febbre Q

Aggiornato il

Dott. med. Mira Seidel è una scrittrice freelance per il team medico di

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

La febbre Q (febbre di query, febbre del Queensland, influenza caprina) è una malattia causata dal batterio Coxiella burnetii causato. Si verifica in particolare nei bovini, negli ovini e nei caprini, ma può colpire anche l'uomo. L'infezione è spesso asintomatica o simile all'influenza. È in cura con antibiotici. Leggi tutto ciò che devi sapere sui sintomi e sul trattamento della febbre Q qui.

Codici ICD per questa malattia: i codici ICD sono codici riconosciuti a livello internazionale per le diagnosi mediche. Si trovano, ad esempio, nelle lettere dei medici o nei certificati di inabilità al lavoro. A78

Febbre Q: descrizione

La febbre Q è una delle cosiddette zoonosi.Queste sono malattie che possono essere trasmesse dagli animali all'uomo. L'agente eziologico della febbre Q è un batterio a cui piace stare nella polvere o nel fieno.

Poiché la febbre Q è stata diagnosticata per la prima volta nel 1937 nei macelli dello stato australiano del Queensland, la malattia è stata inizialmente chiamata febbre del Queensland. Tuttavia, la febbre Q è comune in tutto il mondo. Le epidemie con diverse centinaia di malattie si verificano principalmente nelle aree rurali o nelle periferie, poiché qui gli animali e le persone vivono più vicini.

Febbre Q: sintomi

Circa la metà di tutte le persone infette non mostra alcun sintomo (infezione asintomatica). Negli altri casi, si sviluppano lievi sintomi simil-influenzali, di solito da una a tre settimane dopo l'infezione (periodo di incubazione).

L'infezione acuta

I sintomi della malattia da febbre Q sono simili a quelli dell'influenza. Febbre alta, brividi, dolori muscolari e forte mal di testa sono disturbi comuni. A volte i polmoni, il fegato, il cuore o il cervello si infiammano.

La malattia dura circa due settimane e guarisce da sola. Le donne incinte sono particolarmente a rischio di aborto spontaneo se si ammalano nel primo trimestre di gravidanza. Inoltre, l'agente patogeno può essere trasmesso al bambino.

L'infezione cronica

Molto raramente la febbre Q non guarisce da sola, ma diventa cronica: i fagociti del sistema immunitario assorbono l'agente patogeno, ma non possono ucciderlo. Rimane poi spesso inattivo per lungo tempo nei fagociti e attende un'occasione favorevole per riattivarsi. Questa opportunità si presenta quando il sistema immunitario è indebolito dalla gravidanza o per altri motivi. Quindi l'agente patogeno della febbre Q può diffondersi nuovamente nel corpo.

La conseguenza più comune di una tale febbre Q cronica è l'infiammazione del rivestimento interno del cuore (endocardite). Si sviluppa principalmente nelle persone con cardiopatia valvolare o un sistema immunitario indebolito e può comparire solo molti anni dopo essere stato infettato. A parte il cuore, altri organi sono raramente colpiti da una febbre Q cronica - questo può portare a infezioni croniche alle ossa, ai polmoni e al fegato.

L'infezione da febbre Q durante la gravidanza, in particolare, è spesso cronica.

Febbre Q: cause e fattori di rischio

La febbre Q è causata dall'agente patogeno Coxiella burnetii innescato. Il batterio attacca principalmente gli ungulati (bovini, ovini, caprini). Tuttavia, anche altri animali come gatti, cani, conigli, cervi e uccelli possono fungere da ospite. L'agente patogeno della febbre Q è stato trovato anche in vari artropodi, acari, pidocchi, mosche e zecche.

I batteri sono molto resistenti alle influenze chimiche e fisiche. Possono quindi sopravvivere fino a due anni in polvere, fieno e altri materiali secchi.

Come si infettano gli esseri umani?

La febbre Q viene principalmente infettata dall'inalazione di polvere infettiva o dal contatto diretto con animali infetti. Gli animali espellono i batteri nelle feci, nelle urine e nel latte. I batteri nella polvere possono essere portati via dal vento per un massimo di due chilometri. In questo raggio, le persone senza uno stretto contatto con gli animali infetti possono contrarre la febbre Q.

Anche i prodotti del parto e quindi i neonati contaminati sono altamente infettivi. Inoltre, le persone possono essere infettate dalla febbre Q trasformando carne e altri prodotti animali. La trasmissione indiretta è possibile attraverso indumenti contaminati. Il percorso di infezione attraverso il cibo di animali infetti (latte crudo, formaggio crudo) gioca solo un ruolo secondario.

È anche possibile che l'agente patogeno della febbre Q si trasmetta direttamente da persona a persona (ad esempio attraverso il contatto con donne infette che partoriscono o tramite trasfusioni di sangue). Ma questo accade raramente. Le donne incinte infette possono, tuttavia, trasmettere l'agente patogeno al nascituro (il batterio può moltiplicarsi nella placenta).

Le zecche infette sono importanti portatori di febbre Q tra animali domestici e selvatici. Come fonte di infezione per l'uomo, tuttavia, svolgono solo un ruolo subordinato.

gruppi a rischio

Le vie di infezione descritte chiariscono che le persone che sono a stretto contatto con gli animali sono particolarmente a rischio di sviluppare la febbre Q. Ciò include, ad esempio, proprietari di animali, macellai, trasformatori di pellicce di animali e personale veterinario. I dipendenti di laboratorio possono anche contrarre l'infezione attraverso la manipolazione (impropria) del materiale campione infetto.

Febbre Q: esami e diagnosi

Poiché i sintomi della febbre Q possono essere simili a molte altre malattie, la diagnosi non è facile. L'anamnesi (anamnesi), che raccoglie in una conversazione con il paziente, fornisce al medico informazioni importanti. Le possibili domande del medico includono:

  • Hai la febbre? Se sì, da quanto tempo esiste? Qual è la temperatura?
  • Hai mal di testa o dolori muscolari?
  • Tieni animali domestici o lavori con animali o prodotti di origine animale?

Gli esami del sangue possono confermare la sospetta febbre Q. A tal fine, nel campione di sangue del paziente si trovano anticorpi contro il patogeno della febbre Q Coxiella burnetii cercato. In base al tipo di anticorpi nel tempo si può anche dedurre il decorso della malattia (acuta o cronica).

In appositi laboratori, il patogeno può essere rilevato anche direttamente nei campioni dei pazienti coltivandolo (coltura cellulare) o tracciando il suo materiale genetico (mediante la reazione a catena della polimerasi, PCR). Inoltre, i campioni di tessuto del paziente possono essere esaminati per l'agente patogeno della febbre Q al microscopio elettronico o con l'aiuto di speciali metodi di colorazione.

Febbre Q: trattamento

La febbre Q acuta viene solitamente trattata con l'antibiotico doxiciclina. Di solito deve essere preso per due o tre settimane. I valori del fegato nel sangue saranno monitorati durante il trattamento.

In alcuni casi, il medico curante può prescrivere in aggiunta o in alternativa altri antibiotici o altri farmaci nonché una durata più lunga della terapia, ad esempio in caso di infezione cronica. Ci sono anche caratteristiche speciali per le donne in gravidanza: invece della doxiciclina, dovresti prendere l'antibiotico trimetoprim meglio tollerato ogni giorno fino alla fine della gravidanza. Dopo il parto, le donne dovrebbero essere sottoposte a screening per l'infezione cronica da febbre Q.

Il trattamento per l'infiammazione del rivestimento interno del cuore (endocardite) dura in genere almeno 18 mesi, ma a volte richiede più tempo. I pazienti devono assumere doxiciclina e il principio attivo idrossiclorochina su base giornaliera. Quest'ultimo ha proprietà antinfiammatorie, tra le altre cose.

Spesso la terapia antibiotica è solo parzialmente efficace e le valvole cardiache danneggiate dovute all'infiammazione devono essere sostituite con protesi durante un'operazione.

Febbre Q: decorso della malattia e prognosi

La maggior parte delle infezioni da febbre Q guarisce da sola in una o due settimane. A volte le persone colpite soffrono ancora di esaurimento generale per settimane (sindrome da stanchezza cronica). In casi molto rari, il sistema immunitario non può combattere completamente l'agente patogeno, quindi l'infezione diventa cronica.

Febbre Q: prevenzione

Il rischio di sviluppare la febbre Q è aumentato nelle persone che lavorano con ovini, bovini, caprini o prodotti animali come carne, latte o lana. L'esperienza ha dimostrato che varie misure possono ridurre il rischio di infezione. Ciò include, ad esempio, l'uso e la regolare decontaminazione di indumenti protettivi, ad esempio nella lavorazione del latte e della carne, durante la macellazione e nelle attività veterinarie.

In alcuni paesi esiste anche una vaccinazione contro la febbre Q per il personale esposto professionalmente. Tuttavia, non è approvato in Germania. Un vaccino per bovini e caprini, invece, è approvato anche in questo Paese e viene utilizzato anche sulle capre.

Anche la pastorizzazione di alimenti potenzialmente contaminati (come il latte) può aiutare a prevenire la febbre Q. Eventuali agenti patogeni nella carne possono essere uccisi anche mediante riscaldamento.

Se una donna incinta partorisce con la febbre Q, il personale di assistenza deve attenersi a rigorose misure igieniche.

Tags.:  droghe desiderio insoddisfatto di avere figli gpp 

Articoli Interessanti

add