Paradosso del cancro della pelle: un po' di sole può proteggere

Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Monaco di BavieraLa pelle delicata dei bambini è particolarmente sensibile, anche quando si tratta di radiazioni UV. Ma per quanto paradossale possa sembrare, se eri molto all'aperto da bambino, in seguito potresti sviluppare il cancro della pelle meno spesso.

Un team di ricercatori di Dresda e Ulm, guidato dal prof. Peter Kaskel, ha interrogato in dettaglio più di 500 malati di cancro della pelle sulla loro esposizione al sole. La maggior parte delle persone colpite soffriva di melanoma maligno (cancro della pelle nero) o di carcinoma basocellulare. Gli scienziati hanno confrontato le loro risposte con le informazioni fornite da un gruppo di controllo di 330 volontari senza cancro della pelle.

Il risultato: i partecipanti senza cancro della pelle avevano trascorso più tempo all'aperto durante l'infanzia o da adulti rispetto a quelli con cancro della pelle nero, ad esempio quando giocavano a calcio oa tennis, facevano escursioni, andavano a vela o sciavano.

Svezzato dal sole

Una possibile spiegazione del fenomeno, che a prima vista sembra paradossale, è che le persone in questo paese sono ora esposte a dosi così basse di luce UV che la pelle non sviluppa nemmeno la sua protezione solare naturale. Oltre all'abbronzatura, questo include anche il cosiddetto callo leggero, un ispessimento dello strato corneo. I meccanismi protettivi hanno aiutato le generazioni precedenti a non sviluppare il cancro della pelle in massa, nonostante lavorassero sul campo.

Ma se ti esponi raramente al sole e poi improvvisamente ricevi una dose elevata di radiazioni, ti scotterai rapidamente. E questo aumenta drasticamente il rischio di melanoma maligno, la forma di gran lunga più pericolosa di cancro della pelle. "Ogni scottatura solare è una di troppo", afferma la prof.ssa Margit Huber, coinvolta nello studio, in un'intervista con

scottature rischiose

I risultati dello studio non sono quindi una licenza per una manipolazione negligente delle radiazioni UV: "Le radiazioni UV provocano mutazioni nelle cellule della pelle che possono portare a cambiamenti maligni", avverte il ricercatore. Ad esempio, secondo lo studio, coloro che si scottavano più spesso da bambini avevano l'84% in più di probabilità di sviluppare un cancro della pelle nero. "I bambini sotto i due anni hanno bisogno della massima protezione", afferma il ricercatore.

Le cose sembravano diverse con il carcinoma basocellulare. Il tempo totale di esposizione al sole sembra infatti essere decisivo qui. I partecipanti allo studio che lavoravano all'aperto ogni giorno come agricoltori, ad esempio, avevano un rischio quattro volte maggiore di carcinoma a cellule basali rispetto ai partecipanti che erano meno esposti ai raggi UV.

Una questione di tipo di pelle

In linea con i risultati precedenti, lo studio è stato nuovamente in grado di confermare che le persone con pelle scura e occhi scuri hanno meno probabilità di sviluppare il cancro della pelle. Quanto sole può tollerare la pelle dipende dal tipo. Le persone di pelle chiara si scottano più velocemente rispetto ai tipi più scuri. La tua pelle impiega più tempo ad abituarsi al sole e quindi rimane più sensibile al sole. (cfr)

Fonte: P. Kaskel: et al.: Esposizione ai raggi ultravioletti e rischio di melanoma e carcinoma basocellulare a Ulm e Dresda, Germania, Accademia europea di dermatologia e Venereologia, articolo pubblicato per la prima volta online: 31 MAR 2014, DOI: 10.1111 / jdv.12488

Tags.:  bambino piccolo mestruazioni valori di laboratorio 

Articoli Interessanti

add