Pelle: microbi primordiali vivono sugli esseri umani

Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Monaco di BavieraSi vive nel ghiaccio eterno o nelle sorgenti calde ribollenti: preforme primordiali di batteri, i cosiddetti archaea. Per molto tempo si è pensato che i sopravvissuti si sentissero a proprio agio solo in condizioni estreme fino a quando non venivano scoperti nel terreno, nell'acqua o nell'intestino umano. I ricercatori dell'Università di Ratisbona hanno ora fatto una scoperta sorprendente: gli Archaea si sentono bene anche sulla pelle umana.

Note tra astronavi e sonde spaziali

L'idea che l'archaea possa essere trovata sulla pelle umana è venuta dal Dr. Christine Moissl-Eichinger e il suo team indagano sulle camere bianche. Astronavi e sonde spaziali, ad esempio, sono assemblate in esse. Deve essere assolutamente sterile lì, quindi in realtà non dovrebbero esserci batteri e Co. in esso. Tuttavia, i ricercatori sono stati in grado di rilevare tracce di archaea nelle camere bianche. L'unica spiegazione: devono essere arrivate da persone che hanno lavorato sulla navicella spaziale.

Gli scienziati hanno raccolto campioni di tamponi di pelle umana da un totale di 58 soggetti di prova, dai bambini agli ottantenni. Archaea potrebbe essere rilevata in tutti i campioni, ma in numero molto diverso. "In alcuni si trovano pochissimi di questi microrganismi, in altri gli archei costituiscono fino al 20 percento della microflora cutanea", spiega Moissl-Eichinger a I ricercatori non hanno trovato una connessione tra l'età e la quantità di abitanti primordiali sulla pelle.

Attori globali nel ciclo dell'azoto e sulla pelle umana?

Gli Hautarchaeen appartengono al gruppo dei cosiddetti Thaumarchaeota - che normalmente svolgono un ruolo importante nel ciclo dell'azoto della terra. La pelle umana espelle costantemente anche un composto azotato, l'ammonio. "Se i microrganismi ossidano l'ammonio, ciò potrebbe influenzare la regolazione del pH della pelle", afferma Moissl-Eichinger. Ciò significa che i microbi primordiali avrebbero un ruolo importante nella salute della pelle. Non è ancora chiaro se un aumento del numero di archaea avrà un effetto positivo o negativo. Gli scienziati ora vogliono indagare su questa domanda. (via)

Fonte: Probst J.P. e Moissl-Eichinger et al.: Archaea sulla pelle umana, PLOS ONE, 2013

Tags.:  medicina palliativa medicina alternativa gravidanza 

Articoli Interessanti

add