La malnutrizione nel cancro

Sabrina Kempe è una scrittrice freelance per il team medico di Ha studiato biologia, specializzandosi in biologia molecolare, genetica umana e farmacologia. Dopo la sua formazione come redattrice medica in un rinomato editore specializzato, è stata responsabile di riviste specializzate e di una rivista per pazienti. Ora scrive articoli su argomenti medici e scientifici per esperti e profani e cura articoli scientifici di medici.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

La malnutrizione e la perdita di peso nel cancro non sono rare. Se questo è accompagnato da una rapida disgregazione muscolare, il corpo esaurisce pericolosamente ciò che è noto come cachessia tumorale. Leggi di più sull'argomento qui: Quali sono le cause della malnutrizione e della perdita di peso nel cancro? Perché la malnutrizione può andare di pari passo con l'aumento di peso e l'obesità? Come si riconosce la malnutrizione? Cosa possono fare medico e paziente contro la malnutrizione?

Codici ICD per questa malattia: i codici ICD sono codici riconosciuti a livello internazionale per le diagnosi mediche. Si trovano, ad esempio, nelle lettere dei medici o nei certificati di inabilità al lavoro. C50C16C34C19C18C15C61C20

Malnutrizione: perdita di peso spesso rischiosa

Malnutrizione (malnutrizione) significa che le persone colpite non ricevono abbastanza energia, proteine ​​o altri nutrienti. Ciò può portare a una pericolosa perdita di peso nei pazienti oncologici (o in altri pazienti).

Quando si parla di malnutrizione?

Quando si parla esattamente di malnutrizione, esperti internazionali hanno ridefinito congiuntamente nel 2019 come parte della "Global Leadership Initiative on Malnutrition" (GLIM). Per fare ciò, hanno creato criteri relativi all'aspetto del paziente (fenotipo) e alla causa della malattia (eziologia). Perché ci sia malnutrizione, è sufficiente che un criterio fenotipico e uno eziologico si presentino insieme - non tutti i seguenti criteri devono essere presenti!

Criteri fenotipici:

  • perdita di peso involontaria di almeno il cinque percento in sei mesi
  • Sottopeso misurato utilizzando un indice di massa corporea (BMI) basso inferiore a 20 kg/m2 o inferiore a 22 kg/m2 in persone di età superiore a 70 anni
  • diminuzione della massa muscolare (sarcopenia)

Criteri eziologici:

  • Assunzione di cibo ridotta di meno della metà per una settimana o disturbo digestivo di lunga data (cronico) a causa del quale è possibile assorbire troppo pochi nutrienti dal cibo (malassorbimento)
  • infiammazione acuta o cronica in tutto il corpo (infiammazione sistemica)

Un malato di cancro, ad esempio, che perde involontariamente più del cinque per cento del suo peso entro sei mesi e allo stesso tempo mangia troppo poco per almeno una settimana, è considerato malnutrito.

Anche i pazienti affetti da malnutrizione sono, ad esempio, i pazienti la cui massa muscolare sta diminuendo e che allo stesso tempo soffrono di un'infiammazione che ribolle nel corpo, anche se le persone colpite non possono misurare questi criteri da soli e potrebbero anche non notarli. Perché se la massa muscolare diminuisce, questo non deve necessariamente tradursi in una perdita di peso.

In generale, la perdita di peso e il sottopeso non sono un prerequisito per una diagnosi di malnutrizione. Anche i malati di cancro che sono in sovrappeso o addirittura obesi possono essere malnutriti. La malnutrizione è spesso trascurata in loro!

Aumento di peso con la malnutrizione

Un altro paradosso è che anche i malati di cancro che ingrassano rapidamente possono soffrire di malnutrizione. Il rapido aumento di peso può essere causato, ad esempio, dall'accumulo di liquidi nel tessuto (edema) o nella cavità addominale (ascite) o dalla crescita di depositi di grasso. Questi fenomeni sono stati descritti in donne con cancro al seno che hanno ricevuto chemioterapia, terapia anti-ormonale o cortisone o che hanno fatto meno esercizio fisico e consumato più calorie a causa della malattia. L'aumento di peso, come la perdita di peso nel cancro, peggiora la prognosi.

Ogni malato di cancro dovrebbe essere controllato regolarmente per la malnutrizione. Se necessario, ricordalo al tuo medico! In particolare, se il tuo peso cambia in modo insolito (in aumento o in diminuzione) dovresti consultare un medico. È importante scoprire il motivo di ciò e, se possibile, risolverlo.

Quanto è comune la malnutrizione nel cancro?

La malnutrizione nel cancro è molto diffusa: a seconda del tipo di tumore, dello stadio della malattia e dell'età, colpisce da un quarto a quasi tre quarti di tutti i malati di cancro. La malnutrizione si verifica più frequentemente nei pazienti con cancro del tratto digestivo (cancro allo stomaco, cancro del colon, cancro esofageo, cancro del pancreas) e nella zona della testa e del collo (es. cancro alla tiroide) rispetto ai pazienti che soffrono di cancro al seno o alla prostata, ad esempio .

Ragioni per la perdita di peso nel cancro

La perdita di peso è una conseguenza molto comune della malnutrizione. In generale, il corpo perde peso se il bilancio energetico è negativo per un lungo periodo di tempo. Ci possono essere diverse ragioni per questo:

  • Troppe poche sostanze nutritive vengono fornite al corpo con il cibo (per la produzione di energia e come materiali da costruzione).
  • Il corpo non può assorbire correttamente i nutrienti a causa di problemi nel tratto digestivo.
  • Il corpo consuma più sostanze nutritive di quelle che può assorbire dal cibo.

Quando i malati di cancro non possono o non possono mangiare abbastanza, il corpo non riceve abbastanza nutrienti come carboidrati, grassi e proteine. Per ottenere ancora abbastanza energia per i processi vitali, il corpo scompone le riserve di grasso e la massa muscolare - il paziente perde rapidamente peso e cade in una spirale discendente:

Poiché l'energia ottenuta in questo modo è appena sufficiente per l'essenziale e anche la massa muscolare è ridotta (sarcopenia), i pazienti si sentono fiacchi e impotenti - si muovono di meno, il che aumenta ulteriormente la disgregazione muscolare e aumenta ulteriormente la perdita di peso.

Inoltre, i muscoli scheletrici vengono gradualmente scomposti con l'aumentare dell'età, anche nelle persone sane. Il termine tecnico per questo è sarcopenia associata all'età. Inoltre, il corpo perde anche massa muscolare scheletrica durante la chemioterapia. Questa sarcopenia indotta dalla chemioterapia è circa 1,6 volte maggiore negli uomini che nelle donne.

I pazienti con cancro esofageo sono particolarmente a rischio di una riduzione della massa muscolare indotta dalla chemioterapia.

Perdita di appetito e cambiamento nel gusto

Quando i malati di cancro non vogliono più mangiare, dietro possono esserci paure. Alcuni malati temono che il cibo che mangiano alimenterà anche il tumore. Ecco perché si limitano a mangiare - nella speranza che questo priverà il tumore canceroso di energia e quindi lo "affamerà". Ma invece di danneggiare il tumore, si privano principalmente della forza di cui hanno urgente bisogno per la terapia e la vita con il cancro.

Altre paure e altri stress emotivi come il dolore, la rabbia o la depressione possono anche far perdere l'appetito alle persone con cancro.

In altri casi, la perdita di appetito nel cancro è correlata a dolore, mancanza di respiro o disagio. Inoltre, lo scarso appetito può essere un effetto collaterale dei trattamenti contro il cancro (chemioterapia, terapie mirate, immunoterapie).

A volte la malnutrizione nel cancro può essere attribuita anche al fatto che la percezione del gusto è modificata o ridotta - sia dal trattamento che dal tumore stesso.Le persone colpite poi non gustano più il cibo o difficilmente riescono a percepire gusti diversi. Di conseguenza, mangiano meno o niente - si verifica la malnutrizione.

Nausea e vomito

A volte il trattamento per il cancro provoca nausea e/o vomito, in particolare la chemioterapia. Le persone colpite non hanno appetito o non possono tenere abbastanza cibo con sé - perdono peso.

La gravità della nausea e del vomito varia a seconda del farmaco antitumorale somministrato. Questi effetti collaterali si verificano particolarmente frequentemente durante il trattamento con l'agente chemioterapico cisplatino. Dipende anche dal tipo di farmaco e dal suo dosaggio se nausea e vomito si verificano direttamente durante il trattamento o ore o giorni dopo e per quanto tempo persistono i sintomi (da ore a giorni).

Il vomito e la nausea durante le terapie antitumorali sono solitamente innescati direttamente dal farmaco in questione. Inoltre, i fattori emotivi (come la paura della nausea) possono esacerbare i sintomi nei malati di cancro.

diarrea

La diarrea, un effetto collaterale comune dei farmaci antitumorali, può anche contribuire alla perdita di peso nel cancro. La radioterapia nella zona addominale può anche causare diarrea. Se il cibo si muove troppo velocemente attraverso il corpo e le sostanze nutritive non possono essere utilizzate, il paziente perde peso rapidamente. È quindi molto importante che parli con il medico di qualsiasi diarrea che potrebbe verificarsi, anche se il soggetto potrebbe essere a disagio per te.

Bocca secca e mucosa orale infiammata

La secchezza delle fauci è un possibile effetto collaterale di chemioterapia, immunoterapie e terapie mirate. Anche le radiazioni nell'area della testa, che colpiscono le ghiandole salivari, possono provocare secchezza delle fauci. Inoltre, può svilupparsi un'infiammazione del rivestimento della bocca (mucosite) con piaghe o piaghe in bocca. Entrambi i fattori - secchezza delle fauci e mucosa orale infiammata - possono rendere difficile l'alimentazione per le persone colpite a causa delle difficoltà di deglutizione e del dolore e quindi promuovere la malnutrizione nel cancro.

Posizione sfavorevole del tumore

Il tumore stesso può impedire meccanicamente ai malati di cancro di mangiare a sufficienza. Ad esempio, se il cancro si trova all'ingresso dello stomaco, è difficile che il cibo lo oltrepassi e raggiunga lo stomaco. Il cancro del colon in fase avanzata può a sua volta ostruire l'intestino (ostruzione intestinale) e rendere impossibile la normale digestione.

Organi completamente o parzialmente rimossi

Se organi importanti per l'assorbimento e la digestione del cibo (es. esofago, stomaco) dovessero essere rimossi in tutto o in parte dai malati di cancro, ciò favorisce la malnutrizione.

>> Laringe, esofago

Se è stato necessario rimuovere la laringe o l'esofago, le persone avranno difficoltà a deglutire. Inoltre, possono diventare ipersensibili a determinati alimenti e sviluppare la paura del soffocamento.

>> stomaco

I pazienti a cui è stato rimosso lo stomaco e che ora hanno uno stomaco sostitutivo possono affrontare i seguenti problemi:

  • Puoi mangiare solo piccole quantità e quindi ti sazi rapidamente.
  • Il cibo "scivola" troppo velocemente attraverso lo stomaco (svuotamento autunnale, sindrome da dumping), che può portare a dolore addominale superiore, diarrea, problemi circolatori o ipoglicemia.
  • Manca lo sfintere all'ingresso dello stomaco, motivo per cui il chimo può rifluire nell'esofago. Ciò provoca l'infiammazione dell'esofago (esofagite).
  • La digestione dei grassi è spesso compromessa.
  • Molti pazienti non possono più tollerare lo zucchero del latte (lattosio) (intolleranza al lattosio).

>> pancreas

I problemi che sorgono dopo un'operazione al pancreas dipendono da quale parte dell'organo doveva essere asportata: se la testa del pancreas è stata rimossa, mancano vari enzimi digestivi, che l'organo normalmente rilascia nell'intestino tenue. Senza la coda del pancreas, l'organo non può più produrre abbastanza insulina, l'ormone che abbassa lo zucchero nel sangue. Le persone colpite sviluppano alti livelli di zucchero nel sangue, possono sviluppare diarrea e perdere peso.

>> intestino

Se mancano parti dell'intestino tenue o crasso o l'intestino crasso è stato completamente rimosso, la digestione è compromessa: possono verificarsi diarrea, feci molli e perdita di peso.

Cachessia tumorale

Una forma speciale di malnutrizione è il deperimento grave, la cosiddetta cachessia tumorale. Colpisce fino all'85% dei malati di cancro. Con l'aiuto delle sue sostanze messaggere, il tumore manipola il metabolismo e il sistema immunitario per i propri scopi:

Assicura che i prodotti metabolici come le proteine ​​vengano scomposti in misura maggiore, anche se la persona interessata si muove a malapena (situazione metabolica catabolica). Questo fa sì che i muscoli scheletrici si riducano in tutto il corpo (sarcopenia). Inoltre, i grassi di accumulo vengono scomposti in modo intensivo e le cellule consumano molta più energia del solito.Inoltre, c'è un'infiammazione costante in tutto il corpo (infiammazione sistemica). Questo contrasta anche la costruzione muscolare (resistenza anabolica). Le conseguenze di questi processi sono:

  • Perdita di appetito, disturbi del gusto e sensazione di pienezza prematuramente
  • perdita di peso persistente e involontaria
  • Stanchezza, svogliatezza e stanchezza costante (affaticamento)
  • Riduzione delle prestazioni
  • Perdita di massa muscolare e forza (sarcopenia)
  • diminuzione della qualità della vita

Le persone colpite sono in un circolo vizioso: le riserve corporee diminuiscono, ma i pazienti non hanno ancora appetito e quindi non mangiano abbastanza - perdono peso. Poiché si sentono svogliati e deboli, si muovono di meno, il che stimola ulteriormente la rottura dei muscoli. Inoltre, è più difficile per il corpo ricostruire i muscoli.

Fasi della cachessia tumorale

La cachessia tumorale può essere suddivisa in tre fasi:

  • Precachessia: è il precursore della cachessia. È caratterizzato da perdita di peso inferiore al cinque percento, perdita di appetito e cambiamenti nel metabolismo.
  • Cachessia: i sintomi sono una perdita di peso superiore al cinque percento o una riduzione dell'IMC inferiore al due percento o una perdita muscolare e di peso superiore al due percento, nonché una diminuzione dell'assunzione di cibo e un'infiammazione sistemica.
  • Cachessia refrattaria: "Refrattario" significa che non può più essere influenzato dalle terapie. Le persone affette mostrano una grave perdita di grasso e massa muscolare. La loro aspettativa di vita è inferiore a tre mesi.

Dopo l'"avvelenamento del sangue" (sepsi), la cachessia è la seconda causa di morte più comune nei pazienti oncologici. L'intervento precoce è quindi estremamente importante, perché una volta raggiunto l'ultimo stadio (refrattario), la terapia non promette più successo.

Cachessia tumorale allo stadio terminale

Quando il trattamento del cancro fallisce, il paziente sta morendo. Anche qui c'è cachessia tumorale o grave perdita di peso: nel cancro allo stadio terminale, fino all'80% delle persone colpite ha i tre sintomi di anoressia, perdita di peso e sarcopenia. Spesso è anche il caso che i pazienti sentano che sta volgendo al termine e quindi rinunciano consapevolmente al cibo. Questo fa parte del normale processo di morte, ma spesso è difficile da accettare per i parenti.

L'astensione cosciente dal cibo non fa morire di fame il moribondo, ma spesso lo aiuta anche a camminare con dignità! In questo caso, l'assunzione forzata di cibo sarebbe sbagliata per la persona interessata.

Quali sono le conseguenze della malnutrizione nel cancro?

La malnutrizione nel cancro è problematica perché ...

  • riduce in modo evidente la qualità della vita,
  • crea o intensifica paure o depressione, ti rende svogliato e riduce la tua capacità di concentrazione,
  • provoca il restringimento della massa muscolare, porta a affaticamento, rapido esaurimento fisico e debolezza,
  • provoca perdita di capelli, pelle secca e squamosa,
  • ti rende più suscettibile alle infezioni,
  • riduce la funzionalità dei globuli rossi,
  • riduce la gittata cardiaca, interrompe il ritmo cardiaco e porta ad alta pressione sanguigna,
  • indebolisce i muscoli respiratori,
  • rende la terapia del cancro meno tollerabile per il paziente (effetti collaterali più forti),
  • riduce la risposta del tumore alla terapia,
  • favorisce i disturbi della cicatrizzazione delle ferite dopo le operazioni,
  • peggiora la prognosi per il decorso della malattia e quindi riduce le possibilità di sopravvivenza.

Riconoscere la malnutrizione

Chiunque abbia il cancro dovrebbe tenere d'occhio il proprio peso: pesarsi regolarmente e annotare le misurazioni. Puoi notare un inspiegabile cambiamento di peso in una fase iniziale. Quindi contatta immediatamente il tuo medico: può determinare se soffri di malnutrizione e forse anche di cachessia tumorale.

Allo stesso tempo, è anche compito del medico controllarti regolarmente per la malnutrizione (screening), indipendentemente dal fatto che tu abbia notato un rapido cambiamento di peso.Con l'aiuto di un protocollo speciale, registra il tuo stato nutrizionale, la tua situazione di malattia e la tua età. Se il medico rileva un aumento del rischio di malnutrizione durante questo screening, seguono ulteriori analisi, che devono essere ripetute regolarmente:

  • Domande sulla tua dieta
  • Determinazione della propria composizione corporea (percentuale muscolare e adiposa) con l'ausilio di una tomografia computerizzata e/o un'analisi bioimpedenziometrica (BIA) - quest'ultima misura la resistenza (impedenza) che il corpo oppone ad una corrente alternata applicata tramite elettrodi
  • Misurazione della tua funzione muscolare con un test di forza della mano e/o un test sit-stand (alzarsi da seduto 5 volte e sedersi di nuovo di solito richiede meno di 16 secondi)
  • Misurazione delle tue capacità fisiche, ad esempio utilizzando un test del cammino di 400 metri (di solito meno di sei minuti) o un test della velocità del cammino (di solito più di 0,8 metri al secondo)

Se è stata stabilita la diagnosi di malnutrizione, il medico deve chiarire se si tratta di una semplice malnutrizione senza infiammazione nell'organismo o di una malnutrizione con infiammazione (cachessia tumorale). Per fare ciò, il medico misurerà regolarmente il livello di infiammazione nel corpo utilizzando determinati valori del sangue, tra cui la proteina C-reattiva (CRP) e l'albumina sierica. Se il valore della PCR è superiore a 10 milligrammi per litro (mg/l) e l'albumina sierica è inferiore a 35 grammi per litro (g/l), ciò peggiora notevolmente la prognosi del cancro.

Trattamento della malnutrizione nel cancro

Il trattamento della malnutrizione o cachessia tumorale si compone di tre importanti pilastri:

  1. Identificare e trattare le cause: prima di tutto bisogna chiarire da dove proviene la malnutrizione per poi porvi rimedio se possibile. Se, ad esempio, gli effetti collaterali della terapia antitumorale come nausea o diarrea sono la causa della malnutrizione, questi devono essere trattati in modo coerente (ad es. con farmaci).
  2. Compensare o fermare la perdita di peso: per compensare la perdita di peso, il corpo malnutrito deve ricevere abbastanza energia dal cibo in futuro. In alcune situazioni, tuttavia, come dopo che lo stomaco è stato rimosso, è spesso difficile aumentare di peso. Quindi dovrebbe essere fatto almeno un tentativo per mantenere il peso attuale.
  3. Allenamento dei muscoli: i malati di cancro hanno bisogno di un regolare allenamento fisico per fermare la rottura dei muscoli e per essere in grado di ricostruire i muscoli, se possibile.

L'obiettivo più importante del trattamento è farti sentire di nuovo bene e migliorare la qualità della tua vita.

Trattare gli effetti collaterali del tumore/della terapia

>> Perdita di appetito: mangia quello che vuoi e ogni volta che hai appetito. Cerca di fare diversi pasti più piccoli durante il giorno. Mangiare in compagnia o leggere mentre si mangia o davanti alla TV: la distrazione rende più facile mangiare. Disponi i tuoi piatti in modo vario, visivamente accattivante e colorato. Spezie ed erbe stimolano anche l'appetito. Fare esercizio regolarmente, stimola l'appetito. Inoltre, il medico può prescriverti farmaci appetitosi.

>> Dolore: se provi dolore, assicurati di parlare con il tuo medico. Esistono diversi modi per trattare adeguatamente il dolore.

>> Nausea e vomito: Nausea e vomito possono essere tenuti sotto controllo con farmaci appropriati, i cosiddetti antiemetici. Questi vengono somministrati ai malati di cancro come infusione attraverso la vena (per via endovenosa) come misura preventiva prima della chemioterapia. Se necessario, può essere somministrata un'altra dose (come infusione o sotto forma di compresse).

>> Infiammazione della mucosa orale: Si consiglia di consultare il proprio dentista anche prima della terapia farmacologica oncologica o della radioterapia per trattare eventuali carie esistenti e infiammazioni delle gengive. Un'attenta igiene orale prima, durante e dopo la terapia aiuterà a prevenire l'infezione. Se si verifica comunque un'infezione in bocca, il medico può trattarla con farmaci appropriati.

>> Diarrea: La misura più importante in caso di diarrea è compensare la perdita di acqua e sali (elettroliti) - bevendo abbondantemente e, se necessario, soluzioni adeguate che possono essere acquistate in farmacia (soluzioni elettrolitiche). Inoltre, è necessario adeguare la dieta al momento della diarrea: evitare cibi ricchi di fibre come pane integrale, noci o frutta secca. Invece, mangia pane bianco, pasta, riso, uova, pollo e yogurt e cibi ricchi di potassio come banane, arance e pesche.

Se queste misure non sono sufficienti, il medico può prescrivere farmaci per curare la diarrea. In primo luogo, viene provato un cosiddetto agonista del recettore μ-oppioide come la loperamide. Se questo non funziona a sufficienza, viene utilizzato un farmaco contenente oppiacei (come la tintura di oppio).

Dieta ipercalorica

Come malato di cancro con malnutrizione e perdita di peso, hai urgente bisogno di una terapia nutrizionale e/o di consigli nutrizionali regolari. Un nutrizionista o un dietologo analizzerà insieme a te la tua dieta precedente. Riceverai quindi un piano nutrizionale adattato individualmente e suggerimenti utili. Spesso si consiglia l'esatto contrario di quanto consigliato alle persone sane (ad es. pasti ricchi di grassi).

Assumi integratori alimentari solo se ne hai discusso in anticipo con il tuo medico o nutrizionista, in modo da non influenzare negativamente la terapia del cancro!

>> Mangiare ricco di energia: La dieta dei malati di cancro con malnutrizione dovrebbe essere particolarmente ricca di energia (purché non siano in sovrappeso). Poiché i malati di cancro spesso possono mangiare solo piccole quantità in una volta o avere poco appetito, il menu dovrebbe contenere più grassi possibile. Ciò significa: quando possibile, dovresti arricchire i tuoi pasti con grassi (ad es. oli vegetali, burro, panna, margarina, strutto o pancetta).

Alcuni risultati di studi suggeriscono che gli acidi grassi omega-3 (più precisamente: acido eicosapentaenoico, EPA) potrebbero essere particolarmente utili. Buoni fornitori per l'EPA sono i pesci d'acqua fredda come acciughe, aringhe, sgombri, sardine e salmone. Gli acidi grassi Omega-3 si trovano anche nei semi di lino, nelle noci e nell'olio di colza.

>> Bevande che contengono calorie: Bevi anche succhi di frutta diluiti, frappè, cacao e bibite per dare al tuo corpo l'energia di cui ha bisogno.

>> Consumare molte proteine: i malati di cancro hanno bisogno di molte proteine ​​e di molti elementi costitutivi proteici (aminoacidi). Raccomandiamo da 1,5 a 2 grammi di proteine ​​per chilogrammo di peso corporeo al giorno. Per una persona che pesa 60 kg, ciò corrisponde a 90-120 grammi di proteine ​​al giorno. Carne, uova, formaggio, pesce ma anche crostacei e crostacei forniscono molte proteine, ma anche alcuni prodotti vegetali come legumi, noci e cereali. Le proteine ​​animali, tuttavia, sono più utili per la costruzione muscolare rispetto a quelle vegetali.

>> Cibo per astronauti: Inoltre, per il trattamento della malnutrizione nel cancro può avere senso ricorrere al bere e al cibo aggiuntivo (integrazione), noto anche come "cibo per astronauti". I cosiddetti integratori contengono proteine ​​altamente concentrate. Sono disponibili, ad esempio, come polvere proteica che può essere mescolata al latte. Utile anche il cibo pronto da bere che viene preso come spuntino. È anche utile utilizzare concentrati proteici prima di un'operazione di tumore per prevenire la malnutrizione dopo l'operazione.

>> Tanti pasti piccoli: è meglio consumare da cinque a sei pasti piccoli durante il giorno invece di pochi pasti più abbondanti. Questo riduce la pressione di dover mangiare molto in una volta.

Porta con te un confidente stretto (amico, parente, ecc.) per un consiglio nutrizionale. Può aiutare ad assorbire la grande quantità di informazioni e raccomandazioni.

Nutrizione artificiale

Quando non è possibile assumere cibo a sufficienza in modo naturale, i nutrienti devono essere introdotti artificialmente nel corpo. All'inizio sembra terrificante, ma è vitale. Per alcuni pazienti, l'alimentazione artificiale può anche essere un sollievo perché allevia la pressione di dover mangiare una certa quantità su base regolare.

Esistono diverse forme di nutrizione artificiale:

  • nutrizione enterale: Tutti i nutrienti necessari vengono immessi direttamente nel tratto gastrointestinale tramite una sonda, bypassando così l'orofaringe.
  • Nutrizione parenterale: In questa variante, i nutrienti vengono introdotti direttamente nel flusso sanguigno come infusione (più precisamente: in vena). Questo tipo di nutrizione artificiale viene utilizzato quando gli organi digestivi non funzionano correttamente perché, ad esempio, un tumore inoperabile sta bloccando lo stomaco o l'intestino.

Ad alcuni malati di cancro viene somministrata l'alimentazione tramite sondino (alimentazione enterale) in aggiunta alla loro dieta normale se non possono ingerire abbastanza nutrienti per via orale. Altri pazienti devono essere alimentati solo artificialmente (enterale e/o parenterale).

Attività fisica

Per curare la malnutrizione Un regolare allenamento muscolare previene la rottura dei muscoli e ne favorisce la ricostruzione. La formazione più efficace è guidata da un fisioterapista o da un medico dello sport e consiste in:

  • Allenamento di resistenza (tre volte a settimana almeno 30 minuti ogni volta)
  • Allenamento della forza e della postura (due volte a settimana)

Tale formazione è difficile da gestire per i pazienti fragili. È quindi tanto più importante fare esercizio nella vita di tutti i giorni (passeggiate, salire le scale, ecc.). I ricercatori sono stati anche in grado di ottenere buoni risultati con questi pazienti con la cosiddetta elettromiostimolazione. I muscoli sono stimolati da stimoli elettrici. Questo può anche contrastare la perdita di massa muscolare dovuta alla malnutrizione nel cancro.

Tags.:  Diagnosi cura dei piedi fatica 

Articoli Interessanti

add