Intolleranza al glutine: le proteine ​​umane proteggono l'intestino

Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Monaco di BavieraIl glutine, la proteina adesiva, provoca ad alcune persone un forte mal di stomaco: dopo aver consumato grano, orzo e simili, soffrono di crampi, nausea e diarrea. Una proteina endogena potrebbe aiutarli, mostra uno studio. Per la prima volta sarebbe possibile un trattamento causale delle denunce.

In caso di intolleranza al glutine (celiachia), l'intestino tenue si infiamma non appena il paziente ingerisce il glutine. A lungo termine, ciò significa che la mucosa degenera e i nutrienti possono essere assorbiti solo male.

Carenza di antinfiammatori

Un team di scienziati canadesi francesi e svizzeri ha scoperto che le persone colpite producono solo piccole quantità della proteina elafina del corpo, che ha un effetto antinfiammatorio.

I ricercatori hanno quindi esaminato se quantità maggiori di Elafin potrebbero prevenire le reazioni infiammatorie nell'intestino. Per fare questo, hanno modificato geneticamente batteri alimentari innocui in modo da poter produrre Elafin da soli. Gli scienziati li hanno introdotti nell'intestino dei topi che soffrivano di intolleranza al glutine. Infatti, gli animali vaccinati hanno reagito in seguito meno violentemente alla proteina adesiva.

Dieta ferrea

Per le persone che soffrono di celiachia, seguire una dieta rigorosamente priva di glutine è stato l'unico modo per vivere senza sintomi. Ma questo richiede molto tempo: la proteina adesiva si trova in tutti i comuni tipi di pane e dolci, nonché nella pasta, ma viene spesso utilizzata anche come addensante.

La celiachia si verifica solo nelle persone geneticamente predisposte. Tuttavia, non tutti con i geni corrispondenti sviluppano effettivamente l'intolleranza al glutine. In Germania, circa una persona su 200 è ipersensibile alla proteina adesiva. Tuttavia, solo dal 10 al 20 percento sviluppa il quadro completo della malattia. La maggior parte ha sintomi atipici o nessun sintomo. (cfr)

Fonte: Heather J. Galipeau et al., Nuovo ruolo dell'inibitore della serina proteasi Elafin nei disturbi correlati al glutine. American Journal of Gastroenterology, aprile 2014 DOI: 10.1038 / anno 2014.48

Tags.:  gravidanza fitness parassiti 

Articoli Interessanti

add