Consiglio etico: no alla carta d'immunità

Ana Goldscheider ha studiato giornalismo e comunicazione aziendale ad Amburgo e ora sta completando una formazione aggiuntiva come redattrice. In una redazione medica, scrive, tra le altre cose, testi per riviste cartacee e

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

È una domanda difficile: dovresti essere in grado di ottenere un certificato che ti dichiari immune alla corona e forse avere dei vantaggi in tempi di pandemia? Questo è attualmente fuori questione per i consulenti etici.

Nel dibattito su come affrontare il coronavirus, il Consiglio etico tedesco sta attualmente rifiutando chiaramente l'introduzione di prove ufficiali di immunità. C'è "notevole incertezza" sull'immunità dopo essere sopravvissuti a un'infezione. Anche il valore informativo dei test sugli anticorpi non è stato ancora chiarito in modo definitivo, secondo il comitato consultivo indipendente.

La misura in cui tali certificati potrebbero essere utili e giustificabili in seguito, data una migliore conoscenza, è stata oggetto di controversia tra gli esperti. Hanno già chiesto regole più severe per i test di immunità che possono essere acquistati gratuitamente, che hanno un potenziale rischio a causa della "dubbia affidabilità".

"Biglietto gratuito" o "Società di due classi"?

Il presidente del consiglio etico Alena Buyx ha fatto riferimento al dibattito sociale molto controverso sui certificati di immunità alla corona. Alcuni immaginavano "una specie di biglietto gratuito" con cui tutto sarebbe di nuovo possibile anche nella pandemia. Altri lo vedono annunciare una "società a due classi basata sull'immunità".

Ad esempio, le persone che erano malate di Corona dovrebbero poter tornare a muoversi liberamente, festeggiare e viaggiare disinibite, secondo i critici. D'altra parte, le persone che non sono ancora malate dovrebbero continuare ad aderire a rigide restrizioni - e ciò dove presumibilmente non sono malate solo perché in precedenza hanno rispettato le regole sulla protezione dalle infezioni e si sono protette nel miglior modo possibile dall'infezione.

Immunità non chiaramente stabilita

Il Consiglio Etico si era opposto all'unanimità a un'introduzione "in questo momento" - a causa dell'attuale stato dell'arte scientifico. Di conseguenza, non è stato ancora chiarito in modo definitivo fino a che punto l'immunità si sviluppa dopo un'infezione e può proteggere da una nuova malattia. Al momento non è ancora chiaro quanto durerà l'immunità. La valutazione si riferisce esplicitamente all'immunità dopo l'infezione, non da una possibile vaccinazione imminente.

Il ministro federale della Sanità Jens Spahn (CDU) ha dichiarato in serata a Francoforte che, poiché non è stato ancora chiarito in modo conclusivo quando e se sorgerà l'immunità, può comprendere molto bene la valutazione. "Daremo un'occhiata." Spahn aveva chiesto un parere al Consiglio etico in primavera. Lo sfondo di ciò era un'ampia critica ai piani originali secondo cui le carte di immunità dovrebbero consentire anche eccezioni alle restrizioni quotidiane. Spahn ha ritirato i piani dalla coalizione dopo una protesta.

I diritti potrebbero venire con i doveri

C'erano posizioni contrastanti nel Consiglio etico nel caso in cui fossero disponibili risultati affidabili. La metà dei membri ritiene che l'introduzione della prova dell'immunità sia utile in misura limitata. A causa della pandemia, le libertà limitate dovrebbero essere restituite ai cittadini il più possibile, ha affermato il membro del consiglio Carl Friedrich Gethmann.

Oltre alle autorizzazioni per le persone con immunità certificata, potrebbero essere messi in discussione anche gli obblighi - ad esempio, di intraprendere determinate attività per il bene comune. Buyx ha sottolineato che ciò non significa che puoi strapparti la maschera.

Prove per una sola area?

Anche l'altra metà dei membri del Consiglio etico è prudente a lungo termine, per ragioni pratiche, etiche e legali. Il membro del Consiglio Judith Simon ha chiarito che la prova dell'immunità dovrebbe essere utilizzata solo in un'area. Nelle case per anziani e portatori di handicap con requisiti di isolamento per i residenti, le persone a loro vicine, i parroci o i servizi di hospice potrebbero essere esentati da determinati requisiti.

Tuttavia, sarebbe anche possibile dimostrare che questi non sono contagiosi con i test PCR. Simon ha avvertito degli "effetti dell'erosione" quando è pronto ad aderire alle regole generali di protezione della corona. Inoltre, potrebbero essere impostati falsi incentivi: le persone in difficoltà finanziarie potrebbero essere infettate di proposito per ottenere vantaggi e allo stesso tempo mettere in pericolo il loro ambiente circostante.

È necessaria una migliore istruzione

C'è accordo sul fatto che la popolazione deve continuare ad essere informata in modo esauriente sulla protezione dalle infezioni e sulle misure associate. Soprattutto, si dovrebbe anche affinare la propria visione degli altri esseri umani e del bene comune.

Inoltre, le persone dovrebbero essere informate in dettaglio dalle autorità federali su quanto siano effettivamente significativi i test anticorpali. I test da banco dovrebbero essere controllati più da vicino, non da ultimo a causa della loro dubbia affidabilità. Inoltre, i membri del consiglio si sono espressi a favore di un aumento della ricerca sulla corona.

Il Consiglio etico è attualmente composto da 24 esperti di varie discipline, tra cui medici, teologi e avvocati. Sono nominati dal presidente del Bundestag. (ag / dpa)

Tags.:  cura degli anziani sintomi voglia di avere figli 

Articoli Interessanti

add