Ondata influenza 2018: le vaccinazioni regolari proteggono meglio

Christiane Fux ha studiato giornalismo e psicologia ad Amburgo. L'esperto redattore medico scrive articoli di riviste, notizie e testi fattuali su tutti i possibili argomenti di salute dal 2001. Oltre al suo lavoro per, Christiane Fux è anche attiva nella prosa. Il suo primo romanzo poliziesco è stato pubblicato nel 2012 e scrive, progetta e pubblica anche le sue commedie poliziesche.

Altri post di Christiane Fux Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

In Australia l'influenza ha già provocato una massiccia ondata di malattie, ora è arrivata in Europa: il patogeno si sta diffondendo rapidamente in Gran Bretagna. Anche in Germania gli esperti prevedono un aumento dell'attività influenzale nelle prossime settimane.

Anche se è meglio fare la vaccinazione antinfluenzale in autunno: se non sei ancora stato vaccinato, dovresti farlo ora. Questo vale almeno per i pazienti ad alto rischio come gli anziani, i malati cronici, le persone con molto traffico pubblico e le donne incinte. Dopo circa due settimane, la protezione immunitaria si è completamente sviluppata.

La vaccinazione dell'anno precedente non basta: ogni anno circola solo un diverso mix di ceppi. Perché i virus dell'influenza sono artisti trasformisti, per i quali devono essere sviluppati ancora e ancora nuovi sieri vaccinali su misura.

Protezione avanzata

Tuttavia, beneficiate ancora delle vaccinazioni precedenti nell'anno in corso: supportano l'efficacia dell'immunizzazione attuale. Ciò è particolarmente vero per le malattie gravi.

Un gruppo di ricerca spagnolo ha esaminato questa connessione in circa 730 pazienti di età superiore ai 65 anni che erano stati ricoverati negli ospedali spagnoli negli inverni del 2013/14 e 2014/15 a causa dell'influenza. 130 di loro erano gravemente malati e dovevano andare in terapia intensiva, 598 erano relativamente facili.

Le persone che erano state vaccinate non solo nella stagione in corso, ma anche nei tre anni precedenti, erano il 74% più protette dall'influenza grave. Tra loro ci sono stati anche il 70% in meno di morti. Le vaccinazioni multiple li hanno protetti da un decorso più leggero della malattia del 31% in più rispetto alla singola vaccinazione.

Risposta immunitaria attivata

Il leader dello studio Itzair Casado e i suoi colleghi dell'Institutio de Salud Publica di Pamplona sospettano che questo effetto si basi su un meccanismo d'azione meno noto delle vaccinazioni: non solo stimolano il corpo a produrre anticorpi su misura contro gli attuali tipi di virus . Attivano anche alcune cellule T.

Queste cellule immunitarie sono in grado di identificare le proteine ​​che si trovano in un'ampia varietà di virus influenzali. Una vaccinazione potrebbe quindi anche rafforzare la risposta immunitaria cellulare nell'anno successivo. Ciò è particolarmente efficace nel contenere forti gradienti.

Le persone anziane ne beneficiano particolarmente

I risultati sono particolarmente importanti per le persone anziane. Hanno maggiori probabilità di ammalarsi gravemente di influenza. Allo stesso tempo, il loro sistema immunitario non è più così agile: è proprio su di loro che la vaccinazione antinfluenzale è spesso inadeguata. Secondo lo studio, questo potrebbe essere diverso con una vaccinazione annuale coerente e la protezione vaccinale funziona molto meglio anche per le persone anziane di quanto si pensasse in precedenza.

Brividi, stanchezza, dolori muscolari

A differenza del comune raffreddore, l'influenza inizia spesso all'improvviso. I pazienti sviluppano rapidamente una febbre alta con brividi, si sentono esausti e soffrono di mal di testa e dolori, spesso anche di tosse secca e mal di gola. La maggior parte dei sintomi scompare dopo 5-7 giorni. Tuttavia, i convalescenti si sentono spesso stanchi e impotenti per lungo tempo.

Tags.:  nutrimento bambino piccolo salute digitale 

Articoli Interessanti

add