Le compressioni toraciche salvano vite, anche senza ventilazione

Lisa Vogel ha studiato giornalismo dipartimentale con specializzazione in medicina e bioscienze presso l'Università di Ansbach e ha approfondito le sue conoscenze giornalistiche nel master in informazione e comunicazione multimediale. Questo è stato seguito da un tirocinio nella redazione di Da settembre 2020 scrive come giornalista freelance per

Altri post di Lisa Vogel Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Premi il torace verso il basso 30 volte, ventila due volte: questa è stata finora la regola empirica per la rianimazione in caso di arresto cardiaco. Molte persone non osano farlo. Un nuovo studio mostra: il massaggio a pressione da solo è spesso sufficiente per salvare vite umane.

Superlavoro e disgusto

Il passaggio dalla donazione respiratoria alle compressioni toraciche è opprimente per molti possibili aiutanti. Altri in particolare evitano la respirazione bocca a bocca. "Molti soccorritori hanno paura di essere infettati da una malattia virale", conferma il medico di emergenza e cardiologo Prof. Dietrich Andresen del consiglio di amministrazione della Fondazione tedesca per il cuore. Altri potenziali aiutanti sentono una generale riluttanza al contatto bocca a bocca.

Bocca a bocca non deve essere

Può essere eseguita anche senza donazione di respiro: una valutazione dei dati del registro svedese ha mostrato che le compressioni toraciche da sole sono sufficienti per migliorare significativamente le possibilità di sopravvivenza dopo un arresto cardiaco.

Gli scienziati intorno al Dr. Gabriel Riva del Karolinska Institute di Stoccolma ha valutato i dati sulla rianimazione di 30.445 pazienti con arresto cardiaco dal 2000 al 2017. Il risultato: nel 2017, più del doppio dei pazienti erano ancora vivi dopo 30 giorni.

Soglia di inibizione più bassa per la rianimazione

Una spiegazione per questo forte aumento è un cambiamento nelle linee guida svedesi sulla rianimazione: dal 2010, a tutti i soccorritori è stato raccomandato di utilizzare solo le compressioni toraciche per la rianimazione. Da allora, gli aiutanti hanno potuto fare a meno della ventilazione. Ciò apparentemente riduce notevolmente la soglia di inibizione per intervenire.

Risultato impressionante: il numero di rianimazione tramite compressioni toraciche è aumentato di sei volte in questi 17 anni. E questo a sua volta aumenta le possibilità di sopravvivenza del paziente. Perché in caso di arresto cardiaco, pochi minuti fanno la differenza tra la vita e la morte. "Le compressioni toraciche sono più facili da eseguire per il primo soccorritore", scrivono i ricercatori, "i nostri risultati mostrano che la modifica delle linee guida potrebbe migliorare la sopravvivenza".

10.000 sopravvissuti in più in Germania

La raccomandazione di astenersi dal donare l'alito come primo soccorritore potrebbe aumentare significativamente il numero di rianimazioni anche in Germania. Ogni anno potrebbero essere salvate altre 10.000 persone se ogni persona con arresto cardiaco ricevesse rapidamente i primi soccorsi. Questo numero è stato calcolato dal German Resuscitation Council (GRC).

La German Heart Foundation raccomanda da molto tempo agli aiutanti non addestrati di eseguire le compressioni toraciche da soli fino all'arrivo del defibrillatore o del paramedico, senza ventilare o svestire il paziente.

50.000 cuori si fermano ogni anno

Ogni anno oltre 50.000 persone subiscono un arresto cardiaco fuori dall'ospedale. Hanno bisogno del rapido aiuto dei primi soccorritori Testimoni. Il cervello viene danneggiato in modo permanente dopo soli tre-cinque minuti senza ossigeno. Sopravvive solo una persona su dieci. Un cambiamento nelle linee guida potrebbe aumentare il numero di rianimazioni, come in Svezia.

Tags.:  cura dei piedi Salute dell'uomo medicina alternativa 

Articoli Interessanti

add