Prodotti senza glutine: arsenico al posto del glutine

Larissa Melville ha completato il suo tirocinio nella redazione di . Dopo aver studiato biologia all'Università Ludwig Maximilians e all'Università tecnica di Monaco, ha prima conosciuto i media digitali online presso Focus e poi ha deciso di imparare il giornalismo medico da zero.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Le persone celiache non possono tollerare il glutine. Bisogna quindi fare a meno dei cereali che contengono la proteina adesiva per tutta la vita. Ma ora molte persone sane stanno optando anche per i prodotti senza glutine. Credono che questi siano più sani - potrebbe essere il contrario.

È stato a lungo sospettato che le persone che mangiano senza glutine siano più esposte all'arsenico e al mercurio di altre. Una possibile ragione di ciò è che i cereali contenenti glutine vengono sostituiti con farina di riso in molti prodotti senza glutine.

Il riso, invece, è particolarmente facile da assorbire arsenico e mercurio per il modo in cui viene coltivato in acqua e per la sua fisiologia. Questi metalli, che si trovano ovunque nell'acqua e nel suolo, sono tossici in grandi quantità e possono causare malattie cardiovascolari, cancro e disturbi neurologici.

Carico di arsenico raddoppiato

Maria Argos dell'Università dell'Illinois a Chicago e i suoi colleghi hanno ora esaminato campioni di sangue e urine di quasi 7.500 persone per i metalli tossici. Dei partecipanti allo studio, 73 hanno affermato di seguire una dieta priva di glutine. Il resto non ha fatto a meno di frumento, farro e Co.

Il risultato: i soggetti che seguivano una dieta priva di glutine avevano una concentrazione di arsenico nelle urine che era quasi il doppio di quelli che seguivano una dieta normale. E anche il livello di mercurio nel loro sangue era del 70 percento più alto.

"Questi risultati mostrano che una dieta priva di glutine potrebbe avere conseguenze indesiderate", afferma l'autore principale Argos. Ma prima che si possa finalmente dire qualcosa sul rischio per la salute, sono necessarie ulteriori indagini.

Limita il consumo di riso

Anche l'Istituto federale per la valutazione dei rischi (BfR) avverte di alti livelli di arsenico nel riso. Raccomanda quindi anche alle persone celiache di mangiare poco riso e di includere invece più mais, miglio, grano saraceno, amaranto o quinoa nella loro dieta. Ma non devi fare a meno del riso e dei prodotti a base di riso.

Il BfR ha un consiglio per la sua preparazione: il contenuto di arsenico può essere ridotto un po' lavando bene il riso, facendolo bollire in abbondante acqua come la pasta e versando l'acqua di cottura in eccesso.

Tendenza costosa

Anche in Germania molte persone sane usano prodotti senza glutine, anche se sono molto più costosi. Sebbene solo l'uno percento circa della popolazione soffra di celiachia, in un sondaggio del 2016 circa il cinque percento ha dichiarato di aver acquistato cibo senza glutine nella settimana precedente.

Non ci sono prove scientifiche che il glutine nel cibo faccia ingrassare o addirittura promuova la malattia.

Fonti:

Comunicato stampa dell'Università dell'Illinois a Chicago del 13 febbraio 2017: la dieta priva di glutine può aumentare il rischio di esposizione all'arsenico e al mercurio

Bulka C.M. et al.: Le conseguenze indesiderate di una dieta priva di glutine. Epidemiologia.doi: 10.1097 / EDE.00000000000000640

Istituto federale per la valutazione dei rischi, www.bfr.bund.de, accesso 15 febbraio 2016

Tags.:  desiderio insoddisfatto di avere figli valori di laboratorio fumare 

Articoli Interessanti

add