Vaccinazioni - attive e passive

e Sabine Schrör, giornalista medico

Sabine Schrör è una scrittrice freelance per il team medico di Ha studiato economia aziendale e pubbliche relazioni a Colonia. In qualità di editor freelance, è a suo agio in un'ampia varietà di settori da oltre 15 anni. La salute è una delle sue materie preferite.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Sia l'immunizzazione attiva che quella passiva rendono il corpo impermeabile (immune) a un particolare agente patogeno. Qui puoi scoprire esattamente come funziona, in che modo la vaccinazione attiva e passiva differiscono l'una dall'altra e cos'è la vaccinazione simultanea!

Immunizzazione attiva

Con l'immunizzazione attiva, il corpo sano viene messo in contatto consapevolmente e specificamente con un agente patogeno in modo che produca specifiche sostanze di difesa (anticorpi) contro l'intruso. Quindi diventa attivo da solo e quindi si arma contro un'infezione "reale" con l'agente patogeno in questione - questo può quindi essere rapidamente respinto dagli anticorpi appropriati disponibili.

La produzione di anticorpi specifici dopo una vaccinazione attiva di solito richiede almeno una o due settimane. In cambio, questi anticorpi sono spesso efficaci e rilevabili per anni e decenni. Inoltre, il corpo crea cellule della memoria (linfociti B), che possono riprodurre anticorpi adeguati in qualsiasi momento quando entrano in contatto con l'agente patogeno.

Con i vaccini moderni, i patogeni somministrati vengono dosati con precisione. Sono anche indeboliti (vaccino vivo) o uccisi (vaccino morto) prima della vaccinazione. A volte vengono vaccinati solo singoli componenti caratteristici di un agente patogeno (anche vaccino morto). Tutti questi vaccini moderni sono generalmente ben tollerati e molto raramente causano effetti collaterali.

I vaccini vivi vengono iniettati contro il morbillo, la parotite e la rosolia, per esempio. Al contrario, viene somministrato un vaccino morto per la vaccinazione contro il tetano e la pertosse.

Chi ha inventato l'immunizzazione attiva?

Il principio dell'immunizzazione attiva può essere fatto risalire al greco Tucidide (400 aC). Osservò che alcuni ateniesi sopravvissuti a una malattia della peste non si ammalarono più nelle successive epidemie di peste. Come risultato di tali osservazioni, le persone nelle antiche culture dell'Asia sono state deliberatamente messe in contatto con le croste e le secrezioni fluide dei sintomi della pelle tipici del vaiolo. Questo processo è noto come variolazione. In Europa la variolazione fu introdotta solo all'inizio del XVIII secolo dal medico scozzese Maitland.

Immunizzazione passiva

Con una vaccinazione passiva, il corpo viene iniettato con anticorpi finiti contro un agente patogeno. Il proprio sistema immunitario non è coinvolto nell'immunizzazione: non forma anticorpi, quindi rimane passivo.

Gli anticorpi iniettati provengono da esseri umani o da animali che sono stati essi stessi attivamente vaccinati o hanno già attraversato la rispettiva infezione e di conseguenza hanno prodotto anticorpi specifici contro l'agente patogeno.

Una vaccinazione passiva viene solitamente somministrata quando il corpo è già stato infettato dall'agente patogeno che causa la malattia e quindi non c'è più tempo sufficiente per l'immunizzazione attiva. Gli anticorpi iniettati agiscono immediatamente e possono distruggere l'agente patogeno invasore in brevissimo tempo. Tuttavia, vengono scomposti dall'organismo nel tempo (perché sono sostanze estranee). Questo è il motivo per cui la protezione vaccinale dura solo per un massimo di tre mesi dopo l'immunizzazione passiva.

Il principio dell'immunizzazione passiva funziona già nell'utero: la madre trasferisce i propri anticorpi al nascituro nell'utero, in modo che il bambino sia protetto da molte malattie nelle prime settimane di vita (la cosiddetta protezione del nido).

L'immunizzazione passiva è possibile, ad esempio, nel caso del tetano e della rabbia.

Vaccinazione simultanea

L'immunizzazione attiva e passiva può anche essere combinata. Lo scopo di tale vaccinazione simultanea è ottenere una protezione immediata e rapida attraverso l'immunizzazione passiva e un'immunità di lunga durata attraverso l'immunizzazione attiva. La vaccinazione simultanea attiva e passiva viene utilizzata, ad esempio, quando esiste il rischio di tetano e rabbia.

Tags.:  rimedi casalinghi a base di erbe medicinali la salute delle donne Salute dell'uomo 

Articoli Interessanti

add