Febbre reumatica

Fabian Dupont è uno scrittore freelance nel dipartimento medico di Lo specialista in medicina umana ha già lavorato per lavori scientifici in Belgio, Spagna, Ruanda, Stati Uniti, Gran Bretagna, Sud Africa, Nuova Zelanda e Svizzera, tra gli altri. Il focus della sua tesi di dottorato era la neurologia tropicale, ma il suo interesse speciale è la salute pubblica internazionale e la comunicazione comprensibile dei fatti medici.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

La febbre reumatica è una reazione autoimmune che può verificarsi poche settimane dopo essere stata infettata da determinati batteri. Le difese attaccano le cellule del corpo e portano a infiammazioni delle articolazioni, della pelle e del cuore. La febbre reumatica è diventata rara in Germania, ma è un grave problema di salute nei paesi con scarse cure mediche.Se non trattata, la febbre reumatica può anche essere fatale. Leggi tutto sulla febbre reumatica qui.

Codici ICD per questa malattia: i codici ICD sono codici riconosciuti a livello internazionale per le diagnosi mediche. Si trovano, ad esempio, nelle lettere dei medici o nei certificati di inabilità al lavoro. I00I01I02

Febbre reumatica: descrizione

La febbre reumatica è una reazione autoimmune innescata da alcuni batteri, i cosiddetti streptococchi beta-emolitici. Quando viene infettato da questi agenti patogeni, il sistema immunitario del corpo li attacca e prende di mira alcune strutture superficiali dei batteri. A tale scopo il sistema immunitario forma i cosiddetti anticorpi, piccole proteine ​​che si legano in modo specifico alla superficie dei patogeni e li rendono riconoscibili per le cellule immunitarie. Le cellule immunitarie alla fine rendono innocui gli intrusi.

Dopo che il sistema immunitario ha formato anticorpi contro un determinato agente patogeno, questi rimangono nel corpo per lungo tempo, anche se la malattia vera e propria è già stata curata. In questo modo, il sistema immunitario può contrastare le nuove infezioni con lo stesso patogeno in modo rapido ed efficace.

A volte capita, però, che gli anticorpi non solo riconoscano materiale estraneo, ma si leghino anche erroneamente alle strutture stesse dell'organismo, ad esempio alla superficie delle valvole cardiache. Questo tessuto è quindi contrassegnato come estraneo al resto del sistema immunitario e si verifica una reazione di difesa contro il proprio corpo. Questa è chiamata reazione autoimmune, cioè una reazione contro te stesso.

In generale, ciò accade raramente, ma è noto che alcuni agenti patogeni, come gli streptococchi beta-emolitici, innescano reazioni autoimmuni. Hanno una struttura superficiale simile a certe strutture corporee. Gli anticorpi “confondono” il loro bersaglio, per così dire (“mimetismo molecolare”). Nel contesto della febbre reumatica, le cellule del cuore, delle articolazioni e della pelle sono particolarmente colpite dalla reazione immunitaria mal indirizzata.

Quanto è comune la febbre reumatica?

Solo una piccolissima percentuale di persone infettate da streptococchi beta-emolitici sviluppa anche febbre reumatica. Nei paesi con una buona assistenza medica, un trattamento adeguato può spesso prevenire questa complicazione. In molti paesi in via di sviluppo, tuttavia, la febbre reumatica è molto più comune e la causa più comune di malattie cardiache nei bambini. Quasi mezzo milione di persone in tutto il mondo sviluppano febbre reumatica ogni anno, in particolare bambini e adolescenti di età compresa tra 3 e 16 anni.

Febbre reumatica: sintomi

Con la febbre reumatica ci sono sintomi acuti che si verificano giorni o settimane dopo l'infezione da streptococco. Gli effetti a lungo termine della febbre reumatica causano ancora problemi anni o decenni dopo l'infezione da streptococchi. Questi sintomi di lunga durata che compaiono più tardi sono principalmente causati dal danno strutturale agli organi, che è difficile da prevenire.

Febbre reumatica acuta

La febbre reumatica acuta di solito si verifica poche settimane dopo l'infezione da streptococco. La malattia può presentarsi in modo molto diverso e non è facile da riconoscere perché non tutti i sintomi appaiono sempre ugualmente chiari. Molti malati vengono dal medico con febbre, debolezza e affaticamento. I bambini piccoli a volte si lamentano anche di dolori addominali. Il dolore alle grandi articolazioni, come il ginocchio, l'anca o la spalla, sono disturbi tipici che si verificano con la febbre reumatica. Le articolazioni spesso non solo fanno male, ma sono anche rosse e gonfie.

Un polso veloce, spesso con dolore al petto durante uno sforzo leggero, può essere un'indicazione di un'infiammazione del cuore. Un'eruzione cutanea con un'eruzione cutanea a forma di tronco, non pruriginosa e piccoli noduli sotto la pelle sono ulteriori segni di febbre reumatica. Queste condizioni della pelle non si verificano sempre, ma possono verificarsi anche quando il cuore è colpito.

Infine, se hai la febbre reumatica, il sistema immunitario può attaccare anche il sistema nervoso. Questo a volte porta a cambiamenti di personalità, debolezza muscolare, problemi di equilibrio e disturbi delle capacità motorie. Se il cervello è colpito, può derivare uno speciale disturbo del movimento, la cosiddetta corea di Sydenham. Questa sindrome neurologica colpisce i bambini molto più spesso dei pazienti adulti.

Tipici della corea di Sydenham sono i movimenti incontrollati e senza scopo. I bambini si comportano in modo goffo, ad esempio rovesciano la zuppa o rompono i piatti. A differenza dell'infiammazione cardiaca, i sintomi neurologici di solito guariscono senza conseguenze. Ad esempio, la corea di Sydenham di solito dura solo pochi mesi.

Conseguenze a lungo termine della febbre reumatica

Di norma, gli adulti sopra i 30 anni hanno maggiori probabilità di soffrire degli effetti a lungo termine della febbre reumatica. Questi disturbi cronici sono prevedibili se i pazienti hanno sviluppato una grave febbre reumatica nella loro infanzia. Anche in età avanzata possono poi subire ripetutamente attacchi con crescenti limitazioni fisiche. D'altra parte, è improbabile che una febbre reumatica colpisca per la prima volta gli adulti senza prima manifestarsi nell'infanzia.

Il danno al cuore come parte della febbre reumatica è relativamente comune e spesso dura per tutta la vita. Fino al 60 percento di tutte le persone colpite mostra danni a lungo termine al cuore. Ciò colpisce in particolare i pazienti diagnosticati troppo tardi o non trattati. Il sistema immunitario attacca principalmente le valvole cardiache. Questi funzionano come una valvola e garantiscono che il cuore pompe continuamente il sangue in una direzione. Se le valvole cardiache si rompono, questo porta a un sovraccarico cronico e infine a insufficienza cardiaca.

Febbre reumatica: cause e fattori di rischio

La causa della reazione autoimmune sono gli streptococchi beta-emolitici del gruppo A. Questo nome complicato nasconde un patogeno relativamente comune che ama particolarmente stabilirsi nella faringe e portare a un'infiammazione lì. Il risultato è una mucosa cremisi della gola con piccoli depositi gialli (angina streptococcica). La scarlattina, malattia infantile, è anche causata da streptococchi e varie infezioni della pelle.

Non è del tutto chiaro il motivo per cui alcune persone sviluppano una febbre reumatica dopo un'infezione da streptococco e non altre. Si presume che sia ereditata una certa suscettibilità a una tale falsa reazione del sistema immunitario.

Anche l'età è un importante fattore di rischio. La febbre reumatica nei bambini è molto più comune che negli anziani. Questo rischio è particolarmente elevato tra i cinque ei quindici anni, poiché durante questo periodo aumentano le infezioni alla gola da streptococchi.

Altri fattori di rischio sono le cattive condizioni igieniche e di vita, insieme a cure mediche inadeguate. Fino agli anni '50, la febbre reumatica era la malattia reumatica infiammatoria più comune anche negli scolari e negli adolescenti in Germania. Grazie a una terapia antibiotica coerente e tempestiva, il numero di casi è diminuito drasticamente.

Febbre reumatica: esami e diagnosi

Il medico deve sempre pensare a una febbre reumatica se un bambino o un adolescente si presenta con febbre alta e dolori articolari e ha anche avuto mal di gola nelle ultime settimane. Tuttavia, non è sempre facile riconoscere la febbre reumatica, poiché i sintomi possono presentarsi in modo molto diverso in molti pazienti.

I cosiddetti criteri di Jones, sviluppati nel 1944, servono al medico come ausilio diagnostico. Descrivono sintomi che insieme indicano una febbre reumatica. I criteri principali includono:

  • Dolore articolare (artrite)
  • Cardite (infiammazione del muscolo cardiaco)
  • Eruzione cutanea (soprattutto sul tronco)
  • Piccoli noduli sottocutanei (soprattutto su gomiti, polsi, ginocchia e tendini di Achille)
  • Corea di Sydenham (disturbo del movimento)

Ci sono anche alcuni criteri secondari, come aumento dei livelli di infiammazione nel sangue, febbre, alterazioni dell'ECG o evidenza di streptococchi nelle ultime settimane.

Per rilevare l'agente patogeno, il medico può eseguire uno speciale test rapido in caso di mal di gola acuto. Per fare questo, fa un tampone faringeo, che mostra in pochi minuti se gli streptococchi beta-emolitici del gruppo A sono responsabili dell'infiammazione.

Se i sintomi della febbre reumatica sono già presenti, ma l'infezione acuta alla gola è già stata curata, esistono altri modi per rilevare l'agente patogeno. Il cosiddetto titolo antistreptolisina (titolo ASL) e il titolo anti-DNasi B (titolo ADB) possono essere utilizzati per ricercare i segni di una reazione immunitaria contro i batteri scatenanti.

Dopo un certo catalogo di decisioni, i criteri di Jones possono essere utilizzati per diagnosticare la febbre reumatica. In generale: più fattori sono soddisfatti, più è probabile che sia presente una febbre reumatica, per cui i criteri principali sono più importanti. Ulteriori esami clinici e di imaging aiutano nel percorso verso la diagnosi. Per valutare possibili danni cardiaci, il medico utilizza gli ultrasuoni e l'elettrocardiografia (ECG).

Febbre reumatica: trattamento

L'elemento principale del trattamento per la febbre reumatica è la terapia antibiotica. Da un lato, questo riduce significativamente il rischio che si sviluppi una febbre reumatica dopo un'infezione da streptococchi beta-emolitici. D'altra parte, se i primi segni di ciò sono già presenti, l'ulteriore progressione della febbre reumatica e il rischio di danni a lungo termine possono essere ridotti fino all'80%. L'antibiotico più importante nella lotta contro la febbre reumatica è la penicillina. A seconda dei casi vengono utilizzati anche altri antibiotici come cefalosporine o macrolidi.

Se è coinvolto il cuore, non appena viene confermata la diagnosi, vengono utilizzati agenti antinfiammatori come l'ibuprofene o il naprossene. Gli steroidi vengono somministrati anche se il cuore è gravemente compromesso. Se portano un miglioramento a lungo termine o combattono solo in modo acuto i sintomi è controverso. È anche importante che il paziente eviti qualsiasi sforzo fisico.

Se le valvole cardiache si bloccano a lungo termine, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per riaprire la valvola o per sostituirla completamente. Tale intervento può, tuttavia, essere effettuato non prima di un anno dopo la fase infiammatoria acuta.

A seconda del grado di danno al cuore, i pazienti devono assumere anche un antibiotico protettivo a lungo termine, in caso di gravi danni cardiaci anche per tutta la vita. Questo può essere somministrato in compresse o con una siringa ogni poche settimane. La terapia a lungo termine impedisce alla malattia di riaccendersi e quindi protegge da danni a lungo termine più gravi.

Febbre reumatica: decorso della malattia e prognosi

Il decorso della malattia e la prognosi della febbre reumatica dipendono in particolare dalla rapidità con cui viene riconosciuta e adeguatamente trattata. Se il trattamento antibiotico è già stato effettuato durante il mal di gola, la febbre reumatica può essere generalmente evitata. Anche se la febbre reumatica è ancora agli stadi iniziali, la prognosi è buona. Quindi di solito guarisce senza ulteriori problemi. Anche i problemi articolari regrediscono in un periodo di tempo più lungo.

Tuttavia, se si è già verificato un danno cardiaco, di solito non può più essere riparato. Inoltre, aumenta il rischio di un'altra riacutizzazione della febbre reumatica, che può peggiorare il danno. Si consiglia quindi di recarsi tempestivamente dal medico con il bambino malato e di sottoporsi ad un rapido test streptococcico in caso di forte mal di gola o febbre con dolori articolari.

Tags.:  colloquio rimedi casalinghi sistemi di organi 

Articoli Interessanti

add