Rianimazione negli adulti

Carola Felchner è una scrittrice freelance nel dipartimento medico di e una consulente certificata per la formazione e la nutrizione. Ha lavorato per diverse riviste specializzate e portali online prima di diventare giornalista freelance nel 2015. Prima di iniziare il suo tirocinio, ha studiato traduzione e interpretariato a Kempten e Monaco.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

La rianimazione è la rianimazione di una persona dopo un arresto respiratorio e circolatorio. Per fare ciò, esegui compressioni toraciche, ventilazione e altre misure per supportare il sistema circolatorio. I medici parlano anche di rianimazione cardiopolmonare (RCP) o rianimazione cardiopolmonare. Leggi qui come procedere e a cosa dovresti prestare attenzione!

Breve panoramica

  • Cosa significa rianimazione? Misure di rianimazione in caso di arresto respiratorio e cardiovascolare.
  • Procedura: verificare se il paziente sta reagendo e respirando, effettuando una chiamata di emergenza, eseguendo compressioni toraciche e ventilazione fino all'arrivo del servizio di soccorso o fino a quando il paziente non respira di nuovo.
  • In quali casi? La rianimazione avviene sempre quando gli organi vitali non sono adeguatamente riforniti di ossigeno, ad es. B. in arresto cardiaco o in caso di insufficiente capacità di pompaggio del cuore.
  • Rischi: costole rotte e lesioni agli organi interni (come la milza) durante le compressioni toraciche, afflusso di aria e sangue tra la pleura e la pleura, (basso) rischio di infezione per il soccorritore (attraverso la respirazione bocca a bocca di un paziente con una malattia infettiva).

Attenzione!

  • In caso di emergenza, non esitare a iniziare le compressioni toraciche (con una pressione sufficiente sul torace della persona): può salvarti la vita!
  • La persona colpita può soffocare con il vomito o con la propria lingua. Pertanto, controlla se le vie aeree (superiori) sono libere: allunga la testa all'indietro, solleva il mento e tiralo in avanti, rimuovi oggetti estranei dalla bocca e dalla gola se possibile.
  • Lo sforzo fisico della rianimazione può ferirti come soccorritore. C'è un certo rischio di contagio con la rianimazione se il paziente è infetto.

Come funziona la rianimazione?

La rianimazione consiste essenzialmente in compressioni toraciche e rianimazione. È progettato per garantire l'apporto di ossigeno al cervello e ad altri organi quando qualcuno ha subito un arresto respiratorio/cardiovascolare. La velocità è essenziale: una mancanza di ossigeno nel cervello può causare danni irreversibili e morte dopo soli tre minuti.

Quando si tratta di rianimazione, gli esperti distinguono tra le misure di base della rianimazione e le misure estese:

Misure di base di rianimazione

Le misure di base sono riassunte sotto il termine "supporto vitale di base" (BLS in breve). Possono e devono essere svolte anche da laici. Include:

  • Parla con il paziente e controlla la sua risposta
  • Controlla la respirazione
  • Chiama l'emergenza
  • Compressioni toraciche
  • Rianimazione
  • se disponibile: utilizzare un defibrillatore automatico esterno (DAE) (la defibrillazione tenta di porre fine alle aritmie cardiache potenzialmente letali con l'aiuto di impulsi elettrici e ripristinare un ritmo cardiaco normale)

Con l'aiuto di queste misure, anche da laico, puoi garantire che il cuore e il cervello della persona interessata siano adeguatamente riforniti di sangue fino all'arrivo del medico di emergenza.

Misure avanzate

Le misure di rianimazione estese ("supporto vitale avanzato", o ALS in breve) sono eseguite da personale medico qualificato, come i paramedici. Questi cercano di animare di nuovo il cuore del paziente a un normale ritmo di battito. Questo viene fatto attraverso la defibrillazione e i farmaci.

Inoltre, le vie aeree sono protette e viene stabilito l'accesso venoso. Durante questo periodo, le misure di rianimazione di base (massaggio a pressione cardiaca e ventilazione) vengono eseguite continuamente.

Rianimazione: ecco come funziona

Chiunque trovi una persona immobile dovrebbe, per quanto a sua conoscenza, fornire immediatamente il primo soccorso e la rianimazione (a condizione che non si mettano in pericolo).

1. Controlla la consapevolezza e la respirazione

Come primo soccorritore, dovresti prima verificare se la persona incosciente reagisce a tremare oa parlare ad alta voce. Quindi controlla il tuo respiro. Per fare ciò, allunga leggermente la testa del paziente all'indietro e solleva il mento. Cerca oggetti estranei nella bocca e nella gola che potrebbero impedire la respirazione. Rimuovili se possibile.

Tieni l'orecchio vicino alla bocca e al naso della persona incosciente, rivolto verso il petto. Controlla se riesci a sentire i suoni del respiro, senti un respiro d'aria e vedi se il torace del paziente si alza e si abbassa.

2. Avvertire il medico di emergenza

Chiamare il medico di emergenza (telefono: 112) o chiedere agli astanti di farlo.

3. Compressioni toraciche

Quindi inizia immediatamente con le compressioni toraciche, il cuore della rianimazione. Assicura che, nonostante l'arresto respiratorio e cardiovascolare, il sangue saturo di ossigeno nel corpo venga trasportato alle cellule (soprattutto nel cervello). Come eseguire le compressioni toraciche:

  1. Appoggia la persona immobile su una superficie dura ed esponi la parte superiore del corpo.
  2. Inginocchiati di lato, posiziona il palmo della tua mano al centro dello sterno, posiziona la seconda mano sulla prima e intreccia le dita.
  3. In modo che il torace sia sufficientemente compresso in profondità, piegati verticalmente sul torace (le spalle devono essere perpendicolari alle mani) e premi saldamente sul torace con le braccia dritte e ritmicamente. La frequenza dovrebbe essere di almeno 100 colpi al minuto. Puoi anche aumentare il ritmo delle compressioni toraciche (fino ad un massimo di 120). Poiché "100" è un valore molto astratto, il seguente suggerimento aiuta a trovare il ritmo giusto: Pensa alla canzone "Stayin 'Alive" dei Bee Gees: il suo ritmo è ideale per le compressioni toraciche. Lo stesso vale per la canzone "Rock Your Body" di Justin Timberlake.
  4. Dopo 30 compressioni, c'è una doppia donazione di respiro, cioè la rianimazione bocca a bocca o bocca a naso.
  5. Continua questo ciclo 30: 2 fino all'arrivo dei soccorsi. Se è presente un altro soccorritore, ha senso cambiare ogni 30:2 cicli (le compressioni toraciche sono estenuanti!).
  6. Se non ti fidi di te stesso per ventilare (e nemmeno degli astanti), limitati alle compressioni toraciche e continua a farlo continuamente - fino a quando arriva il medico di emergenza o il paziente respira di nuovo normalmente.
  7. Utilizzare un defibrillatore automatico esterno (DAE), se disponibile. Tali dispositivi sono ora disponibili in molte sedi centrali e negli edifici pubblici. Le istruzioni vocali aiutano con la corretta applicazione. Attenzione: l'uso di un defibrillatore automatico esterno non deve mai ritardare o sostituire le compressioni toraciche!

Non appena arriverà il servizio di ambulanza, cercheranno di riportare il paziente a un ritmo cardiaco naturale. Il paziente viene intubato per proteggere le vie aeree. Ciò significa: spingi un tubo sottile (tubo) attraverso la bocca o il naso e nella trachea. Inoltre, viene stabilito un accesso venoso, attraverso il quale al paziente vengono somministrati liquidi e farmaci. Spesso, ad esempio, vengono somministrati adrenalina (aumenta e sostiene la pressione sanguigna) e farmaci antiaritmici (antiaritmici). Inoltre, viene scritto un ECG per controllare l'attività cardiaca.

Rianimazione nei bambini

Ci sono alcune cose da considerare quando si rianimano neonati e bambini piccoli in particolare. Puoi saperne di più su questo nell'articolo Rianimazione nei bambini.

Quando faccio una rianimazione?

La rianimazione cardiopolmonare è sempre necessaria se, in un'emergenza acuta, gli organi vitali oi sistemi di organi di una persona colpita non sono adeguatamente riforniti di ossigeno. La ragione di ciò è solitamente un arresto cardiaco o un pompaggio insufficiente del muscolo cardiaco, ad esempio in caso di infarto, aritmia cardiaca o tamponamento pericardico (accumulo di liquidi nel pericardio che comprime il cuore).

Anche influenze esterne come soffocamento, avvelenamento o annegamento possono portare all'arresto cardiaco.

I sintomi tipici di una mancanza di apporto di ossigeno sono perdita di coscienza, arresto respiratorio o respiro affannoso (spasmi diaframmatici incontrollati) e battito cardiaco assente o troppo veloce.

Rischi di rianimazione

La rianimazione comporta i seguenti rischi per la persona interessata:

  • Costole rotte
  • lesioni polmonari
  • Lacrime nel diaframma, nel fegato o nella milza
  • Inalazione del contenuto dello stomaco
  • Ingresso di aria nello spazio pleurico (pneumotorace)
  • Ingresso di sangue nello spazio pleurico (emotorace)
  • Ingresso di sangue nello spazio tra il cuore e il pericardio (ematopericardio)

Ci sono anche alcuni rischi per il soccorritore: se respira un paziente con un'infezione, c'è un (basso) rischio di infezione. Inoltre, le compressioni toraciche possono essere estenuanti; il soccorritore può anche ferirsi.

Nonostante questi potenziali rischi per il paziente e per te come soccorritore, non dovresti rifuggire dalla rianimazione in caso di emergenza: la vita della persona interessata può dipendere da te!

Tags.:  cure odontoiatriche menopausa capelli 

Articoli Interessanti

add