Spotting durante la gravidanza

Sabine Schrör è una scrittrice freelance per il team medico di Ha studiato economia aziendale e pubbliche relazioni a Colonia. In qualità di editor freelance, è a suo agio in un'ampia varietà di settori da oltre 15 anni. La salute è una delle sue materie preferite.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Se si verificano macchie durante la gravidanza, le donne colpite spesso si preoccupano. Nelle prime settimane di gravidanza, un sanguinamento così piccolo è solitamente innescato da fluttuazioni ormonali innocue. Tuttavia, dovresti sempre andare dal ginecologo! Lo spotting durante la (inizio) gravidanza può anche indicare complicazioni gravi che devono essere trattate rapidamente. Leggi tutto ciò che devi sapere sullo spotting nelle donne in gravidanza qui!

Spotting durante la gravidanza: descrizione

Lo spotting nelle donne in gravidanza di solito si verifica nel primo e nel secondo trimestre di gravidanza. Tra il 20 e il 30% di tutte le donne incinte sperimentano sanguinamento intermestruale nelle prime 20 settimane di gravidanza. L'innesco è spesso il cambiamento ormonale correlato alla gravidanza. Tale sanguinamento innocuo è solitamente debole e si ferma da solo.

Tuttavia, il sanguinamento intermestruale durante la gravidanza può anche indicare gravi complicazioni. Ciò è particolarmente vero con e con il sanguinamento intermestruale nella fase avanzata della gravidanza.

Occorre fare una distinzione tra emorragie abbondanti e talvolta anche emorragie zampillanti nelle donne in gravidanza. Puoi leggere di più su questo nell'articolo Sanguinamento durante la gravidanza.

Spotting in gravidanza: cause

Dalle fluttuazioni ormonali innocue a un aborto spontaneo acuto, ci può essere un'ampia varietà di cause dietro lo spotting durante la gravidanza.Il sanguinamento non deve necessariamente essere correlato alla gravidanza - malattie ginecologiche come l'infiammazione della vagina, i polipi o l'infiammazione della cervice possono anche causare spotting durante la gravidanza.

Ecco una panoramica delle forme comuni e delle cause di spotting durante la gravidanza:

  • Spotting durante i primi tre mesi di gravidanza: può ripresentarsi al momento delle prime mestruazioni. Nonostante la gravidanza, il corpo rilascia spesso ancora gli ormoni che regolano il ciclo.
  • Sanguinamento da impianto: questo breve sanguinamento si verifica quando le cellule uovo fecondate si impiantano nel rivestimento dell'utero e feriscono i vasi sanguigni fini nel processo. Ma molto spesso è così facile che la donna interessata non se ne accorge nemmeno.
  • Gravidanza extrauterina: se la cellula uovo si annida in modo errato all'esterno dell'utero, ad esempio nella tuba di Falloppio (gravidanza ectopica) o nella cavità addominale (gravidanza ectopica), può essere pericoloso. Oltre al forte dolore addominale, lo spotting frequente, a volte acquoso, è un segnale di allarme. In caso di gravidanza extrauterina, l'embrione deve essere prelevato il prima possibile.
  • Aborto spontaneo: Spotting all'inizio della gravidanza può indicare un aborto spontaneo. A volte questo accade in una fase molto precoce, quando la donna non è ancora a conoscenza della gravidanza. Può quindi scambiare l'emorragia per normale sanguinamento mestruale.
  • Nei: si tratta di una rara malformazione a forma di vescica della placenta in cui l'embrione non si sviluppa ulteriormente. I disturbi tipici sono spotting di varia lunghezza e gravità, oltre a vertigini e nausea.
  • Placenta previa: se si verifica un sanguinamento intermestruale rosso vivo indolore dalla 24a settimana di gravidanza, ciò può indicare una posizione errata della placenta. La placenta copre più o meno completamente la cervice interna.
  • Distacco prematuro della placenta: questo può (ma non necessariamente) portare a sanguinamento vaginale. Questi possono essere rosso chiaro o scuro, persistenti o sporadici. Anche la quantità di sangue varia. Inoltre, può verificarsi dolore acuto persistente o simile a un crampo nell'addome. Il tipo e l'entità dei sintomi dipendono, tra l'altro, dal grado di distacco della placenta.
  • Inizio del travaglio: lo spotting dalla 36a settimana di gravidanza può indicare l'inizio del travaglio.
  • Malattie ginecologiche: ad esempio polipi o infiammazione della cervice, infiammazione vaginale

Spotting durante la gravidanza: quando è necessario consultare un medico?

Lo spotting durante la gravidanza dovrebbe essere sempre preso sul serio. Consulta il tuo ginecologo anche se l'emorragia è debole. Il trattamento medico immediato è necessario nei seguenti casi:

  • se perde molto sangue e/o il sangue contiene tessuto
  • con sintomi aggiuntivi come forti dolori addominali/crampi, febbre, brividi, battito cardiaco accelerato, sonnolenza, svenimento

Se non si dispone di questi segnali di allarme, di solito è sufficiente consultare il proprio ginecologo entro le 48-72 ore successive.

Se non sei sicuro, è meglio chiedere immediatamente un consiglio ginecologico: chiama il tuo ginecologo o vai in un ambulatorio ginecologico.

Spotting in gravidanza: cosa fa il medico?

Innanzitutto, il medico ti chiederà dei sintomi e della storia medica (anamnesi). Ciò include domande su gravidanze precedenti, possibili aborti spontanei e possibili aborti. Inoltre, il medico ti chiederà quanto tempo è durato o è durato lo spotting, quanto è forte o era e se parti di tessuto vengono escrete anche con il sangue. Anche i possibili sintomi di accompagnamento come palpitazioni e/o pressione bassa sono importanti per la diagnosi. Entrambi possono indicare una grave perdita di sangue.

Questo è seguito dall'esame fisico. Il medico può esaminare la vagina, la cervice e l'utero per possibili cambiamenti.

Fa spesso un esame ecografico - dall'esterno attraverso la parete addominale o attraverso la vagina (ecografia vaginale). L'esame può, ad esempio, fornire le prime indicazioni di una gravidanza extrauterina, cioè una gravidanza al di fuori dell'utero. Alcuni esami del sangue possono confermare una sospetta gravidanza extrauterina. Per essere al sicuro, il medico può anche eseguire una laparoscopia.

trattamento

Una volta che il ginecologo ha determinato la causa dello spotting durante la gravidanza, può seguire una terapia appropriata. Esempi:

  • Se l'emorragia è stata causata da un aborto spontaneo, il medico rimuove il tessuto rimanente dall'utero. Se la perdita di sangue è molto grave, alla donna viene somministrata una trasfusione di sangue.
  • In caso di aborto imminente o distacco di placenta, la donna deve attenersi a un rigoroso riposo a letto.
  • Se c'è una gravidanza extrauterina, l'embrione deve essere rimosso immediatamente. Altrimenti possono verificarsi complicazioni potenzialmente letali.

Il ginecologo decide caso per caso se e quale trattamento utilizzare per lo spotting durante la gravidanza.

Tags.:  gravidanza droghe dormire 

Articoli Interessanti

add