Infarto: assoluzione per uovo a colazione

Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Livelli elevati di colesterolo vanno di pari passo con un aumento del rischio di infarto. Ecco perché sono tenuti sotto controllo con i farmaci. Una dieta a basso contenuto di colesterolo, invece, non sembra ridurre il rischio per il cuore. Questo vale anche per le persone geneticamente predestinate a un metabolismo del colesterolo problematico.

Certo, le uova sono bombe al colesterolo. Secondo la German Nutrition Society, un singolo di taglia M contiene 240 milligrammi - questo contenuto è superato solo da alcune interiora. Il carico di colesterolo alto ha guadagnato loro la reputazione di essere dannosi per il cuore. Perché, infatti, l'aumento dei livelli di colesterolo va di pari passo con un maggior rischio di arteriosclerosi e quindi di infarto.

Produzione interna di colesterolo

Tuttavia, la maggior parte del colesterolo che si diffonde nel flusso sanguigno è fatto in casa, cioè proviene dalla produzione propria dell'organismo. Perché a prescindere dalla sua cattiva reputazione, il colesterolo è vitale: è un importante materiale da costruzione di tutte le pareti cellulari e un componente di molti ormoni. La quantità di colesterolo consumata è trascurabile rispetto a quella prodotta dal fegato. Con un metabolismo lipidico sano, viene comunque facilmente rimosso dal sangue dalle cellule.

Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha ora confermato che un consumo relativamente elevato di colesterolo non è associato a un rischio più elevato di infarto. Secondo lei, un uovo al giorno non fa male al cuore. E questo vale anche per le persone che hanno una certa variante genetica che ha un effetto negativo sul metabolismo del colesterolo. Il tuo nome: apoE4.

Nei portatori di questa variante genetica, il colesterolo ingerito attraverso il cibo ha un effetto maggiore sul livello di colesterolo rispetto ad altri. Questo è il motivo per cui vengono anche chiamati "assorbitori elevati". Questa variante è molto comune in Finlandia. Ora uno studio a lungo termine ha persino dato il via libera a questo gruppo sensibile al colesterolo per quanto riguarda il consumo di uova.

Un uovo al giorno non è un problema

Anche un'assunzione di colesterolo di 520 milligrammi, compreso un uovo al giorno, non ha aumentato il rischio di infarto nello studio. Ciò valeva anche per i portatori della variante genica critica apoE4. È appropriato che le pareti delle arterie carotidi nei partecipanti a una dieta ricca di colesterolo non fossero più ispessite rispetto a coloro che avevano consumato il colesterolo basso. Tali arterie carotidi ispessite si sviluppano quando i vasi sanguigni si calcificano, cioè quando si sviluppa l'arteriosclerosi, la principale causa di ictus e infarti.

Per lo studio, gli scienziati che lavorano con Jyrki Virtanen hanno valutato i dati di oltre 1000 uomini finlandesi per un periodo medio di 21 anni. All'inizio dello studio avevano tra i 21 ei 60 anni, un terzo di loro era portatore del gene apoE4. 230 di loro hanno subito un attacco di cuore durante il periodo di studio.

I veri colpevoli: grassi saturi

Tuttavia, lo studio non è una licenza per un banchetto sfrenato - perché anche se il colesterolo consumato comporta meno rischi di quanto si pensasse a lungo, alcuni grassi alimentari sono ancora considerati in modo critico: gli acidi grassi saturi. Hanno un'influenza molto più forte sulla quantità di colesterolo nel sangue rispetto al colesterolo assorbito. Ma come il colesterolo, si trovano anche nella carne, nella salsiccia e nel bacon ad alto contenuto di grassi. Quindi non dovresti mangiarne troppo. La carne magra e le uova, invece, contengono molto colesterolo, ma pochi acidi grassi saturi. Sono quindi meno preoccupanti per il cuore e i vasi sanguigni. (cfr)

Fonte: Jyrki K Virtanen et al.: Associazioni dell'assunzione di uova e colesterolo con spessore dell'intima-media carotidea e rischio di malattia coronarica incidente secondo il fenotipo dell'apolipoproteina E negli uomini: lo studio Kuopio Ischemic Heart Disease Risk Factor, 10 febbraio 2016, doi: 10.3945 /?ajcn.115.122317, Am J Clin Nutr, ajcn122317

Tags.:  luogo di lavoro sano rimedi casalinghi a base di erbe medicinali dieta 

Articoli Interessanti

add