possono verificarsi anche forme miste.

Sbalzi d'umore: quando dovresti vedere un dottore?

Se hai uno dei seguenti sintomi, dovresti consultare un medico:

  • Il rapido cambiamento tra alti e bassi dura più a lungo o continua a tornare.
  • Gli sbalzi d'umore sono molto forti.
  • Non puoi spiegare i tuoi sbalzi d'umore.
  • Notate altri sintomi psicologici e/o fisici.
  • Con gli sbalzi d'umore durante la pubertà, si verificano ulteriori disturbi come tristezza persistente, aggressività o disturbi alimentari.

Sbalzi d'umore: diagnosi

Il medico ti parlerà prima in dettaglio della tua storia medica (anamnesi). Tra le altre cose, si tratta di quanto tempo esistono gli sbalzi d'umore, quanto sono gravi, se sono stati innescati da un determinato evento e se si verificano altri disturbi.

Per individuare la causa degli sbalzi d'umore o per escludere alcune malattie, il medico ha a disposizione diversi esami, ad esempio:

  • Esame obiettivo: l'esame obiettivo è di routine per i pazienti con sintomi poco chiari come sbalzi d'umore.
  • Esami del sangue: una carenza di magnesio o sodio e una possibile cirrosi epatica possono essere riconosciute dall'emocromo.
  • Esami neurologici: se si sospetta una malattia neurologica come emicrania, sclerosi multipla, morbo di Parkinson o demenza, il medico verificherà la funzionalità e la conduttività dei nervi. L'elettronurografia (ENG) è uno di questi esami neurologici.
  • Tomografia computerizzata (TC) e tomografia a risonanza magnetica (MRT): si tratta di procedure di imaging molto dettagliate che possono essere utilizzate per rilevare malattie neurologiche che scatenano, ad esempio, sbalzi d'umore.
  • Ultrasuoni (ecografia): se il medico sospetta la cirrosi epatica, ad esempio, dietro gli sbalzi d'umore, può aiutare un esame ecografico del fegato.

Sbalzi d'umore: trattamento

Se gli sbalzi d'umore sono dovuti a una malattia che richiede un trattamento, una terapia adeguata per la malattia di base spesso aiuta anche contro il cambiamento di umore.

Puoi anche fare qualcosa da solo contro i lievi sbalzi d'umore:

  • Piante medicinali: Le piante medicinali con effetto calmante (valeriana, melissa, lavanda ecc.) possono, ad esempio, ridurre gli sbalzi d'umore nella sindrome premestruale (PMS). Vengono quindi spesso consigliate preparazioni a base di erbe con cohosh nero e pepe del monaco, come nel caso dei sintomi della menopausa. Lo stesso vale per i preparati contenenti trifoglio rosso. Inoltre, l'erba di San Giovanni viene spesso utilizzata per sbalzi d'umore, stati d'animo depressivi, irrequietezza, stomaco nervoso e disturbi del sonno.
  • Vitamina B6: un integratore di vitamina B6 può aiutare con i sintomi della sindrome premestruale come umore instabile, ritenzione di tessuti, tensione mammaria e dolore addominale. Viene assunto nei giorni che precedono il ciclo mestruale. A volte ha senso assumere anche vitamina B2 e magnesio. Parla con il tuo medico di questo.
  • L-triptofano: questo componente proteico (aminoacido) è raccomandato anche per la sindrome premestruale. Può essere trovato nel latte, formaggio, manzo, pollame, patate e noci, per esempio.
  • Acidi grassi Omega-3: hanno anche un effetto stabilizzante sugli sbalzi d'umore e si trovano, ad esempio, nell'olio di colza, noci, soia e semi di lino, nonché nei pesci ad alto contenuto di grassi come sgombri e aringhe. Gli acidi grassi Omega-6 (ad esempio nell'olio di girasole, germe di mais e enotera) possono aiutare contro gli stati d'animo instabili.
  • Evita lo zucchero e altri carboidrati semplici: perché passano rapidamente nel sangue, il che innesca un forte aumento dell'ormone che abbassa lo zucchero nel sangue, l'insulina. Di conseguenza, il livello di zucchero nel sangue può scendere rapidamente e bruscamente, fino all'ipoglicemia. Questo può influenzare l'umore. I carboidrati complessi sono più indicati (ad esempio nei cereali, nelle patate, nelle verdure).
  • Scambio con gli altri: soprattutto le donne incinte che soffrono di sbalzi d'umore dovrebbero parlare con il proprio partner o con gli amici intimi dei propri sentimenti e/o scambiare idee con altre future mamme che la pensano allo stesso modo.
  • Omeopatia: gli omeopati raccomandano Cimicifuga D12, Ignatia C30 e Pulsatilla D12 per gli sbalzi d'umore. Tuttavia, l'efficacia dei farmaci omeopatici è controversa e non è stata scientificamente provata.
Tags.:  dormire cura degli anziani medicina palliativa 

Articoli Interessanti

add