Infarto: doppio controllo del rischio

Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Monaco di BavieraI depositi nei vasi sanguigni sono pericolosi. Se si staccano, può verificarsi un attacco di cuore. Ma alcune di queste placche si strappano particolarmente facilmente. L'entità del rischio in realtà può essere stimata solo combinando diversi metodi di imaging.

Per lo studio, David A. Bluemke e i suoi colleghi del National Institutes of Health Clinical Center di Bethesda hanno valutato i risultati dei test di 946 partecipanti che inizialmente non mostravano sintomi di malattie cardiovascolari.

Aumento del rischio di infarto

Lo studio si è basato sulla risonanza magnetica e sulle immagini ecografiche prese delle arterie carotidi dei soggetti. Questi grandi vasi corrono attraverso il collo e forniscono sangue alla parte anteriore del cervello. Si trovano appena sotto la pelle e possono quindi essere esaminati molto bene.

I detriti che si staccano in quest'area possono causare un ictus. La condizione delle arterie carotidi riflette anche la condizione delle arterie coronarie sottostanti che irrorano il muscolo cardiaco. Tuttavia, le placche depositate al loro interno possono causare un infarto se si staccano.

Strutture fragili

È noto da tempo che non solo lo spessore delle placche è determinante per il rischio, ma anche la loro struttura. Alcuni depositi sono più fragili e si demoliscono più rapidamente. Questo è il caso, ad esempio, se all'interno dei depositi è presente un nucleo lipidico più grande, separato dall'interno del vaso solo da un sottile strato di tessuto connettivo (cappuccio fibroso).

Il team di Bluemke è ora in grado di rilevare tali strutture sospette combinando i due metodi di imaging. Hanno confrontato i risultati con l'infarto, l'ictus e i successivi decessi verificatisi entro 5,5 anni dallo studio.

Pazienti identificati ad alto rischio

Un totale di 59 pazienti ha subito un infarto o ictus durante il periodo di studio. Oltre alla forza dell'ispessimento, anche la struttura dei depositi si è rivelata infatti determinante per il rischio. Un nucleo lipidico è stato trovato all'interno dell'ispessimento della parete in quasi il 50% dei pazienti con ictus. Nei vasi di coloro che sono rimasti sani, era solo il 17 percento.

Combinando l'ecografia e la risonanza magnetica, il rischio effettivo dei partecipanti può essere valutato meglio che se fosse stata eseguita solo un'ecografia dell'arteria carotide, scrivono i ricercatori. Questa è attualmente la norma.

"La combinazione delle due procedure può aiutare a identificare quelle persone che necessitano di una terapia più intensiva", afferma Blumeke. In teoria, questo sarebbe fattibile, tuttavia, una risonanza magnetica è molte volte più costosa di una semplice ecografia. (cfr)

Fonte: Anna E. H. Zavodni: Morfologia e composizione della placca dell'arteria carotide in relazione agli eventi cardiovascolari incidenti: lo studio multietnico sull'aterosclerosi (MESA); Radiologia: 13102010.1148 / radiol.1431020

Tags.:  medicina palliativa consiglio sul libro luogo di lavoro sano 

Articoli Interessanti

add