Carne rossa - fa male al cuore

Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Monaco di BavieraSchnitzel, salsicce, bistecca - chi mangia molta carne rossa danneggia i suoi vasi. A lungo termine, c'è il rischio di ictus e infarto. I batteri intestinali giocano un ruolo decisivo in questo contesto.

La carne rossa contiene una sostanza chiamata L-carnitina. Per molto tempo si è pensato che la L-carnitina fosse soprattutto salutare: stimola il metabolismo dei grassi e fa bene ai muscoli. Tuttavia, alcuni batteri intestinali convertono la L-carnitina nel cosiddetto trimetil-N-ossido (TMAO in breve). E questo favorisce l'arteriosclerosi, cioè la calcificazione dei vasi.

Vasi calcificati

Ora il dott. Oltre al TMAO, Stanley Hazen e i suoi colleghi del Lerner Research Institute e del Miller Family Heart and Vascular Institute della Cleveland Clinic hanno scoperto un'altra sostanza più importante che viene prodotta quando i microbi intestinali scompongono la L-carnitina: la gamma-butirrobetaina, che è 100 volte più alta Viene prodotta la quantità - e anche i vasi sono ristretti e irrigiditi. Negli esperimenti con i topi, era la sostanza più comune in cui la L-carnitina veniva scomposta nell'intestino dei roditori.

Nuovi farmaci?

Questa scoperta potrebbe fornire nuovi approcci per le terapie che prevengono le malattie cardiovascolari, secondo i ricercatori. Ad esempio, nuovi farmaci potrebbero bloccare alcuni enzimi nei batteri che convertono la L-carnitina in gamma-butirrobetaina. È ovviamente più facile limitare il consumo di carne rossa prima che si sviluppi l'arteriosclerosi. Il World Cancer Research Fund raccomanda di non superare i 300 grammi di carne rossa a settimana. Non solo i vasi sanguigni soffrono di un consumo eccessivo di carne rossa, ma aumenta anche il rischio di vari tumori come il cancro del colon.

In questo contesto, sembra preoccupante che noi tedeschi consumiamo una media di 60 chilogrammi di carne all'anno. Se non vuoi ridurre completamente il consumo di carne, dovresti passare al pollame. Perché è significativamente più povero di L-carnitina. (via)

Fonte: Hazen S.L. et al.: la g-butirrobetaina è un intermedio proaterogeno nel metabolismo microbico intestinale della L-carnitina in TMAO. Metabolismo cellulare. 2014.

Tags.:  rivista sintomi Ospedale 

Articoli Interessanti

add