Farmaci in gravidanza

Eva Rudolf-Müller è una scrittrice freelance nel team medico di Ha studiato medicina umana e scienze giornalistiche e ha ripetutamente lavorato in entrambe le aree: come medico in clinica, come revisore e come giornalista medico per varie riviste specializzate. Attualmente lavora nel giornalismo online, dove viene offerta a tutti un'ampia gamma di farmaci.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

I farmaci durante la gravidanza sono un argomento importante per ogni donna incinta: alcuni preparati sono utili e necessari, mentre altri possono compromettere lo sviluppo sano del bambino. Pertanto, indipendentemente dal fatto che si tratti di antidolorifici, antibiotici o spray nasali, la gravidanza e l'allattamento sono fasi particolarmente delicate in cui l'uso dei farmaci deve essere considerato con attenzione. Per saperne di più qui!

Farmaci durante la gravidanza: il meno possibile

Se possibile, le donne non dovrebbero usare alcun farmaco durante la gravidanza, nemmeno i farmaci da banco. Perché i principi attivi possono raggiungere il nascituro attraverso il sangue. Con alcuni farmaci, ciò può avere conseguenze disastrose, poiché hanno dimostrato di essere teratogeni. Con altri farmaci, non sai nemmeno se e come influenzeranno il bambino nell'utero.

I farmaci necessari dal punto di vista medico che una donna deve utilizzare a causa di una malattia fisica o mentale cronica come l'asma, il diabete o la depressione sono esclusi dall'esenzione dai farmaci raccomandata. Quindi la donna dovrebbe discutere con lo specialista curante non appena possibile dopo che la gravidanza è diventata nota, se il farmaco può essere usato senza esitazione o quali alternative ci sono, se ce ne sono.

Ci sono anche preparati che sono sicuri per la madre e il nascituro. Le donne dovrebbero quindi informarsi sui farmaci consentiti e critici durante la gravidanza (ad esempio dal ginecologo o dal farmacista).

Spray nasale in gravidanza

Molte persone prendono il raffreddore più volte all'anno e poi ricorrono rapidamente a uno spray nasale. Tuttavia, la gravidanza e l'allattamento sono fasi in cui va usato solo con cautela:

Possono essere utilizzati tutti gli spray a base di acqua di mare. Idratano la mucosa nasale, favoriscono il drenaggio delle secrezioni e attivano il naturale meccanismo di pulizia del naso.

Uno spray nasale che contiene il principio attivo dexpantenolo è consentito anche durante la gravidanza senza restrizioni. Può aiutare con la mucosa nasale secca o irritata.

Il principio attivo ossimetazolina inoltre non danneggia l'embrione entro le prime dodici settimane di gravidanza. Dopodiché, non ci sono problemi con il dosaggio normale. Se le dosi sono troppo alte, tuttavia, i vasi sanguigni nell'utero possono restringersi, riducendo il flusso sanguigno alla placenta. Di conseguenza, il bambino riceve meno ossigeno e il suo battito cardiaco rallenta. Quando si tratta di spray nasale ossimetazolina e gravidanza, si applica quanto segue: Usalo sempre solo per un breve periodo.

Antibiotici in gravidanza

Le infezioni batteriche spesso richiedono un trattamento antibiotico. La gravidanza non è esclusa qui: le future mamme possono anche assumere antibiotici, se necessario. La penicillina V, che non è nota per avere effetti teratogeni, è raccomandata per l'uso orale. L'amoxicillina è anche uno degli antibiotici ben tollerati. La penicillina G e l'ampicillina sono adatte all'uso come infusione; entrambi non comportano alcun rischio di malformazioni. Anche gli antibiotici dei gruppi delle cefalosporine e dei macrolidi e gli antibiotici speciali contro la tubercolosi (tubercolostatici) sono farmaci "consentiti" durante la gravidanza, poiché non aumentano il rischio di malformazioni.

Antidolorifici in gravidanza

Ci sono alcune cose da considerare quando si tratta di antidolorifici e gravidanza:

L'acido acetilsalicilico (ASA), che può aiutare contro il dolore e la febbre da lievi a moderati, non comporta alcun rischio per il nascituro nelle prime dodici settimane. Dopo di che, tuttavia, e intorno alla data di scadenza, l'antidolorifico non deve essere assunto in nessuna circostanza. L'ASA riduce la contrattilità dell'utero e riduce il travaglio. Durante il parto, l'assunzione di ASA può anche portare ad un aumento della perdita di sangue perché il principio attivo inibisce la coagulazione del sangue. Per lo stesso motivo, anche solo 500 milligrammi di ASA (spesso la dose di una singola compressa) aumenta il rischio di emorragia cerebrale, soprattutto nei neonati prematuri. Tuttavia, i trattamenti "a basso dosaggio" sono ben tollerati.

A partire dalla 28a settimana circa di gravidanza, l'assunzione di 500 mg di ASA (la dose di una compressa) può portare a un restringimento oa una chiusura prematura del dotto arterioso (DA) botalli.

I medicinali contenenti paracetamolo possono anche aiutare contro il dolore e la febbre da lievi a moderati. Secondo le attuali conoscenze, non ci sono restrizioni all'uso di questo farmaco antidolorifico e febbrile durante la gravidanza: assunto nel dosaggio raccomandato, non mostra alcun rischio di malformazioni.

Tuttavia, esistono studi norvegesi e danesi, secondo i quali, dopo aver assunto il paracetamolo più di 28 giorni prima della nascita, si sono verificati disturbi nello sviluppo neuronale del bambino come iperattività, comportamento sociale alterato e sviluppo testicolare alterato. Tuttavia, non è stato possibile dimostrare in alcun modo che questi disturbi fossero realmente correlati all'uso del paracetamolo. Tuttavia, come per tutti i farmaci durante la gravidanza, anche qui vale quanto segue: assumere solo nei casi realmente necessari.

L'antidolorifico ibuprofene può essere assunto anche fino alla 27a settimana di gravidanza. Nell'ulteriore corso della gravidanza, tuttavia, dovresti evitarlo, perché può portare a un cambiamento prematuro nella circolazione del bambino. Anche la quantità di liquido amniotico può diminuire, il che può portare a problemi durante il parto se scende al di sotto dei 200-500 millilitri.

Se le donne in gravidanza soffrono di emicrania, è possibile assumere sumatriptan. Se il dolore è molto forte, gli antidolorifici come la codeina possono essere somministrati anche sotto stretto controllo medico e controllo ecografico del sistema circolatorio del bambino.

Vaccinazione antinfluenzale in gravidanza

Molte persone sono molto critiche nei confronti delle vaccinazioni, questo vale anche per il tema delle vaccinazioni antinfluenzali e della gravidanza. Tuttavia, lo sforzo fisico durante la gravidanza aumenta il rischio di infezione. E quando una donna incinta prende l'influenza, non mette in pericolo solo la sua salute, ma anche quella del bambino. Perché nel corso della gravidanza aumenta il rischio di gravi corsi di influenza e complicazioni, come la polmonite. Nei primi mesi dopo la nascita, anche i neonati beneficiano della protezione della madre attraverso la vaccinazione antinfluenzale, perché gli anticorpi vengono trasmessi al bambino attraverso la placenta.

Per questo motivo, la Commissione vaccinale permanente raccomanda la vaccinazione antinfluenzale durante la gravidanza dal luglio 2010: le donne incinte sane dovrebbero essere vaccinate dal 4° mese di gravidanza. Per le donne in gravidanza che sono particolarmente a rischio a causa di una malattia cronica sottostante come asma, ipertensione o diabete, la vaccinazione antinfluenzale è raccomandata già dal primo trimestre di gravidanza. Il vaccino antinfluenzale è un vaccino morto, il che significa che vengono somministrate solo parti dei germi uccisi durante la vaccinazione antinfluenzale.

Quindi la gravidanza non è un motivo per non vaccinarsi. Dovresti aspettare che la malattia si sia attenuata solo se hai un raffreddore attuale.

Farmaci in gravidanza: chiedi a un medico!

Quando si tratta di farmaci durante la gravidanza, la regola generale è: il meno possibile e il più strettamente necessario. Anche con lamentele banali, le donne incinte non dovrebbero semplicemente entrare nell'armadietto dei medicinali, ma chiedere un consiglio professionale: se e quali farmaci possono essere usati durante la gravidanza è meglio conosciuto dal ginecologo.

Tags.:  parassiti fatica desiderio insoddisfatto di avere figli 

Articoli Interessanti

add