Fuoco di Sant'Antonio: il nuovo vaccino protegge anche gli anziani

Christiane Fux ha studiato giornalismo e psicologia ad Amburgo. L'esperto redattore medico scrive articoli di riviste, notizie e testi fattuali su tutti i possibili argomenti di salute dal 2001. Oltre al suo lavoro per, Christiane Fux è anche attiva nella prosa. Il suo primo romanzo poliziesco è stato pubblicato nel 2012 e scrive, progetta e pubblica anche le sue commedie poliziesche.

Altri post di Christiane Fux Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

L'herpes zoster non è una cosa da poco: il problema principale non sono i sintomi della pelle come vesciche e arrossamenti. Si tratta di tratti nervosi infiammati che spesso causano dolori insopportabili per mesi e talvolta anche danni permanenti. Un nuovo vaccino dovrebbe ora aiutare.

I virus della varicella tornano attivi

L'herpes zoster, come viene chiamato in medicina l'herpes zoster, è causato dallo stesso virus della varicella. Anche se l'eruzione vescicolare pruriginosa scompare dopo la prima infezione, i virus sopravvissuti si annidano nel sistema nervoso centrale. Possono dormire lì per tutta la vita o tornare attivi. Questo accade soprattutto dopo i 50 anni, quando le difese della persona si indeboliscono lentamente.

L'eruzione del fuoco di Sant'Antonio, che di solito si verifica lungo i singoli tratti nervosi, guarisce dopo due o quattro settimane. Ma il dolore può durare molto più a lungo. Da tre mesi in poi, i medici parlano di nevralgia post-zoster.

Il vaccino morto batte l'immunizzazione viva

Esistono già vaccinazioni che possono impedire al virus dello zoster di riaccendersi. Si basano sui cosiddetti vaccini vivi, in cui al paziente vengono iniettati virus indeboliti. Ma non funzionano particolarmente bene con le persone anziane. Nella fascia di età dai 50 ai 59 anni, la protezione vaccinale è di poco inferiore al 70 percento, di quelli sopra i 70 anni protegge solo il 37,6 percento.

Un vaccino approvato in Germania da maggio è diverso: la sua efficacia è ancora superiore al 90% anche per le persone con più di 80 anni. È un cosiddetto vaccino morto, che contiene solo componenti speciali dell'agente patogeno e vari potenziatori attivi. Le prime osservazioni a lungo termine suggeriscono che l'effetto protettivo potrebbe durare più a lungo rispetto ai vecchi vaccini.

Effetti collaterali più comuni

Tuttavia, il suo buon effetto protettivo è accompagnato da un tasso relativamente alto di effetti collaterali: reazioni nel sito di vaccinazione come gonfiore e arrossamento si sono verificate in quasi l'80% dei vaccinati. Il 66,1 per cento ha riportato dolore muscolare, affaticamento, febbre o mal di testa, che di solito si sono attenuati dopo due o quattro giorni.

Nessuna raccomandazione ufficiale sulla vaccinazione in Germania ancora

L'autorità sanitaria statunitense ha già modificato la sua raccomandazione sulla vaccinazione a favore del nuovo vaccino del produttore statunitense GlaxoSmithKline. Una raccomandazione simile da parte della Commissione vaccinale permanente (STIKO) in Germania è ancora pendente. Pertanto, gli assicuratori sanitari non coprono i costi per la vaccinazione in questo paese per impostazione predefinita, ma alcuni vogliono rimborsarli volontariamente ora. Vale quindi la pena chiedere alla propria compagnia di assicurazione sanitaria.

L'herpes zoster colpisce molte persone

Circa una persona su cinque svilupperà l'herpes zoster ad un certo punto della sua vita. In Germania ce ne sono 400.000 ogni anno. Idealmente, il trattamento dovrebbe iniziare entro 72 ore dalla comparsa dell'eruzione cutanea. Ma spesso i sintomi sono ambigui e la diagnosi corretta viene fatta troppo tardi. Ciò aumenta il rischio di un decorso cronico.

I sintomi del fuoco di Sant'Antonio

Con l'herpes zoster, il paziente inizialmente si sente esausto e malato. Quindi si formano macchie rosse sulla sua pelle, in seguito si sviluppano vesciche. Questi si diffondono lungo il cordone nervoso interessato, ad esempio a forma di cintura dalla colonna vertebrale alla parte anteriore del corpo. Ma anche il viso può essere colpito. Quindi la malattia è spesso particolarmente grave. Soprattutto, i pazienti spesso soffrono di forti bruciature, lancinanti e dolori lancinanti.

Tags.:  terapie rivista dormire 

Articoli Interessanti

add