Green Star: l'allenamento al computer migliora la vista

Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Monaco di BavieraLe persone con glaucoma spesso soffrono di difetti del campo visivo. Anche con il trattamento, il danno ai nervi e alla retina non può essere invertito. Almeno finora, perché un piccolo studio dell'ospedale universitario di Magdeburgo ora sta dando speranza.

Rileva il cambiamento di colore

Per il loro esame, il prof. Bernhard Sabel ei suoi colleghi hanno chiesto di testare 30 pazienti con glaucoma. Con loro, il campo visivo, cioè quell'area dell'ambiente che l'occhio può cogliere, era costante, quindi non si deteriorava ulteriormente. Inoltre, la pressione intraoculare era ben controllata dai farmaci. In 26 delle 30 persone esaminate, entrambi gli occhi erano affetti dalla condizione e avevano già perso la vista. L'età media dei soggetti era di 62 anni.

Per un periodo di tre mesi, i pazienti hanno completato esercizi di 30 minuti su un computer a casa due volte al giorno. La metà di loro ha completato un finto training, l'altra metà del cosiddetto Glaucoma Vision Restoration Training (gVRT). I soggetti sono stati mostrati lentamente ottenere luci più luminose e cambiamenti di colore. Non appena l'hanno visto, hanno premuto un pulsante.

Il livello di difficoltà è stato adeguato mensilmente tramite un aggiornamento online in base al progresso dell'allenamento. In media, i soggetti sono stati esposti a 500 stimoli di allenamento due volte al giorno in questo modo. L'80% di questi si presentava nell'area della retina con visione residua, il 20% nel campo visivo intatto.

Miglioramenti al 60 percento

Il successivo confronto dei due gruppi ha mostrato che la perdita della vista correlata al glaucoma non deve essere permanente. I pazienti nel gruppo gVRT hanno ottenuto risultati significativamente migliori nei test del campo visivo, riferisce il direttore dello studio Sabel. I loro tempi di reazione erano anche più veloci di quelli del gruppo placebo.

Tuttavia, l'effetto della formazione varia notevolmente tra i diplomati gVRT. Dei 15 pazienti, quattro hanno mostrato solo moderati miglioramenti tra il 3 e il 10 percento, in sei i ricercatori hanno osservato grandi aumenti (oltre il 10 percento). Il restante terzo dei partecipanti allo studio, invece, non ha potuto migliorare oggettivamente. Tuttavia, soggettivamente alcuni dei partecipanti al test avevano l'impressione di poter vedere meglio, anche se i test non lo confermavano.

Attivazione della visione residua

La maggior parte dei miglioramenti è stata ottenuta nelle aree della retina dove era ancora presente una visione residua. Gli scienziati sospettano che qui siano sopravvissute alcune cellule nervose che possono aiutare a ripristinare la vista riconnettendosi e compensando così la perdita di altre cellule. Come funziona esattamente, tuttavia, non è ancora noto.

"I nostri risultati mostrano che la cecità non deve essere irreversibile, come è sempre stato ipotizzato finora." Sabel conclude che il ripristino parziale della vista si basa su un'attivazione della visione residua attraverso la capacità del cervello di rimodellare i suoi circuiti se necessario. È quindi giustificato utilizzare la gVRT di routine nei pazienti con glaucoma con deficit del campo visivo e quindi supportare la riabilitazione.

Nervi e retina danneggiati

La stella verde è un termine collettivo per diverse malattie degli occhi che hanno una cosa in comune: il nervo ottico o la retina sono danneggiati da un'irrorazione sanguigna disturbata. Di solito, l'aumento della pressione intraoculare è il fattore scatenante della malattia. Se il glaucoma non viene trattato in tempo, può portare alla cecità completa. La probabilità di una malattia aumenta con l'età. Secondo le stime dell'Initiative Group for Glaucoma Early Detection, circa 800.000 persone in Germania soffrono di glaucoma. (sx)

Fonte: B. A. Sabel e J. Gudlin: Training Restoration Vision for GlaucomaA Trial clinico randomizzato; JAMA Oftalmolo. Pubblicato online il 6 febbraio 2014. doi: 10.1001 / jamaophthalmol.2013.7963

Tags.:  fitness sportivo primo soccorso Diagnosi 

Articoli Interessanti

add