Fuoco di Sant'Antonio: via libera alla vaccinazione

Lisa Vogel ha studiato giornalismo dipartimentale con specializzazione in medicina e bioscienze presso l'Università di Ansbach e ha approfondito le sue conoscenze giornalistiche nel master in informazione e comunicazione multimediale. Questo è stato seguito da un tirocinio nella redazione di Da settembre 2020 scrive come giornalista freelance per

Altri post di Lisa Vogel Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Nuova vaccinazione standard per le persone sopra i 60 anni: una siringa contro il virus della varicella zoster protegge dal fuoco di Sant'Antonio. Dopo che il Comitato misto federale (GBA) ha dichiarato che la vaccinazione è una prestazione standard prevista dalla legge, dall'inizio di maggio le compagnie di assicurazione sanitaria pubblica si sono accollate i costi.

Il vaccino morto contro il virus della varicella zoster è disponibile in Germania da un anno (secondo). Contiene agenti patogeni uccisi e un potenziatore che attiva il sistema immunitario particolarmente bene dopo la vaccinazione. Di conseguenza, l'immunizzazione funziona meglio dei preparativi precedenti.

Fuoco di Sant'Antonio: complicazioni dolorose

La vaccinazione protegge dal fuoco di Sant'Antonio, ma soprattutto da gravi complicazioni. Ogni anno circa 300.000 persone sviluppano la tipica catena dolorosa di vescicole intorno alla vita o, meno spesso, sul collo o sul viso.

Circa il cinque percento delle persone colpite sviluppa la cosiddetta nevralgia post-terapeutica, un'infiammazione dolorosa dei nervi. I sintomi possono persistere anche dopo la scomparsa del fuoco di Sant'Antonio e ridurre gravemente la qualità della vita.

Vaccinazione per tutti gli over 60

La Standing Vaccination Commission (STIKO) del Robert Koch Institute e il GBA ora raccomandano la vaccinazione a tutte le persone di età superiore ai 60 anni.

Chiunque abbia un rischio maggiore di sviluppare l'herpes zoster può essere vaccinato dall'età di 50 anni. Questo include le persone con

• immunodeficienza congenita o acquisita (es. infezione da HIV)

• Artrite reumatoide

• lupus eritematoso sistemico

• malattia infiammatoria intestinale

• broncopneumopatia cronica ostruttiva o asma bronchiale

• fallimento renale cronico

• diabete

Protezione efficace - anche in età avanzata

Il vaccino è stato convincente negli studi: il 92 percento dei partecipanti ha mostrato l'effetto protettivo. Il 90% dei partecipanti allo studio di età superiore ai 70 anni ha ancora beneficiato della vaccinazione, nonostante l'indebolimento del sistema immunitario in età avanzata.

Sono necessarie due iniezioni per una protezione completa. L'intervallo tra le vaccinazioni dovrebbe essere di almeno due e un massimo di sei mesi.

Nessun effetto collaterale grave

Come risultato della vaccinazione, la maggior parte dei pazienti avverte dolore al sito di iniezione, arrossamento e gonfiore. Si verificano anche stanchezza, febbre e dolori muscolari. Finora, tuttavia, non ci sono stati effetti collaterali gravi, secondo il Robert Koch Institute.

Dopo la varicella arriva l'herpes zoster

Il primo contatto con il virus della varicella zoster di solito si verifica durante l'infanzia e provoca la varicella. I virus rimangono nel corpo per tutta la vita e possono tornare attivi in ​​età adulta. Ciò accade principalmente quando il sistema immunitario è indebolito.

Tags.:  mestruazioni primo soccorso luogo di lavoro sano 

Articoli Interessanti

add