Vaccinazioni - Cosa paga la cassa malati?

e Florian Tiefenböck, medico

Martina Feichter ha studiato biologia con una materia elettiva farmacia a Innsbruck e si è anche immersa nel mondo delle piante medicinali. Da lì non era lontano da altri argomenti medici che la affascinano ancora oggi. Si è formata come giornalista presso l'Axel Springer Academy di Amburgo e lavora per dal 2007 - prima come redattrice e dal 2012 come scrittrice freelance.

Maggiori informazioni sugli esperti di

Florian Tiefenböck ha studiato medicina umana alla LMU di Monaco. È entrato a far parte di come studente nel marzo 2014 e da allora ha supportato il team editoriale con articoli medici. Dopo aver ricevuto la sua licenza medica e il lavoro pratico in medicina interna presso l'Ospedale universitario di Augusta, è membro permanente del team da dicembre 2019 e, tra le altre cose, garantisce la qualità medica degli strumenti

Altri messaggi di Florian Tiefenböck Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Le persone con un'assicurazione sanitaria obbligatoria hanno diritto a una serie di vaccinazioni gratuite. Il Federal Joint Committee ha specificato quali sono in una linea guida - basata sulle raccomandazioni della Commissione vaccinale permanente presso l'Istituto Robert Koch di Berlino.

Direttiva sulla vaccinazione

La linea guida sulla vaccinazione definisce esattamente per quali persone o situazioni si applicano le raccomandazioni sulla vaccinazione. Questi si basano sulle disposizioni della Commissione vaccinale permanente (STIKO) del Robert Koch Institute (RKI).

Gli esperti raccomandano alcune vaccinazioni come vaccinazione standard per tutti (ad esempio quelle contro il morbillo e il tetano). Raccomandano solo altre vaccinazioni per determinati gruppi a rischio o per situazioni particolari (vaccinazione indicata).

Le compagnie di assicurazione sanitaria coprono solo i costi di vaccinazione in conformità con i requisiti obbligatori stabiliti nella direttiva. Le persone assicurate hanno anche il diritto di coprire i costi della vaccinazione se l'immunizzazione deve essere completata o la protezione vaccinale deve essere completata (nel caso di adolescenti entro e non oltre i 18 anni di età).

Quali vaccinazioni paga la cassa malati?

Le compagnie di assicurazione sanitaria obbligatoria copriranno i costi per una serie di vaccinazioni. Questi includono, ad esempio, le vaccinazioni di base per neonati e bambini piccoli:

  • difterite
  • Haemophilus influenzae B (patogeno inclusa l'epiglottite)
  • Epatite B.
  • morbillo
  • Meningococcico sierogruppo C (agente eziologico della meningite)
  • parotite
  • Pertosse (tosse convulsa)
  • Pneumococchi (patogeni inclusi polmonite, otite media o meningite)
  • Poliomielite (breve: polio = polio)
  • Rotavirus
  • rosolia
  • tetano
  • Varicella (varicella)

Inoltre, l'assicurazione sanitaria obbligatoria contribuisce ai costi di vaccinazione:

  • Herpes zoster: vaccinazione standard contro l'herpes zoster per tutti coloro che hanno più di 60 anni
  • HPV (Human Papillomavirus): vaccinazione standard all'età di 9-14 anni
  • Influenza: vaccinazione contro l'influenza come vaccinazione standard annuale per tutte le persone di età superiore ai 60 anni
  • Morbillo, parotite, rosolia: vaccinazione standard anche per tutti i maggiori di 18 anni nati dopo il 1970
  • Pneumococchi: vaccinazione standard anche per tutti gli over 60

Le assicurazioni sanitarie obbligatorie pagano anche i costi per le vaccinazioni di richiamo necessarie:

  • Tetano, difterite, pertosse: per U9 (5-6 anni) e una volta tra 9 e 16 anni, poi ogni dieci anni (pertosse qui solo una volta in più)
  • Polio: vaccinazione di richiamo una tantum tra i 9 e i 16 anni

Ci sono anche una serie di situazioni aggiuntive in cui sono raccomandate le vaccinazioni. I medici raccomandano vaccinazioni aggiuntive per alcune persone a rischio, come le donne in età fertile. Ad esempio, ricevono anche iniezioni di pertosse ogni dieci anni insieme a tetano e difterite. La vaccinazione antinfluenzale è anche una di queste vaccinazioni indicate, ad esempio per donne in gravidanza o persone precedentemente malate. Anche loro sono pagati dai registratori di cassa.

Le vaccinazioni di cui un dipendente ha bisogno a causa del proprio lavoro sono generalmente pagate dal datore di lavoro. Un esempio è la vaccinazione contro l'epatite A per le persone che lavorano nel settore sanitario. L'azienda si occupa anche delle vaccinazioni che il dipendente riceve a causa di un incarico all'estero. Per le persone particolarmente a rischio per la salute, come i malati cronici, le compagnie di assicurazione sanitaria coprono i costi.

Regolamenti speciali

Alcune compagnie di assicurazione sanitaria hanno incluso volontariamente ulteriori costi di vaccinazione nella loro gamma di servizi, ad esempio la vaccinazione HPV per le donne dopo il 18° compleanno o la vaccinazione antinfluenzale per le persone di età inferiore ai 60 anni. Chiedi alla tua compagnia di assicurazione sanitaria quali costi di vaccinazione pagherà oltre a quelli previsti dalla legge.

Vaccinazioni di viaggio

Chi si reca all'estero per motivi non professionali (ad es. in vacanza) di solito deve pagare di tasca propria le vaccinazioni consigliate contro il colera, l'epatite A e B o il tifo. Le assicurazioni sanitarie obbligatorie non sono obbligate a coprire i costi. Tuttavia, le richieste non guastano: alcuni assicuratori sanitari hanno incluso volontariamente le vaccinazioni di viaggio individuali nella loro gamma di servizi e di solito coprono i costi completi!

Tags.:  i denti sintomi terapie 

Articoli Interessanti

add