Infezione da corona mirata per la ricerca?

Hanna Helder ha studiato lingua e letteratura tedesca all'Università Albert Ludwig di Friburgo. Oltre agli studi, ha maturato molta esperienza nel giornalismo radiofonico e cartaceo attraverso stage e lavori freelance. È alla Burda School of Journalism dall'ottobre 2018 e scrive, tra le altre cose, come tirocinante per

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Un team internazionale di ricercatori si è espresso a favore della preparazione di studi con volontari che sono stati infettati durante lo sviluppo di un vaccino contro il coronavirus. Tali considerazioni sono ancora di natura teorica. Potrebbe diventare realtà?

Un gruppo di volontari può essere infettato da un virus potenzialmente mortale per poter proteggere l'umanità da esso più rapidamente: quello che potrebbe sembrare qualcosa di un film di fantascienza, gli iniziatori della campagna "1Day Sooner" in realtà hanno in mente .

Il team guidato dallo studente di dottorato statunitense Chris Bakerlee dell'Università di Harvard è alla ricerca di persone potenzialmente disposte a contrarre il Covid-19 per accelerare lo sviluppo di un vaccino. Si sono già registrate più di 14.000 persone provenienti da oltre 100 paesi.

Differenza dagli studi precedenti

Gli studi clinici per sviluppare un vaccino consistono in diverse fasi. Prima di tutto, il principio attivo viene testato per la compatibilità, tra le altre cose, e poi per la sua efficacia. A tal fine, ad alcuni soggetti viene somministrato il principio attivo, un secondo gruppo riceve un placebo o una terapia standard. In genere, si attende quindi che un numero sufficiente di persone sottoposte al test sia stato infettato da solo con il rispettivo patogeno per poter valutare l'efficacia del candidato al vaccino.

Il problema: se un agente patogeno non è particolarmente diffuso, potrebbero essere necessarie decine di migliaia di partecipanti allo studio. Inoltre, questa fase di test può richiedere molto tempo. È qui che entra in gioco l'idea di "1Day Sooner": un'infezione mirata di persone volontarie di test con il coronavirus potrebbe accelerare la corrispondente fase di test, sostengono gli iniziatori.

Approccio controverso

Ma tali "Human Challenge Trials" - questo è il termine tecnico in lingua inglese - sono controversi tra gli scienziati. Alcuni sottolineano il grande beneficio che tali studi potrebbero avere per un'intera società. Altri esprimono preoccupazioni etiche e sottolineano gli enormi rischi per la salute che potrebbe avere l'infezione da un agente patogeno come Sars-CoV-2 ancora inesplorato sotto molti aspetti.

"In considerazione delle circostanze speciali della pandemia, il nostro modello quadro e la nostra analisi sono a favore di gettare le basi per le sfide Sars-CoV-2", scrive sulla rivista un team guidato dal primo autore Seema Shah della Northwestern University di Chicago. Scienza. Tuttavia, gli autori sottolineano anche che i rischi per i partecipanti allo studio, il personale e le terze parti devono essere ridotti al minimo.

I promotori di "1Day Sooner" si riferiscono in passato a "Human Challenge Trials" sulla loro homepage. Ad esempio, negli anni '70, i soggetti dei test negli Stati Uniti sono stati specificamente infettati dal colera per testare l'efficacia di un candidato al vaccino. In vari studi, ai volontari sono stati somministrati anche agenti patogeni della malaria.

"Lo studio di sfida sarebbe un'eccezione assoluta"

In Germania, non ci sono mai stati studi comparabili con persone infette volontariamente in questa forma, afferma lo storico della medicina Norbert Paul del Mainz University Medical Center. Ma sarebbero concepibili nell'attuale crisi della corona? In teoria sì, sia il Paul Ehrlich Institute (PEI) che un comitato etico dovrebbero approvare. Il presidente del PEI Klaus Cichutek ha recentemente dichiarato: "C'è una certa discussione tecnica sui cosiddetti Human Challenge Trials. Potremmo essere in grado di affrontarlo di nuovo in seguito. Ma non è questa la tendenza".

"Un tale studio di sfida sarebbe un'eccezione assoluta", sottolinea Joerg Hasford, presidente del gruppo di lavoro per le commissioni di etica medica in Germania, con riferimento al canone di valori tedesco. "Perché, dopo l'esperienza del Terzo Reich, in Germania abbiamo standard etici e legali molto, molto elevati". I nazionalsocialisti effettuarono crudeli esperimenti medici sui prigionieri nei campi di concentramento.

Musica futura

Una "Sfida umana" per testare un vaccino contro la corona è comunque molto lontana. Solo una piccola parte degli oltre 100 progetti di vaccini attualmente in corso in tutto il mondo viene testata in studi clinici con volontari. Supponendo che tu volessi pianificare una "Sfida umana" in Germania, secondo Hasford, che richiederebbe un po' di tempo: "Meno di sei mesi non è certamente realistico". (hh/papa)

Tags.:  gravidanza la salute delle donne droghe 

Articoli Interessanti

add