Vaccinazione meningococcica

e Martina Feichter, redattrice medica e biologa

Martina Feichter ha studiato biologia con una materia elettiva farmacia a Innsbruck e si è anche immersa nel mondo delle piante medicinali. Da lì non era lontano da altri argomenti medici che la affascinano ancora oggi. Si è formata come giornalista presso l'Axel Springer Academy di Amburgo e lavora per dal 2007 - prima come redattrice e dal 2012 come scrittrice freelance.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

La vaccinazione contro il meningococco protegge dall'infezione da meningococchi. Questi batteri possono causare grave meningite e avvelenamento del sangue. Esistono tre diverse vaccinazioni contro il meningococco. Leggi tutto quello che c'è da sapere sull'argomento qui: A chi gli esperti raccomandano la vaccinazione contro il meningococco? Ogni quanto devo vaccinare? Quali effetti collaterali può avere la vaccinazione? Chi paga la vaccinazione meningococcica?

Che cos'è la vaccinazione meningococcica?

La vaccinazione meningococcica è una vaccinazione contro i meningococchi (Neisseria meningitidis). Questi batteri possono causare una pericolosa infiammazione delle meningi (meningite), motivo per cui la vaccinazione è anche conosciuta colloquialmente come "vaccinazione contro la meningite". I meningococchi possono anche causare avvelenamento del sangue (sepsi). I bambini sotto i cinque anni, gli adolescenti e le persone con un sistema immunitario indebolito sono particolarmente a rischio di malattia meningococcica (meningite, sepsi).

I vaccini meningococcici sono vaccini morti, costituiti da componenti caratteristici della capsula batterica o della superficie batterica. Questi componenti non possono farti ammalare, ma possono comunque stimolare il corpo a produrre anticorpi specifici contro i rispettivi tipi di meningococco. Pertanto, la vaccinazione contro i meningococchi è una vaccinazione attiva. Se la persona vaccinata viene in seguito infettata da meningococchi "veri", questi vengono intercettati dagli anticorpi disponibili. È così che si può prevenire un'epidemia.

Quali sono le vaccinazioni meningococciche?

Esistono tre vaccinazioni meningococciche, ognuna delle quali protegge contro diversi tipi di meningococchi:

  1. Vaccinazione meningococcica contro il sierotipo C, secondo tipo di meningococco più diffuso in Germania, dal 2006 vaccinazione standard secondo le raccomandazioni della Standing Vaccination Commission (STIKO)
  2. Vaccinazione meningococcica contro il sierotipo B, il tipo di meningococco più diffuso in Germania
  3. Vaccinazione meningococcica contro i sierotipi A, C, W135 e Y

I vaccini contro il meningococco utilizzati oggi sono per lo più vaccini coniugati: a differenza dei vecchi vaccini polisaccaridici, i componenti dell'involucro batterico sono legati chimicamente ("coniugati") a una proteina trasportatrice. Questo innesca una risposta immunitaria più forte, cioè una più forte formazione di anticorpi. I vaccini coniugati sono molto più efficaci dei vaccini polisaccaridici, specialmente nei neonati e nei bambini piccoli. Inoltre, la protezione vaccinale dura più a lungo con i vaccini coniugati rispetto ai vaccini polisaccaridici.

Le informazioni sulla vaccinazione meningococcica di seguito sono per i vaccini coniugati.

Quando è utile la vaccinazione contro il meningococco?

Esistono tre diverse vaccinazioni contro il meningococco che proteggono contro diversi sierogruppi del patogeno. Uno di questi è raccomandato come vaccinazione standard (vaccinazione contro il meningococco C), gli altri due (attualmente) solo in alcuni casi, ad esempio con determinate malattie di base o quando si viaggia in un paese con un aumentato rischio di infezione.

Vaccinazione meningococcica C

Come accennato in precedenza, i bambini piccoli in particolare sono soggetti alla malattia meningococcica (soprattutto sotto forma di meningite): una vaccinazione contro il meningococco C - la seconda causa più comune di malattia meningococcica in Germania - è quindi raccomandata dalla Commissione vaccinale permanente (STIKO) per tutti Consigliato per bambini nel secondo anno di vita (dai 12 mesi). Questa raccomandazione per la vaccinazione standard esiste dal 2006.

Vaccinazione meningococcica B

Un primo vaccino contro la causa più comune di malattia da meningococco in Germania, il sierogruppo B, è stato lanciato sul mercato nel 2013. Gli esperti stanno attualmente esaminando l'uso di routine: al momento, i dati disponibili sull'efficacia e la sicurezza della vaccinazione contro il meningococco B non sono ancora sufficienti per raccomandarla - come la vaccinazione contro il meningococco C - come vaccinazione standard.

Pertanto, i medici consigliano solo alle persone con determinate malattie di base di sottoporsi alla vaccinazione contro il meningococco B. Gli esperti raccomandano anche la vaccinazione contro il meningococco B per le persone con un aumentato rischio di infezione (vedere la sezione successiva).

Vaccinazione meningococcica contro i sierogruppi A, C, W135 e Y

Il vaccino contro il meningococco C può essere somministrato anche sotto forma di vaccino quadruplo, che contiene anche vaccini contro il meningococco A, W135 e Y (vaccinazione ACWY). Questa forma di vaccinazione meningococcica è raccomandata per adulti, adolescenti e bambini che sono a maggior rischio di infezione. Questi includono, ad esempio:

  • Persone con immunodeficienza congenita o acquisita (ad es. mancanza di milza)
  • Operatori di laboratorio che possono entrare in contatto con questi sierogruppi meningococcici sul posto di lavoro
  • Contatti domestici non vaccinati di persone che hanno una grave infezione con uno dei sierogruppi menzionati (i contatti devono essere vaccinati il ​​prima possibile e ricevere anche antibiotici)
  • Viaggiatori in paesi in cui questi sierogruppi causano regolarmente infezioni (soprattutto se il viaggiatore potrebbe entrare in stretto contatto con la popolazione locale, vedi sotto)
  • Scolari e studenti in soggiorni di lunga durata in paesi in cui si raccomanda la vaccinazione di giovani, scolari o studenti (vedi sotto)
  • Persone in Germania nelle vicinanze di determinati focolai o con aumento regionale dell'incidenza di malattie con i sierogruppi menzionati, se le autorità sanitarie competenti forniscono una raccomandazione di vaccinazione corrispondente

Gli esperti raccomandano una vaccinazione ACWY e una vaccinazione contro il meningococco B per questi gruppi a rischio!

Vaccinazione meningococcica: ogni quanto si vaccina?

Lo STIKO raccomanda la vaccinazione standard contro il meningococco C per tutti i bambini tra i 12 ei 23 mesi in una singola dose di vaccinazione. Se i genitori saltano questo periodo, dovrebbero fare la vaccinazione il prima possibile prima del loro 18° compleanno.

Anche se la raccomandazione STIKO per la vaccinazione contro il meningococco C si applica ai bambini di età pari o superiore a 12 mesi, tali vaccini sono approvati anche per i bambini nel primo anno di vita, più precisamente a partire dai due mesi di età. Tuttavia, se sei vaccinato nel primo anno di vita, sono necessarie due dosi di vaccino a distanza di almeno due mesi. Inoltre, è quindi raccomandata una vaccinazione di richiamo per dopo.

La vaccinazione contro il meningococco C viene spesso somministrata ai bambini piccoli contemporaneamente a una delle altre vaccinazioni standard raccomandate (ad es. la tripla vaccinazione contro morbillo, parotite, rosolia).

È disponibile un vaccino per la vaccinazione contro il meningococco B che può essere iniettato a partire dai due mesi di età (un altro vaccino contro il meningococco B è approvato solo dall'età di dieci anni). Qui sono necessarie diverse dosi di vaccino:

Ai bambini tra i due ei cinque mesi vengono somministrate tre dosi a distanza di quattro settimane. In tutti gli altri gruppi di età (bambini più grandi, adolescenti, adulti) sono sufficienti due dosi di vaccino per l'immunizzazione di base. Se la vaccinazione contro il meningococco B è stata somministrata nei primi due anni di vita, è necessaria un'altra vaccinazione in seguito. L'esatto programma di vaccinazione si basa sulle informazioni fornite dal produttore del vaccino.

Con la vaccinazione meningococcica contro i sierogruppi A, C, W135 e Y, dipende dal vaccino utilizzato, quando e come viene somministrato la vaccinazione. Un vaccino è approvato a partire dalle sei settimane di età. Fino all'età di cinque mesi sono quindi necessarie due dosi di vaccinazione per l'immunizzazione di base (a distanza di due mesi), dopodiché di solito solo una.

Il vaccino di un altro produttore può essere somministrato dall'età di due anni. Una dose di vaccino è sufficiente per l'immunizzazione di base in ogni fascia di età.

Vaccinazione meningococcica come vaccinazione di viaggio

Come già accennato, per alcuni viaggi può essere utile anche una vaccinazione contro il meningococco. Il medico di solito inietta il vaccino ACWY. Può essere consigliata anche la vaccinazione contro il meningococco B. La Società tedesca per la medicina tropicale e la salute globale e.V.raccomanda la vaccinazione meningococcica da viaggio nei seguenti casi:

  • Viaggio nella cintura africana della meningite
  • Viaggio verso la cintura della meningite estesa e malattie precedenti (ad es. mancanza di milza, immunodeficienza, debolezza renale cronica)
  • Viaggi in aree con focolai epidemici attuali (raccomandazioni del Ministero degli esteri federale),
  • Appartenere a un gruppo a rischio con un aumentato rischio di infezione (operatori di soccorso in caso di catastrofe, militari, personale medico)
  • Scolari/studenti in soggiorni di lunga durata in paesi con vaccinazione generale raccomandata per adolescenti e scolari o studenti (vaccino secondo le raccomandazioni dei paesi di destinazione)

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), i seguenti paesi appartengono, almeno in parte, e completamente alla fascia estesa della meningite: Senegal, Gambia, Guinea-Bissau, Guinea, Mali, Mauritania, Burkina Faso, Costa d'Avorio , Ghana, Togo, Benin, Niger, Ciad, Nigeria, Camerun, Africa centrale, Sudan, Sud Sudan, Etiopia e principalmente nell'estesa fascia del Congo, Uganda, Kenya ed Eritrea. I paesi Ruanda, Tanzania e Burundi appartengono esclusivamente alla fascia estesa della meningite.

Inoltre, la vaccinazione meningococcica contro i sierotipi A, C, W135 e Y è obbligatoria per i pellegrinaggi in Arabia Saudita (Mecca). La vaccinazione deve essere somministrata entro e non oltre dieci giorni prima della partenza ed è quindi valida per otto anni (se vaccinata con vaccino coniugato).

Se hai bambini di età inferiore a un anno, devi recarti in aree a rischio e/o soffrire di malattie di base, chiedi al tuo pediatra o al medico di viaggio se è necessaria una vaccinazione contro il meningococco. Se questo è il caso, il vaccino ACWY può essere somministrato, anche se in realtà non è ancora approvato per questi bambini piccoli (uso off-label).

Vaccinazione meningococcica: effetti collaterali

Una vaccinazione contro il meningococco spesso provoca effetti collaterali nel sito di iniezione (come leggero arrossamento, gonfiore, dolore). Nei primi giorni successivi, possono comparire temporaneamente anche sintomi generali. Questi includono, ad esempio, febbre, mal di testa, sensazione di malessere, irritabilità (nei neonati e nei bambini), perdita di appetito, disturbi gastrointestinali (ad es. diarrea, vomito), affaticamento, dolori muscolari e articolari e dolori alle braccia e alle gambe.

In casi rari o molto rari, ci sono altri effetti collaterali. Ad esempio, alcune persone reagiscono alla vaccinazione contro il meningococco con segni di una reazione allergica (come gonfiore temporaneo del viso, orticaria, shock allergico). Brividi, rigidità muscolare o articolare, (febbre) crampi, vertigini, svenimenti e disturbi visivi sono effetti collaterali da rari a molto rari.

A seconda del vaccino meningococcico utilizzato, il tipo e la probabilità di possibili effetti collaterali variano. Si prega di chiedere al proprio medico informazioni più dettagliate.

Vaccinazione meningococcica: quando non vaccinarsi?

In generale, per le vaccinazioni vale quanto segue: I medici non possono vaccinare se si soffre di una malattia acuta e/o febbrile (> 38,5 gradi Celsius). Anche in caso di nota ipersensibilità al vaccino meningococcico o ai suoi componenti, la vaccinazione non deve essere effettuata. Le allergie svolgono un ruolo particolarmente importante con i vaccini coniugati: ad esempio, un vaccino contro il meningococco C contiene anche proteine ​​del batterio della difterite. Ciò significa che se un paziente ha avuto una reazione allergica al vaccino contro la difterite in passato, anche questo vaccino contro il meningococco non può essere somministrato. Chiedi al tuo medico le controindicazioni, che possono variare a seconda del vaccino utilizzato.

Vaccinazione meningococcica: costo

La vaccinazione contro il meningococco C è a carico della compagnia di assicurazione sanitaria: poiché si tratta di una vaccinazione standard, le compagnie di assicurazione sanitaria obbligatorie sono obbligate a coprire i costi.

La situazione è diversa con la vaccinazione quadrupla contro i sierogruppi A, C, W135 e Y e con la vaccinazione contro i meningocci B: i costi per questo possono essere coperti da una compagnia di assicurazione sanitaria, ma non è necessario. Quindi è meglio chiedere alla tua compagnia di assicurazione sanitaria prima di una vaccinazione pianificata. Ad esempio, un gran numero di assicurazioni sanitarie copre i costi della vaccinazione contro il meningococco B per quei pazienti ad alto rischio a cui lo STIKO raccomanda la vaccinazione (ad es. persone con mancanza di milza). Alcune compagnie di assicurazione sanitaria rimborsano anche le vaccinazioni di viaggio.

Tags.:  rimedi casalinghi Salute dell'uomo vaccinazioni 

Articoli Interessanti

add