Autolesionismo

Tanja Unterberger ha studiato giornalismo e scienze della comunicazione a Vienna. Nel 2015 ha iniziato il suo lavoro come redattrice medica presso in Austria. Oltre a scrivere testi specialistici, articoli di riviste e notizie, il giornalista ha anche esperienza nel podcasting e nella produzione di video.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

L'autolesionismo - compreso il comportamento autolesionista (SVV), l'autoaggressione, il comportamento o gli artefatti autoaggressivi - è inteso come un comportamento in cui le persone colpite si feriscono consapevolmente (ad esempio "grattandosi" o grattandosi la pelle). Il comportamento si verifica principalmente negli adolescenti e spesso deriva da uno stress emotivo persistente. Scopri qui come riconoscere un comportamento autolesionista, cosa lo causa e cosa puoi fare al riguardo!

Breve panoramica

  • Descrizione: Comportamento autolesionista (SVV) in cui le persone colpite si danneggiano consapevolmente (ad esempio grattandosi la pelle sulle braccia)
  • Cause: di solito la causa del comportamento è lo stress psicologico a lungo termine (ad es. conflitti all'interno della famiglia) o la malattia (ad es. disturbo borderline, depressione).
  • Sintomi: ad esempio ferite, punti di sutura, ustioni sul corpo (soprattutto su braccia e gambe), lividi, cicatrici, disturbi del sonno, sbalzi d'umore
  • Terapia: il medico prima cura le ferite, poi ne indaga le cause psicologiche e sceglie una psicoterapia adeguata. In alcuni casi, il medico prescriverà farmaci psicotropi.
  • Diagnosi: colloquio con il medico, esame obiettivo (es. esame delle ferite e delle cicatrici)
  • Prevenzione: azioni sostitutive come mettere dei cubetti di ghiaccio sul collo, colpire il letto o il cuscino, fare una doccia fredda; Inoltre: rafforzare la fiducia in se stessi, sviluppare una consapevolezza corporea positiva, imparare a usare i social media in modo critico

Che cos'è un comportamento autolesionista?

Autolesionismo - anche comportamento autolesionista o autoaggressivo o autoaggressione (autoaggressione) o azione artefatto - descrive vari comportamenti e azioni in cui le persone colpite intenzionalmente ripetutamente si feriscono o si infliggono ferite.

Il metodo più comune di autolesionismo è il cosiddetto graffio - il graffio o il taglio aperto della pelle degli avambracci o delle gambe con oggetti appuntiti come coltelli, schegge o lamette da barba - non si tratta di ferite potenzialmente letali, ma di piccole lesioni di medie dimensioni alla pelle - o alla superficie dei tessuti del corpo.

Nell'ICD-10, il sistema di classificazione internazionale delle malattie e dei problemi di salute, l'autolesionismo non è classificato come una malattia a sé stante. È considerato "autolesionismo intenzionale in modo non specificato".

Nel DSM-5, la linea guida americana per i disturbi mentali, il comportamento è definito come "sindrome di autolesionismo non suicidario" (in breve: NSVV). Si verifica quando le persone colpite infliggono consapevolmente danni al proprio tessuto corporeo per cinque o più giorni entro un anno.

Il comportamento autoaggressivo può spesso essere ricondotto a uno stress emotivo prolungato e spesso si verifica in concomitanza con altre malattie mentali, come un disturbo borderline o la depressione. Secondo la ricerca, ogni quarto adolescente viene ferito almeno una volta all'età di 18 anni.

"Scratching" è spesso usato come sinonimo di autolesionismo, in quanto è il metodo più comune di autolesionismo.

Quali sono le cause dell'autolesionismo?

Il comportamento autolesionista di solito si verifica a causa di stress emotivo a lungo termine, come una relazione problematica genitore-figlio o frequenti conflitti con persone della stessa età. Questo comportamento si verifica meno spesso in caso di stress emotivo acuto come il divorzio dei genitori, una separazione o problemi scolastici.

I motivi per cui le persone si tagliano includono anche bassa autostima, disperazione, disperazione, abusi sessuali o abbandono. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, il comportamento si manifesta come sintomo o con altre malattie mentali, come:

  • Disturbo borderline di personalità
  • depressioni
  • Disturbi alimentari come abbuffate (bulimia) o anoressia (anoressia)
  • Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD)
  • Disturbo ossessivo compulsivo
  • Abuso di sostanze
  • Disturbi d'ansia
  • Disturbo della condotta

Il comportamento autoaggressivo di solito inizia nei giovani tra i 12 ei 15 anni, ma in alcuni casi molto prima. L'autoaggressione è meno comune negli adulti. Per la maggior parte delle persone è una valvola per alleviare la forte tensione interna. Facendosi del male, provano un senso di sollievo.

Oppure le autolesioni servono come autopunizione perché le persone colpite sono arrabbiate con se stesse. Alcune persone diventano "dipendenti" da questa condizione nel tempo e si fanno male ancora e ancora.

Molto spesso, l'autolesionismo viene utilizzato per spezzare sentimenti molto spiacevoli (ad esempio disperazione, disprezzo di sé, depressione, ansia) o ricordi che travolgono le persone colpite. Dopo eventi traumatici come abusi o maltrattamenti, di solito ci sono flashback ricorrenti - ricordi intensi e intrusivi del trauma - a cui le persone colpite sono impotenti.

L'autolesionismo ("automutilazione") provoca l'interruzione o l'alleviamento dello stato emotivo di intenso disagio. Il comportamento autolesionista serve quindi come una sorta di strategia di coping per le persone colpite. Non è raro che altri giovani (es. amici o compagni di classe) "imparano" e imitano comportamenti autolesionisti: i giovani intraprendono azioni autolesionistiche da parte degli altri.

Il ruolo di Internet dovrebbe essere notato qui. Qui, le persone colpite si scambiano informazioni sul comportamento autolesionista. Ciò può portare al comportamento socialmente accettato e "normalizzato".

Indipendentemente dalle ragioni che portano all'autolesionismo, quasi tutte le persone colpite provano un senso di sollievo in seguito. Di solito ti sentirai meglio per un breve periodo dopo. Questo è anche il motivo per cui molti si feriscono più e più volte. Alcuni addirittura diventano dipendenti dalla sensazione che si verifica dopo la lesione attraverso il rilascio di endorfine da parte del corpo (morfine endogene, "ormoni della felicità").

Chi è particolarmente colpito?

Gli adolescenti (più raramente anche i bambini piccoli) con problemi di salute mentale sono più spesso colpiti da autoaggressione. In Germania, circa il 25 percento dei giovani si ferisce una volta nella vita, circa il 19 percento della popolazione in età adolescenziale è affetto da comportamenti autolesionisti.

In particolare, le ragazze e le giovani donne di età compresa tra i dodici ei 15 anni hanno un rischio maggiore di sviluppare comportamenti autolesionisti. Uno dei motivi è che le ragazze hanno maggiori probabilità di dirigere i sentimenti negativi verso l'interno, cioè contro se stesse. È anche più probabile che soffrano di depressione e ansia, il che aumenta il rischio di autolesionismo.

Molti ragazzi, invece, hanno la tendenza a sfogare la propria rabbia e la propria tensione psicologica sull'ambiente circostante. Ciò è dovuto, tra l'altro, alla maggiore proporzione di testosterone nel corpo. Tuttavia, gli studi degli ultimi anni mostrano che sempre più adolescenti maschi sono affetti da autoaggressione.

Come si esprime il comportamento autolesionista?

Il comportamento autoaggressivo e i sintomi associati si manifestano in molti modi. Il tipo più comune, invece, è il “graffiare” o “tagliare”, che consiste nel tagliare ripetutamente il proprio corpo con oggetti appuntiti come lamette, coltelli, aghi o vetri rotti.

Ma ci sono molti altri tipi di autolesionismo, come spegnere una sigaretta accesa nel braccio, toccare una stufa calda o strappare alcune parti del corpo. Non è raro che i malati utilizzino più metodi autolesionisti che cambiano nel tempo.

Questi includono:

  • grattarsi dolorante o sanguinante
  • graffiarsi o tagliarsi con oggetti appuntiti
  • colpire o colpire oggetti duri
  • pizzicati
  • morditi
  • bruciarsi
  • ustionarsi (ad es. con acidi)
  • strappandoti i capelli
  • mangiarsi le unghie in modo eccessivo
  • la costrizione di alcune parti del corpo
  • lacerazione costante di ferite in via di guarigione
  • Prova a romperti le ossa
  • Ingestione intenzionale di sostanze nocive (ad es. cibo avariato o detergenti)

Le aree più comuni del corpo lesionate sono:

  • avambracci
  • polsi
  • Arti superiori
  • coscia

Il torace, l'addome, il viso o l'area genitale hanno meno probabilità di essere feriti. Inoltre, le lesioni sono solitamente ugualmente profonde, raggruppate, allineate in parallelo o riconoscibili simmetricamente sulla superficie della pelle (anche sotto forma di lettere o parole). Non è raro che queste ferite si traducano in cicatrici, note come cicatrici da autolesionismo o cicatrici da SVV.

Spesso le persone con SVV hanno l'insonnia. Si ritirano e trascurano il contatto con gli amici e gli hobby che avevano. Spesso, per vergogna, le persone colpite cercano di nascondere le loro ferite e ferite sui loro corpi.

Pertanto, anche a temperature calde o durante l'esercizio, indossano spesso abiti lunghi che nascondono cicatrici da crepe o altre ferite fresche. Anche i cambiamenti di umore sono spesso un segno di comportamento autoaggressivo. Altri segnali di pericolo includono:

  • Chiusura frequente in camera o in bagno
  • Trascurare i propri interessi (es. incontrare amici)
  • Conservazione di lamette da barba, coltelli o altri oggetti appuntiti
  • Tagli sul corpo (soprattutto sull'avambraccio)
  • Ustioni o punti di sutura (ad es. da aghi)
  • Lividi sul corpo
  • Abrasioni (soprattutto su ginocchia o gomiti)

Come fa il medico a fare una diagnosi?

Il comportamento autolesionista è un sintomo che può manifestarsi in connessione con vari disturbi mentali, ma anche indipendentemente da essi. In caso di sospetto di autolesionismo, il medico di famiglia è il primo punto di contatto. Se necessario, ti indirizzerà a uno specialista.

Uno specialista in psichiatria o in psichiatria infantile e adolescenziale valuta se il comportamento è basato su una malattia mentale.

Prima di tutto, il medico ha una discussione dettagliata con la persona interessata. Tra le altre cose, chiede (spesso tramite un questionario) se ci sono altri sintomi (es. depressione, ansia, allucinazioni, ritiro sociale, ecc.) e se ci sono stress psicosociali (es. conflitti all'interno della famiglia, a scuola o al lavoro). Anche la frequenza con cui la persona colpita si ferisce gioca un ruolo importante nella diagnosi.

Il medico quindi esamina le parti del corpo lese e le esamina alla ricerca di anomalie (ad esempio le ferite sono ugualmente profonde, raggruppate, allineate in parallelo o simmetricamente riconoscibili sulla superficie della pelle?).

Se sospetti che un amico o un parente si stia facendo male, contatta il tuo medico di base, uno specialista in psichiatria o uno psicoterapeuta.

Cosa puoi fare contro l'autoaggressione?

Trattamento delle ferite

Prima di tutto, il medico si prende cura delle ferite della persona colpita. Una ferita da taglio o da ustione deve essere sempre trattata immediatamente. Qui il rischio è molto alto che la ferita si infetti. Il medico pulisce e cura anche le lesioni superficiali (ad esempio disinfettando la ferita, applicando una medicazione).

Se sei affetto da te stesso, non aver paura di andare dal medico con le ferite in modo che possa prendersi cura di loro e prevenire che si infettino.

Trattamento psicosociale

Poiché il comportamento autolesionista ha cause diverse, è importante adattare il trattamento di conseguenza. È meglio contattare uno psicologo o uno psichiatra infantile e adolescenziale. A seconda della malattia o del disturbo sottostante, questa persona ha la possibilità di utilizzare metodi terapeutici speciali per il trattamento.

La terapia cognitivo comportamentale, ad esempio, si è dimostrata particolarmente efficace. Le persone con autoaggressione imparano nuove strategie di coping per reagire meglio a situazioni stressanti e per controllare le proprie emozioni. Le persone colpite imparano ad analizzare i possibili fattori scatenanti del comportamento autolesionista per riconoscerli in tempo utile e reagire ad essi.

Le tecniche di rilassamento come lo yoga, gli esercizi di respirazione o il rilassamento muscolare progressivo aiutano le persone colpite durante la terapia ad alleviare la pressione.

Se il comportamento autolesivo è basato su una grave malattia mentale (es. depressione, disturbo borderline), il medico può prescrivere farmaci psicotropi oltre alla psicoterapia.I genitori e gli altri operatori sanitari dovrebbero essere inclusi nel trattamento, specialmente nel caso degli adolescenti. Se usano anche la terapia comportamentale, questo di solito contribuisce in modo significativo a un trattamento di successo.

L'interessato deve decidere da solo in merito al trattamento. Il trattamento contro la sua volontà non è efficace.

Rimozione della cicatrice

A seconda di quanto profonda o grande sia la ferita, rimangono cicatrici più o meno visibili. Questi ricordano ripetutamente alle persone colpite il loro comportamento precedente, per il quale spesso si vergognano. Pertanto, a molti malati le cicatrici vengono rimosse da un medico.

Possono essere utilizzati vari metodi, come la dermoabrasione (molatura dello strato superiore della pelle), il micro-needling (un ago leggero perfora lo strato superiore della pelle), l'escissione seriale (riduzione chirurgica graduale della cicatrice) o il trattamento laser .

Anche gli unguenti o le creme speciali per le cicatrici della farmacia aiutano a ridurre leggermente la visibilità delle cicatrici. Tuttavia, la maggior parte di questi metodi non rimuove completamente le cicatrici.

Alcune persone usano rimedi casalinghi come impacchi o gel con estratto di cipolla da applicare, olio d'oliva e unguento alla calendula o massaggi regolari per migliorare l'elasticità del tessuto cicatriziale.

Gli effetti di questi rimedi casalinghi sulle cicatrici non sono stati scientificamente provati.

Come puoi prevenirlo?

Come misura efficace, oltre a informazioni dettagliate per le persone colpite e i loro genitori, si è dimostrato "l'addestramento delle abilità": qui, la persona interessata esercita strategie che sostituiscono il comportamento autolesivo, ad esempio l'uso di forti stimoli sensoriali come il ghiaccio cubetti nel collo o sopra Metti i polsi, mordi il peperoncino, impasta una palla di riccio, bevi succo di limone puro, colpisci il letto o il cuscino, fai una doccia fredda o simili.

Qui viene utilizzata anche la distrazione attraverso un'intensa concentrazione su attività fisiche o mentali (ad esempio giocare a calcio, fare jogging, scrivere un diario o risolvere cruciverba).

Poiché i problemi emotivi sono spesso alla base del comportamento autoaggressivo, è importante adottare misure preventive nei bambini e negli adolescenti in giovane età. Per questo è importante che i bambini rafforzino la fiducia in se stessi, sviluppino un'immagine corporea positiva e imparino a utilizzare i social media in modo critico.

Cosa possono fare i parenti?

Il comportamento autolesivo è sicuramente da considerare come un segnale di emergenza e dovrebbe essere preso sul serio. Tuttavia, è spesso difficile per i genitori e i propri cari individuare segni di autolesionismo. I giovani spesso si vergognano del loro comportamento e non cercano attivamente aiuto.

Per gli amici e i fratelli delle persone colpite, vale quanto segue: ai primi segnali, non esitare troppo a lungo, ma parlane piuttosto con i tuoi genitori o con un altro adulto confidente.

Suggerimenti per genitori e operatori sanitari

  • Affronta il problema con calma e apertamente.
  • Non criticare o giudicare il comportamento.
  • Aiutare i bambini o gli adolescenti colpiti a capire cosa scatena il comportamento negli altri (ad es. preoccupazione, paura, ecc.).
  • Prendi sul serio i sentimenti del bambino o del giovane.
  • Non mettere sotto pressione il bambino se non vuole parlarne.
  • Non emettere ultimatum o divieti. Il comportamento autolesionista non può essere soppresso.
  • Aiuta il bambino a identificare il problema da solo.
  • Non cercare troppo a lungo per tenere sotto controllo il problema, ma chiedi un aiuto professionale il prima possibile.
Tags.:  gpp fitness Malattie 

Articoli Interessanti

add