Fuoco di Sant'Antonio: STIKO consiglia la vaccinazione

Lisa Vogel ha studiato giornalismo dipartimentale con specializzazione in medicina e bioscienze presso l'Università di Ansbach e ha approfondito le sue conoscenze giornalistiche nel master in informazione e comunicazione multimediale. Questo è stato seguito da un tirocinio nella redazione di Da settembre 2020 scrive come giornalista freelance per

Altri post di Lisa Vogel Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Un nuovo vaccino promette un'elevata protezione contro l'herpes zoster, anche per gli anziani. Dovrebbe diventare lo standard per le persone dai 60 anni in su, raccomanda la Standing Vaccination Commission (STIKO) del Robert Koch Institute. L'obiettivo è anche quello di prevenire complicanze dolorose e croniche.

Prima la varicella, poi l'herpes zoster

Ogni anno più di 300.000 persone in Germania sviluppano l'herpes zoster. La dolorosa malattia della pelle è scatenata dal virus della varicella zoster.

Il primo contatto con il virus di solito avviene durante l'infanzia, che poi sviluppa la varicella. Anche dopo che i sintomi si sono attenuati, i virus rimangono dormienti nelle cellule nervose per tutta la vita e possono tornare attivi decenni dopo.

Infiammazione dolorosa dei nervi

Se i virus si riattivano, sulla pelle compaiono vesciche rosse e brucianti, che sono spesso a forma di banda intorno alla vita. Da qui il nome scandole. Poiché la forza del sistema immunitario diminuisce con l'età, aumenta il rischio di un'epidemia.

Particolarmente temute sono le complicanze sotto forma di infiammazione dei nervi. Tale nevralgia post-terapeutica si verifica in circa il cinque percento dei malati. Anche dopo che i sintomi della pelle si sono attenuati, i pazienti a volte soffrono di forti dolori ai nervi, che possono persistere.

Altamente efficace - anche con gli anziani

Il vaccino ora raccomandato è disponibile in Germania da maggio 2018 (riportato da). A differenza del vaccino vivo precedentemente utilizzato, è costituito da agenti patogeni uccisi e contiene anche un nuovo potenziatore. Questo attiva il sistema immunitario particolarmente bene dopo la vaccinazione: la vaccinazione funziona meglio dei preparati precedentemente disponibili.

Negli studi, il principio attivo ha mostrato un effetto protettivo nel 92 percento dei partecipanti. Anche le persone con più di 70 anni ne beneficiano in modo significativo: per loro l'effetto protettivo è ancora intorno al 90 percento. Questo è notevole, perché con l'indebolimento del sistema immunitario, l'attivazione da parte di una vaccinazione è anche più debole negli anziani.

Effetto collaterale: arrossamento e gonfiore

Gli effetti collaterali della vaccinazione come dolore al sito di iniezione, arrossamento e gonfiore si verificano in circa l'80% dei vaccinati. Anche febbre, stanchezza e dolori muscolari sono possibili conseguenze. I sintomi si sono attenuati dopo pochi giorni. Secondo l'RKI, finora non sono stati osservati effetti collaterali gravi.

Oltre alle persone di età superiore ai 60 anni, lo STIKO raccomanda l'immunizzazione per le persone con malattie di base come l'HIV, il diabete o le malattie infiammatorie croniche. Dovresti essere vaccinato dall'età di 50 anni. Per l'immunizzazione sono necessarie due vaccinazioni con un intervallo di almeno due e un massimo di sei mesi. Non è ancora noto se e quando sia necessario un aggiornamento.

È probabile che le compagnie di assicurazione sanitaria copriranno i costi

Il Comitato misto federale (G-BA) deciderà nei prossimi mesi se la vaccinazione sarà una prestazione obbligatoria per le assicurazioni sanitarie obbligatorie, che dovrebbero poi sostenere i costi. Di norma, il comitato segue le raccomandazioni della STIKO. Chiunque desideri essere vaccinato ora può chiarire individualmente con la propria compagnia di assicurazione sanitaria se coprirà già i costi.

Tags.:  droghe mestruazioni rimedi casalinghi a base di erbe medicinali 

Articoli Interessanti

add