aborto

e Martina Feichter, redattrice medica e biologa Aggiornato il

Dott. rer. nazionale Daniela Oesterle è una biologa molecolare, genetista umana e redattrice medica. Come giornalista freelance, scrive testi su temi di salute per esperti e profani e cura articoli scientifici specialistici di medici in tedesco e inglese. È responsabile della pubblicazione di corsi di alta formazione certificati per professionisti del settore medico per una rinomata casa editrice.

Maggiori informazioni sugli esperti di

Martina Feichter ha studiato biologia con una materia elettiva farmacia a Innsbruck e si è anche immersa nel mondo delle piante medicinali. Da lì non era lontano da altri argomenti medici che la affascinano ancora oggi. Si è formata come giornalista presso l'Axel Springer Academy di Amburgo e lavora per dal 2007 - prima come redattrice e dal 2012 come scrittrice freelance.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

L'aborto è l'interruzione deliberata di una gravidanza nelle donne che sono rimaste incinte involontariamente. Ci sono molte cose da considerare prima di prendere una decisione sull'aborto: come funziona un aborto? Fino a quando puoi abortire? Quanto costa un aborto? Puoi leggere le risposte a queste e ad altre domande sull'aborto qui.

Involontariamente incinta - le statistiche

Per molte donne, a volte molto giovani, non è una piacevole sorpresa quando il test di gravidanza risulta positivo. Molti decidono di non portare a termine il bambino. Secondo l'Ufficio federale di statistica, circa 100.000 donne che erano involontariamente incinte hanno scelto l'opzione dell'aborto nel 2020. Ciò corrisponde a una leggera diminuzione (di circa lo 0,9 per cento) rispetto all'anno precedente.

Circa l'81% delle donne ha eseguito l'aborto nello studio di un ginecologo. Nei restanti casi, la cessazione è avvenuta in ospedale, per lo più ambulatoriale, raramente ricoverato. Molto spesso, la gravidanza indesiderata veniva interrotta chirurgicamente con l'aspirazione (55 percento dei casi).

Aborto - decisione difficile

La decisione di abortire non è facile. Oltre agli aspetti medici, sono importanti anche le questioni personali, etiche e legali. L'aborto è un tema molto dibattuto, sia socialmente che politicamente, perché qui la libertà di scelta della donna si contrappone alla tutela del nascituro.

A seconda dell'aspetto a cui viene dato più peso, la situazione giuridica riguardo all'aborto è molto diversa nel mondo: lo spettro va da modelli molto liberali a cosiddetti modelli di scadenza e notifica correttiva fino a normative molto rigide tra cui un divieto assoluto di aborto. In una certa misura, la Germania ha optato per una via di mezzo.

Aborto in Germania: situazione legale

Secondo la sezione 218 del codice penale tedesco (StGB), l'interruzione della gravidanza è fondamentalmente illegale e punibile, ma rimane impunita sulla base del cosiddetto regolamento di consulenza a determinate condizioni. È anche possibile un aborto sulla base di un'indicazione medica o criminologica, quindi non è illegale.

Nel 2020, la stragrande maggioranza di tutti gli aborti (96%) è avvenuta secondo il regolamento sulla consulenza.

Regolamento consultivo

Il regolamento sulla consulenza prevede che l'aborto rimanga impunito se sono soddisfatte le seguenti condizioni:

  • La donna incinta stessa deve richiedere l'aborto (non il padre della donna o il padre del bambino).
  • La donna deve chiedere consiglio a un centro di consulenza riconosciuto dallo stato almeno tre giorni prima dell'operazione (consulenza per i conflitti di gravidanza).
  • Deve presentare un certificato scritto di consulenza (scheda di consiglio) al medico che effettuerà l'interruzione (medicinale o chirurgico).
  • La consultazione non deve essere effettuata dallo stesso medico che poi effettua la disdetta.

Processo di consulenza sui conflitti di gravidanza

La consulenza in caso di conflitto di gravidanza può essere svolta in forma anonima su richiesta della donna. Il consulente deve condurre la conversazione apertamente, quindi non deve influenzare la donna nella sua decisione a favore o contro il nascituro. Inoltre, c'è un obbligo di riservatezza per lui.

Il foglietto di avviso che il consulente rilascia alla donna alla fine afferma solo che è stata effettuata la consulenza sul conflitto di gravidanza prescritta dalla legge - con la data e il nome della donna. Tuttavia, nessun contenuto della consultazione è annotato sul foglietto illustrativo, compresa la decisione della donna a favore o contro l'aborto.

Se al termine dell'appuntamento di consulenza il consulente ha l'impressione che il colloquio con la donna interessata debba essere proseguito, può consigliare un altro appuntamento invece di rilasciare il tagliando di consulenza. Ma gli è permesso farlo solo se la donna ha ancora abbastanza tempo dopo il secondo appuntamento per abortire entro il periodo legalmente consentito (12 settimane dopo il concepimento) se lo desidera.

Indicazione medica o criminologica

Se ci sono determinate ragioni mediche o criminologiche (indicazioni), l'aborto non è illegale:

Indicazione medica

L'aborto non è illegale se la donna incinta è a rischio di morte o di grave danno alla salute fisica o mentale e questo rischio non può essere evitato in altro modo ragionevole per la donna.

Questo può essere il caso, ad esempio, se un medico determina durante una visita prenatale che è prevedibile un grave danno per la salute del bambino e che ciò - se la gravidanza continua - metterebbe seriamente in pericolo la donna fisicamente e mentalmente. Il medico può quindi certificare per iscritto l'indicazione medica della donna per l'aborto. Requisiti per questo:

  • Il medico non può rilasciare l'indicazione medica immediatamente dopo aver informato la donna della diagnosi, ma non prima di tre giorni interi.
  • Prima della mostra, la donna deve essere informata dal medico sugli aspetti medici dell'aborto e sulla possibilità di consulenza psicosociale. Se la donna lo desidera, il medico deve metterlo in contatto con i centri di consulenza.
  • Al ricevimento dell'indicazione medica, la donna deve confermare per iscritto al medico di aver ricevuto consulenza medica ed essere stata informata della possibilità di consulenza da parte di altre agenzie.

Indicazione criminologica

Anche l'aborto non è illegale se, secondo una valutazione medica, la gravidanza è stata il risultato di un reato sessuale (stupro, abuso sessuale). Un'indicazione criminologica si applica sempre a tutte le ragazze che rimangono incinte prima dei 14 anni.

Non vi è alcun obbligo di fornire consulenza per un aborto con indicazione criminologica. Tuttavia, la donna/ragazza ha diritto alla consulenza se lo desidera.

Aborto: fino a quando possibile?

Se una donna è incinta involontariamente, i seguenti tempi si applicano a un aborto impunito in Germania:

  • Aborto secondo il regolamento di consulenza: non devono essere trascorse più di dodici settimane dal concepimento. Ciò corrisponde alla 14a settimana di gravidanza se si conta dal primo giorno dell'ultimo periodo mestruale. L'aborto non deve essere eseguito dal medico a cui la donna è stata per una consulenza sul conflitto di gravidanza.
  • Aborto se indicato dal medico: L'aborto è consentito anche dopo la dodicesima settimana dal concepimento. Tuttavia, non può essere effettuato dal medico che ha rilasciato l'indicazione medica.
  • Aborto se indicato per la criminologia: non devono essere trascorse più di dodici settimane dal concepimento. L'aborto non può essere effettuato dal medico che ha rilasciato l'indicazione criminologica.

Interruzione chirurgica o medica della gravidanza

I metodi di aborto sono divisi in medicinali e chirurgici. Quale metodo è più adatto in ogni singolo caso dipende principalmente dall'età della donna incinta, dall'indicazione e da eventuali malattie precedenti.

Interruzione farmacologica della gravidanza

In Germania, l'aborto medico con il principio attivo mifepristone (pillola abortiva) è consentito fino al 63° giorno dopo il primo giorno dell'ultima mestruazione. Può avvenire prima di una cessazione operativa.

Il mifepristone inibisce l'azione dell'ormone progesterone, che, tra le altre cose, mantiene la gravidanza. Il principio attivo rende anche la cervice più morbida e la apre.

Inoltre, da 36 a 48 ore dopo l'assunzione del mifepristone, la donna riceve le cosiddette prostaglandine (come supposte o compresse) sotto controllo medico. Questi ormoni promuovono il travaglio e innescano un aborto spontaneo.

In circa il 95% delle donne trattate, l'interruzione medica della gravidanza raggiunge il suo scopo. Tuttavia, se la gravidanza persiste dopo il farmaco, non si è verificato un aborto spontaneo o si verificano forti emorragie, potrebbe essere necessaria un'altra somministrazione del farmaco o un intervento chirurgico (aspirazione - vedi sotto: "Interruzione chirurgica della gravidanza").

Interruzione chirurgica della gravidanza

L'aborto chirurgico viene eseguito in anestesia locale della cervice o in anestesia generale. Il metodo standard è l'aspirazione sotto vuoto (curettage di aspirazione, aspirazione): il medico inserisce un tubo stretto attraverso la vagina nella cavità uterina. L'embrione e il rivestimento uterino vengono quindi aspirati attraverso questo tubo.

In passato, l'interruzione chirurgica della gravidanza veniva solitamente eseguita mediante raschiatura (curettage) - cioè con uno strumento simile a un cucchiaio con cui il medico raschiava la cavità uterina. Il rischio di complicanze è maggiore rispetto all'aspirazione. Pertanto, la raschiatura non è più raccomandata oggi.

Possibili complicazioni dell'aborto

L'interruzione chirurgica della gravidanza è una procedura molto sicura che raramente è associata a complicazioni, ad esempio lesioni all'utero, infiammazione (ad esempio delle tube di Falloppio), elevata perdita di sangue, episodi di anestesia o tessuto residuo nell'utero.

Quest'ultimo può verificarsi anche in caso di aborto farmacologico - se la donna non si presenta per un controllo medico, che è previsto tra 14 e 21 giorni dopo l'aborto medico. A questo appuntamento, il medico non solo controlla se la gravidanza è stata interrotta come previsto, ma anche se il corpo ha completamente espulso il tessuto della gravidanza.

Inoltre, il dolore da aborto, la nausea, il vomito e i problemi circolatori sono possibili effetti collaterali di un aborto medicinale. In rari casi, l'emorragia che dovrebbe verificarsi dopo l'assunzione della pillola abortiva può richiedere cure mediche.

Quanto segue si applica sia all'aborto chirurgico che a quello medico: se l'aborto procede senza complicazioni, normalmente non ha alcun effetto sulla fertilità della donna e su una possibile gravidanza successiva.

Conseguenze psicologiche dopo il licenziamento?

Un aborto può avere conseguenze emotive? L'aborto da solo non aumenta, almeno, il rischio di sviluppare malattie mentali. Le donne che ricevono una buona assistenza medica ed emotiva in questa situazione non soffrono di problemi psicologici più spesso delle donne che hanno un figlio non voluto. Il sostegno del partner o della famiglia è importante: possono dare sostegno alle donne interessate.

Dopo la difficile decisione, spesso prevale il sollievo

Alcuni anni fa, un sondaggio dell'Università della California su circa 700 donne ha rilevato che la maggior parte delle donne che avevano deciso di abortire valutava la decisione come positiva a lungo termine. È vero che il 53 per cento delle donne ha dichiarato che la decisione di abortire era da "difficile" a "molto difficile" per loro. Cinque anni dopo, tuttavia, il 95% ha dichiarato di non pentirsi della propria decisione. La maggior parte ha trovato la sua decisione un sollievo. Le donne hanno trovato più stressante lo stigma associato all'aborto.

Situazione eccezionale dell'anima

Nonostante tutto, un aborto può rappresentare una situazione mentale eccezionale. I problemi di salute mentale possono verificarsi immediatamente dopo l'aborto. In molti casi, tuttavia, ciò è dovuto più ad altre condizioni di vita stressanti (povertà, violenze, precedenti malattie mentali) che all'aborto stesso.

La mancanza di sostegno sociale da parte dell'ambiente, la pressione del partner e il segreto sulla cessazione possono mettere a dura prova la salute mentale in questa situazione, anche se la donna decide consapevolmente di fare questo passo.

I cambiamenti ormonali nel corpo possono anche avere un effetto a breve termine sull'anima. Occasionalmente viene menzionata la cosiddetta "sindrome post-aborto" (PAS). Il termine indica le conseguenze psicologiche di un aborto. Finora, tuttavia, gli studi non sono stati in grado di fornire prove chiare per la PAS.

Aborto: costo

Una donna deve pagare per un aborto secondo il regolamento di consulenza principalmente di tasca propria. Dovresti aspettarti costi tra 350 e 600 euro per un aborto ambulatoriale - a seconda del metodo scelto (chirurgico o medicinale) e del tipo di anestesia (un aborto medico non richiede anestesia e quindi costa meno dell'aborto chirurgico). Le assicurazioni sanitarie obbligatorie pagano solo la consulenza medica prima della procedura, gli esami preliminari e successivi necessari e l'eventuale trattamento successivo in caso di complicanze.

Le donne socialmente bisognose possono avere diritto al rimborso delle spese. Per saperne di più qui.

In caso di aborto per indicazioni mediche o criminologiche, le assicurazioni sanitarie obbligatorie copriranno l'intero costo. Le assicurazioni sanitarie private, invece, di solito pagano l'aborto solo su indicazione medica. Un eventuale rimborso delle spese in caso di aborto secondo indicazione criminologica deve essere chiarito nei singoli casi con la propria assicurazione sanitaria privata.

Tags.:  primo soccorso gravidanza capelli 

Articoli Interessanti

add