Fungo vaginale

e Martina Feichter, redattrice medica e biologa e Florian Tiefenböck, medico Aggiornato il

Sophie Matzik è una scrittrice freelance per il team medico di

Maggiori informazioni sugli esperti di

Martina Feichter ha studiato biologia con una materia elettiva farmacia a Innsbruck e si è anche immersa nel mondo delle piante medicinali. Da lì non era lontano da altri argomenti medici che la affascinano ancora oggi. Si è formata come giornalista presso l'Axel Springer Academy di Amburgo e lavora per dal 2007 - prima come redattrice e dal 2012 come scrittrice freelance.

Maggiori informazioni sugli esperti di

Florian Tiefenböck ha studiato medicina umana alla LMU di Monaco. È entrato a far parte di come studente nel marzo 2014 e da allora ha supportato il team editoriale con articoli medici.Dopo aver ricevuto la sua licenza medica e il lavoro pratico in medicina interna presso l'Ospedale universitario di Augusta, è membro permanente del team da dicembre 2019 e, tra le altre cose, garantisce la qualità medica degli strumenti

Altri messaggi di Florian Tiefenböck Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Nel caso del fungo vaginale (micosi vaginale, colpite da mughetto), i funghi, solitamente il lievito, attaccano la vagina. Sono la seconda causa più comune di infezioni vaginali.I sintomi tipici sono prurito e bruciore vaginale e perdite friabili. L'infezione fungina vaginale viene solitamente trattata con farmaci specificamente efficaci contro i funghi (antimicotici). Leggi tutto ciò che devi sapere sulle cause e sui sintomi del mughetto vaginale, sulla diagnosi, sul trattamento e sulla prognosi!

Codici ICD per questa malattia: i codici ICD sono codici riconosciuti a livello internazionale per le diagnosi mediche. Si trovano, ad esempio, nelle lettere dei medici o nei certificati di inabilità al lavoro. B37

Breve panoramica

  • Cos'è il mughetto vaginale? Infezione della vagina con funghi (soprattutto lieviti, soprattutto Candida albicans), spesso è colpita anche la zona pubica, la vulva (micosi vulvovaginale). Si stima che tre donne su quattro soffrano di mughetto vaginale almeno una volta nella vita. L'infezione è possibile a qualsiasi età.
  • Sintomi frequenti: prurito, sensazione di bruciore nella vagina e nell'area pubica, arrossamento, secrezione aumentata, biancastra e friabile, possibile dolore durante i rapporti sessuali; con ulteriore coinvolgimento dell'uretra, dolore durante la minzione.
  • Trattamento: agenti antimicotici (antimicotici), per lo più applicati esternamente (creme, supposte vaginali, ecc.), soprattutto nei casi più gravi internamente (compresse). Anche gli antisettici possono aiutare.
  • Mughetto vaginale nelle donne in gravidanza: esiste un aumento del rischio di parto prematuro. Durante il parto vaginale, i funghi possono passare al neonato.
  • Prognosi: il mughetto vaginale è solitamente innocuo, ma molto fastidioso e talvolta persistente. Se il sistema immunitario è gravemente indebolito, il fungo può diffondersi nel corpo e attaccare gli organi interni.

Fungo vaginale: sintomi

I sintomi più importanti del mughetto vaginale sono un forte prurito e una sensazione di bruciore nella zona della vagina e solitamente anche nella zona pubica (vulva). Il prurito è solitamente il primo segno di mughetto vaginale. Spesso si verifica molto prima che compaiano altri sintomi. I sintomi di solito peggiorano prima delle mestruazioni.

Lo scarico aumentato, friabile e biancastro è un altro segno di mughetto vaginale. Come le perdite vaginali sane, è inodore. I possibili sintomi del mughetto vaginale sono il dolore durante i rapporti sessuali (dispareunia). Se la micosi vaginale si è diffusa all'uretra, spesso si aggiunge dolore durante la minzione (disuria).

Importante: i reclami come prurito, bruciore e arrossamento nella vagina non devono sempre essere un segno di mughetto vaginale. Anche altri agenti patogeni possono causare sintomi come questo. Questi includono soprattutto i batteri (compresa la vaginosi batterica con una secrezione simile a un pesce e maleodorante), ma anche parassiti come i trichomonadi. Solo circa il 35-40% delle donne con prurito vaginale ha effettivamente il mughetto vaginale.

Solo una visita medica può chiarire quali o quali agenti patogeni stanno causando i sintomi. Pertanto, consultare un medico, soprattutto se i problemi persistono, peggiorano, si ripresentano o si verificano circostanze particolari come la gravidanza.

Che aspetto ha il mughetto vaginale?

La vagina e l'area pubica possono essere gonfie di mughetto vaginale. Spesso (ma non sempre) sono presenti anche depositi grigio-biancastri sulla mucosa all'ingresso vaginale e nella vagina. Questi depositi possono essere rimossi. Sotto è visibile una mucosa infiammata e arrossata.

L'infezione fungina genitale di una donna può anche causare la formazione di piccoli noduli sulla superficie della pelle nell'area genitale.

Succede con il mughetto vaginale

Se la flora vaginale è squilibrata, i funghi possono diffondersi nella vagina.

Fungo vaginale: trattamento

Le infezioni fungine possono essere trattate con farmaci specificamente efficaci contro i funghi, i cosiddetti antimicotici. Le attuali linee guida mediche raccomandano anche tali agenti antifungini per il trattamento del mughetto vaginale. Anche gli antisettici possono aiutare.

Gli ingredienti attivi contro il mughetto vaginale sono disponibili in diverse forme di dosaggio. La terapia avviene sia localmente nella zona interessata (ad es. utilizzando creme o supposte) sia utilizzando compresse deglutibili (trattamento sistemico).

È meglio parlare con il medico prima di curare da soli un sospetto mughetto vaginale. La maggior parte dei sintomi è causata da altre cause.

In uno studio, ad esempio, solo una donna su tre che ha acquistato farmaci antimicotici per l'autotrattamento aveva effettivamente il mughetto vaginale. A parte questo, terapie sbagliate e/o non necessarie comportano il rischio che i germi diventino più resistenti (sviluppano resistenze). Ciò può rendere i trattamenti necessari più difficili in futuro.

Trattamento del fungo vaginale con farmaci antimicotici

Se il mughetto vaginale appare per la prima volta, di solito aiutano gli antimicotici, che vengono applicati al sito di infezione (trattamento locale). Di solito contengono principi attivi del gruppo degli imidazoli (ad es. clotrimazolo, econazolo, miconazolo), polieni (compresa la nistatina) o ciclopiroxolamina. Alcuni preparati sono disponibili in farmacia senza prescrizione medica.

Vengono spesso offerte confezioni combinate, costituite da una crema antimicotica da utilizzare nell'area pubica esterna e supposte vaginali o compresse vaginali che vengono inserite nella vagina. Ma ci sono anche prodotti che contengono solo una crema antimicotica e un applicatore che può essere utilizzato per inserire la crema nella vagina. La durata del trattamento dipende dalla rispettiva preparazione.

Se i tuoi sintomi non sono migliorati dopo i primi giorni, consulta (di nuovo) un medico. Potrebbe non essere (solo) un'infezione fungina.

Se il trattamento topico per il mughetto vaginale non aiuta, o se l'infezione continua a ripresentarsi o si riaccende ripetutamente, di solito è necessario l'uso interno di antimicotici in compresse (trattamento sistemico). Questi farmaci contengono triazoli (come il fluconazolo) e sono prescritti dal medico.

Il medico può anche prescrivere compresse antimicotiche per il primo fungo vaginale, se questo è particolarmente pronunciato e/o le persone colpite lo desiderano. La terapia con compresse è solitamente efficace quanto il trattamento topico.

In caso di mughetto vaginale cronico ricorrente, può essere utile anche un trattamento antimicotico di più mesi (terapia soppressiva). Le persone colpite prendono le compresse secondo un programma prestabilito (ad esempio tre nella prima settimana, poi una volta alla settimana e infine sempre meno). Nel frattempo, il medico controllerà i sintomi e l'attacco fungino a intervalli regolari.

Trattamento dei funghi con antisettici

Il fungo vaginale può anche essere trattato con i cosiddetti antisettici. Si tratta di agenti che agiscono in modo relativamente rapido e non specifico contro vari germi (soprattutto batteri e funghi, e quindi potenzialmente con infezioni miste) - ma anche contro quelli che colonizzano naturalmente la mucosa vaginale (flora vaginale).

Gli agenti antisettici contro il mughetto vaginale sono usati localmente come unguento, soluzione o supposta. Gli antisettici provati e testati contengono cloruro di dequalinio, octenidina o iodio povidone. Sono anche considerati un'alternativa se i lieviti non sono più sensibili, cioè resistenti, a determinati agenti antimicotici.

Lo iodio povidone non deve essere usato nei disturbi della tiroide. In questo caso, lo iodio contenuto può causare complicazioni! Lo stesso vale per le donne in gravidanza.

Gravidanza: cosa fare contro il mughetto vaginale

Nel caso del mughetto vaginale durante la gravidanza, gli esperti raccomandano antimicotici applicati localmente dal gruppo dell'imidazolo, in particolare il clotrimazolo o il miconazolo. Sono considerati molto efficaci, ben tollerati e sicuri per il bambino durante la gravidanza.

Gli antisettici dequalinio cloruro e octenidina menzionati nelle linee guida mediche possono essere utilizzati (in misura limitata) anche nelle donne in gravidanza. Tuttavia, lo iodio povidone non è adatto perché lo iodio che contiene può disturbare la funzione tiroidea del nascituro.

Gli antimicotici orali (compresse) non devono essere assunti durante la gravidanza o solo se il medico lo ritiene assolutamente necessario. Possono causare malformazioni nel bambino se assunti nei primi mesi di gravidanza.

Perché il trattamento è così importante durante la gravidanza

I medici generalmente trattano il mughetto vaginale durante la gravidanza, anche se i funghi non causano (ancora) alcun sintomo, ma colonizzano solo la vagina. Le ragioni:

Da un lato, i lieviti possono favorire la nascita prematura. D'altra parte, è molto probabile che gli agenti patogeni passino al bambino durante il parto vaginale. Lì di solito attaccano la mucosa orale e l'area genitale ("dermatite da pannolino") nei primi mesi di vita.

Le infezioni da lieviti medicinali sono quindi particolarmente importanti nelle donne in gravidanza nelle ultime quattro-sei settimane prima della data di scadenza. È importante liberare per tempo il canale del parto da tutti i funghi.

Parla sempre con il tuo medico curante se sei incinta e sviluppi sintomi vaginali. Solo lui può determinare la causa esatta e discutere con te il trattamento appropriato.

Co-trattamento del partner

Il fungo vaginale è contagioso. Può essere trasmessa attraverso il contatto fisico diretto tra due persone, ma anche attraverso oggetti contaminati. Quindi, se hai un'infezione vaginale da lievito, il fungo potrebbe provenire dal tuo partner. Al contrario, questo può infettarti e sviluppare anche una malattia fungina (ad esempio il fungo del pene).

Tuttavia, non è assolutamente necessario trattare un partner sessuale privo di sintomi esclusivamente a causa di un mughetto vaginale. Gli studi finora non hanno mostrato alcun chiaro vantaggio se anche il partner viene trattato. Nemmeno se è colonizzato anche da un fungo, ma è privo di sintomi. I funghi di lievito sono - in piccole quantità - parte della sana flora cutanea dell'uomo.

Fino a che punto questa colonizzazione favorisca le ricadute del mughetto vaginale non è stato chiarito con certezza. In determinate situazioni di rischio, ad esempio con un sistema immunitario debole, possono essere utili i test per i funghi e una terapia appropriata nel partner sessuale.

Trattare il fungo del pene

Se il partner sessuale ha sviluppato un fungo del pene, deve essere trattato. Questa infezione fungina di solito diventa prima evidente attraverso l'arrossamento del prepuzio e del glande. Il tessuto si gonfia in pochi giorni. Si aggiungono prurito, bruciore e dolore.

In caso di tali lamentele o in caso di dubbio, ha senso che anche un uomo venga esaminato e, se necessario, curato. Come per il mughetto vaginale, sono disponibili antimicotici, possibilmente in combinazione con cortisone o antisettici.

Puoi leggere tutto ciò che devi sapere sulle infezioni fungine nell'area genitale maschile nell'articolo funghi del pene.

Rimedi casalinghi per il mughetto vaginale

Vari rimedi casalinghi per il mughetto vaginale sono spesso propagandati dai media, dalla famiglia e dagli amici. Anche se molte donne sono convinte della loro efficacia: molti rimedi casalinghi tendono a danneggiare la flora vaginale e non aiutano affatto contro il mughetto vaginale.

I rimedi casalinghi più comunemente raccomandati per il trattamento del mughetto vaginale includono yogurt, aceto e aglio. Dovrebbero essere applicati all'area pubica esterna o inseriti nella vagina e quindi uccidere i funghi.

Invece, aceto, aglio e altre sostanze pungenti interrompono l'ambiente vaginale e forse rendono ancora più facile la moltiplicazione di funghi e altri agenti patogeni.

Alcuni esperti sconsigliano anche i tamponi imbevuti di yogurt, ad esempio. Lo yogurt naturale o probiotico introdotto per via vaginale è considerato lenitivo per i problemi vaginali. Tuttavia, questo metodo non è stato adeguatamente testato. Inoltre, i batteri contenuti nello yogurt differiscono nella loro composizione e non corrispondono all'ambiente vaginale naturale. Ultimo ma non meno importante, i prodotti lattiero-caseari potrebbero essere contaminati da funghi.

Medicina alternativa per il mughetto vaginale

Esistono numerose altre opzioni terapeutiche per la candidosi vulvovaginale. Possono funzionare, ma difficilmente sono stati scientificamente provati. Esempi:

  • Le supposte di acido borico possono accelerare la guarigione e sono considerate un'opzione terapeutica per il mughetto vaginale causato da Candida glabrata. Tuttavia, non hanno un'approvazione ufficiale per il mughetto vaginale (uso off-label) e non vengono utilizzati come parte del trattamento iniziale. Possono anche disturbare la fertilità e danneggiare il nascituro nell'utero.
  • La propoli ("resina di mastice d'api") ha proprietà antinfiammatorie e antisettiche, tra le altre cose. Ci sono state segnalazioni positive come rimedio per il mughetto vaginale causato dal fungo Candida albicans. Ma comporta il rischio di allergie da contatto.
  • Si dice che la Salvia officinalis ("vera salvia") abbia un effetto antimicotico con i suoi oli essenziali. Come compressa vaginale, in un piccolo studio è stato dimostrato che allevia con successo il mughetto vaginale, da solo o con clotrimazolo.

Le linee guida mediche nominano questi mezzi alternativi, ma sottolineano che i dati scientifici sono molto limitati. Non è una raccomandazione terapeutica.

Altri suggerimenti per il mughetto vaginale

È meglio tenere a mente i seguenti suggerimenti quando si ha un'infezione da lievito:

  • Poiché il mughetto vaginale è contagioso, dovresti evitare i rapporti sessuali mentre è infetto. I preservativi possono essere utili anche nella prima volta dopo il trattamento (la mucosa vaginale è poi in rigenerazione).
  • Nota: gli agenti antimicotici applicati per il trattamento possono compromettere la sicurezza dei preservativi in ​​lattice o dei diaframmi in gomma.
  • Per prevenire la diffusione dell'infezione fungina, utilizzare idealmente solo acqua tiepida nella zona genitale e, in particolare, lubrificare regolarmente la pelle secca.
  • Indossare biancheria intima permeabile all'aria in modo che non si sviluppi un ambiente caldo e umido nell'area vaginale: tali condizioni sono ideali per la crescita dei funghi.
  • Accorcia i peli pubici. Un pelo pubico pronunciato favorisce un ambiente umido e caldo.
  • Non condividere il tuo asciugamano con gli altri.
  • Cambia biancheria e asciugamani ogni giorno e lavali a 60 gradi con un detersivo per impieghi gravosi.

Una dieta senza zucchero è spesso raccomandata per "morire di fame" il mughetto vaginale. Finora, tuttavia, non è stato dimostrato che funzioni davvero.

Fungo vaginale: cause e fattori di rischio

Se l'equilibrio della flora vaginale sana è sbilanciato, i lieviti, ad esempio, hanno la possibilità di diffondersi - si sviluppa il fungo vaginale. Circa l'85-95% di tutte le infezioni fungine vaginali acute sono causate dal lievito Candida albicans. Per i restanti casi, ad esempio, sono responsabili la Candida glabrata o la Candida tropicalis.

Ad esempio, puoi essere infettato dai funghi durante i rapporti sessuali. Il sesso frequente e non protetto comporta un rischio particolare. In altri casi, il germe proviene dall'intestino e raggiunge la mucosa vaginale, ad esempio quando la pulisce dopo un movimento intestinale.

Se la flora vaginale è disturbata, a volte si diffondono altri agenti patogeni che causano la malattia e un fungo (infezione mista).

  • Fungo vaginale: vulnerabile a biancheria intima scorretta

    Tre domande per

    Dott. med. Dorotee colpita,
    Specialista in Ostetricia e Ginecologia
  • 1

    Chi è particolarmente sensibile al mughetto vaginale?

    Dott. med. Dorothee colpita

    Gli integratori di pillole possono renderti suscettibile o avere un diabete non riconosciuto. Anche i tamponi sono un problema: le donne che usano molti tamponi anche se non sanguinano copiosamente sono a rischio. I tamponi assorbono troppo fluido della parete vaginale, di cui la flora vaginale ha bisogno per rimanere in salute. Le tazze o, se necessario, i tamponi non sbiancati con cloro possono aiutare. Ai batteri non piace il cloro.

  • 2

    La biancheria intima sbagliata può favorire il mughetto vaginale?

    Dott. med. Dorothee colpita

    Sì, soprattutto se è realizzato in fibre sintetiche e quindi non è traspirante. Se è ancora stretto, la donna indossa pantaloni attillati sopra, magari un salvaslip con uno strato di plastica e poi ho un clima di allevamento caldo e umido nella zona genitale. I funghi vaginali prosperano lì!

  • 3

    Sono contagioso per gli altri?

    Dott. med. Dorothee colpita

    Questo non è un problema: negli uomini i funghi di solito non aderiscono bene ai genitali. Le infezioni hanno a che fare con un sistema immunitario locale disturbato. Normalmente, un sistema immunitario in forma lancia di nuovo i funghi. E: I funghi si trovano normalmente nella flora vaginale. L'infezione si verifica solo quando si moltiplicano massicciamente. Aiuta la tua flora batterica lavandoti solo con acqua e facendo una regolare cura dei lipidi.

  • Dott. med. Dorotee colpita,
    Specialista in Ostetricia e Ginecologia

    Qualificazione aggiuntiva come medico per cure naturopatiche, stabilita con il proprio studio privato a Kiel, autrice di diversi libri e autrice di blog, offre webinar sul tema della salute delle donne

Fattori di rischio

Vari fattori possono favorire che i lieviti colonizzatori si moltiplichino, infettino estesamente la mucosa e la infiammano:

Debolezza difensiva: un sistema immunitario indebolito spesso disturba l'ambiente vaginale. Il sistema immunitario può essere basato su farmaci che sopprimono il sistema immunitario (immunosoppressori come cortisone o farmaci antitumorali) o su malattie (es. HIV o AIDS o diabete mellito).

Antibiotici: il mughetto vaginale causato dall'assunzione di antibiotici non è raro. Gli agenti agiscono contro i batteri, ma non fanno distinzione tra utili e dannosi. Questo può anche eliminare i batteri dell'acido lattico nella vagina e quindi promuovere il fungo vaginale.

cambiamenti ormonali: Gli estrogeni femminili in particolare influenzano la flora vaginale. I trattamenti ormonali, i contraccettivi ormonali e il trattamento con antiandrogeni (ad esempio in caso di acne grave) possono favorire il mughetto vaginale. L'aumento dei sintomi prima delle mestruazioni è dovuto anche ai cambiamenti dei livelli ormonali.

Gravidanza: I cambiamenti ormonali nelle donne in gravidanza causano, ad esempio, un aumento del contenuto di zucchero e un ridotto contenuto di acido nella vagina - condizioni di crescita ideali per i funghi.

Abbigliamento inadeguato: i funghi crescono particolarmente bene in un ambiente caldo e umido. Gli indumenti attillati e la biancheria intima realizzati con materiali sintetici possono quindi favorire il mughetto vaginale: favoriscono la sudorazione e possono causare l'accumulo di calore.

Igiene intima scorretta: Sia l'igiene intima eccessiva (lavaggi frequenti con sapone o altre sostanze detergenti, risciacqui vaginali, ecc.) che la scarsa igiene intima disturbano la flora vaginale e quindi favoriscono il mughetto vaginale.

Stress: lo stress mentale può anche avere un effetto negativo sull'ambiente vaginale e quindi aprire la strada alle infezioni.

Fattori genetici: alcune varianti genetiche sono considerate fattori di rischio per, in particolare, il mughetto vaginale cronico. Le mutazioni genetiche influenzano principalmente il processo di difesa.

Nutrizione: alcuni esperti vedono anche un certo rischio in determinate abitudini alimentari. In particolare, gli alimenti ricchi di zucchero/carboidrati e gli alimenti e latticini che contengono lievito possono favorire la crescita dei funghi.

Flora vaginale sana

In linea di principio, la vagina sana non è mai esente da germi, ma ospita una flora vaginale naturale: questa è costituita principalmente da batteri lattici (lattobacilli). Alcuni altri batteri e, in numero molto ridotto, funghi possono anche far parte della flora vaginale naturale (a volte temporaneamente).

I batteri dell'acido lattico convertono lo zucchero dalle cellule vaginali in acido lattico. Questo crea un ambiente acido nella vagina in cui i germi patogeni difficilmente possono moltiplicarsi.

Fungo vaginale: esami e diagnosi

Se sospetti un mughetto vaginale, un ginecologo è il contatto giusto.

anamnese

Il medico ti parlerà prima in dettaglio per raccogliere la tua storia medica (anamnesi). Le possibili domande del medico sono:

  • Quali lamentele hai esattamente?
  • Da quanto tempo esistono i sintomi?
  • Hai mai avuto sintomi come questo prima?
  • Hai già provato qualche terapia (ad esempio con farmaci antimicotici da banco in farmacia)?
  • Hai qualche malattia di base (come diabete, HIV)?
  • Stai usando farmaci (antibiotici, cortisone, ecc.)?

Visita ginecologica

Dopo aver preso la storia medica, avrà luogo un esame fisico. Il medico procede allo stesso modo della normale visita ginecologica. Un'infezione vaginale da lievito può spesso essere riconosciuta da un rivestimento da biancastro a grigiastro sulla mucosa. Se viene accuratamente rimosso, appare una mucosa vaginale infiammata e arrossata.

Rilevamento di funghi al microscopio

Per determinare quali agenti patogeni sono responsabili dell'infezione, il medico preleva un tampone del rivestimento vaginale. Quindi esamina questo al microscopio: strutture tipiche, a volte filiformi (ife e cellule germinali) indicano un'infezione fungina.

Inoltre, il medico presta attenzione ai cambiamenti che parlano di un agente patogeno diverso o di un'infezione mista.

Cultura dei funghi

A volte l'esame microscopico non dà un risultato chiaro. Quindi i germi vengono coltivati ​​nello striscio (coltura di agenti patogeni): In laboratorio, lo striscio viene posto su un mezzo nutritivo adatto e vengono create condizioni di crescita ottimali per i germi in modo che possano moltiplicarsi. Questo rende più facile identificarli.

Il medico istiga una coltura di funghi, soprattutto nel caso di corsi cronici.

Il laboratorio può anche utilizzare la coltura dei funghi per verificare se il germe che è stato coltivato è resistente a determinati farmaci. Ciò è particolarmente importante nel caso del mughetto vaginale, che è causato da specie di Candida più rare (cioè non C. albicans).

Fungo vaginale: decorso e prognosi

Con una terapia tempestiva e coerente, la prognosi per il mughetto vaginale è favorevole. Di norma, un'infezione fungina non dura più di pochi giorni o settimane e guarisce senza conseguenze.

L'infezione si rivela molto meno prolungata, ad esempio nel caso di un sistema immunitario indebolito. In determinate circostanze, il fungo vaginale può persino diffondersi nel corpo con grave deficienza immunitaria e attaccare gli organi interni (candida sepsi).

Infezione dei neonati

La sepsi da Candida può verificarsi molto raramente anche nei neonati che vengono infettati dal fungo durante il parto "normale" attraverso la vagina (parto vaginale) nella madre (specialmente nei neonati prematuri molto precoci). Più tipico è poi un attacco fungino in bocca (mughetto orale) e nella zona genitale ("dermatite da pannolino").

Questo è uno dei motivi per cui le donne incinte dovrebbero sempre prendere sul serio la micosi vaginale. L'altro è che la ricerca ha dimostrato che l'infezione fungina aumenta il rischio di parto prematuro. Questo può anche essere il caso della colonizzazione fungina permanente o ricorrente.

ricadute

Dopo che un'infezione vaginale da lievito è guarita, può verificarsi una ricaduta (ripetutamente) se persistono fattori favorevoli, come un'igiene intima scorretta o un sistema immunitario debole. Se si verificano almeno quattro infezioni vaginali da lievito entro un anno, i medici parlano di candidosi vulvovaginale ricorrente cronica.

Per quanto possibile, i fattori di rischio per il mughetto vaginale dovrebbero quindi essere eliminati o ridotti. Altrimenti, i medici provano trattamenti speciali a lungo termine per contrastare il fungo vaginale ostinato.

Fungo vaginale: prevenzione

Se vuoi prevenire il mughetto vaginale, dovresti evitare o ridurre il più possibile i fattori di rischio noti. Questo significa:

  • Evita gli indumenti sintetici e gli indumenti che sono molto stretti nella zona genitale e possono persino irritare.
  • Indossare solo biancheria intima realizzata con materiali traspiranti come il cotone. Ciò impedisce l'accumulo di calore e umidità nella zona intima.
  • Non utilizzare salvaslip e assorbenti plastificati. Anche loro possono causare l'accumulo di umidità e calore nella zona vaginale. Anche gli assorbenti igienici profumati sono sfavorevoli: le fragranze possono irritare la mucosa sensibile e renderla più suscettibile alle infezioni.
  • I tamponi seccano la mucosa vaginale e possono quindi favorire il mughetto vaginale nelle donne sensibili. Quindi può essere utile cambiare spesso i tamponi o passare a assorbenti traspiranti (assorbenti organici).
  • Prestare attenzione a un'igiene intima attenta, ma non eccessiva. Utilizzare solo acqua tiepida o, al massimo, prodotti leggermente acidi (syndets) per pulire la regione genitale in modo da non disturbare l'ambiente vaginale. Evitare l'uso di spray intimi e lavande vaginali.
  • Quando usi il bagno, dovresti sempre pulirti dalla parte anteriore (ingresso vaginale) alla parte posteriore (ano). Se lo fai al contrario, il fungo potrebbe entrare nella tua vagina dall'intestino. Secondo alcuni esperti, questo può quindi causare un'infezione da lievito.
  • Giocattoli sessuali usati accuratamente puliti.

Speciali preparati probiotici, che contengono principalmente determinati batteri lattici in maniera concentrata, possono garantire che la micosi vaginale non si riaccenda (più) o meno frequentemente. Se ingeriti, possono contrastare i funghi di lievito nell'intestino, da dove i funghi possono ripetutamente entrare nella vagina. I dati scientifici in merito sono promettenti, ma (ancora) limitati.

I probiotici per la deglutizione (con Lactobacillus acidophilus o Lactoferrin) sembrano utili, soprattutto nei casi cronici. I probiotici possono anche avere un effetto preventivo durante la terapia antibiotica. Ma anche qui mancano (ancora) dati sufficienti.

In alcuni casi, può essere utile la prevenzione farmacologica contro il mughetto vaginale. Ad esempio, un medico può raccomandare l'uso preventivo di farmaci antimicotici a intervalli (da due volte a settimana a mensilmente) per le donne che hanno il diabete o stanno ricevendo una terapia immunosoppressiva.

Informazioni aggiuntive

Orientamento:

  • Linea guida "Candidosi vulvovaginale" delle Società tedesca, austriaca e svizzera di ginecologia e ostetricia (DGGG, OEGGG, SGGG) Stato: settembre 2020
Tags.:  Diagnosi cura dei piedi luogo di lavoro sano 

Articoli Interessanti

add