Calcoli urinari: bere è la migliore prevenzione

Larissa Melville ha completato il suo tirocinio nella redazione di . Dopo aver studiato biologia all'Università Ludwig Maximilians e all'Università tecnica di Monaco, ha prima conosciuto i media digitali online presso Focus e poi ha deciso di imparare il giornalismo medico da zero.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Monaco di BavieraUna persona su dieci in Germania svilupperà calcoli urinari nel corso della vita: gli uomini significativamente più spesso delle donne. I calcoli possono essere molto dolorosi e causare malattie gravi come l'insufficienza renale. E anche le costrizioni delle arterie coronarie sono associate ai fastidiosi grumi. Inoltre, sono spesso testardi e tornano presto dopo essere stati rimossi. Ma puoi prevenirli.

I calcoli urinari sono diventati una malattia molto diffusa negli ultimi decenni: il numero di nuovi casi in Germania è triplicato dagli anni '80. La nuova linea guida pubblicata di recente dalla Società tedesca di urologia sulla diagnosi, la terapia e la cura dei calcoli urinari attribuisce la crescente frequenza alle mutate condizioni di vita e abitudini alimentari.

L'obesità e la carne favoriscono i calcoli urinari

“I calcoli contengono più spesso ossalato di calcio e acido urico. Queste due sostanze si formano più spesso quando si mangia la dieta sbagliata (molta carne, poca verdura) e si beve troppo poco ", riferisce a Thomas Knoll, primario della clinica di urologia di Sindelfingen. Inoltre, l'obesità e le sue malattie secondarie come il diabete ei disturbi del metabolismo lipidico sembrano favorire l'istruzione. "Ma anche l'età avanzata e il genere maschile sono noti fattori di rischio", aggiunge l'esperto.

Ottimizzazione della diagnostica, del trattamento e della prevenzione

Con la moderna diagnostica medica, i calcoli urinari possono essere rilevati più spesso di prima. Tuttavia, alcuni di questi metodi e terapie stanno andando avanti con gli anni: la nuova linea guida ha lo scopo di tenere conto dello stato attuale della scienza. Tra le altre cose, mette in dubbio la necessità di esami a raggi X dannosi per le radiazioni e incoraggia invece l'uso degli ultrasuoni e della tomografia computerizzata. Inoltre tende a rifiutare le operazioni tradizionali ed è favorevole alle procedure endoscopiche.

Un altro punto focale della linea guida è l'assistenza post-vendita, che, secondo Knoll, è molto importante, ma è spesso trascurata. "Una volta che il dolore è passato, molte persone dimenticano presto i calcoli urinari", dice l'esperto. Senza cure di follow-up, il rischio di contrarre nuovamente calcoli urinari, a seconda del tipo di calcolo, sarebbe superiore al 50 percento. Una buona assistenza post-vendita riduce significativamente questo rischio, sottolinea Knoll.

Medicinali e uno stile di vita sano

La linea guida generalmente sostiene l'analisi della pietra. Perché le ulteriori misure dipendono dalla composizione delle pietre. Oltre all'analisi del sangue, si consiglia un esame delle urine delle 24 ore per un'indagine metabolica estesa. "Ciò consente al medico di determinare i sali che promuovono la formazione di calcoli", spiega Knoll.

A seconda del tipo di calcolo, potrebbero essere presi in considerazione anche approcci terapeutici farmacologici, ad esempio per aumentare il valore del pH delle urine o per ridurre l'escrezione di calcio, secondo l'urologo. Ma uno stile di vita sano previene anche i calcoli urinari. Ecco alcuni suggerimenti:

  • Bevi abbastanza acqua o tè (almeno 2,5 litri) durante il giorno. Evita le bibite zuccherate: aumentano il rischio di formazione di calcoli.
  • Segui una dieta varia ed equilibrata: mangia molta verdura, frutta e prodotti a base di cereali e solo poca carne.
  • Allenarsi regolarmente.
  • Cerca di mantenere bassi i livelli di stress.
  • Cerca di mantenere un peso normale e sano.

Fonti:

Comunicato stampa della Società tedesca di urologia e.V. del 18 giugno 2015

Linee guida S2k su diagnosi, terapia e metafilassi dell'urolitiasi (043/025), 2015

Tags.:  menopausa fitness dormire 

Articoli Interessanti

add