nascita

Nicole Wendler ha un dottorato di ricerca in biologia nel campo dell'oncologia e dell'immunologia. Come editore medico, autore e correttore di bozze, lavora per vari editori, per i quali presenta questioni mediche complesse ed estese in modo semplice, conciso e logico.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Ogni nascita è un evento emozionante, indipendentemente dal fatto che si tratti del primo figlio o meno: con l'avvicinarsi della data di scadenza calcolata, la maggior parte delle donne si innervosisce. Ottieni una panoramica dei preparativi e del processo della nascita: calcola la data di nascita, pianifica il luogo di nascita, ripercorri le fasi della nascita e poi inizia una nuova fase della vita!

Calcola la data di scadenza

La maggior parte delle donne che ottengono un test di gravidanza positivo desidera calcolare la data di scadenza esatta il più rapidamente possibile. L'ovulazione e il tuo ultimo periodo mestruale possono aiutare. Ma anche senza informazioni sul ciclo, i medici possono calcolare la data di scadenza prevista. I primi movimenti del bambino consentono di trarre conclusioni sull'età del bambino, ma sono molto imprecisi. La data di consegna può essere determinata in modo più preciso e molto prima in gravidanza con un esame ecografico.

Quando inizierà finalmente?

Anche con il calcolo più accurato: la data di scadenza secondo il piano e la consegna effettiva non coincidono nella maggior parte delle gravidanze. Solo il 4% circa delle donne incinte ha effettivamente il figlio alla data di scadenza calcolata.

Più si avvicina la data di consegna, maggiore è la gioiosa aspettativa, il disagio o la paura. Spesso i sintomi fisici sono aumentati così tanto verso la fine della gravidanza che alcune donne aspettano solo con impazienza l'inizio del primo vero travaglio. Non è sempre facile distinguere le contrazioni pre e pratica dalle contrazioni reali del lavoro. Solo quando le contrazioni si verificano regolarmente a intervalli di pochi minuti e per un lungo periodo di tempo, inizia effettivamente. Allora dovresti andare in clinica.

Dove partorire

Nei primi mesi di gravidanza, la maggior parte delle donne non pensa ancora a dove vuole mettere al mondo il proprio figlio. Le donne incinte dovrebbero pensare a questo punto il prima possibile: se non ci sono problemi medici e si prevede un parto naturale, sei libera di decidere dove vuoi partorire: ambulatoriale o stazionario in clinica, nel centro di ostetricia , a casa - es sono numerose possibilità. Scopri quale luogo ti si addice meglio in tempo prima della nascita del bambino.

La maggior parte delle donne preferisce partorire in clinica. Ora ci sono spesso sale parto ben progettate con un'atmosfera piacevole, con opportunità per il parto in acqua e la necessaria sicurezza medica sullo sfondo.

Se un parto ad alto rischio si manifesta durante il corso della gravidanza, dovrai andare in ospedale per il parto: offre cure mediche per il tuo bambino che potrebbero salvarti la vita in caso di emergenza.

Nascita: tre fasi fino alla nascita del bambino

Possono essere necessarie alcune ore dai primi dolori del parto al primo pianto del bambino prima che tu possa tenere il bambino tra le tue braccia. La fase di apertura di solito dura più a lungo: le neomamme dovrebbero aspettarsi fino a 12 ore; di solito è più veloce per le donne che hanno già partorito almeno una volta.

Nella seconda fase, la fase di espulsione, la cervice si apre completamente e si instaurano le contrazioni solitamente molto dolorose, che finalmente mettono al mondo il bambino.

Dopo il parto segue la fase della placenta: l'utero si contrae, la placenta si stacca dalla parete uterina e viene quindi escreta come placenta.

Nascita: il dolore ne fa parte

Le contrazioni muscolari regolari dell'utero causano dolori del travaglio, a seguito dei quali la cervice si apre e il bambino viene spinto sempre più avanti nel canale del parto. Molte donne hanno paura di questo dolore. Ma la paura è una cattiva ostetrica perché provoca crampi ai muscoli - il dolore si intensifica. Fidati del tuo corpo! Gli ormoni come le endorfine agiscono come antidolorifici del corpo e ti danno una forza inimmaginabile. Puoi ricaricare le batterie durante le pause del travaglio. Inoltre, il fatto che presto prenderai in braccio il tuo bambino ti sta facendo sopportare più di quanto tu possa immaginare.

Tuttavia, se diventa troppo doloroso, sono disponibili farmaci antidolorifici e anestesia epidurale (PDA) per ogni fase del parto. Nessuna donna dovrebbe vergognarsi di usarli! Non tutti percepiscono il dolore allo stesso modo e la posizione del bambino o l'anatomia del bacino possono rendere il dolore insopportabile. Può anche essere doloroso e scomodo quando il forte allungamento provoca una lesione perineale o è necessaria un'incisione perineale. Il medico cucirà quest'area in anestesia locale dopo il parto.

Parto ad alto rischio e complicanze

Non tutte le consegne vanno bene. A volte diventa evidente durante la gravidanza che un parto ad alto rischio è imminente. Questo è il caso, ad esempio, se la placenta è posizionata in modo errato (placenta previa) o se c'è una gravidanza multipla. Il bambino potrebbe anche essere troppo grande per il bacino della madre o potrebbe non trasformarsi correttamente nel bacino verso la fine della gravidanza (posizione podalica, posizione trasversale). Diventa problematico se il sacco amniotico scoppia prima della 37a settimana di gravidanza (rottura prematura della vescica) o se inizia il travaglio prematuro. Poi c'è il rischio di parto prematuro.

Anche durante un parto che all'inizio è normale, possono verificarsi problemi imprevisti. Possono richiedere una procedura ostetrica come l'uso di una ventosa o un taglio cesareo. Anche con la placenta, possono comunque verificarsi complicazioni, come una placenta non completamente espulsa e il conseguente forte sanguinamento.

Inizia un nuovo periodo di vita

Dopo il parto, di solito predominano i sentimenti di felicità. Lo sforzo e il dolore vengono presto dimenticati. Ma concedetevi un po' di riposo e relax per il momento. Dopo le difficoltà del parto, segue il puerperio, in cui dai al tuo corpo il tempo di regredire e abituarsi alla vita con un bambino.

Tags.:  medicina di viaggio Salute dell'uomo bambino piccolo 

Articoli Interessanti

add