Paura del salvagente

Christiane Fux ha studiato giornalismo e psicologia ad Amburgo. L'esperto redattore medico scrive articoli di riviste, notizie e testi fattuali su tutti i possibili argomenti di salute dal 2001. Oltre al suo lavoro per, Christiane Fux è anche attiva nella prosa. Il suo primo romanzo poliziesco è stato pubblicato nel 2012 e scrive, progetta e pubblica anche le sue commedie poliziesche.

Altri post di Christiane Fux Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Il farmaco antitumorale tamoxifene può salvare vite umane: in molte malate di cancro al seno, può impedire la ricomparsa del tumore. Anche così, una donna su cinque interrompe prematuramente le pillole bianche. Spesso per paura di effetti collaterali.

Il tamoxifene è uno dei cosiddetti anti-ormoni. Questi sono usati per le forme di cancro al seno o alle ovaie sensibili agli ormoni, ma anche per il cancro alla prostata, la cui crescita è realmente stimolata solo dagli ormoni sessuali. Ma la terapia ha il suo prezzo: i pazienti che prendono il tamoxifene, ad esempio, hanno effetti collaterali come dolori articolari o sintomi della menopausa come vampate di calore, perdita di capelli e aumento di peso.

Il foglietto illustrativo non fa mistero delle possibili lamentele. E la paura degli effetti collaterali viene anche alimentata nei forum di discussione su Internet. Quindi non sorprende che molti pazienti temono la terapia antiormonale a lungo termine.

Profezia che si autoavvera

Ma coloro che iniziano la terapia con la paura dei suoi effetti collaterali spesso la trovano più stressante. Questo è ciò che i ricercatori di Amburgo hanno scoperto quando hanno interrogato 111 pazienti con cancro al seno. "Le donne che si aspettavano più effetti collaterali prima di iniziare la terapia con tamoxifene hanno effettivamente osservato più di questi effetti collaterali", riferisce la prof.ssa Yvonne Nestoriuc dell'Università di Amburgo in un'intervista con

Un classico caso di profezia che si autoavvera. Con conseguenze a volte fatali. Perché, al 23 percento, quasi uno su quattro di questi pazienti ha interrotto il trattamento prematuramente. "Questo riduce anche le probabilità di sopravvivenza", avverte lo psico-oncologo. D'altra parte, se l'aspettativa di spiacevoli effetti collaterali all'inizio del trattamento era bassa, solo il 13% delle donne ha interrotto prematuramente la terapia.

Potente freno tumorale

Il tamoxifene è una cosiddetta terapia anti-ormonale. Il principio attivo viene assunto dalle donne che hanno tumori ormone-sensibili: sulla superficie delle sue cellule si trovano dei recettori a cui può attraccare l'ormone sessuale femminile estrogeno. Quando ciò accade, le cellule si dividono più spesso e il tumore cresce. Ciò include quelle cellule tumorali che sono sopravvissute alla chemioterapia e possono diventare il nucleo di un nuovo tumore. Nel seno o - come una cosiddetta metastasi - in un altro organo.

Il tamoxifene interrompe questa catena di reazioni bloccando i recettori degli estrogeni. Con tali agenti, la probabilità che il cancro ritorni può essere quasi dimezzata. "La terapia anti-ormonale è la cosa più efficace che abbiamo a disposizione!", sottolinea Nestoriuc. A questo proposito, la notizia che hai un cosiddetto tumore sensibile agli ormoni può anche essere la migliore delle cattive notizie: nel caso di tumori non sensibili agli ormoni, le recidive e le metastasi non possono essere prevenute con la stessa efficacia. "Affinché la terapia abbia successo, tuttavia, è importante che i pazienti prendano coscienziosamente il farmaco per cinque anni", afferma Nestoriuc.

Ciò che si blocca è la preoccupazione per gli effetti collaterali

Le donne che dovrebbero ingoiare compresse per altri cinque anni dopo l'estenuante maratona di trattamenti di chirurgia e forse chemioterapia e radiazioni, spesso non apprezzano correttamente l'enorme importanza di tale trattamento di follow-up. In particolare, perché le informazioni sulla terapia anti-ormonale di solito vengono fornite molto presto. Vale a dire quando una prima biopsia del tessuto tumorale mostra che si tratta di un tumore sensibile agli ormoni.

Poi sono in primo piano cose e paure completamente diverse, Nestoriuc lo sa. Inoltre: “I medici sono obbligati per legge a informare sui possibili effetti collaterali di una terapia. E questi sono quelli che rimangono bloccati con le donne ", afferma Nestoriuc. L'efficacia della terapia e il motivo per cui è raccomandata con tanta urgenza viene spesso lasciata indietro.

Valigetta degli attrezzi contro la paura

Per questo lo psico-oncologo chiede alle donne cosa fa più paura della terapia anti-ormonale. E questo è molto diverso: coloro che hanno lottato con il proprio peso per tutta la vita hanno forse più paura di ingrassare. Altri sono indifferenti a qualche chilo in più, ma il dolore articolare è inaccettabile per loro perché devono rimanere mobili.

“Poi immaginiamo insieme ai pazienti cosa succederebbe se queste lamentele si presentassero davvero. In questo modo possiamo mostrarti quali opzioni sono quindi disponibili: medicinali e psicologiche ", spiega Nestoriuc.

In poche sessioni terapeutiche, le donne preparano un "kit di strumenti mentali" per affrontare gli effetti collaterali. E finalmente sentiti ben preparato per l'importantissimo trattamento di follow-up. “Allora non sai solo: una donna su quattro che prende il tamoxifene ha le vampate di calore. Quindi sanno anche esattamente cosa possono fare quando si tratta di loro ", afferma lo psico-oncologo.

Un atteggiamento positivo protegge

Inoltre, gli psicooncologi impartiscono tecniche di terapia del dolore che aiutano a distrarsi dai sintomi o ad adottare un atteggiamento diverso, più positivo nei loro confronti - e quindi a sopportare meglio la terapia.

Aiuta anche a ottenere le informazioni giuste. I forum di discussione, che contengono naturalmente più storie dell'orrore che esperienze positive, non sono necessariamente la fonte migliore: "Faresti meglio a chiedere al tuo oncologo cosa fanno esattamente i farmaci e perché la terapia è così utile", afferma Nestoriuc. Lo scienziato è convinto che un'informazione positiva possa ridurre gli effetti collaterali e quindi il rischio di interruzione. Attualmente sta lavorando anche per dimostrarlo: sta già lavorando al prossimo studio.

Tags.:  Ospedale rimedi casalinghi alcol 

Articoli Interessanti

add