Infarto: prendere sul serio il dolore alle gambe!

Christiane Fux ha studiato giornalismo e psicologia ad Amburgo. L'esperto redattore medico scrive articoli di riviste, notizie e testi fattuali su tutti i possibili argomenti di salute dal 2001. Oltre al suo lavoro per, Christiane Fux è anche attiva nella prosa. Il suo primo romanzo poliziesco è stato pubblicato nel 2012 e scrive, progetta e pubblica anche le sue commedie poliziesche.

Altri post di Christiane Fux Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Il dolore alle gambe può essere un segnale di avvertimento di un imminente infarto o ictus. La ragione sono spesso le arterie ristrette.

Puoi sentirlo per la prima volta mentre cammini: nella malattia occlusiva arteriosa periferica (PAD), le arterie del bacino e delle gambe si restringono. La carenza di muscoli provoca quindi dolore, di solito ai polpacci. Costringono ripetutamente la persona colpita a fermarsi. Ecco perché il fenomeno è anche chiamato "claudicatio intermittente".

Congestione nel flusso sanguigno

Di solito, tuttavia, questi non sono gli unici colli di bottiglia nella rete vascolare del corpo: l'aterosclerosi, in cui si depositano placche sulle pareti interne delle arterie, può verificarsi in qualsiasi parte del corpo. Diventa particolarmente pericoloso quando vengono colpite le arterie coronarie, che forniscono al cuore ossigeno e sostanze nutritive. Se si chiudono completamente, il paziente subirà un infarto. Se il collo di bottiglia è nella fornitura del cervello, c'è il rischio di un ictus.

Dolore alle dita dei piedi quando si è sdraiati

"La PAD è associata ad un alto rischio di infarto e ictus", avverte il prof. Dietrich Andresen, presidente del consiglio di amministrazione della Fondazione tedesca per il cuore. "Chiunque nota i primi segni di claudicatio intermittente dovrebbe quindi consultare un medico il prima possibile". Anche il dolore che si verifica nella regione delle dita dei piedi quando si è sdraiati dovrebbe essere chiarito in una fase iniziale. La PAD è particolarmente probabile se i sintomi migliorano non appena ti alzi.

Semplice chiarimento

La PAD può essere facilmente diagnosticata con l'aiuto di un semplice test: il medico sente il polso all'inguine e al piede e misura la pressione sanguigna nelle arterie della caviglia e dei piedi. Se l'impulso è indebolito o addirittura assente del tutto, "PAD" è presente. L'entità della malattia vascolare può quindi essere determinata mediante ultrasuoni.

I cambiamenti dello stile di vita e i farmaci proteggono da

È quindi possibile adottare contromisure: cambiamenti nello stile di vita, come una dieta sana per il cuore e più esercizio fisico, ma anche l'assunzione di farmaci per i lipidi nel sangue e farmaci per la pressione sanguigna. Ciò impedisce all'arteriosclerosi di progredire rapidamente. Se i sintomi alle gambe non migliorano, il normale flusso sanguigno può essere ripristinato con un catetere.

Se non trattata, la condizione dei pazienti con PAD peggiora. Innanzitutto, il dolore si verifica anche a riposo. Nelle ultime fasi, si formano ulcere aperte sulle gambe. Se trattata in tempo, un decorso così drammatico può spesso essere prevenuto. E diminuisce anche il rischio di infarti e ictus.

La malattia arteriosa periferica non è rara: in uno studio statunitense, è stata riscontrata in quasi il 6% delle persone di età superiore ai 40 anni. Nelle persone con più di 60 o più di 50 anni con noti fattori di rischio per l'arteriosclerosi (ad es. fumatori, diabetici, pazienti con pressione alta) ne è colpito anche il 40%. Tuttavia, dal 50 al 60 percento delle persone colpite non ne sente nulla.

Tags.:  cura della pelle voglia di avere figli pelle 

Articoli Interessanti

add