Colazione sana: le proteine ​​proteggono dal diabete

Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Monaco di BavieraLe donne che mangiano uova, latte e formaggio a colazione si proteggono dal diabete. Il motivo: gli alimenti contenenti proteine ​​al mattino tengono sotto controllo i livelli di glucosio e insulina, come hanno scoperto ora i ricercatori americani.

Per lo studio, un team dell'Università del Missouri-Columbia ha servito a 34 donne sane di età compresa tra 18 e 55 anni una colazione diversa per tre giorni ciascuna. Gli scienziati volevano scoprire in che modo una colazione ricca di proteine ​​influisce sul livello di zucchero dei soggetti del test.

Dolce contro abbondante

Per questo sono stati dati pasti che avevano tutti circa 290 chilocalorie e una quantità simile di fibre e grassi. Il contenuto proteico dei piatti, tuttavia, variava in modo significativo. Un giorno le donne mangiarono una frittella con solo tre grammi di proteine. Negli altri due giorni a colazione c'erano uova e salsicce, una con 30 grammi e una con 39 grammi di proteine. I livelli di glucosio nel sangue e di insulina dei partecipanti sono stati misurati prima e ogni 30 minuti dopo i pasti per un periodo di quattro ore.

Le uova strapazzate battono i pancake

Il risultato: dopo i due pasti ricchi di proteine, sia i livelli di glucosio che di insulina erano inferiori rispetto al piatto del pancake con solo tre grammi di proteine. "I valori più bassi sono stati raggiunti dopo aver mangiato il piatto di uova con 39 grammi di proteine", spiega il leader dello studio Kevin Maki.

Dopo il pasto con 30 grammi di proteine, i picchi di zucchero nel sangue erano in media del dieci percento inferiori rispetto al piatto di pancake a basso contenuto proteico. Nel caso del piatto con il più alto contenuto proteico, tuttavia, la differenza è stata ancora più pronunciata con il 14 percento. I valori di insulina hanno dato un quadro simile. Erano circa il 45% in meno con 30 grammi di proteine ​​e il 54% in meno con 39 grammi rispetto a dopo aver gustato il pancake.

Picchi elevati di insulina favoriscono il diabete

I livelli di insulina svolgono un ruolo importante nello sviluppo del diabete di tipo 2. Se si alza a causa del consumo di carboidrati, il pancreas è costretto a fornire grandi quantità di insulina. Allo stesso tempo, le cellule del corpo diventano meno sensibili all'insulina, il che significa che è necessaria ancora più insulina. A lungo termine, questo esaurisce le cellule del pancreas che producono insulina.

Non è necessario alcun cambiamento completo nella dieta

Come mostra lo studio, gli alimenti ricchi di proteine ​​per la colazione aiutano a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue e di insulina. "Una colazione con 39 grammi di proteine ​​sarebbe probabilmente un cambiamento completo nella dieta per la maggior parte", sospetta l'autore dello studio Heather Leidy. Anche in questo paese, la maggior parte delle persone inizia la giornata con molti carboidrati, con panini o muesli. Tuttavia, è facilmente possibile almeno aumentare il contenuto proteico della colazione. Ad esempio con uova, latte o prodotti lattiero-caseari.

Dieta proteica protettiva

Lo studio mostra che i pasti ricchi di proteine ​​possono aiutare le persone sane a tenere sotto controllo i livelli di zucchero. Ulteriori studi dovrebbero dimostrare se questo vale anche per le persone con pre-diabete, la fase preliminare del diabete. Quindi una colazione ricca di proteine ​​potrebbe aiutare a prevenire che diventi diabete manifesto.

Circa sei milioni di persone in Germania soffrono di diabete. Circa il 90% di loro ha il diabete di tipo 2. Oltre a una componente genetica, i fattori di rischio includono, soprattutto, cattiva alimentazione, obesità e mancanza di esercizio fisico. (jb)

Fonte: Maki K. et al. Effetti acuti di pasti pronti a colazione più ricchi di proteine, salsicce e uova nell'omeostasi del glucosio postprandiale in donne sane in premenopausa. Il Journal of the Federation of American Societies for Experimental Biology (FASEB Journal). 29/04/2014

Tags.:  prevenzione capelli cure odontoiatriche 

Articoli Interessanti

add