La malattia di Alzheimer è contagiosa?

Christiane Fux ha studiato giornalismo e psicologia ad Amburgo. L'esperto redattore medico scrive articoli di riviste, notizie e testi fattuali su tutti i possibili argomenti di salute dal 2001. Oltre al suo lavoro per, Christiane Fux è anche attiva nella prosa. Il suo primo romanzo poliziesco è stato pubblicato nel 2012 e scrive, progetta e pubblica anche le sue commedie poliziesche.

Altri post di Christiane Fux Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Come si manifesta l'Alzheimer è ancora in gran parte poco chiaro. Una cosa è certa: i depositi si formano nel cervello. Ma ora c'è molto da suggerire che i depositi patologici nel cervello possono essere trasferiti ad altre persone.

“Il morbo di Alzheimer è contagioso?” L'uomo che lancia questa domanda nella stanza è il prof. Armin Giese. Li ha presentati alla conferenza stampa di apertura di Neurowoche 2014, che si sta attualmente svolgendo a Monaco di Baviera. È il più grande congresso interdisciplinare di neuromedicina clinica di lingua tedesca.

L'Alzheimer come malattia trasmissibile: l'idea è terrificante! Primo. "Ciò non significa che non ti sia permesso di dare altri baci a tuo nonno con demenza", ha detto il presidente della conferenza, il prof. Wolfgang Oertel, correggendo la situazione. Sembra da escludere una semplice trasmissione da persona a persona, come nel caso della tubercolosi, dell'AIDS o anche dell'influenza.

Corrisponde a BSE

Tuttavia, con il morbo di Alzheimer, nel cervello si formano le cosiddette placche di beta amiloide, che consistono in molecole proteiche piegate in modo errato. Le strutture ricordano dubbiosamente i prioni, quelle proteine ​​anch'esse mal ripiegate che compaiono nel cervello nella malattia della mucca pazza BSE e nella malattia di Creuzfeldt-Jakob e alla fine le causano il decadimento. E queste due malattie del cervello sono in realtà contagiose, ad esempio attraverso il consumo di carne contaminata.

Alois Alzheimer, lo scopritore della malattia con lo stesso nome, ha scoperto i cambiamenti nel cervello del suo deceduto paziente di demenza Auguste D. "Questi derivati ​​proteici potrebbero non essere solo un fenomeno di accompagnamento della demenza di Alzheimer, ma la forza trainante dietro il meccanismo della malattia. ", dice Giese.

Effetto domino in testa

La discussione su questo non è ancora finita. Ma ci sono prove crescenti che gli zombi proteici aggrovigliati, che non possono essere scomposti dal corpo, si comportano in modo dinamico: "Sviluppano un effetto domino tossico", spiega il ricercatore. Non appena si uniscono ai mattoni proteici normalmente ripiegati, causano anche una ristrutturazione difettosa di questi. "Attraversa il cervello come un'onda", dice lo scienziato.

Questa reazione a catena potrebbe già essere osservata nelle colture cellulari. E anche i macachi a cui sono state iniettate proteine ​​patologicamente alterate nel cervello hanno sviluppato le placche patologiche. Ma ci vuole tempo: possono passare dai 12 ai 14 anni prima che il fatale effetto domino si manifesti finalmente.

Contagio attraverso gli emoderivati?

Tuttavia, è possibile che la malattia possa essere trasmessa anche in modi diversi dall'iniezione nel cervello, ad esempio attraverso il sangue. Perché almeno i prioni dell'ESB scorrono nel sangue, anche se in piccole quantità. "Infettarsi con il morbo di Alzheimer attraverso una donazione di sangue è in realtà un'opzione, anche se ipotetica", afferma Giese.

Un metodo per contrastare questo sarebbe che le persone che hanno già ricevuto una donazione di sangue non siano più autorizzate a donare se stesse per essere al sicuro. Simile a tutti quelli che sono stati in Inghilterra ai matrimoni della BSE e forse hanno mangiato una bistecca contaminata lì. Ciò interromperebbe una possibile catena di infezione. "Sarebbe una soluzione elegante, anche per altre malattie conosciute e sconosciute", afferma Giese. Tuttavia, c'è un problema: dovresti fare a meno di molti donatori di sangue. E in caso di emergenza, una persona potrebbe dover morire dissanguata perché non c'è cibo in scatola disponibile per loro.

Reazione a catena interrotta

Più importanti della discussione sulle possibili vie di trasmissione, tuttavia, sono le opzioni che derivano da una conoscenza più precisa del meccanismo della malattia: ovvero la possibilità di nuovi approcci terapeutici. Quindi farmaci che interrompono la reazione a catena proteica nella testa. Ciò fermerebbe la diffusione fatale delle placche - nel morbo di Alzheimer ma anche in altre malattie come le classiche malattie da prioni BSE e Creutzfeld-Jakob. Giese dice: "Almeno con quest'ultimo abbiamo i primi risultati promettenti".

Tags.:  medicina alternativa medicina palliativa i denti 

Articoli Interessanti

add