Disturbo dell'andatura

Dott. med. Fabian Sinowatz è un freelance nel team editoriale medico di

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Un disturbo dell'andatura si verifica quando la velocità dell'andatura viene ridotta o il modello dell'andatura viene modificato in modo anomalo. Un disturbo dell'andatura dovrebbe essere sempre preso sul serio, poiché dietro possono esserci malattie gravi. D'altra parte, i disturbi dell'andatura possono avere conseguenze drammatiche per la vita di una persona colpita, poiché la perdita di mobilità minaccia la persona colpita con una perdita di indipendenza, che limita gravemente la sua qualità di vita. Qui puoi leggere tutto ciò che devi sapere sulle cause e sul trattamento dei disturbi dell'andatura.

Disturbo dell'andatura: descrizione

I disturbi dell'andatura possono variare in gravità. Mentre una leggera zoppia a volte è appena percettibile, gravi disturbi dell'andatura possono anche rendere completamente impossibile la deambulazione e quindi limitare enormemente la mobilità della persona interessata. I medici parlano di un disturbo dell'andatura quando l'andatura di una persona si discosta significativamente dalla norma in termini di velocità dell'andatura o modello di andatura. Mentre i giovani camminano a una velocità di circa 2,5 metri al secondo quando camminano normalmente, è solo di circa 1,5 metri al secondo per gli anziani. Ma questo deve ancora essere visto come un normale sviluppo dell'età. Tuttavia, se la velocità di camminata è significativamente inferiore, potrebbe trattarsi di un disturbo della deambulazione.

Oltre alla velocità, anche il modello di andatura può essere evidente. Normalmente, il modello di andatura dovrebbe apparire "armonico", cioè camminare dovrebbe rappresentare un movimento fluido e simmetrico nel complesso. Oscillare le braccia con te fa parte di un modello di andatura armonioso. Un'andatura normale è anche caratterizzata dal fatto che i piedi hanno una distanza normale l'uno dall'altro, la lunghezza del passo è normale e la pianta del piede non è né troppo alta né troppo poco quando si cammina quando il piede viene spostato in avanti.

Poiché camminare è solitamente intuitivo, la maggior parte delle persone non si preoccupa dei complessi processi nel sistema nervoso e nei muscoli che sono effettivamente necessari per camminare normalmente. L'organo dell'equilibrio, la propria percezione (inconscia) del movimento, l'informazione attraverso gli occhi e il controllo preciso dei muscoli sono particolarmente importanti per un'andatura indisturbata. Un disturbo in una di queste aree può portare a un disturbo dell'andatura.

Disturbo dell'andatura: cause e possibili malattie

Ci sono molte cause per un disturbo dell'andatura. Fondamentalmente, la maggior parte dei disturbi dell'andatura può essere ricondotta a due cause principali: un disturbo del senso dell'equilibrio o un disturbo dell'apparato muscolo-scheletrico.

In alcuni casi ci sono diverse cause che portano a un disturbo dell'andatura (disturbo dell'andatura multifattoriale). Di seguito scoprirai perché il senso dell'equilibrio è così importante per un'andatura normale e perché i disturbi dell'apparato muscolo-scheletrico possono portare a disturbi dell'andatura. Una volta compresa questa origine comune dei disturbi dell'andatura, è molto più facile comprendere la moltitudine di possibili cause di un disturbo dell'andatura.

Senso dell'equilibrio compromesso

Affinché una persona possa stare in piedi e camminare eretta, ha bisogno di un intatto senso dell'equilibrio. Se questo manca, possono verificarsi disturbi della deambulazione e cadute.

Tre sistemi di percezione del corpo sono principalmente coinvolti nel senso dell'equilibrio: gli occhi (sistema visivo), l'organo dell'equilibrio nell'orecchio interno (sistema dell'equilibrio) e le informazioni dalla periferia del corpo, che vengono trasmesse attraverso i tratti nervosi e il midollo spinale a importanti centri sensoriali e motori nel cervello e lì elaborati (sistema propriocettivo).

Se uno di questi tre sistemi si guasta, i due sistemi rimanenti possono spesso compensare ciò, in modo che il senso dell'equilibrio sia solo leggermente disturbato. Tuttavia, se due dei sistemi sono interessati, inevitabilmente si verifica uno squilibrio. Tutti questi processi hanno in comune il fatto che di solito si svolgono inconsciamente e si diventa consapevoli della loro esistenza solo quando non funzionano più come al solito.

  • Sistema visivo: il cervello riceve costantemente informazioni sulla posizione del corpo nello spazio attraverso gli occhi. Queste informazioni vengono elaborate nel cervello e contribuiscono in modo significativo a stabilizzare la posizione eretta. Molti squilibri sono evidenti solo quando le persone colpite chiudono gli occhi e perdono l'equilibrio quando queste informazioni vengono perse.
  • Sistema di equilibrio: l'organo dell'equilibrio si trova nell'orecchio interno. Registra le rotazioni così come l'accelerazione e la decelerazione del corpo. Ognuno ha un organo di equilibrio nell'orecchio interno destro e sinistro. Per un normale senso di equilibrio è importante che gli organi dell'equilibrio su entrambi i lati siano intatti. Se uno dei due fallisce, emergeranno informazioni contraddittorie. Questo può disturbare seriamente il senso dell'equilibrio e causare vertigini.
  • Sistema propriocettivo: si intende il senso del tatto e le informazioni provenienti dalla periferia corporea sulla posizione del corpo nello spazio. All'inizio sembra complicato, ma in realtà è abbastanza semplice: per il senso dell'equilibrio, è essenziale che le informazioni dal corpo vengano costantemente trasmesse al cervello attraverso i tratti nervosi e il midollo spinale e lì elaborate. Ci sono minuscoli sensori nella pelle, nei muscoli e nelle articolazioni che riportano continuamente informazioni sulla posizione del corpo al cervello. Anche se una persona sta solo in piedi immobile su entrambe le gambe, sono necessari movimenti correttivi minimi dei muscoli per mantenere una posizione sicura. Per un'andatura normale, le informazioni devono essere registrate ed elaborate in ogni momento in modo che il cervello possa pianificare la giusta quantità di forza muscolare per il passo successivo. Il sistema propriocettivo può essere danneggiato nell'area dei tratti nervosi periferici così come nel midollo spinale o anche nei centri importanti del cervello.

Disturbo muscoloscheletrico

Affinché una persona possa camminare normalmente, dipende da un sistema muscoloscheletrico funzionante oltre che da un senso di equilibrio. Ciò significa che la sua forza muscolare è sufficiente e la mobilità non è limitata dalla normale funzione articolare. Se la forza muscolare è troppo bassa, il movimento normale è possibile solo in misura limitata.

Un muscolo si muove solo quando è stimolato a farlo da un impulso nervoso. In caso di debolezza muscolare, la causa può risiedere da un lato nel muscolo stesso. Tuttavia, può anche essere causato da un problema nei tratti nervosi che attivano il muscolo. Se un'articolazione non si muove normalmente, blocca il movimento.

Molto spesso un'articolazione è danneggiata da segni di usura o da un'infiammazione cronica, il che significa che non può più essere spostata normalmente. Nei disturbi dell'andatura sono particolarmente importanti i problemi ai muscoli e alle articolazioni del piede, della gamba e delle anche.

Panoramica delle cause comuni dei disturbi dell'andatura

Al fine di ottenere un certo ordine nelle numerose possibili cause di un disturbo dell'andatura, ha senso una suddivisione in ragioni neurologiche, ortopediche e psicogene del disturbo dell'andatura. Queste aree certamente si sovrappongono abbastanza spesso, così che, ad esempio, un disturbo dell'andatura può essere assegnato non solo a una, ma spesso a molte di queste tre categorie.

Ragioni neurologiche per un disturbo dell'andatura

Questa categoria include principalmente le malattie del cervello e del sistema nervoso in cui può verificarsi un disturbo dell'andatura:

morbo di Parkinson

Tipico per la malattia di Parkinson è un piccolo passo, un'andatura protesa in avanti.

sclerosi multipla

Nella sclerosi multipla, in particolare, si verificano disturbi dell'equilibrio, che portano a un'andatura instabile.

polineuropatia

Polineuropatia è un termine generico per il danno ai nervi periferici, ad esempio dovuto a diabete (diabete mellito), alcol, farmaci, ecc. Un tipico modello di andatura è un'andatura in cui le punte dei piedi si abbassano quando si cammina e quindi i piedi devono essere sollevati soprattutto. (Camminata della cicogna / camminata del passo).

Danni all'orecchio interno

I danni a uno dei due organi di equilibrio nell'orecchio interno, ad esempio dovuti a farmaci, infiammazioni o malattie come la malattia di Menière, portano a disturbi dell'equilibrio e vertigini.

Carenza di vitamine

Ad esempio, una mancanza di vitamina B12 può portare a mielosi funicolare, in cui, oltre alla parestesia alle braccia e alle gambe, si verificano anche disturbi dell'andatura.

ictus

Il danno al cervello da un ictus può portare a varie forme di disturbo dell'andatura, a seconda dell'area del cervello interessata.

Effetti collaterali dei farmaci

I farmaci che agiscono sul cervello, come neurolettici, antiepilettici e benzodiazepine, possono essere la causa di un disturbo dell'andatura.

Tumore cerebrale /
Tumore del midollo spinale

A seconda della posizione del tumore, le funzioni sensoriali e / o motorie sono disturbate.

Malattie infiammatorie

Ad esempio, con la borreliosi nel sistema nervoso centrale (neuroborreliosi), sono possibili disturbi del movimento come i disturbi dell'andatura.

Ingrossamento dei ventricoli cerebrali a causa dell'aumento della pressione del liquido cerebrospinale

Malattie in cui l'acqua nervosa preme sulle cellule nervose nel cervello e quindi le danneggia, possono causare disturbi dell'andatura ("Hakim Trias"). Esempi sono il cosiddetto pseudotumor cerebri o idrocefalo a pressione normale.

alcolismo

Il consumo cronico di alcol provoca danni cerebrali (sindrome di Wernicke-Korsakoff).

Motivi ortopedici per un disturbo dell'andatura

Questa categoria comprende principalmente i disturbi muscoloscheletrici che possono portare a disturbi dell'andatura:

Usura articolare (artrosi)

L'osteoartrite può limitare gravemente la mobilità di un'articolazione e quindi portare a disturbi dell'andatura, specialmente se sono interessate ginocchia, anche o caviglie.

Stenosi spinale

Quando il canale spinale viene ristretto dalle strutture ossee, si verifica un forte dolore quando si cammina (soprattutto in discesa).

Malattie reumatiche

Le malattie del cosiddetto gruppo reumatico possono rendere impossibile l'andatura normale a causa della distruzione articolare e del dolore cronico.

Debolezza muscolare

Le malattie ereditarie con debolezza muscolare (distrofia muscolare, distrofia muscolare miotonica, ecc.) sono le principali responsabili dei disturbi dell'andatura.

prolasso del disco

Un'ernia del disco (prolasso del disco) spesso significa un forte dolore per le persone colpite, che di conseguenza possono anche sviluppare disturbi dell'andatura.

Malattia arteriosa periferica

Non una malattia ortopedica in senso stretto: i disturbi circolatori causano dolore alle gambe, il che significa che le persone colpite possono percorrere solo brevi distanze.

Spasticità muscolare

Un aumento della tensione muscolare (tono muscolare) può derivare da un danno al cervello e rendere difficile la normale deambulazione.

lesioni

Ad esempio, una frattura del collo del femore è molto spesso causa di un problema di deambulazione in età avanzata.

Ragioni psicologiche per un disturbo dell'andatura (disturbo dell'andatura psicogeno)

Oltre alle ragioni fisiche sopra menzionate per un disturbo dell'andatura, anche i problemi emotivi possono essere responsabili di un'andatura disturbata. Le malattie mentali sottostanti sono molto diverse. Il disturbo dell'andatura psicogena divenne noto attraverso il lavoro di ricerca su coloro che tornavano dalla guerra dopo la prima guerra mondiale.

Alcuni rimpatriati dalla guerra erano così traumatizzati dagli eventi della guerra che mostravano disturbi dell'andatura cospicui e molto bizzarri. Questa traumatizzazione dei soldati oggi sarebbe chiamata disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

Un disturbo dell'andatura psicogena non si verifica solo nel contesto del disturbo da stress post-traumatico. Le cause psicologiche possono essere molto diverse. Tuttavia, hanno tutti in comune il fatto che non sono principalmente causati da un malfunzionamento del sistema nervoso o del sistema muscolo-scheletrico, ma sono in realtà principalmente di natura psicologica.

Spesso la gravità del disturbo dell'andatura nei disturbi dell'andatura psicogena può fluttuare molto fortemente (fluttuazione). Può capitare che in alcuni giorni un'andatura normale non sia affatto possibile, mentre dopo alcuni giorni l'andamento del passo è poco o per niente alterato. I disturbi dell'andatura psicogena non sono stati ancora adeguatamente studiati, quindi la terapia è spesso difficile. In alcuni casi, è possibile ottenere un miglioramento attraverso il trattamento ospedaliero con approcci fisioterapici e comportamentali.

Disturbi dell'andatura: quando consultare un medico?

Un disturbo dell'andatura può verificarsi in numerose malattie. Per molti di questi, una diagnosi e un trattamento tempestivi possono impedire il progredire della malattia. Oltre a ciò, i disturbi dell'andatura possono essere il risultato di malattie gravi e potenzialmente letali. Questo è particolarmente vero se il disturbo dell'andatura si verifica improvvisamente e non c'è una causa evidente (come usura articolare e dolore). Pertanto, se hai un disturbo acuto dell'andatura, dovresti consultare immediatamente un medico.

Se la normale camminata non è più possibile, limita estremamente una persona nella sua vita quotidiana. Molte persone con disturbi dell'andatura hanno spesso molta paura di cadere, il che può peggiorare ulteriormente i loro problemi di deambulazione. Pertanto, un disturbo dell'andatura è anche una causa comune di solitudine e isolamento sociale quando le persone colpite non possono più uscire di casa. Spesso può essere trattato (a seconda della causa). Per fare ciò, tuttavia, è prima necessario che il medico trovi la causa del disturbo dell'andatura.

Disturbi dell'andatura: cosa fa il medico?

Nel caso di un disturbo dell'andatura, dipende dalla causa sospetta che il medico è la persona giusta da contattare. Se i disturbi dell'andatura sono più neurologicamente causati da danni al sistema nervoso (tratto nervoso, cervello, midollo spinale), uno specialista in neurologia può aiutarti.

Se invece si tratta di un evidente disturbo dell'apparato locomotore (ad esempio un problema articolare), uno specialista in ortopedia è un referente adatto. Se vai prima dal tuo medico di famiglia, di certo non sbagli. Se necessario, ti indirizzerà allo specialista appropriato.

Anamnesi (anamnesi)

All'inizio della visita dal medico, c'è una discussione dettagliata tra il paziente e il medico, attraverso la quale si possono ottenere importanti informazioni sulla causa del disturbo dell'andatura. Il medico ti farà una serie di domande. Per esempio:

  • Da quanto tempo hai il disturbo dell'andatura?
  • Il disturbo dell'andatura si è manifestato all'improvviso o lentamente?
  • Il disturbo della deambulazione è sempre presente o i sintomi cambiano?
  • In quali situazioni si verifica il disturbo dell'andatura?
  • Hai dolore quando cammini? Se sì, dove?
  • Prendi qualche medicinale? Se sì, quale?
  • Hai malattie pregresse (es. infarto, ictus, malattie ortopediche)?
  • Oltre ai disturbi dell'andatura, hai altri disturbi come vertigini o disturbi sensoriali alle braccia o alle gambe?

Esame fisico

Gli esami fisici, ortopedici e neurologici sono particolarmente importanti nel caso di un disturbo dell'andatura. Innanzitutto, il dottore ti guarda mentre cammini. Osservando lo schema dell'andatura, il medico può valutare approssimativamente che tipo di disturbo dell'andatura sei.

Inoltre, viene utilizzato il "Timed up and go test" (tempo impiegato per alzarsi e camminare).Ti verrà chiesto di alzarti da una sedia, camminare per tre metri e poi sederti sulla sedia. Il medico misura il tempo di cui hanno bisogno per questo. Di solito non ci vogliono più di 20 secondi per completare questo esercizio. Se dura più di 30 secondi, questo dovrebbe essere valutato come cospicuo e probabile un disturbo dell'andatura.

Il prossimo passo è mettere alla prova il tuo senso di equilibrio. Ciò si ottiene, tra l'altro, con il cosiddetto "tentativo in piedi di Romberg". Viene chiesto loro di allungare le braccia in avanti stando in piedi e di chiudere gli occhi quando richiesto.

Se hai problemi di equilibrio quando chiudi gli occhi e inizi a barcollare, questo indica un'interruzione della trasmissione delle informazioni nel midollo spinale, che porta a un disturbo dell'equilibrio ("atassia spinale"). Se hai già problemi a fare questo esercizio con gli occhi aperti e chiudere gli occhi non influisce sulla stabilità della tua postura, questo è più un'indicazione di un danno al cervelletto.

Un'altra indagine è "Unterberger Tretversuch". Ti alzi in modo simile al tentativo in piedi di Romberg e chiudi gli occhi. Inoltre, dovrebbero intervenire circa 50 volte e cercare di mantenere la stessa posizione.

Dopo l'esercizio, si determina di quanto ha girato la sua posizione in una direzione pedalando. Si nota una rotazione di oltre 45 gradi rispetto alla posizione di partenza e indica un danno al cervelletto o all'organo di equilibrio. Oltre a valutare lo schema del passo e il senso dell'equilibrio, il medico esegue anche un esame neurologico generale. Valuta i riflessi, la forza muscolare e la sensibilità.

Ulteriori indagini

L'anamnesi e l'esame obiettivo forniscono al medico preziose informazioni sulla possibile causa del disturbo dell'andatura. Se necessario, sono necessari ulteriori esami per poter fare una diagnosi affidabile. Altri esami per chiarire un disturbo dell'andatura includono:

  • Tomografia computerizzata (TC) o risonanza magnetica (MRI)
  • Misurazione della velocità di conduzione nervosa con l'elettroneurografia (ENG)
  • Esame del sangue e/o del fluido nervoso (liquore)
  • Misurazione delle onde cerebrali (elettroencefalografia, EEG)
  • Misurazione della conduzione nervo-muscolare (elettromiografia, EMG)
  • Test della vista, test dell'udito

Terapie

Una volta determinata la causa del disturbo dell'andatura, il medico ti spiegherà quale terapia è necessaria. Il trattamento del disturbo dell'andatura dipende interamente dalla causa sottostante. Mentre alcune cause (come la carenza di vitamine o gli effetti collaterali dei farmaci) sono a volte reversibili, altre malattie riguardano più l'arresto della progressione (Parkinson, sclerosi multipla).

Occasionalmente è necessario un intervento chirurgico, soprattutto con cause ortopediche. In molti casi, misure di terapia di supporto come fisioterapia (fisioterapia) e metodi di trattamento fisico (come bagni ginnici, massaggi, applicazioni di calore, ecc.) sono utili in caso di disturbi dell'andatura al fine di rafforzare la forza muscolare e migliorare la coordinazione del movimento.

Disturbi dell'andatura: puoi farlo da solo

In caso di disturbi dell'andatura, puoi anche avere un'influenza positiva sui sintomi attraverso il tuo impegno. Come per molte altre malattie, è importante mantenere uno stile di vita sano con un'attività fisica sufficiente. L'allenamento regolare dei muscoli e il senso dell'equilibrio sono estremamente importanti nei disturbi dell'andatura: questo può ridurre notevolmente la gravità di un disturbo dell'andatura, anche se si tratta di una causa per la quale attualmente non esiste una cura (ad esempio, il morbo di Parkinson).

Come parte del trattamento di un disturbo dell'andatura, la fisioterapia ti insegna alcuni esercizi di deambulazione. Questi dovrebbero essere fatti regolarmente a casa. Anche se il progresso è lento e “passo dopo passo” nel vero senso della parola. Rafforzando e mobilitando le riserve esistenti, i difetti del sistema nervoso possono spesso essere compensati.

Oltre agli esercizi di deambulazione, sono consigliati esercizi di ginnastica e passeggiate regolari e facili da eseguire per la maggior parte delle persone. In particolare, l'allenamento della deambulazione attraverso il "Nordic Walking" può essere molto efficace. I bastoncini da nordic walking proteggono anche dalle cadute. Un consumo consapevole e prudente di alcol fa parte di uno stile di vita sano.

Nel caso di un disturbo dell'andatura esistente, l'alcol dovrebbe essere evitato del tutto, poiché l'alcol danneggia il cervello e i tratti nervosi. La polineuropatia causata dal diabete mellito (diabete) è una delle cause più comuni di un disturbo dell'andatura. Se il diabete viene scoperto e curato in tempo da un medico, spesso si possono evitare gravi conseguenze come un disturbo dell'andatura.

Importante per i disturbi dell'andatura: profilassi anticaduta

In una certa misura, anche le cadute sono evitabili. Non solo rappresentano un rischio di lesioni gravi, ma spesso portano anche alla paura di camminare. Per paura di un'altra caduta, le persone colpite evitano sempre di più di camminare, per cui le loro riserve fisiche diminuiscono continuamente. Inoltre, escono di casa sempre meno e talvolta possono trovarsi in un isolamento sociale, che ha un effetto particolarmente negativo sulla prognosi complessiva.

Se una persona con un disturbo dell'andatura è già caduta o potrebbe verificarsi una caduta in qualsiasi momento, è necessario adottare sempre misure preventive per ridurre al minimo il rischio di caduta e le possibili conseguenze di una caduta.

Ad esempio, speciali pantaloni imbottiti ("protezioni per l'anca") possono proteggere le articolazioni dell'anca e il femore da una frattura in caso di caduta. Ulteriori consigli e informazioni su come arredare la propria casa per evitare cadute se si soffre di un disturbo dell'andatura si trovano su Internet in abbondanza. Ad esempio, l'associazione "Vita senza barriere e.V.“Ad Amburgo offre consulenza online gratuita su come ridurre il rischio di caduta in casa propria.

Tags.:  notizia droghe fumare 

Articoli Interessanti

add