Disturbi sensoriali (sensazioni anomale)

I disturbi della sensibilità sono cambiamenti nella percezione degli stimoli sensoriali. Ad esempio, la temperatura, la pressione o la sensazione di dolore possono essere disturbate. La causa può essere innocua, ad esempio un nervo schiacciato può innescare un disturbo sensoriale. Tuttavia, anche gravi danni ai tratti nervosi e malattie del cervello e del midollo spinale possono scatenare disturbi della sensibilità. Leggi qui come si presentano, quali forme ci sono e cosa puoi fare al riguardo!

Che cos'è un disturbo della sensibilità?

La pelle pizzica, brucia o si sente pelosa - in caso di disturbi sensoriali, la percezione degli stimoli sensoriali viene modificata. Soprattutto, in caso di disturbi sensoriali, la percezione degli stimoli (esterni) attraverso la pelle è compromessa.

Al contrario, la sensibilità profonda è meno influenzata dai disturbi sensoriali. Con questo si intende la percezione del proprio corpo, ad esempio la posizione delle articolazioni, il movimento dei muscoli e la posizione nello spazio.

Il disturbo della percezione degli stimoli sensibili può manifestarsi in un'area limitata del corpo, ad esempio come sensazione di formicolio localmente circoscritta sul viso. Ciò, ad esempio, parlerebbe a favore della rottura di un singolo nervo. Ma può anche verificarsi su una vasta area, ad esempio in una metà del corpo. Questo può essere un'indicazione di danno o menomazione al sistema nervoso centrale, cioè il cervello o il midollo spinale.

I disturbi sensoriali possono influenzare diverse aree della percezione. Può essere compromesso:

  • la sensazione di temperatura (freddo/caldo)
  • la sensazione di pressione, tatto e tatto
  • la sensazione di vibrazione
  • la percezione del dolore
  • la percezione del corpo nello spazio (senso della posizione, sensazione di movimento)
  • la sensazione di forza

La percezione degli stimoli sensibili può essere disturbata o modificata in vari modi. Ciò comprende:

  • disturbo quantitativo: uno stimolo è percepito più forte o più debole di quello che è
  • Disturbo emotivo qualitativo: lo stimolo è percepito in modo diverso dal solito
  • Disturbo sensoriale dissociato: non c'è percezione del dolore e della temperatura, ma le sensazioni tattili, di pressione e tattili sono intatte
  • disturbo sensoriale dissociativo: nessuna causa fisica, possibile come conseguenza di un trauma o di un disturbo psicogeno

La percezione degli stimoli sensibili può essere completamente assente (anestesia), ridotta (ipoestesia) o notevolmente aumentata (iperalgesia) in caso di disturbo sensoriale.

Percezione tattile - i recettori della pelle La percezione tattile (sensibilità superficiale) è un termine completo per tutto ciò che percepiamo attraverso i recettori nella pelle. Leggi di più a riguardo! Scopri di più

Disturbi della sensibilità dissociata

La dissociazione sensoriale è una forma speciale di disturbi della sensibilità. Il disturbo sensoriale dissociato descrive la condizione in cui né il dolore né la temperatura vengono riconosciuti in una parte del corpo, ma si sente ancora il tatto. Anche la percezione della pressione sulla pelle è ancora intatta.

Questa forma speciale deriva da un danno a solo una certa parte delle fibre nervose sensibili nel midollo spinale o nel tronco cerebrale, che può essere causato, ad esempio, da alcuni tumori.

Disturbo sensoriale dissociativo

Il disturbo sensoriale dissociativo non ha causa fisica. I medici a volte parlano anche di un disagio psicogeno. I nervi sono intatti e funziona anche la trasmissione degli stimoli al sistema nervoso centrale. Tuttavia, le persone colpite soffrono di sensazioni anormali.

Di solito si verifica come effetto collaterale di un disturbo complesso. Possibili fattori scatenanti per questo sono il disturbo da stress post-traumatico o un disturbo borderline di personalità.

Disturbo dissociativo Le persone con disturbo dissociativo reagiscono alle esperienze insopportabili con la scissione dei ricordi o di intere parti della loro personalità. Per saperne di più! Scopri di più

Disturbo somatoforme Disturbo somatoforme è il termine usato per descrivere il ripetersi di vari disturbi fisici per i quali non è possibile trovare una causa chiara. Puoi saperne di più qui. Scopri di più

Come si manifestano i disturbi sensoriali?

Se un nervo è danneggiato o se la trasmissione degli stimoli al sistema nervoso centrale non funziona correttamente, possono verificarsi una serie di sintomi tipici.

Le sensazioni possono essere influenzate in diversi modi:

  • Intorpidimento nella zona interessata del corpo (ipoestesia)
  • Ipersensibilità agli stimoli tattili (iperestesia)
  • Sensazioni spiacevoli che non sono innescate da uno stimolo (parestesie)
  • Sensazione spiacevole di uno stimolo normale (disestesia)

Le persone spesso descrivono questi sintomi del disturbo della sensibilità in questo modo:

  • Sensazione di formicolio (alle gambe, alle mani, al viso, ecc.)
  • formica che corre
  • prurito
  • Bruciare
  • sensazione pelosa
  • reazione eccessiva al caldo o al freddo
  • dolore indefinibile

Sensazioni parassitarie come formicolio alle mani o al viso sono comuni. Un restringimento nell'area dei nervi o il pizzicamento (temporaneo) di un nervo può essere responsabile di ciò. Il formicolio di solito scompare da solo dopo un po'.

Tuttavia, se c'è un grave danno al nervo o al sistema nervoso centrale, i sintomi possono persistere.

Formicolio Il formicolio è una sensazione soggettiva per lo più sgradevole e fastidiosa che può avere una serie di ragioni. Leggi di più sulle cause e sul trattamento del formicolio qui. Scopri di più

Il dolore nervoso è un forte dolore che è spesso associato a fallimenti neurologici. Leggi qui come si presentano e cosa si può fare al riguardo! Scopri di più

Quali sono le cause dei disturbi della sensibilità?

Ci sono molte diverse cause di disturbi della sensibilità.I medici distinguono tra disturbi della sensibilità periferici e centrali.

Disturbi della sensibilità periferica

Con un disturbo sensoriale periferico, un nervo viene danneggiato nel suo corso. Questo accade, ad esempio, se è intrappolato o schiacciato.

Le ustioni o la polineuropatia, ad esempio causate da un flusso sanguigno ridotto in modo permanente, possono danneggiare i nervi a tal punto da non percepire più stimoli o inviare informazioni errate al cervello.

Il fallimento del danno ai nervi periferici è limitato all'area che il nervo copre. La sensibilità solo in quest'area è quindi limitata o completamente assente, a seconda del danno. Tutte le sensazioni (temperatura, pressione, dolore, ecc.) possono verificarsi contemporaneamente.

Le seguenti malattie e lesioni possono portare a un disturbo sensoriale periferico:

  • Intrappolamento di un nervo (come un braccio di topo, gomito del tennista, sindrome del tunnel carpale)
  • Danni a un nervo da infezioni virali (ad es. fuoco di Sant'Antonio)
  • infezioni batteriche (borreliosi, meningite)
  • Brucia sulla pelle
  • Lesioni, ad esempio a seguito di un incidente, che coinvolgono i nervi
  • Disturbi muscoloscheletrici con danni ai nervi (ad es. ernia del disco)
  • Polineuropatia (ad es. nei diabetici)
  • Disturbi circolatori
  • Anemia
  • Malnutrizione e carenza vitaminica
  • Effetti collaterali dei farmaci

Un'ernia del disco può causare dolore, formicolio alle gambe o alle braccia e persino paralisi. Leggi di più sul prolasso del disco! Scopri di più

Nella sindrome del tunnel carpale, un nervo viene pizzicato nel polso. Ciò provoca intorpidimento e disagio. Se non trattata, può verificarsi una paralisi permanente. Ecco cosa puoi fare. Scopri di più

Il braccio del mouse si riferisce a disturbi nella regione della mano, del braccio, della spalla e del collo causati dal sovraccarico cronico del braccio. Leggi tutto ciò che devi sapere sul braccio del mouse qui. Scopri di più

Ustioni Un'ustione può danneggiare la pelle per gli effetti del calore. Il trattamento dipende dalla gravità. Leggi tutto ciò che è importante qui! Scopri di più

Disturbi della sensibilità centrale

Un disturbo sensoriale centrale è causato da un danno al cervello o al midollo spinale. La trasmissione dello stimolo, la cosiddetta afferenza, dalle cellule nervose del midollo spinale, del tronco cerebrale o del talamo non funziona correttamente. Il nervo percepisce lo stimolo. Ma l'informazione non raggiunge la parte del cervello che elabora lo stimolo a causa della trasmissione disturbata.

Le seguenti malattie possono portare a disturbi sensoriali centrali:

  • Compressione del midollo spinale, ad esempio in caso di ernia del disco
  • Danno o rottura (parziale) del midollo spinale
  • ictus
  • Tumore o ascesso nel cervello o nel midollo spinale
  • malattie neurologiche (es. sclerosi multipla, morbo di Parkinson)

Ictus Un ictus può causare gravi danni al cervello. Leggi qui come riconoscerlo, cosa fare in caso di emergenza e come trattarlo. Scopri di più

Il motto qui è non muoverti, ma solo se il paziente non è incosciente. Maggiori informazioni sul primo soccorso per le lesioni spinali! Scopri di più

Malattie neurologiche Le malattie neurologiche colpiscono il cervello e il sistema nervoso. Quali malattie sono incluse? Come li riconosci? Per saperne di più! Scopri di più

Localizzazione del disagio

La posizione in cui si verifica il disturbo sensoriale può fornire un'indicazione della causa sottostante:

  • Disturbi della sensibilità unilaterale: la causa è solitamente un danno al cervello o al midollo spinale
  • Disturbi sensoriali su entrambi i lati (simmetrici): la causa è solitamente un danno al midollo spinale o tumori; spesso è un disturbo sensoriale dissociato
  • Disturbi della sensibilità localizzati (unilaterali, asimmetrici): danno e lesione ai singoli nervi

I disturbi sensoriali sono pericolosi?

A seconda della causa e della gravità del disturbo della sensibilità, sono possibili varie complicazioni fisiche e psicologiche. Sensazioni anormali permanenti o irritazioni dolorose causate dal disturbo sensoriale sono spesso molto stressanti. Quando il tatto fa male, le persone colpite spesso si ritirano ed evitano il contatto fisico. Questo può avere un impatto negativo sulla salute mentale.

Se la sensibilità è in gran parte o completamente persa, c'è anche il rischio che lesioni o altre malattie non vengano percepite perché l'interessato non le percepisce. I riflessi protettivi poi spesso mancano. Le lesioni non rilevate possono infettarsi e infiammarsi, rendendole un grave rischio per la salute.

Il rischio di lesioni aumenta con un disturbo sensoriale permanente. Perché se non senti calore sulla pelle, ad esempio, non ti accorgerai di come le dita ti brucino sulla pentola. Pertanto, le persone colpite devono prestare particolare attenzione e tenere d'occhio i possibili pericoli. Per inciso, questo vale anche per l'uso di rimedi casalinghi comuni come una borsa dell'acqua calda o un impacco di ghiaccio.

Negligenza Nell'incuria, le persone colpite non percepiscono più correttamente un lato del loro corpo e l'ambiente circostante, ma non se ne accorgono loro stessi. Per saperne di più! Scopri di più

Polineuropatia: Nella polineuropatia, i nervi periferici sono danneggiati, ad esempio nei piedi e nelle mani. La causa è solitamente il diabete o l'alcol. Leggi di più sulla polineuropatia! Scopri di più

Diagnosi dei disturbi sensoriali

Se sospetti di avere disturbi sensoriali, consulta prima il tuo medico di famiglia. Può giudicare se la causa è innocua. Se necessario, ti indirizzerà a un neurologo.

Interrogare il paziente (anamnesi)

All'inizio della diagnosi c'è una discussione medico-paziente (anamnesi). Il medico raccoglie informazioni importanti sulla causa, la gravità e la posizione del disturbo sensoriale.

Ad esempio, il medico chiede:

  • Quando hai notato per la prima volta i reclami?
  • In quale situazione?
  • Hai avuto un incidente o sei rimasto ferito prima che iniziassero i sintomi?
  • Dove senti il ​​disagio?
  • Come descriveresti le sensazioni?
  • Ci sono altri disturbi (come paralisi, disturbi del linguaggio)?
  • Soffri di altre condizioni mediche come il diabete?
  • Prendi qualche medicinale?

Esame fisico

Dopo l'anamnesi, segue l'esame obiettivo. Il neurologo utilizza vari test per verificare la sensibilità del paziente. L'esame neurologico include il controllo del dolore e della percezione della temperatura, nonché la pressione e la sensibilità al tocco.

Il medico solletica il paziente con un batuffolo di cotone o cellulosa e controlla se la persona interessata percepisce lo stimolo esterno. Colpisce il paziente con un oggetto appuntito e lo usa per controllare la sua sensibilità al dolore.

Un metodo per diagnosticare i disturbi della sensibilità è il cosiddetto test del monofilamento. Il medico preme un filo di plastica speciale e relativamente rigido sulla pelle. Con una pressione definita, il filo si attorciglia: il paziente dovrebbe sentire una puntura sulla pelle. Se la sensibilità al dolore è ridotta, la persona interessata non sente il filo deformarsi.

In alcuni casi, ha senso un'analisi del sangue in laboratorio. Può essere necessaria anche una valutazione ortopedica, ad esempio in caso di ernia del disco, o un test allergologico per diagnosticare disturbi della sensibilità.

Esame neurologico: ecco come funziona Con l'aiuto di un esame neurologico, il medico controlla la funzione e le prestazioni del cervello e del sistema nervoso. Leggi tutto! Scopri di più

Imaging e procedure diagnostiche di laboratorio

Se si sospetta un danno ai nervi o un danno al cervello o al midollo spinale, il neurologo utilizzerà i test di imaging. In questo modo è spesso visibile un possibile danno al sistema nervoso periferico e centrale.

A seconda della diagnosi sospetta, vengono utilizzati:

  • Tomografia computerizzata
  • Risonanza magnetica (risonanza magnetica)
  • Esame dell'acqua cerebrale (puntura di liquore)
  • raggi X
  • angiografia

Angiografia: in angiografia, i vasi vengono visualizzati con l'aiuto di procedure diagnostiche come i raggi X, la risonanza magnetica o la tomografia computerizzata. Leggi tutto! Scopri di più

Una puntura lombare è il processo di prelievo di un campione di acqua nervosa dal canale spinale. Leggi tutto! Scopri di più

Quando è necessario consultare un medico con disturbi della sensibilità?

Le sensazioni parassitarie inizialmente non sono motivo di panico. Se un nervo viene pizzicato, questo può portare brevemente a una spiacevole sensazione di formicolio o qualcosa di simile. Tuttavia, se il disturbo della sensibilità persiste per un periodo di tempo più lungo o se le restrizioni sono particolarmente gravi, dovresti parlare con un medico.

Avvertimento:
Se si notano improvvisamente gravi disturbi sensoriali e sintomi di paralisi, disturbi della coscienza o forti mal di testa si verificano contemporaneamente, chiamare un medico di emergenza. Un ictus può essere la causa del disagio.

Come si verifica un ictus? Qui puoi vedere come riconoscere un ictus e cosa succede nel cervello durante questo. Qui puoi vedere come riconoscere un ictus e cosa succede nel cervello durante questo.

Ecco come si curano i disturbi sensoriali

L'aspetto della terapia per un disturbo sensoriale varia notevolmente. Il trattamento dipende sempre dalla causa.

Se il nervo colpito viene pizzicato, come nella sindrome del tunnel carpale, i sintomi spesso scompaiono da soli dopo un po'. In caso contrario, la terapia fisica può aiutare a liberare nuovamente il nervo. Il medico prescrive anche la fisioterapia se i nervi sono compromessi da un'ernia del disco.

Tuttavia, se una malattia è responsabile del disturbo sensoriale, deve essere trattata. Ci sono farmaci che possono aiutare a ridurre il disturbo sensoriale. Questi fondi vengono dati a pazienti con sclerosi multipla o Parkinson, per esempio.

In alcuni casi, è necessario un intervento chirurgico per correggere il disturbo sensoriale. Un esempio è un ascesso o un tumore nel cervello o nel midollo spinale. Se viene rimosso chirurgicamente, la pressione sul tessuto circostante e, di conseguenza, sui nervi si riduce. Sei sollevato e i disturbi sensoriali scompaiono.

In alcuni casi, il disagio si verifica dopo l'assunzione di determinati farmaci. In questo caso, parla con il tuo medico. Lui o lei potrebbe essere in grado di prescriverti una preparazione diversa o aggiustare la dose.

Avvertimento:
Non interrompere mai l'assunzione di un farmaco senza consultare il medico. Inoltre, non dovresti mai aggiustare la dose da solo.

Fisioterapia La fisioterapia (fisioterapia) viene utilizzata per trattare e prevenire disturbi, lesioni e malattie. Leggi di più a riguardo! Scopri di più Tags.:  dieta piante velenose di fungo velenoso anatomia 

Articoli Interessanti

add