digossina

Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

La digossina è un glicoside cardiaco di origine vegetale - è contenuta nelle specie di digitale (digitale). Il principio attivo è usato per trattare l'insufficienza cardiaca (insufficienza cardiaca) e alcuni tipi di battito cardiaco irregolare. Puoi scoprire di più sull'uso, sugli effetti e sui possibili effetti collaterali della digossina qui!

Ecco come funziona la digossina

La digossina appartiene al gruppo dei glicosidi digitalici (come la digitossina). Tutte le sostanze di questo gruppo hanno lo stesso profilo di azione e differiscono solo per quanto velocemente e per quanto tempo agiscono nel corpo.

La digossina blocca un enzima nella membrana cellulare delle cellule del muscolo cardiaco, la cosiddetta Na/K-ATPasi magnesio-dipendente. Questo enzima incanala gli ioni sodio fuori dalla cellula e, in cambio, gli ioni potassio nella cellula. Come risultato del blocco enzimatico, la concentrazione di sodio aumenta e la concentrazione di potassio diminuisce all'interno delle cellule. L'aumento della concentrazione di sodio ora influenza lo scambiatore sodio/calcio in modo tale che meno ioni calcio vengono trasportati fuori dalla cellula.

Il risultato è una maggiore forza di contrazione dei muscoli cardiaci (effetto inotropo positivo). La digossina inoltre rallenta la frequenza cardiaca (effetto cronotropo negativo) e inibisce la conduzione dell'eccitazione (effetto dromotropico negativo).

Assorbimento, scomposizione ed escrezione della digossina

Il glicoside cardiaco può essere somministrato per via orale (per via orale) o direttamente in vena (per via endovenosa). Quando somministrato per via endovenosa, il farmaco ha effetto dopo 15-30 minuti e raggiunge il suo massimo dopo 1,5-5 ore. Nel caso della somministrazione orale, l'inizio dell'azione e il raggiungimento del massimo effetto richiedono un po' più di tempo. La digossina viene escreta principalmente nelle urine attraverso i reni. Circa uno o due giorni dopo la somministrazione, metà del principio attivo ha lasciato di nuovo il corpo.

Quando si usa la digossina?

La digossina è prescritta per l'insufficienza cardiaca (insufficienza cardiaca) e alcuni tipi di battito cardiaco irregolare (come la fibrillazione atriale).

Ecco come si usa la digossina

La terapia con il glicoside cardiaco viene iniziata con una saturazione: al paziente vengono somministrati 0,25 milligrammi di digossina due volte al giorno per ingestione (compressa) o 0,25 milligrammi due volte al giorno per due giorni per via endovenosa. Successivamente, viene somministrata una dose di mantenimento inferiore da 0,25 a 0,375 milligrammi una volta al giorno. Il medico determina individualmente la dose esatta e la durata del trattamento.

Quali sono gli effetti collaterali della digossina?

Importanti effetti collaterali della digossina sono, ad esempio, aritmie cardiache, nausea, vomito, stanchezza, confusione, mal di testa, psicosi, disturbi della visione dei colori e disturbi visivi generali. Negli uomini, ci sono casi più rari di ingrossamento delle ghiandole mammarie (ginecomastia) e disfunzione epatica. A volte si sviluppano anche alterazioni dell'emocromo, come la mancanza di piastrine nel sangue (trombocitopenia).

Cosa dovrebbe essere considerato quando si usa la digossina?

La digossina non deve essere usata se il paziente:

  • è allergico al principio attivo o ad altri glicosidi cardiaci
  • ha un livello di calcio troppo alto (ipercalcemia)
  • soffre di cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva (cardiopatia genetica con ingrossamento del muscolo cardiaco)

Nei pazienti con insufficienza renale (insufficienza renale), la dose dell'agente cardiaco deve essere ridotta.

Interazioni

La digossina può interagire con molti altri farmaci. Numerosi farmaci possono influenzare l'assorbimento della digossina da parte dell'organismo. Questi includono carbone attivo (per diarrea e avvelenamento), colestiramina (farmaco per abbassare il colesterolo), neomicina (antibiotico), sulfasalazina (antinfiammatorio) e antiacidi (per bruciore di stomaco e ulcere gastrointestinali).

Altri farmaci possono aumentare la biodisponibilità del glicoside cardiaco nell'organismo, ad esempio alcuni antibiotici (tetracicline, eritromicina). Alcuni farmaci riducono l'escrezione di digossina, come la chinidina, l'amiodarone, il verapamil e il diltiazem (agenti usati per trattare il battito cardiaco irregolare) e lo spironolattone (un diuretico).

Sono possibili ulteriori interazioni, di cui il medico curante terrà conto al momento della prescrizione.

periodo di gravidanza e allattamento

I glicosidi cardiaci come la digitossina possono essere utilizzati durante la gravidanza per l'insufficienza cardiaca e come rimedio per le aritmie cardiache nella madre o nel nascituro.

Una madre può allattare il suo bambino anche durante la terapia con digossina. Se il glicoside cardiaco viene somministrato per via endovenosa, puoi quindi fare una pausa di due ore dall'allattamento al seno e ridurre così la probabilità che il bambino ingerisca il principio attivo attraverso il latte materno.

Come ottenere farmaci con digossina?

La digossina richiede una prescrizione ed è disponibile solo in farmacia con prescrizione medica.

Tags.:  prevenzione bambino bambino rivista 

Articoli Interessanti

add