Nascita della campana di aspirazione

Eva Rudolf-Müller è una scrittrice freelance nel team medico di Ha studiato medicina umana e scienze giornalistiche e ha ripetutamente lavorato in entrambe le aree: come medico in clinica, come revisore e come giornalista medico per varie riviste specializzate. Attualmente lavora nel giornalismo online, dove viene offerta a tutti un'ampia gamma di farmaci.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Un parto con ventosa è una forma di parto assistito, cioè un parto supportato dall'esterno. Ciò è necessario, ad esempio, se si verifica un arresto nella fase finale del parto, se il tuo bambino mostra segni di aumento dello stress o se un parto più lungo ha esaurito tutte le tue riserve di forza o quelle del tuo bambino. Leggi di più sulla nascita della ventosa qui.

Cos'è una nascita di campana di aspirazione?

Durante il parto con la ventosa (estrazione sotto vuoto), il medico aiuta un bambino con la ventosa, una piccola semisfera in silicone o metallo che viene posta sulla testa del nascituro, dove aderisce saldamente per mezzo di una pressione negativa. Alla successiva contrazione e con la madre che preme forte, il bambino viene poi tirato fuori.

Circa il 6% di tutte le nascite è un parto a ventosa.

Quando è necessaria l'erogazione a ventosa?

Se la testa del tuo bambino è già visibilmente all'uscita pelvica durante la fase di espulsione del parto, ma poi si ferma, il medico adotterà misure di supporto per favorire il parto. Il ritardo nella nascita comporta il rischio che il bambino non sia più adeguatamente rifornito di ossigeno. Pertanto, ora deve essere aiutato rapidamente nel mondo, ad esempio nel contesto di un parto con campana di aspirazione.

Il medico eseguirà anche un parto con ventosa se sei esausto da un lungo periodo di travaglio o se il "registratore contraccettivo" (cardiotocografo) indica una mancanza di ossigeno nel tuo bambino. Il lavoro scadente è anche un motivo per terminare rapidamente il parto con l'assistenza. Ci sono anche malattie che non consentono di premere forte, come è necessario nella fase finale del parto (come alcune malattie degli occhi). Quindi è necessario anche il supporto esterno del medico curante.

Requisiti per un parto con ventosa

Un parto con ventosa è possibile solo con un bambino nella normale posizione della testa. Inoltre, la cervice deve essere completamente aperta e il sacco amniotico deve essere rotto. Come prerequisito finale per un parto a ventosa, la testa del bambino deve essere già entrata nel bacino materno.

Cosa succede durante un'erogazione a ventosa

Innanzitutto, la vescica della madre viene svuotata utilizzando un catetere (una vescica piena sarebbe un ostacolo meccanico al parto). Quindi alla donna viene somministrata l'anestesia epidurale (PDA) o l'anestesia locale. Ora il medico posiziona una ventosa della misura appropriata sulla testa del bambino. La campana di aspirazione è collegata ad una pompa. Con il loro aiuto, viene creata una pressione negativa nella ventosa in modo che aderisca saldamente alla testa. Dopo che il medico ha verificato che la ventosa sia posizionata correttamente sulla testa del bambino e che non siano stati rilevati tessuti molli materni con la ventosa, viene eseguito un test. Viene utilizzato per verificare se la ventosa è posizionata sufficientemente saldamente e se la testa del bambino segue il treno. Poi le cose si fanno serie con la nascita della campana di aspirazione:

Durante le successive contrazioni - con la madre che preme forte - tirare con cautela la ventosa e quindi la testa del bambino, verso il basso lungo l'asse pelvico in modo che la testa del bambino possa nascere. Non appena ha superato la linea tra il collo e i capelli, il medico rimuove la ventosa rilasciando lentamente l'aspirazione. Il resto del corpo del bambino può ora nascere come in un parto vaginale naturale.

Dopo il parto con la ventosa, la madre viene esaminata a fondo. Se la vagina è stata ferita durante il parto, le ferite vengono trattate immediatamente e professionalmente.

Assistenza alla nascita della campana di aspirazione

L'erogazione della campana di aspirazione viene solitamente eseguita in anestesia epidurale o locale. Se il perineo è esposto a una pressione molto forte, può essere praticata un'incisione perineale (episiotomia).

Con il cosiddetto manico di Kristeller, un assistente può sostenere il parto della testa del bambino: per farlo preme con entrambe le mani o con l'avambraccio sull'addome della partoriente durante una contrazione, ma in maniera dosata sul parte superiore dell'utero (fondo) nella direzione dell'occipite del bambino. Per te come donna che partorisce, questa pressione non dovrebbe essere dolorosa.

Cosa significa il parto con ventosa per il tuo bambino

Dopo il parto con la ventosa, potresti notare un gonfiore delle dimensioni di un pugno sulla testa del bambino, causato dall'aspirazione della ventosa. Questo gonfiore è innocuo e di solito scompare entro pochi giorni.

Una grave conseguenza del parto con la ventosa può essere un'emorragia cerebrale nel bambino, soprattutto se la ventosa si rompe a causa di una pressione un po' troppo bassa. Per questo motivo, nei neonati prematuri non è possibile eseguire un parto con campana di aspirazione, poiché qui aumenta il rischio di emorragia cerebrale.

Vantaggi della nascita della campana di aspirazione

La consegna a ventosa è un ottimo modo per terminare rapidamente un parto lento. Il loro vantaggio è che possono essere utilizzati rapidamente senza comprimere la testa del bambino, come nel caso, ad esempio, con la consegna con le pinze. Discutete in anticipo con il vostro medico le varie opzioni di parto assistito e in particolare i vantaggi e gli svantaggi, nonché il processo di un parto con campana di aspirazione. Allora sei ben informato in caso di emergenza.

Tags.:  mestruazioni droghe alcol 

Articoli Interessanti

add