metronidazolo

Aggiornato il

Benjamin Clanner-Engelshofen è uno scrittore freelance nel dipartimento medico di Ha studiato biochimica e farmacia a Monaco e Cambridge/Boston (USA) e ha notato presto che gli piaceva particolarmente l'interfaccia tra medicina e scienza. Ecco perché ha continuato a studiare medicina umana.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Il principio attivo metronidazolo è uno degli antibiotici più importanti che vengono utilizzati nelle infezioni batteriche con germi anaerobici. Il metronidazolo viene utilizzato anche sotto forma di creme o gel per la rosacea. Appartiene al gruppo dei principi attivi dei nitroimidazoli ed è ora contenuto in numerosi farmaci. Qui puoi leggere tutto ciò che devi sapere sull'uso e l'effetto del metronidazolo, gli effetti collaterali e le controindicazioni.

Ecco come funziona il metronidazolo

Il metronidazolo è un antibiotico. A seconda della dose, può uccidere i batteri anaerobici (batteri che possono o devono vivere in un ambiente privo di ossigeno) e anche alcuni protozoi animali, che possono causare malattie nell'uomo. Applicato localmente sulla pelle, ha anche un effetto antinfiammatorio nella malattia della pelle rosacea.

Dopo l'ingestione, il metronidazolo si accumula nei batteri anaerobi e nei protozoi. Solo speciali enzimi all'interno dei germi convertono la sostanza nei composti effettivamente attivi che danneggiano il corredo genetico dell'agente patogeno. Questo provoca la morte dei germi.

Il metronidazolo non ha quasi alcun effetto sui batteri amanti dell'ossigeno o sulle cellule umane.

Assorbimento, scomposizione ed escrezione

Dopo l'ingestione orale, l'antibiotico è quasi completamente (quasi il 100%) assorbito dall'intestino nel corpo. Occorrono circa otto ore affinché metà del principio attivo venga scomposta ed espulsa (principalmente attraverso i reni).

Se il metronidazolo viene somministrato per via rettale sotto forma di supposte, circa l'80% del principio attivo entra nel sangue. Se usato per via vaginale, è solo circa il 20 percento.

Quando si usa il metronidazolo?

L'antibiotico è usato per trattare le infezioni da batteri anaerobi (soprattutto nelle zone vaginale, gastrointestinale, dell'orecchio, del naso e della gola) e per prevenirle durante le operazioni.

Il metronidazolo è anche usato per le infezioni causate da protozoi patogeni come tricomonadi (tricomoniasi), amebe (amebiasi) o giardia (giardiasi / lambliasi).

La crema o il gel di metronidazolo viene utilizzato localmente per malattie della pelle come la rosacea (rosa di rame) e l'infiammazione intorno alla zona della bocca (dermatite periorale). Le ragioni: da un lato, l'antibiotico ha anche proprietà antinfiammatorie. D'altra parte, tali malattie della pelle sono talvolta associate a determinati tipi di batteri che l'antibiotico può uccidere. L'uso a lungo termine può anche essere considerato qui.

Ecco come si usa il metronidazolo

La forma di dosaggio più comune di metronidazolo per le infezioni interne è compresse o capsule. Esistono anche supposte vaginali appositamente progettate per le infezioni vaginali. In caso di infezioni gravi, l'antibiotico viene somministrato per infusione (endovenosa) in ospedale.

La crema e il gel di metronidazolo sono disponibili per il trattamento delle malattie della pelle.

Quando si utilizza l'antibiotico, i pazienti devono attenersi rigorosamente alle istruzioni del medico relative al dosaggio e alla durata dell'uso. In caso contrario, possono verificarsi ricadute.

Quali sono gli effetti collaterali del metronidazolo?

Durante la terapia con metronidazolo, nausea e dolore addominale (come pressione allo stomaco) si verificano molto frequentemente (cioè in più di una persona su dieci trattata).

Spesso (cioè in una persona su dieci-cento trattate) gli effetti collaterali del metronidazolo includono sapore metallico in bocca, vomito, diarrea e colore scuro delle urine (dovuto ai prodotti di degradazione del principio attivo).

Sono possibili anche mal di testa, vertigini e parestesie (parestesie).

Cosa dovrebbe essere considerato quando si usa il metronidazolo?

L'alcol deve essere evitato durante la terapia con metronidazolo. Diversamente, anche piccole quantità di alcol possono provocare arrossamenti della pelle, nausea, vomito e vertigini.

Controindicazioni

Non ci sono controindicazioni al metronidazolo nelle infezioni potenzialmente letali. In caso di nota ipersensibilità al principio attivo, grave danno epatico, disturbi della formazione del sangue e malattie del sistema nervoso, è necessario prestare attenzione durante l'uso.

Interazioni

Quando il metronidazolo viene utilizzato contemporaneamente a vari altri medicinali, sono prevedibili interazioni. Ad esempio, l'antibiotico può aumentare l'efficacia degli anticoagulanti orali (warfarin, fenprocumone).

Al contrario, i farmaci per l'epilessia con il principio attivo fenitoina possono ridurre l'effetto del metronidazolo. Ulteriori interazioni sono possibili con l'uso simultaneo di litio (per malattie maniaco-depressive, ecc.), barbiturici (sonniferi e sedativi) e cimetidina (per bruciore di stomaco, ulcere gastrointestinali, ecc.).

Limite di età

Nei bambini di età inferiore a 6 anni, le forme di dosaggio orali (ad es. compresse) devono essere evitate a causa delle possibili difficoltà di deglutizione. Le supposte, ad esempio, sono disponibili per questa fascia di età.

L'efficacia dell'applicazione topica come crema o gel non è stata stabilita nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 18 anni. Il suo uso non è quindi raccomandato qui.

periodo di gravidanza e allattamento

Finora non ci sono prove certe che il metronidazolo abbia effetti dannosi sui bambini nell'utero. Tuttavia, per precauzione, non deve essere usato durante la gravidanza, a meno che non sia assolutamente necessario.

L'uso dell'antibiotico è anche considerato con molta attenzione durante l'allattamento. Se è indicato il trattamento con metronidazolo, non è necessario interrompere l'allattamento.

Come ottenere farmaci con metronidazolo

Indipendentemente dalla forma di dosaggio, il principio attivo richiede una prescrizione in Germania, Austria e Svizzera ed è disponibile solo in farmacia.

Da quando è noto il metronidazolo?

Il metronidazolo è stato sviluppato per la prima volta nel 1959 come agente antiprotozoico basato su un antibiotico naturale prodotto da batteri del genere Streptomices viene prodotto (azomicina).

L'efficacia antibatterica del metronidazolo fu scoperta per caso nel 1962, quando il principio attivo liberò un paziente sia dalla sua infezione da protozoi che dalla sua gengivite batterica.

Tags.:  medicina di viaggio alcool droghe medicina palliativa 

Articoli Interessanti

add