Insufficienza cardiaca: ecco perché il ferro aiuta

Christiane Fux ha studiato giornalismo e psicologia ad Amburgo. L'esperto redattore medico scrive articoli di riviste, notizie e testi fattuali su tutti i possibili argomenti di salute dal 2001. Oltre al suo lavoro per, Christiane Fux è anche attiva nella prosa. Il suo primo romanzo poliziesco è stato pubblicato nel 2012 e scrive, progetta e pubblica anche le sue commedie poliziesche.

Altri post di Christiane Fux Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Le persone con un cuore debole sono gravemente limitate nella loro qualità di vita: durante l'esercizio, hanno rapidamente il fiato corto e anche le piccole tensioni quotidiane spesso diventano troppo per loro. Un semplice integratore può migliorare la condizione di molti: il ferro. Ora sappiamo anche perché.

Anche una leggera carenza di ferro ha un effetto negativo sulla condizione dei pazienti con insufficienza cardiaca. Anche se non c'è ancora carenza di globuli rossi. Se ricevono integratori di ferro appropriati, i pazienti si sentono meglio, sono più resistenti e devono andare in ospedale meno spesso.

Poco ferro, poco ossigeno

A prima vista, questo sembra logico: i globuli rossi hanno bisogno dell'oligoelemento per legare e trasportare l'ossigeno con l'emoglobina del pigmento rosso del sangue. Di conseguenza, se c'è una mancanza di ferro, non si possono formare abbastanza globuli rossi e c'è una mancanza di ossigeno nel corpo. Pertanto, le persone colpite si stancano rapidamente e sono meno resistenti fisicamente. Ma questo spiegava solo in parte l'incredibile effetto del ferro sui pazienti con insufficienza cardiaca.

Centrali energetiche indebolite

C'è un'altra ragione: il ferro non è importante solo per la formazione del sangue. Anche i mitocondri, che siedono come minuscole centrali energetiche all'interno delle cellule del corpo, hanno bisogno dell'oligoelemento. “Se c'è una carenza di ferro, i mitocondri possono produrre meno energia. Il muscolo cardiaco in particolare dipende da un'elevata fornitura di energia per la sua funzione di pompaggio ", spiega il prof. Tibor Kempf della Hannover Medical School (MHH).

Mancanza di energia nelle cellule del cuore

Per studiare gli effetti della carenza di ferro sulle cellule del muscolo cardiaco, un team di MHH ha spento alcune proteine ​​nelle cellule del muscolo cardiaco dei topi. Se le cosiddette proteine ​​di regolazione del ferro (proteine ​​IRP) sono inattivate, la cellula può assorbire meno ferro. Quindi non sono più disponibili quantità sufficienti dell'elemento traccia per i processi metabolici vitali e i mitocondri producono meno energia.

Infatti, i topi manipolati in questo modo hanno sviluppato una carenza di ferro nelle cellule del muscolo cardiaco, ma non nel sangue o in altri organi. Gli animali non venivano notati quando erano a riposo, ma il loro cuore non poteva aumentare la loro capacità di pompaggio durante lo sforzo fisico: i mitocondri non producevano energia sufficiente per il muscolo cardiaco.

Negozi riforniti

Quando i ricercatori MHH hanno somministrato ferro ai topi, sono stati in grado di ricostituire le loro riserve di ferro nel cuore. Le cellule del muscolo cardiaco hanno quindi prodotto energia sufficiente e la funzione cardiaca si è normalizzata.

Il risultato mostra perché vale la pena che i pazienti con insufficienza cardiaca monitorino i loro livelli di ferro. Un dato che ora si ritrova anche nelle relative linee guida per il trattamento dello scompenso cardiaco. Potrebbe anche essere che l'aggiunta di ferro non solo migliori le condizioni dei pazienti, ma allunghi anche le loro vite. Questa tesi è attualmente in fase di sperimentazione in studi clinici. Anche una carenza può essere facilmente sanata, secondo i ricercatori.

L'insufficienza cardiaca è spesso fatale

L'insufficienza cardiaca è una delle cause di morte più comuni in Germania. Infarti, pressione alta, malattia coronarica (CHD) o difetti delle valvole cardiache sono la causa del debole pompaggio del cuore.

Fonte: Saba Haddad et al.: Le proteine ​​​​regolatrici del ferro assicurano la disponibilità di ferro nei cardiomiociti per prevenire l'insufficienza cardiaca, European Heart Journal, DOI: 10.1093/eurheartj/ehw333

Tags.:  luogo di lavoro sano tcm fumare 

Articoli Interessanti

add