Perdita di peso

Christiane Fux ha studiato giornalismo e psicologia ad Amburgo. L'esperto redattore medico scrive articoli di riviste, notizie e testi fattuali su tutti i possibili argomenti di salute dal 2001. Oltre al suo lavoro per, Christiane Fux è anche attiva nella prosa. Il suo primo romanzo poliziesco è stato pubblicato nel 2012 e scrive, progetta e pubblica anche le sue commedie poliziesche.

Altri post di Christiane Fux Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

In molti casi, si desidera perdere peso: si mangia consapevolmente di meno o si esercita di più per ottenere un bilancio calorico negativo: i chili si sciolgono. A volte, però, anche l'appetito e i chili di troppo diminuiscono involontariamente. Se questo continua per molto tempo o se si perde peso anche se si mangia normalmente, la causa potrebbe essere una malattia. Leggi qui i motivi della perdita di peso e quando dovresti vedere un medico.

Breve panoramica

  • Cause di perdita di peso: ad es. B. Infezioni, malattie gastrointestinali, intolleranze alimentari, diabete, tumori, farmaci, malattie mentali, alcol o droghe illegali
  • Quando dal dottore? Se perdi peso per molto tempo senza una ragione apparente; se sono presenti ulteriori sintomi come dolore, indigestione, febbre, affaticamento, ecc.
  • Trattamento: il medico tratterà la causa sottostante, come ad esempio: B. con farmaci, interventi chirurgici o psicoterapia. Pasti regolari, cibi amari, zenzero e molto esercizio (preferibilmente all'aria aperta) possono stimolare l'appetito.

Perdita di peso: cause e possibili malattie

Le persone perdono peso ogni volta che bruciano più calorie di quelle che consumano. Spesso si desidera perdere peso: per dimagrire, molte persone passano a pasti ipocalorici e si allenano di più.

In altri casi, la perdita di peso è indesiderata. A volte la ragione di ciò non è nulla di cui preoccuparsi: il mal d'amore, lo stress o un'infezione imminente possono ridurre rapidamente l'appetito e portare alla perdita di peso. Di solito questo è solo da uno a due chili. Anche nella vecchiaia, la mancanza di appetito e la conseguente perdita di peso non sono rare, tra l'altro perché la massa muscolare che consuma calorie si riduce in età avanzata e lo stomaco si svuota più lentamente.

La perdita di peso indesiderata può essere dovuta a malattie, farmaci o sostanze che creano dipendenza:

infezioni

Nelle infezioni acute e croniche, l'appetito è spesso ridotto. Inoltre, ci sono spesso sintomi come affaticamento e scarse prestazioni. A volte questi sintomi sono i primi segni che qualcosa non va nel corpo. Le malattie infettive associate a un calo ponderale particolarmente grave sono, ad esempio, l'HIV/AIDS e la tubercolosi.

Anche le persone che ospitano parassiti nel loro intestino, come la tenia del manzo o la tenia del pesce, perdono peso.

Allergie e intolleranze alimentari

Allergie e intolleranze a determinati alimenti, come l'intolleranza al lattosio, possono portare alla perdita di peso: il consumo di alimenti "critici" spesso provoca gravi disturbi come dolori addominali, flatulenza e nausea. Per paura di ciò, molti malati osano solo mangiare poco o rinunciano completamente a un pasto se non è disponibile nulla di accettabile.

Nel caso di alcune intolleranze, il corpo può elaborare solo parzialmente il cibo che ha consumato. È il caso, ad esempio, dell'intolleranza al glutine (celiachia).

Altri disturbi del tratto digerente

Malattie come infezioni gastrointestinali, ulcere, infiammazione del rivestimento dello stomaco (gastrite) e infiammazione del pancreas (pancreatite) possono causare nausea e/o dolore all'addome, che possono ridurre significativamente il desiderio di mangiare. In alcune malattie, il corpo non può assorbire abbastanza nutrienti attraverso l'intestino (malassorbimento). È il caso, ad esempio, delle malattie diarroiche e delle malattie infiammatorie croniche intestinali come il morbo di Crohn.

Malattie di altri organi

Possono anche essere associati a una perdita di appetito. Ciò vale, ad esempio, per la cirrosi epatica, la debolezza renale (insufficienza renale), l'ostruzione dei dotti biliari o la malattia surrenale del morbo di Addison.

Malattie metaboliche

Le malattie metaboliche possono anche essere la causa della perdita di peso, ad esempio l'ipertiroidismo (tiroide iperattiva). Il metabolismo funziona a piena velocità a causa della sovrapproduzione di alcuni ormoni: il consumo calorico aumenta notevolmente, in modo che le persone colpite perdano inavvertitamente peso nonostante il costante comportamento alimentare.

Le persone con diabete di tipo 1 (diabete di tipo 1) perdono peso se la loro glicemia non è adeguatamente controllata. A causa di un malfunzionamento del sistema immunitario, il pancreas produce poca o nessuna insulina. La mancanza di questo ormone significa che le cellule del corpo non possono assorbire lo zucchero nel sangue ad alta energia. Per ottenere l'energia di cui ha bisogno, il corpo deve quindi ripiegare sui depositi di grasso.

Al contrario, i diabetici di tipo 2, in cui le cellule del corpo stanno diventando sempre più insensibili all'insulina, hanno maggiori probabilità di essere in sovrappeso.

Cancro

Sono spesso associati a una massiccia perdita di peso, a volte anche prima che la chemioterapia porti alla nausea o la paura della morte costi a coloro che sono colpiti dal loro appetito. La perdita di peso inspiegabile è spesso il primo sintomo di una malattia tumorale maligna: man mano che i tumori crescono, privano il corpo di sostanze nutritive, così che il paziente perde peso. I medici, quindi, a volte parlano di "malattie da consumo".

Malattia mentale

La malattia mentale può anche portare alla perdita di peso. Le persone con disturbi d'ansia o depressione spesso hanno poco appetito e quindi mangiano poco. Le malattie possono anche esprimersi al contrario, attraverso l'aumento di peso, poiché le persone colpite mangiano molto per compensare i sentimenti negativi.

Nel caso di disturbi alimentari come l'anoressia o la dipendenza da cibo-vomito (bulimia), le cose sono ancora diverse. Nel caso dell'anoressia, i malati devono lottare contro la fame, almeno inizialmente. Poiché mangiano pochissimo e spesso si allenano eccessivamente, continuano a perdere peso.

Le bulimiche, d'altra parte, soccombono ripetutamente alle abbuffate. Per evitare che aumentino di peso, vomitano in modo mirato, ad esempio infilandosi un dito in gola. A volte le bulimiche di conseguenza perdono anche peso.

Farmaci e droghe

Alcuni farmaci possono anche rovinare l'appetito. Questi includono, ad esempio, il farmaco per il cuore digitale, alcuni farmaci per l'asma, farmaci per il disturbo da deficit di attenzione (ADD/ADHD), antidepressivi e altri farmaci psicotropi.

La perdita di peso può verificarsi anche nelle persone che fanno uso di droghe. Questo include l'alcol, anche se è ricco di calorie. Perché chi beve birra, vino & Co. in modo eccessivo per un lungo periodo di tempo porta il proprio organismo in una carenza nutrizionale, in quanto gli alcolisti assorbono sempre più calorie "vuote" dall'alcol. Questo porta alla malnutrizione e alla perdita di peso.

Perdita di peso: quando è necessario consultare un medico?

Se non hai appetito da molto tempo senza una ragione apparente e quindi pesi diversi chili in meno, dovresti assolutamente consultare un medico. È meglio consultare un medico prima piuttosto che dopo, soprattutto se sei comunque piuttosto magro.

La visita medica è fortemente consigliata anche se la perdita di peso è accompagnata da altri sintomi come:

  • Dolore (ad es. dolore addominale, mal di testa)
  • Indigestione
  • sete eccessiva
  • Febbre e sudorazioni notturne
  • Fatica e svogliatezza
  • fiato corto
  • (Sangue) tosse

Perdita di peso: cosa fa il medico?

Sulla base di una discussione dettagliata e di vari esami, il medico deve prima scoprire cosa sta causando la perdita di peso indesiderata. Quindi può iniziare una terapia appropriata.

Diagnosi di perdita di peso

Per chiarire le cause, il medico ti chiederà prima la tua storia medica (anamnesi). Chiede dei tuoi sintomi e di eventuali malattie preesistenti e sottostanti. Anche le informazioni sulle tue abitudini alimentari e sul tuo stato mentale sono importanti. Inoltre, informi il medico se sta assumendo farmaci: questi potrebbero essere la causa della perdita di peso.

Il colloquio di anamnesi è seguito da un esame fisico completo e da vari test di laboratorio. Ad esempio, il medico può determinare gli ormoni tiroidei nel sangue o verificare se c'è sangue nelle feci. A seconda dei risultati e della causa sospetta della perdita di peso, il medico può anche consultare vari esami basati sull'apparato. Esempi sono:

  • Ecografia addominale
  • Panoramica radiografica del torace (radiografia del torace)
  • ECG (elettrocardiografia)
  • Tomografia computerizzata (TC)
  • Risonanza magnetica (MRI)

Terapia per la perdita di peso

Se il medico ha diagnosticato una malattia come causa della perdita di peso, la tratterà in modo appropriato. Le opzioni terapeutiche sono, ad esempio:

  • Farmaci: ad esempio, il diabete di tipo 1 viene trattato con iniezioni di insulina. Nell'ipertiroidismo, i farmaci antitiroidei possono ridurre l'aumento della produzione di ormoni. I bloccanti dell'acido aiutano con i problemi di stomaco legati all'acido. Nausea e vomito (a seguito di malattia o trattamenti come la chemioterapia) possono essere alleviati con antiemetici.
  • Psicoterapia: alcune malattie mentali come la depressione possono essere alleviate con i farmaci. Inoltre, di solito è utile anche la psicoterapia, come la terapia della parola basata sulla psicologia del profondo o la terapia cognitivo comportamentale. Questo di solito è essenziale in caso di disturbi alimentari e dipendenze.
  • Chirurgia: alcune cause di perdita di peso richiedono un intervento chirurgico. Ad esempio, se i dotti biliari sono ostruiti da aderenze, tumori o calcoli biliari, di solito deve essere eseguita un'operazione.

Perdita di peso: puoi farlo da solo

Se la tua perdita di peso è dovuta alla mancanza di appetito, puoi ingannare la tua riluttanza a mangiare:

  • orari dei pasti regolari: il corpo è una creatura abitudinaria. Se è calibrato per pasti regolari, a un certo punto si presenterà con lo stomaco che brontola non appena si avvicina l'ora del pasto abituale. Pertanto, mangia sempre alla stessa ora, anche se sono solo pochi bocconi.
  • impiattare: anche l'occhio mangia. Se prepari e servi i pasti con amore, è anche più probabile che ne incoraggino il consumo.
  • Erbe e spezie: invecchiando, i tuoi sensi diminuiscono - anche il senso del gusto ne soffre. Le persone anziane, in particolare, non apprezzano più il cibo. I cibi vanno poi conditi in modo particolarmente aromatico, non necessariamente con molto sale, ma con erbe e spezie.
  • Zenzero: Bevi acqua allo zenzero durante il giorno - questo favorisce la digestione e l'appetito. Per fare questo, versa semplicemente acqua calda su alcune fettine di zenzero e lascia in infusione.
  • Sostanze amare: Tutto ciò che è amaro permette anche la fuoriuscita dei succhi gastrici e quindi favorisce la digestione e l'appetito. Ad esempio, puoi mangiare mezzo pompelmo al mattino e/o iniziare il pranzo con un'insalata di rucola o cicoria.
  • Insieme anziché da soli: chi mangia in buona compagnia non solo si siede più a lungo a tavola, ma mangia anche di più.
  • Esercizio: L'attività fisica, soprattutto all'aria aperta, stimola l'appetito. Anche una passeggiata prima di mangiare può far venire voglia di mangiare.
  • Riduzione dello stress: molto spesso la perdita di peso è correlata allo stress. Tecniche di rilassamento come il rilassamento muscolare progressivo, il training autogeno, la meditazione o il tai chi possono aiutare qui.
Tags.:  bambino bambino bambino piccolo Ospedale 

Articoli Interessanti

add