varicella

e Sabine Schrör, giornalista medico

Mareike Müller è una scrittrice freelance nel dipartimento medico di e assistente medico in neurochirurgia a Düsseldorf. Ha studiato medicina umana a Magdeburgo e ha acquisito molta esperienza medica pratica durante i suoi soggiorni all'estero in quattro diversi continenti.

Maggiori informazioni sugli esperti di

Sabine Schrör è una scrittrice freelance per il team medico di Ha studiato economia aziendale e pubbliche relazioni a Colonia. In qualità di editor freelance, è a suo agio in un'ampia varietà di settori da oltre 15 anni. La salute è una delle sue materie preferite.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

La varicella (varicella) è una malattia virale altamente contagiosa che provoca un'eruzione cutanea pruriginosa con vesciche sulla pelle. Di solito i bambini e gli adolescenti contraggono la varicella, ma possono essere colpiti anche gli adulti. C'è il rischio di complicazioni, specialmente durante la gravidanza e quando il sistema immunitario è indebolito. Maggiori informazioni sull'infezione e sui sintomi della varicella, sulla durata della malattia, sul trattamento e sulla prevenzione qui.

Codici ICD per questa malattia: i codici ICD sono codici riconosciuti a livello internazionale per le diagnosi mediche. Si trovano, ad esempio, nelle lettere dei medici o nei certificati di inabilità al lavoro. P35B01

Breve panoramica

  • Cos'è la varicella? infezione virale altamente contagiosa, che è una delle malattie infantili, ma può verificarsi a qualsiasi età, ma solo una volta nella vita.
  • Seconda malattia: dopo un'infezione da varicella, sei immune all'agente patogeno per tutta la vita. Tuttavia, questo rimane nel corpo per tutta la vita e può tornare attivo in seguito - la persona colpita sviluppa quindi l'herpes zoster.
  • Contagio: spesso attraverso infezione da goccioline (inalazione di goccioline infettive di secrezione emesse dal malato quando si tossisce, starnutisce o espira), a volte per infezione da striscio (contatto con liquido infettivo nelle vescicole cutanee del malato).
  • Sintomi: All'inizio sintomi generali come malessere, mal di testa e dolori muscolari, affaticamento, occasionalmente febbre. Poi una tipica eruzione cutanea con vesciche piene di liquido e pruriginose (prima sul busto e sul viso, poi anche in altri punti).
  • Trattamento: trattamento principalmente dei sintomi (ad es. cura della pelle, agenti antipruriginosi, antidolorifici). Nei casi più gravi e se c'è un aumento del rischio di complicanze, aggiungere farmaci antivirali (antivirali).
  • Prognosi: la varicella di solito guarisce senza problemi. Raramente si verificano complicazioni come ulteriori infezioni batteriche della pelle, polmonite, meningite o meningite (encefalite, meningite). La varicella è spesso più grave negli adulti che nei bambini.
  • Prevenzione: principalmente mediante vaccinazione contro la varicella. Coloro che non sono vaccinati dovrebbero evitare il contatto con i malati.

Varicella: contagio

I virus varicella-zoster sono responsabili di un'infezione da varicella. Questi sono virus dell'herpes altamente contagiosi che si verificano solo negli esseri umani. Il rischio di infezione da varicella è particolarmente elevato nei mesi invernali e primaverili. Durante questo periodo, le infezioni da varicella aumentano.

Gli agenti patogeni vengono solitamente trasmessi per infezione da goccioline o strisci:

  • In caso di infezione da goccioline, minuscole goccioline di saliva contenenti virus entrano nell'aria circostante espirando, parlando, starnutendo o tossendo e vengono quindi inalate da persone sane.
  • L'infezione da striscio avviene attraverso il contatto diretto con il liquido contenente il virus dalle caratteristiche vescicole cutanee del paziente - ad esempio, quando si tocca la persona malata con la mano e poi si afferra inconsciamente la bocca o il naso. Non appena i virus entrano nelle mucose, possono facilmente penetrare all'interno del corpo.

Uno o due giorni prima che la tipica eruzione cutanea diventi visibile, c'è il rischio di infezione! Finisce solo quando tutte le vescicole sono incrostate. Questo di solito è da cinque a sette giorni dopo la comparsa delle prime vesciche.

Molto raramente, la varicella viene trasmessa da una donna incinta al nascituro attraverso la placenta. Una tale infezione da varicella nell'utero può portare a quella che è nota come sindrome della varicella fetale. L'infezione da varicella nei neonati è possibile anche se la madre stessa ha sviluppato la varicella poco prima o dopo il parto.

Anche i pazienti con herpes zoster sono una fonte di infezione: l'herpes zoster è la seconda malattia che i virus della varicella possono scatenare, anche anni dopo l'infezione da varicella. I pazienti possono trasmettere l'agente patogeno a persone sane dalla comparsa dell'eruzione cutanea fino a quando le vesciche non si sono completamente incrostate (di solito da cinque a sette giorni dopo l'inizio dell'eruzione cutanea). Se non sono stati vaccinati contro la varicella e non hanno ancora avuto la varicella, di conseguenza possono sviluppare la malattia: la varicella, non l'herpes zoster. Tuttavia, i pazienti con l'herpes zoster sono meno contagiosi dei pazienti con la varicella.

Varicella: periodo di incubazione

La varicella può mostrare i suoi primi sintomi da 8 a 28 giorni dopo l'infezione. In media, questo periodo di incubazione è di 14-16 giorni. La malattia si manifesta solo se non hai mai avuto la varicella e non sei vaccinato contro di essa. Dopo un'infezione, sei immune al virus della varicella per tutta la vita.

  • Varicella - "Tutti dovrebbero essere vaccinati!"

    Tre domande per

    Prof. Dott. Jorg Schelling,
    Specialista in Medicina Generale
  • 1

    Perché è importante la vaccinazione contro la varicella?

    Prof. Dott. Jörg Schelling

    La varicella si contrae attraverso l'aria in oltre il 90% dei casi. Quindi non puoi proteggerti. Solo una vaccinazione aiuta, se ovviamente non al 100%. Anche la varicella non è una "malattia infantile innocua". Spesso, soprattutto nei bambini, rimangono antiestetiche cicatrici da graffi o si verifica una superinfezione da batteri. E non auguro a nessun adulto di ammalarsi di varicella!

  • 2

    Cosa può succedere senza vaccinazione?

    Prof. Dott. Jörg Schelling

    Grazie al cielo, le complicazioni sono relativamente rare. Le più comuni di queste sono le superinfezioni batteriche causate principalmente da stafilococchi, disturbi della coordinazione cerebellare (atassia) o la cosiddetta sepsi, cioè un'infezione batterica estesa a tutto il corpo. Nel peggiore dei casi, la varicella può essere fatale senza vaccinazione; secondo uno studio svizzero, questo accade in un caso su 100.000.

  • 3

    Quindi significa: vaccinazione per tutti?

    Prof. Dott. Jörg Schelling

    Sì. Consiglio vivamente una vaccinazione per ogni bambino e ogni adolescente. Anche per ogni donna in età fertile che non è immune. Soprattutto durante la gravidanza, la varicella può avere gravi conseguenze per la donna incinta e il nascituro. In caso di dubbio, i pazienti possono utilizzare una cosiddetta determinazione del titolo per chiarire con il proprio medico di famiglia se sono immuni.

  • Prof. Dott. Jorg Schelling,
    Specialista in Medicina Generale

    Direttore fondatore dell'Istituto di medicina generale della LMU di Monaco e membro del gruppo di lavoro statale bavarese sulle vaccinazioni. In qualità di esperto di vaccinazioni, forma i medici di base alla vaccinazione.

Protezione contro le infezioni

Chiunque non abbia ancora avuto un'infezione da varicella e non sia stato vaccinato contro di essa è considerato non protetto contro il virus della varicella. Il rischio di infezione è molto alto: in nove casi su dieci, le persone non protette sviluppano la varicella dopo il contatto con i pazienti. Le persone non protette dovrebbero quindi evitare il contatto con i malati. Soprattutto se qualcuno è malato di varicella nell'ambiente domestico, dovresti mantenere le distanze il più possibile e non stare nella stessa stanza con la persona malata per molto tempo. Questo è particolarmente vero per le persone con un sistema immunitario debole.

In caso contrario, non sono generalmente necessarie misure precauzionali speciali. Talvolta, tuttavia, è consigliabile, previa consultazione con il medico, una cosiddetta vaccinazione post-esposizione contro la varicella: può essere utilizzata, ad esempio, per le donne in gravidanza, le persone immunocompromesse e i neonati che hanno avuto contatti con persone malate e (possibilmente) sono diventate infetto. "Contatto" significa qui, ad esempio, che le persone colpite vivono nella stessa abitazione del malato o sono rimaste nella stessa stanza per almeno un'ora o si sono avvicinate molto al paziente ("faccia a faccia")) . È possibile ottenere i vaccini attivi contro la varicella entro cinque giorni da tale contatto o fino a tre giorni dopo la comparsa della tipica eruzione cutanea. Questo può prevenire un focolaio della malattia o indebolirne il decorso.

Invece della vaccinazione attiva, possono essere somministrati anche anticorpi finiti contro la varicella come vaccinazione post-esposizione. Questa vaccinazione passiva dovrebbe, se possibile, avvenire entro tre giorni (fino a un massimo di dieci giorni) dopo l'eventuale infezione.

Quando i pazienti ospedalieri hanno la varicella, vengono isolati dagli altri pazienti. Ciò dovrebbe impedire la diffusione della malattia infettiva. Lo stesso obiettivo viene perseguito quando si verifica un'epidemia in strutture comunitarie come scuole e asili nido: tutti coloro che hanno la varicella devono rimanere a casa per il momento. Gli altri a volte ricevono una vaccinazione contro la varicella come misura precauzionale se non sono protetti (vaccinazione di blocco). Le persone malate possono tornare a visitare le strutture solo dopo una settimana, quando il rischio di infezione è stato ampiamente scongiurato. Per questo non è necessario un certificato medico.

La varicella è soggetta a denuncia. I medici devono fornire al dipartimento sanitario i nomi di tutti i pazienti sospettati di avere la varicella o che sono effettivamente scoppiati. Deve essere segnalata anche la morte per varicella.

Vaccinazione contro la varicella

La Standing Vaccination Commission (STIKO) raccomanda la vaccinazione contro la varicella per tutti i bambini dagli 11 mesi. I giovani che non hanno ancora avuto la varicella e non sono stati vaccinati contro di essa dovrebbero ottenere la vaccinazione. Lo stesso vale per gli adulti se appartengono a uno dei seguenti gruppi a rischio:

  • Donne che vogliono avere figli e non hanno anticorpi contro la varicella nel sangue
  • Pazienti prima di iniziare una terapia che indebolisce il sistema immunitario (ad es. prima di un trapianto di organi) se nel sangue non sono rilevabili anticorpi contro la varicella
  • Gruppi professionali ad aumentato rischio di infezione (come personale medico e insegnanti di scuola materna) se non hanno mai avuto la varicella e non sono vaccinati contro di essa o se non sono rilevabili anticorpi contro la varicella nel sangue
  • Persone con dermatite atopica grave se non hanno mai avuto la varicella e non sono vaccinate contro di essa o se non sono rilevabili anticorpi contro la varicella nel sangue

Maggiori informazioni sulla vaccinazione contro la varicella nell'articolo Varicella - Vaccinazione.

Varicella: sintomi

Nei primi due giorni, la varicella mostra solo sintomi generali come sensazione di malessere, leggera febbre e affaticamento. La tipica eruzione cutanea non si sviluppa fino a tardi, dal terzo al quinto giorno della malattia:

Si formano piccole macchie rosse, che si sviluppano in vesciche piene di liquido chiaro entro poche ore. Sei molto pruriginoso. Dopo un giorno o due si seccano con formazione di croste. Nuove vesciche possono formarsi in un periodo da tre a cinque giorni. Questo crea una carnagione con vescicole in vari stadi di sviluppo, nota anche come cielo stellato.

Il numero di vescicole varia da paziente a paziente. Di solito è compreso tra 250 e 500. I bambini piccoli di solito mostrano meno vesciche rispetto agli adulti.

L'eruzione inizia sul busto e sul viso, quindi si diffonde a braccia e gambe e successivamente al cuoio capelluto, alla mucosa orale e ai genitali. L'eruzione cutanea è spesso accompagnata da febbre fino a 39 gradi.

Le cicatrici permanenti dopo la malattia possono ricordare i sintomi tipici della varicella (vescicole cutanee). Questi si verificano quando anche le vescicole vengono infettate da batteri e quindi si infiammano (superinfezione batterica). Graffiare le vesciche pruriginose può anche lasciare cicatrici.

Ecco come la varicella si diffonde in tutto il corpo

La varicella si manifesta prima sul viso e sul tronco. Successivamente si sono diffusi sul resto del corpo.

I patogeni della varicella rimangono nel corpo dopo che la varicella è guarita, cioè in uno stato inattivo. Ma puoi "svegliarti" di nuovo anni dopo. Quindi si sviluppa l'herpes zoster (zoster). Quindi questo può verificarsi solo in persone che hanno avuto la varicella ad un certo punto.

Varicella: esami e diagnosi

Se si sospetta la varicella, il medico prima prende l'anamnesi (anamnesi): ad esempio, chiede le lamentele esatte e da quanto tempo esistono. Questo è seguito da un esame fisico. La caratteristica eruzione cutanea di solito consente al medico di riconoscere un'infezione da varicella a prima vista.

Esami speciali sono necessari solo in casi particolari se si sospetta la varicella. Questo vale, ad esempio, per i pazienti con un sistema immunitario indebolito, perché la malattia è spesso atipica per loro. Ulteriori esami sono raccomandati anche nelle persone con malattie del sistema nervoso centrale o polmonite, nonché nelle donne in gravidanza e nei neonati. Sono utilizzati per rilevare direttamente o indirettamente la varicella:

  • Nel caso della rilevazione diretta, si cerca il materiale genetico dei virus nel liquido vescicolare, nel liquido cerebrospinale (liquore), nelle secrezioni polmonari o nel sangue del paziente. Al fine di rilevare direttamente la varicella nei nascituri, un campione della placenta (prelievo dei villi coriali), del liquido amniotico (test del liquido amniotico) o del sangue del bambino (puntura del cordone ombelicale) viene esaminato per il materiale genetico della varicella.
  • In caso di rilevamento indiretto, si cercano anticorpi contro la varicella nel sangue o nel liquido cerebrospinale del paziente.

La rilevazione indiretta della varicella (test anticorpale) è adatta anche per determinare se qualcuno ha già avuto la varicella o se la vaccinazione contro di essa è stata efficace.

Varicella: trattamento

Se la varicella non è complicata, vengono trattati solo i sintomi, in particolare il prurito. In questo modo puoi evitare che le vesciche si infiammano grattandole. I seguenti metodi si sono dimostrati efficaci:

  • Rimani in un ambiente fresco, perché il calore e il sudore aumentano il prurito
  • Taglia le unghie per evitare di graffiare le vesciche
  • bagno quotidiano
  • Agenti antipruriginosi per applicazione topica sulla pelle (lozioni, gel, polveri, principalmente con principi attivi come tannini, zinco o polidocanolo)

Gli esperti sconsigliano l'assunzione di farmaci antipruriginosi (antistaminici). La sua efficacia nella varicella non è stata adeguatamente studiata.

Se necessario, è possibile somministrare febbre e antidolorifici come il paracetamolo o l'ibuprofene per la febbre e i dolori muscolari.

L'acido acetilsalicilico (ASA) aiuta anche contro la febbre e il dolore, ma non deve essere usato nei bambini e negli adolescenti (o al massimo su espressa indicazione del medico). Il farmaco può scatenare la sindrome di Reye rara ma pericolosa per la vita!

Nei casi più gravi, l'agente patogeno della varicella può essere trattato direttamente con farmaci speciali che inibiscono la moltiplicazione del virus. Questi antivirali (virustatici) includono, ad esempio, il principio attivo aciclovir. Puoi ridurre la durata della malattia da varicella. Questi farmaci si sono dimostrati efficaci soprattutto in pazienti con sistema immunitario indebolito.

Varicella: decorso della malattia e prognosi

In pazienti altrimenti sani, la malattia di solito procede senza complicazioni e guarisce senza cicatrici. Tuttavia, in casi molto rari, la varicella può causare complicazioni:

  • ulteriore infiammazione batterica delle vesciche (superinfezione batterica)
  • Polmonite causata dal virus della varicella (polmonite da varicella)
  • Complicazioni nell'area del sistema nervoso centrale come disturbi dell'equilibrio, infiammazione del cervello (encefalite) o meningite (meningite)
  • Complicazioni nell'area del cuore, dei reni, delle articolazioni o della cornea come infiammazione del muscolo cardiaco (miocardite), infiammazione dei reni (nefrite), infiammazione articolare (artrite), danno corneale

Varicella: gravidanza e parto

Se una donna incinta contrae la varicella entro i primi sei mesi di gravidanza, anche il bambino può ammalarsi. I medici parlano poi della sindrome della varicella fetale: il nascituro può sviluppare alterazioni della pelle (come ulcere, cicatrici) e danni agli occhi. Esiste anche il rischio di malformazioni scheletriche, malattie e malformazioni del sistema nervoso. Ad esempio, una perdita di tessuto cerebrale (atrofia cerebrale), paralisi e convulsioni sono possibili conseguenze dell'infezione prenatale con varicella. I bambini nell'utero possono persino morire a causa della malattia.

L'infezione da varicella neonatale si verifica nei neonati la cui madre ha la varicella tra cinque giorni prima e due giorni dopo la nascita. È molto difficile perché il sistema immunitario dei più piccoli non è ancora completamente sviluppato. Fino al 30% di tutti i bambini colpiti muore.

Varicella negli adulti

Anche gli adulti possono contrarre la varicella se non sono vaccinati e non hanno contratto la malattia. A questa età, la malattia infantile è spesso più grave che in giovane età. Gli adulti hanno anche maggiori probabilità di sviluppare complicazioni con il progredire della malattia.

Una complicanza molto grave e temuta è la polmonite causata dalla varicella (polmonite da varicella). Fino al 20 percento di tutti i pazienti adulti lo ottiene. Le donne in gravidanza sono particolarmente a rischio. La polmonite di solito inizia da tre a cinque giorni dopo lo scoppio dell'infezione da varicella.

Gli adulti non protetti con un aumentato rischio di malattie gravi e complicanze dovrebbero quindi essere vaccinati contro la varicella. Queste persone a rischio includono, ad esempio, le donne che vogliono avere figli che non hanno anticorpi contro la varicella.

Maggiori informazioni sul corso e sulla prevenzione dell'infezione da varicella in età adulta nell'articolo Varicella negli adulti.

Informazioni aggiuntive

Linee guida:

  • Guida RKI "varicella, herpes zoster (fuoco di Sant'Antonio)" del Robert Koch Institute

Tags.:  nutrimento bambino bambino parassiti 

Articoli Interessanti

add