L'incontinenza urinaria è curabile

Larissa Melville ha completato il suo tirocinio nella redazione di . Dopo aver studiato biologia all'Università Ludwig Maximilians e all'Università tecnica di Monaco, ha prima conosciuto i media digitali online presso Focus e poi ha deciso di imparare il giornalismo medico da zero.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Chi soffre di incontinenza urinaria non ama parlarne. Ma molti, specialmente le donne, devono lottare con questo. Una donna su tre ne soffre, stima la Società tedesca per la continenza. La compromissione della qualità della vita è spesso grande: la partecipazione alla vita sociale è limitata e lo sforzo fisico e mentale è notevole. La buona notizia: la debolezza della vescica è curabile.

"Oggi ci sono una serie di promettenti opzioni di trattamento che consentono alle persone colpite di aiutare o addirittura riprendere il pieno controllo del proprio corpo", afferma Christl Reisenauer, primario di uroginecologia presso la Clinica femminile universitaria di Tubinga e seconda presidente della Società tedesca per l'incontinenza. L'esperto sottolinea che il trattamento olistico delle persone colpite è particolarmente importante.

Diversi fattori

L'incontinenza urinaria ha diverse cause. Di solito non c'è solo un problema dietro, ma un'interazione di diversi fattori. Nei pazienti più anziani, ad esempio, i cambiamenti fisiologici dell'età del cervello sono accompagnati da quadri clinici dipendenti dall'età e farmaci associati. "La terapia per l'incontinenza urinaria non deve quindi concentrarsi solo sulla funzione della vescica, ma deve tenere d'occhio l'intera persona colpita", afferma Reisenauer.

All'inizio di ogni terapia c'è un consulto dettagliato con un medico, in cui si registrano i vari problemi e si determinano le cause. Questo è seguito da un esame ecografico ed eventualmente da una cistoscopia. Con una misurazione della pressione vescicale è possibile distinguere tra le due forme più comuni di incontinenza urinaria: incontinenza da sforzo e da urgenza.Sulla base dei vari riscontri e tenendo conto della situazione di vita del paziente, il medico può creare un piano terapeutico individuale.

Terapia per l'incontinenza da stress

Se il piccolo incidente si verifica quando si tossisce, si ride o si sollevano oggetti pesanti, ad esempio quando la pressione nell'addome aumenta, si parla di incontinenza urinaria da sforzo. È il tipo più comune di incontinenza urinaria nelle donne. Nelle persone colpite, il meccanismo di blocco tra il collo della vescica e l'uretra è danneggiato: il muscolo sfintere non può sopportare l'aumento della pressione della vescica e si verifica una perdita involontaria di urina. Nel peggiore dei casi, l'urina colerà ad ogni movimento.

In caso di incontinenza da sforzo lieve, di solito aiutano i cosiddetti trattamenti conservativi come l'allenamento del pavimento pelvico. Qui, il paziente impara, tra le altre cose, a ridurre lo stress sul pavimento pelvico nella vita di tutti i giorni, a scartare i falsi schemi di tensione e a rafforzare il pavimento pelvico. Inoltre, gli estrogeni o l'uso di ovuli speciali e adattati individualmente possono alleviare i sintomi. Questi sono anelli, ciotole o cubi in silicone, gomma o plastica che vengono inseriti nella vagina e destinati a sollevare l'uretere.

Se questi metodi non aiutano, è spesso consigliabile una procedura chirurgica. La cosiddetta operazione ad anello viene eseguita più spesso. Una fascia vaginale senza tensione viene utilizzata in anestesia locale per sostenere l'uretra. A seconda della gravità e delle esigenze individuali, esistono altri interventi, tra cui la colposospensione in cui vengono sollevati e fissati la vagina e il collo vescicale, le iniezioni uretrali e l'uso di uno sfintere artificiale.

Terapia per l'incontinenza da urgenza

Il secondo tipo più comune di incontinenza urinaria è l'incontinenza da urgenza. Qui, la perdita di urina è associata a un bisogno sfrenato di urinare, che a volte si verifica più volte all'ora, anche se la vescica non è piena. L'incontinenza da urgenza può essere fatta risalire a problemi nella trasmissione del segnale tra la vescica e il cervello o il midollo spinale. Inoltre, anche malattie della vescica urinaria, infezioni del tratto urinario o calcoli alla vescica possono causare questa forma di incontinenza. Quindi le malattie sottostanti devono essere trattate in primo luogo.

Vengono utilizzati anche i cosiddetti anticolinergici. Rilassano i muscoli della vescica e assicurano che il muscolo della vescica non si contragga più e il forte bisogno di urinare diminuisca. “Inoltre, l'addestramento al bagno è sempre raccomandato. Ciò significa allenarsi e andare in bagno solo quando c'è davvero il bisogno di svuotare la vescica ", spiega Reisenauer. L'obiettivo è ritrovare la sensibilità per la vescica e trovare così il momento ottimale per svuotare la vescica.

Se questi metodi conservativi non funzionano o i farmaci non sono tollerati, ci sono altre due opzioni: impiantare un "pacemaker vescicale" e iniettare la tossina botulinica A nel muscolo della vescica. Il veleno paralizza o "rilassa" i muscoli e contrasta il costante bisogno di urinare.

Meno chili, meno perdite di urina

Ma non solo le ben note opzioni terapeutiche aiutano contro la debolezza della vescica: la perdita di peso nelle donne in sovrappeso può anche ridurre i sintomi: uno studio dell'Università della California a San Francisco mostra che una riduzione del peso dal cinque al dieci percento nelle donne in sovrappeso raggiunge risultati simili successi altre misure non operative. Nel complesso, la frequenza della perdita involontaria di urina nei soggetti del test è diminuita di quasi la metà dopo aver perso peso.

Fonti:

Comunicato stampa della Società tedesca per la continenza da settembre 2015

Subak L.L et al.: Perdita di peso: un trattamento innovativo ed efficace per l'incontinenza urinaria. Il giornale di urologia. doi: 10.1097 / 01.ju.0000162056.30326.83

Liehn M. et al.: Manuale chirurgico: basi, strumenti, procedura chirurgica. Casa editrice Springer

Incontinenza da associazione di autoaiuto e. V., www.selbsthilfeverband-inkontinenz.org, consultato il 19 ottobre 2015

Tags.:  Diagnosi nutrimento bambino piccolo 

Articoli Interessanti

add