L'influenza colpisce il cervello

Christiane Fux ha studiato giornalismo e psicologia ad Amburgo. L'esperto redattore medico scrive articoli di riviste, notizie e testi fattuali su tutti i possibili argomenti di salute dal 2001. Oltre al suo lavoro per, Christiane Fux è anche attiva nella prosa. Il suo primo romanzo poliziesco è stato pubblicato nel 2012 e scrive, progetta e pubblica anche le sue commedie poliziesche.

Altri post di Christiane Fux Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

L'influenza è finalmente passata, ma la testa è ancora bloccata? La capacità di pensiero deteriorata potrebbe essere un effetto a lungo termine dell'infezione da virus.

Chiunque si trovi nel bel mezzo di un'infezione influenzale non è affatto sorpreso se anche il cervello non vuole funzionare correttamente. Ma anche quando i classici sintomi influenzali si sono da tempo attenuati, possono verificarsi disturbi della concentrazione e della memoria.

“È noto che il cervello reagisce alle infezioni. Ma finora nessuno ha indagato su cosa succede dopo ", afferma il prof. Martin Korte del Dipartimento di neurobiologia cellulare dell'Università tecnica (TU) di Braunschweig.

Per saperne di più sui possibili effetti a lungo termine sul cervello, i ricercatori del TU hanno esaminato le capacità di apprendimento e memoria, nonché le strutture cerebrali dei topi che erano stati precedentemente infettati da vari virus dell'influenza A.

Cattiva memoria

Anche 30 giorni dopo l'infezione, i ricercatori hanno osservato che gli animali erano meno in grado di far fronte ai compiti di apprendimento e memoria del solito. Ad esempio, hanno avuto problemi a trovare una piattaforma di riposo nascosta sotto il livello dell'acqua in una piscina.

Studi anatomici hanno poi mostrato che la struttura cerebrale dei topi influenzati era cambiata: le cellule nervose in certe aree del cervello avevano meno sinapsi del solito. Questi processi nervosi vengono utilizzati dai neuroni per comunicare tra loro. Tra le altre cose, è stato colpito l'ippocampo, una regione del cervello responsabile dei processi di apprendimento e dei ricordi.

I custodi nel cervello impazziscono

La causa dei cambiamenti nel cervello potrebbero essere le cosiddette cellule microgliali. "Sono come i custodi nel cervello e garantiscono l'ordine", spiega l'autrice dello studio, la dott.ssa Kristin Michaelsen-Preusse. "Ad esempio, rimuovono i resti di cellule morte".

In caso di infezioni, combattono anche gli agenti patogeni. Tuttavia, possono reagire in modo così violento da attaccare anche le cellule nervose che dovrebbero proteggere. "Potrebbe quindi avere senso, ad esempio, rallentare l'attività delle cellule microgliali con i farmaci", afferma Korte. Tuttavia, ulteriori esperimenti dovrebbero prima dimostrarlo.

Dipende dal virus

Tuttavia, non tutti i ceppi di virus dell'influenza nel cervello hanno innescato tali cambiamenti: il virus H1N1, che è simile al patogeno dell'influenza spagnola che circolava 100 anni fa, entra nel cervello, ma non provoca reazioni eccessive delle cellule microgliali.

Non così con l'H7N7, che attualmente colpisce principalmente gli uccelli, ma che è considerato un possibile agente causale di una pandemia. Nei topi infettati da questo virus, i ricercatori hanno osservato strutture cerebrali alterate e funzioni cerebrali compromesse.

Anche le infezioni da virus influenzale di Hong Kong H3N hanno causato danni. I ricercatori sono rimasti sbalorditi perché questo virus non è nemmeno attivo nel cervello stesso.

I ricercatori quindi sospettano che alcune reazioni immunitarie nel corpo producano sostanze messaggere che allertano anche il sistema immunitario del cervello. Ciò potrebbe innescare un'eccessiva attività delle cellule microgliali anche se non sono venute a contatto con il virus.

Normalizzazione solo dopo 120 giorni

La buona notizia prima: i cervelli stressati dei topi influenzati si sono ripresi. Ma ciò potrebbe richiedere fino a 120 giorni, una parte significativa della loro durata di vita per i topi. Estrapolato all'aspettativa di vita di una persona, il processo di recupero potrebbe richiedere diversi anni, calcola Michaelsen-Preusse.

I risultati potrebbero essere un altro argomento a favore delle vaccinazioni antinfluenzali, ritengono i ricercatori. Tuttavia, non è ancora certo se i virus dell'influenza esercitino effettivamente lo stesso effetto sul cervello umano. E gli scienziati vogliono anche indagare se una vaccinazione antinfluenzale può effettivamente prevenire le conseguenze dell'attacco immunitario nel cervello in questo caso.

Tracce di infezione nel cervello

Da qualche tempo, il team di Korte sta anche studiando se le infezioni batteriche possono anche lasciare tracce nel cervello a lungo termine. "Suggerisce molto", dice lo scienziato. I ricercatori vogliono presentare i risultati del loro ampio studio nei prossimi mesi.

Tags.:  prevenzione nutrimento Salute dell'uomo 

Articoli Interessanti

add