Abbassamento efficace della pressione sanguigna attraverso una corretta alimentazione

Larissa Melville ha completato il suo tirocinio nella redazione di . Dopo aver studiato biologia all'Università Ludwig Maximilians e all'Università tecnica di Monaco, ha prima conosciuto i media digitali online presso Focus e poi ha deciso di imparare il giornalismo medico da zero.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

I farmaci aiutano a tenere sotto controllo la pressione alta e quindi a prevenire i danni conseguenti, in particolare l'arteriosclerosi. La buona notizia: le compresse non sono sempre necessarie. Una corretta alimentazione abbassa anche i livelli di pressione sanguigna.

Molta frutta, verdura, cereali integrali, latticini a basso contenuto di grassi, pochi grassi e carne rossa: la cosiddetta dieta DASH ha già dimostrato di abbassare la pressione sanguigna in studi precedenti. Lo stesso vale per una dieta povera di sale. Poiché il sale lega l'acqua nel corpo e fornisce più fluido nel sistema cardiovascolare, questo aumenta la pressione nei vasi sanguigni. Ora il professor Stephen Juraschek ei suoi colleghi del Beth Israel Deaconess Medical Center e della Harvard Medical School hanno studiato l'effetto antipertensivo della combinazione delle due diete rispetto all'individuo.

Dieta DASH, poco sale o entrambi?

Lo studio ha incluso oltre 400 adulti con pressione sistolica alta tra 120 e 159 mmHG (millimetri di mercurio) e non stavano assumendo farmaci antipertensivi. Anche altre malattie come il diabete o l'insufficienza cardiaca sono state considerate criteri di esclusione. In media, i soggetti avevano 48 anni.

I ricercatori hanno diviso casualmente i soggetti del test in due gruppi: uno ha mangiato la dieta DASH e l'altro, il gruppo di controllo, americano normale. Inoltre, i partecipanti ai due gruppi hanno mangiato ciascuno una certa quantità di sodio per quattro settimane: 1,2 g, 2,3 g e 3,4 g di sodio al giorno, che corrisponde a circa 3 g, 5,8 g e 8,6 g di sale.

Il risultato: un basso consumo di sale ha ridotto la pressione sanguigna da 3,2 a 9,0 mmHG rispetto a una dieta alta, altrimenti normale. Un effetto simile era evidente anche nei soggetti del test che continuavano a consumare molto sale ma mangiavano secondo il principio DASH. Di conseguenza, hanno abbassato la pressione sanguigna di un massimo di 4,7 rispetto al gruppo di controllo da un valore basale fino a 149 mmHG. Quelli con valori base superiori a 149 mmHG anche intorno a 10.6.

Vince la dieta mista

Ma per quanto riguarda la combinazione di entrambe le diete? La pressione sanguigna è diminuita in tutti i soggetti che hanno seguito la dieta DASH e anche una dieta iposodica rispetto al gruppo di controllo, che ha mangiato molto sale - e in alcuni casi significativamente più delle rispettive diete.

L'effetto dipendeva dalla rispettiva pressione sanguigna iniziale: nei soggetti la cui pressione sanguigna era inferiore a 130 mmHG all'inizio dello studio, il valore è diminuito di 5,3 mmHG, in quelli con valori base da 130 a 139 mmHg di 7,5 mmHG e nei partecipanti allo studio con un valore base compreso tra 140 e 149 mmHG intorno a 9,7 mmHG. "C'è stato un effetto enorme nei soggetti di prova con valori iniziali di oltre 149 mmHG. La dieta DASH a basso contenuto di sale lo ha ridotto di quasi 21 mmHG ", riferisce Juraschek in un'intervista con

Più alta è la pressione sanguigna, più forte è l'effetto

La riduzione della pressione sanguigna nei soggetti con i valori iniziali più alti (≥ 150 mmHG) è notevole e sottolinea l'importanza sia della riduzione del sale che della dieta DASH nelle persone ad alto rischio, scrivono i ricercatori. “I nostri risultati mostrano che la dieta giusta ha un forte impatto sulla pressione sanguigna, specialmente negli adulti con pressione sanguigna incontrollata. L'effetto è simile a quello delle droghe ", sottolinea Juraschek.

E l'effetto è forse ancora maggiore, perché altri studi suggeriscono che l'effetto positivo della riduzione del sale sulla pressione sanguigna non è ancora completamente esaurito dopo quattro settimane.

Sono inoltre necessarie ulteriori ricerche in futuro per studiare l'effetto della dieta combinata sui pazienti con una pressione sanguigna superiore a 159 mmHG e su quelli con altre malattie come l'insufficienza cardiaca o la malattia renale cronica.

Verdure, erbe aromatiche, ricotta

La dieta ottimale per i pazienti con ipertensione sembra consistere in molta frutta, verdura e prodotti integrali. Inoltre, i prodotti lattiero-caseari a basso contenuto di grassi come il quark magro o la ricotta sono ammessi nella dieta DASH nel senso del presente studio.Neanche i grassi sono vietati, ma vanno serviti solo con moderazione e solo sani: grassi vegetali con molti acidi grassi insaturi, ma non grassi animali come burro o insaccati. Dovresti anche mangiare raramente carne rossa, dolci, bevande zuccherate e cibi ricchi di colesterolo. Pollame, pesce, noci e acqua o tè sono migliori.

Poco sale, sembra più facile del previsto. Perché i tedeschi non solo amano l'oro bianco, ma è anche contenuto in quasi tutti i prodotti. Secondo la German Nutrition Society (DGE), gli uomini in questo paese hanno una media di 10 g e le donne 8,4 g al giorno. Gli esperti DGE, invece, raccomandano generalmente di non consumare più di 6 g.

Ecco alcuni suggerimenti su come ridurre il consumo di sale:

• Cucinati il ​​più spesso possibile e usa erbe aromatiche fresche o essiccate e altre spezie invece del sale

• Evitare il più possibile patatine e prodotti pronti come pizza surgelata o salse dalla confezione.

• Usare poco o niente brodo, è costituito principalmente da sale.

• Quando si acquista, prestare attenzione al contenuto di sale specificato. Attenzione, di solito viene dato il contenuto di sodio, bisogna moltiplicarlo per 2,54.

Malattia diffusa ipertensione arteriosa

Da 120/80 a 129/84 mmHg è considerato ottimale. Se i valori sono costantemente superiori a 140/90 mmHg, i medici parlano di pressione alta - più di una persona su due deve lottare con essa nel corso della propria vita. Occorre distinguere tra ipertensione primaria e secondaria. Se l'innesco dell'ipertensione è un'altra malattia, ad esempio una disfunzione renale, si parla di ipertensione secondaria. A circa il 90%, tuttavia, la forma molto più comune è l'ipertensione primaria. Si verifica senza motivo causale. Oltre a un cambiamento nella dieta, anche la perdita di peso, più esercizio fisico e l'astinenza da nicotina e alcol possono aiutare.

Tags.:  notizia cure odontoiatriche desiderio insoddisfatto di avere figli 

Articoli Interessanti

add