Perdita dell'udito

Christiane Fux ha studiato giornalismo e psicologia ad Amburgo. L'esperto redattore medico scrive articoli di riviste, notizie e testi fattuali su tutti i possibili argomenti di salute dal 2001. Oltre al suo lavoro per, Christiane Fux è anche attiva nella prosa. Il suo primo romanzo poliziesco è stato pubblicato nel 2012 e scrive, progetta e pubblica anche le sue commedie poliziesche.

Altri post di Christiane Fux Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

La maggior parte delle persone sperimenta la perdita dell'udito in età avanzata. Ma anche in giovane età, il rumore, ad esempio, può danneggiare prematuramente le orecchie. Inoltre, varie malattie come infezioni o lesioni possono compromettere le prestazioni dell'udito. Leggi tutto quello che c'è da sapere sulle cause e sul trattamento della perdita dell'udito qui.

Compromissione dell'udito: descrizione

Nel corso della vita, le prestazioni di tutti i sensi si deteriorano - anche l'udito diminuisce. L'ipoacusia strisciante legata all'età (presbiacusia) è un processo completamente naturale che inizia in quasi tutti a partire dai cinque anni. La perdita dell'udito è accelerata da inquinamento acustico, malattie come malattie cardiovascolari o diabete, alcuni farmaci o veleni come la nicotina.

I disturbi dell'udito possono essere grossolanamente suddivisi in tre aree: conduzione del suono, sensazione sonora e sordità percettiva. Questi disturbi dell'udito possono verificarsi anche in combinazione.
Ipoacusia conduttiva: con questi disturbi dell'udito, le onde sonore raggiungono l'orecchio interno meno o per niente. La causa può essere nel condotto uditivo, ad esempio se è bloccato o malformato. Tuttavia, può anche essere localizzato nell'orecchio medio, ad esempio in caso di infezione.

Udito sensoriale o ipoacusia dell'orecchio interno: in questi tipi di ipoacusia, il timpano e la catena degli ossicini trasmettono correttamente le onde sonore, ma i segnali non vengono trasmessi ed elaborati correttamente. Ad esempio, le cellule ciliate sottili nell'orecchio interno, che normalmente amplificano il suono e lo convertono in segnali elettrici, possono essere danneggiate.

Perdita dell'udito nella percezione del suono: in questo tipo di disturbo dell'udito, la causa della perdita dell'udito risiede nel cervello. Lì, i segnali uditivi in ​​entrata vengono solitamente identificati e gli viene attribuito un significato. In caso di sordità alla percezione del suono, il nervo uditivo inoltra correttamente i segnali, ma vengono elaborati in modo errato nel cervello. Il risultato: la persona interessata sente i toni, ma non può farci nulla. Questo può essere il caso, ad esempio, dopo un ictus.

Ipoacusia combinata: qui si verificano contemporaneamente due o tre tipi di ipoacusia. Un esempio è il trauma da esplosione: se qualcuno è stato esposto a un rumore estremo, ad esempio a causa dell'esplosione di un fuoco d'artificio proprio accanto all'orecchio, si verifica una perdita dell'udito combinata di conduzione del suono e sensazione sonora. Il timpano si lacera a causa dell'enorme pressione dell'onda sonora. Inoltre, il forte scoppio danneggia le cellule ciliate nell'orecchio interno.

Compromissione dell'udito: cause e possibili malattie

Cause di perdita dell'udito conduttiva

Con questi tipi di ipoacusia, le onde sonore non raggiungono l'orecchio interno o solo a velocità ridotta. Le ragioni di ciò possono essere:

  • Condotto uditivo ostruito, ad esempio con cera (cerume) o corpi estranei
  • Malformazioni congenite del condotto uditivo
  • Tumori nel condotto uditivo o nell'orecchio medio
  • lesioni
  • Escrescenze ossee (ad esempio comuni nei nuotatori)
  • Disturbo della ventilazione e accumulo di liquidi nell'orecchio medio (versamento timpanico)
  • Otite media acuta o cronica
  • Infiammazione degli spazi aerei adiacenti nell'orecchio medio (mastoidite)
  • Otosclerosi: qui un ossicino, la staffa, è cresciuto insieme all'osso.
  • Perforazione del timpano
  • Frattura della base cranica
  • Malformazioni nell'orecchio medio
  • Rottura della finestra

Cause di ipoacusia neurosensoriale o dell'orecchio interno

Le cause di queste forme di ipoacusia sono alterazioni patologiche dell'orecchio interno o del nervo uditivo. In alcuni casi, il nervo uditivo non trasmette correttamente i segnali che riceve al cervello. I motivi principali sono:

  • Perdita dell'udito legata all'età (presbiacusia)
  • Danno acustico
  • Perdita uditiva improvvisa
  • la malattia di Meniere
  • Avvelenamento (ipoacusia tossica dell'orecchio interno)
  • Lesioni al cranio (ad esempio, commozione cerebrale)
  • Malformazioni dell'orecchio interno
  • Tumori (es. neuroma acustico, schwannoma vestibubarre)
  • Lesioni nervose (es.B. dopo lesioni al cranio)
  • Infiammazione (es. meningite)
  • Malformazioni o mancata applicazione del nervo uditivo
  • Malfunzionamento della connessione tra la cellula ciliata e il nervo uditivo (neuropatia uditiva)

Cause della sordità alla percezione del suono

In questi tipi di perdita dell'udito, il cervello non elabora correttamente i segnali dall'orecchio. Le possibili cause sono:

  • Encefalite
  • ictus
  • Emorragia cerebrale
  • trauma cranico
  • malformazioni

Compromissione dell'udito: quando è necessario consultare un medico?

Se la perdita dell'udito si verifica improvvisamente o è accompagnata da dolore o febbre, dovresti consultare immediatamente un medico. Anche se la perdita dell'udito si sviluppa gradualmente, dovresti fare un test dell'udito. Perché se la perdita dell'udito dura più a lungo, il cervello dimentica come elaborare i segnali sulle frequenze interessate. Allora neanche gli apparecchi acustici aiutano. Uno dei primi segni di perdita dell'udito è, ad esempio, quando fai fatica a seguire ciò che è stato detto in discussioni più ampie.

Compromissione dell'udito: cosa fa il medico?

Diagnosi

Il tuo primo punto di contatto è un medico dell'orecchio, del naso e della gola (ORL). Prima chiede l'anamnesi (anamnesi). Questo include anche ciò che fai professionalmente e nel tuo tempo libero. Questo è seguito da un esame completo dell'orecchio, del naso e della gola con un'otoscopia.

Il grado e il tipo di perdita dell'udito possono essere determinati utilizzando vari test dell'udito. Questi includono:

  • Test della portata dell'udito: il medico verifica la percezione del suono di entrambe le orecchie sussurrando parole numeriche di quattro sillabe come "25" o "88" una dopo l'altra da distanze diverse.
  • Audiogramma della soglia di tono: i toni a frequenze diverse vengono riprodotti tramite le cuffie, prima molto piano, poi sempre più forte. Il volume al quale il paziente percepisce per la prima volta il suono è noto come soglia uditiva.
  • Audiometria vocale: al paziente vengono riprodotti numeri multisillabici e parole di prova monosillabiche attraverso le cuffie, che deve ripetere.
  • Elettrococleografia (ECochG): la procedura viene utilizzata per perdite uditive gravi e improvvise, ad esempio dopo una perdita uditiva improvvisa. Viene misurata l'attività delle cellule sensoriali nell'orecchio.
  • Emissioni otoacustiche: questo metodo viene utilizzato per testare la funzione dell'orecchio interno. Quando i suoni colpiscono l'orecchio, le cellule ciliate si contraggono. I rumori risultanti sono chiamati emissioni otoacustiche. Possono essere catturati con microfoni altamente sensibili.
  • Audiometria del tronco cerebrale (BERA): viene utilizzata quando si sospetta che la causa della disabilità uditiva sia nell'area del nervo uditivo e nelle aree cerebrali più profonde. A tale scopo, viene riprodotto un suono alla persona esaminata tramite le cuffie. La successiva reazione del cervello sotto forma di correnti elettriche può essere determinata tramite elettrodi sulla testa. Questi sono chiamati "potenziali evocati acustici". Sulla base dell'intensità e del ritardo temporale della reazione cerebrale, è possibile trarre conclusioni sulla funzione del nervo uditivo.
  • Audiometria della corteccia cerebrale: questo metodo funziona in modo simile all'audiometria del tronco cerebrale, qui viene determinata solo l'attività della corteccia cerebrale.

terapia

Apparecchi acustici: se la perdita dell'udito è dovuta all'età o al rumore, l'udito non può essere recuperato. In questo caso, un apparecchio acustico dovrebbe essere inserito il più rapidamente possibile in modo che il cervello non dimentichi come elaborare i suoni. Sono adatti dispositivi retroauricolari e dispositivi intrauricolari. Se la comunicazione linguistica libera (ad es. fare una telefonata) non è più possibile nonostante l'utilizzo di un apparecchio acustico, dovrebbe essere presa in considerazione una protesi dell'orecchio interno (impianto cocleare).

Medicinali: se la perdita dell'udito è dovuta a un'infezione dell'organo uditivo o del nervo uditivo, gli agenti patogeni devono essere combattuti. Sono disponibili vari farmaci per batteri e virus. Gli antivirali funzionano contro i virus. L'aciclovir è più comunemente usato - il farmaco di scelta per un'infezione da herpes dell'orecchio interno o del nervo uditivo. L'aciclovir viene utilizzato anche quando l'orecchio medio è infetto da virus influenzali.

In caso di infezioni batteriche (soprattutto otite media), gli antibiotici ad ampio spettro sono i più utili. Questi uccidono in modo affidabile i patogeni più comuni (streptococchi, stafilococchi, Haemophilus influenzae) o inibiscono la crescita dei germi. Gli antibiotici più comuni per questa area di applicazione includono penicillina V, amoxicillina, cefuroxime axetil e claritromicina.

Infusioni: in caso di perdita improvvisa dell'udito o trauma acustico, di solito viene somministrata un'infusione di vari farmaci. L'obiettivo è quello di alleviare la perdita dell'udito. L'efficacia di queste procedure è scarsamente dimostrata negli studi. Gli stimolanti circolatori hanno lo scopo di porre rimedio a un possibile flusso sanguigno ridotto nell'orecchio interno. I farmaci usati frequentemente includono l'amido idrossietilico (sei percento di HAES) e i destrani, ma anche la pentossifillina. Prima della prima infusione di destrano, viene solitamente somministrato un agente speciale (aptene) per prevenire una reazione allergica al principio attivo. I decongestionanti sono usati per trattare il gonfiore nell'orecchio interno. I farmaci comuni sono i glucocorticoidi come il prednisolone.

Pulizia dell'orecchio: se il cerume (cerume) si gonfia dopo il bagno, ad esempio, il tappo può chiudere il condotto uditivo quasi insonorizzato. Se il passaggio è bloccato da cerume o da un corpo estraneo, l'aspirazione è il metodo di scelta. Se ciò non è possibile, il cerume può essere rimosso utilizzando vari strumenti (uncini, anse, curette o pinze). Il medico ORL può anche rimuovere il sebo con un risciacquo, ma solo se il timpano è intatto. Innanzitutto, il medico tira indietro il padiglione auricolare per raddrizzare il condotto uditivo. Quindi risciacqua accuratamente il condotto uditivo con acqua a temperatura corporea. Ammorbidisce preventivamente i tappi particolarmente ostinati con gocce per le orecchie contenenti glicerolo.

Logopedia: se la causa del problema dell'udito risiede nel cervello, è necessario un allenamento mirato dell'udito e del linguaggio. Sotto la guida di un terapeuta (logopedista o logopedista), la persona interessata apprende da zero il significato dei suoni. La prognosi per una guarigione completa è purtroppo piuttosto scarsa, soprattutto in età avanzata o quando sono interessate ampie parti del centro uditivo.

Operazioni: un timpano difettoso può essere coperto da un chirurgo con la pelle muscolare o cartilaginea del corpo (miringoplastica). Se la staffa nell'orecchio non funziona più correttamente, questo ossicino può essere sostituito con una protesi in metallo o plastica (protesi della staffa). In caso di otite media grave, a volte è necessario praticare un'incisione nel timpano in modo che il pus possa defluire (paracentesi). In alcuni casi, per ventilare l'orecchio viene utilizzato un cosiddetto tubo di ventilazione in oro, titanio o plastica.

Compromissione dell'udito: puoi farlo da solo

La disabilità uditiva è ancora un tabù nella nostra società. Le persone con disabilità sono spesso emarginate e conducono un'esistenza di nicchia. Poche semplici regole e una porzione di apertura sono sufficienti per rimuovere molti ostacoli. Alcuni suggerimenti facilitano il dialogo con un handicap uditivo.

  • Non nascondere la tua perdita dell'udito, può portare rapidamente a inutili malintesi.
  • Chiedi alla persona con cui stai parlando di non parlare più forte, ma più chiaramente.
  • Chiedi alla persona con cui stai parlando di affrontarti mentre parli in modo da poter leggere le labbra.
  • Non fingere di aver capito qualcosa, chiedi loro di ripetere ciò che è stato detto.
  • Abbi il coraggio di chiedere comprensione per la tua perdita uditiva.
  • Quando si è in compagnia, è meglio sedersi accanto a qualcuno che parli chiaramente. Potrebbe essere pronto a riassumere la conversazione per te.
  • Non vergognarti del tuo handicap uditivo e non andare in pensione privatamente o professionalmente. Hai ben noti compagni di destino: Rudi Carrell, per esempio, era estremamente duro d'udito e ancora di successo. Anche Heinrich Schliemann, che scoprì Troy, aveva un brutto udito.

Compromissione dell'udito: trattare con le persone colpite

A chi ha un udito normale, raramente è chiaro quanto possa essere stressante una conversazione per una persona con problemi di udito. La situazione è paragonabile all'andare al cinema dove un film viene proiettato in una lingua di cui si ha una padronanza insufficiente. Per comprendere il contesto nonostante le parole fraintese o fraintese, una persona con un handicap uditivo deve seguire le frasi con estrema concentrazione e usare tutta la sua capacità di combinare e pensare.

Se prendi a cuore i seguenti consigli, tu e la persona con cui stai parlando troverete più facile parlare con:

  • Essere pazientare.
  • Parla in modo chiaro e calmo.
  • Non urlare il tuo messaggio all'altra persona, perché la perdita dell'udito non ha sempre qualcosa a che fare con "sentire troppo piano". Al contrario: per le persone che soffrono di ipoacusia neurosensoriale, i livelli di volume a partire da 80 decibel sono spesso dolorosi - per le persone con udito normale, la soglia del dolore è di circa 120 decibel.
  • Rivolgi sempre il viso alla persona con cui stai parlando. Una persona con problemi di udito ha bisogno di sentire con gli occhi: leggere la bocca è essenziale per loro.
  • Evita le gomme da masticare e i dolci: ti impediscono di parlare chiaramente e rendono difficile la comprensione se hai problemi di udito.
Tags.:  unione sessuale tcm fitness sportivo 

Articoli Interessanti

add