Prelievo di sangue

Valeria Dahm è una scrittrice freelance nel dipartimento medico di Ha studiato medicina all'Università tecnica di Monaco di Baviera. È particolarmente importante per lei dare al lettore curioso una panoramica dell'eccitante area tematica della medicina e allo stesso tempo mantenere il contenuto.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Il prelievo di sangue (prelievo di sangue) è una misura invasiva utilizzata per raccogliere il sangue. Viene fatta una distinzione tra raccolta di sangue venoso, raccolta di sangue capillare e raccolta di sangue arterioso. Leggi tutto sulle diverse tecniche di prelievo del sangue, quando sono necessarie e sui rischi.

Che cos'è un prelievo di sangue?

Quando viene prelevato un campione di sangue, un medico o uno specialista preleva il sangue dal sistema vascolare per l'esame. Il prelievo di sangue viene sempre effettuato in condizioni sterili (asettiche) in modo da mantenere il più basso possibile il rischio di infezione nel sito di puntura.

Raccolta di sangue capillare

Il prelievo di sangue capillare viene sempre utilizzato quando sono necessarie solo quantità molto piccole di sangue. Il polpastrello, il lobo dell'orecchio o il tallone (nei bambini) vengono pungenti con una lancetta e vengono prelevate una o più gocce di sangue soprattutto per l'esame della composizione, ma soprattutto spesso per la determinazione della glicemia o dei gas nel sangue e del pH e del lattato valore.

Raccolta di sangue venoso

La raccolta del sangue venoso è il metodo standard per la raccolta del sangue. Le vene nell'incavo del braccio o dell'avambraccio vengono solitamente perforate con l'aiuto di un ago cavo.

Prelievo di sangue arterioso

Il prelievo di sangue arterioso viene eseguito principalmente per eseguire un'emogasanalisi. È più raro che prelevare sangue venoso, poiché le arterie ricche di ossigeno sono più profonde delle vene povere di ossigeno e sono quindi più difficili da raggiungere. Inoltre, a causa dell'alta pressione sanguigna nelle arterie, il rischio di risanguinamento è molto maggiore.

Quando fare un prelievo di sangue

Oltre a donare il sangue, il sangue viene prelevato principalmente per ottenere informazioni. Con l'aiuto di un esame emocromocitometrico, i medici possono trarre conclusioni su malattie o sintomi di carenza in base alla composizione. Il sangue è costituito da globuli rossi (eritrociti), globuli bianchi (granulociti), piastrine (trombociti), coagulanti e siero del sangue con proteine, elettroliti, nutrienti e ormoni. Ad esempio, un aumento della cosiddetta proteina C-reattiva indica un'infezione. Inoltre, un campione di sangue arterioso può essere prelevato come parte di un'emogasanalisi.

Cosa fai se hai un campione di sangue?

Il tipo più comune è il prelievo di sangue venoso dall'incavo del gomito. Un bracciale, il cosiddetto laccio emostatico, viene posto intorno alla parte superiore del braccio e tirato così forte che da un lato il sangue può accumularsi nelle vene e dall'altro si può ancora sentire il polso arterioso.

Il medico sente il miglior sito di puntura e lo disinfetta con cura. Ora perfora la vena con un ago o con l'aiuto di un cosiddetto sistema a farfalla, in cui anche l'ago viene guidato attraverso due ali. La puntura attraverso la pelle può causare un dolore lieve e breve. Le provette per la raccolta del sangue sono attaccate all'estremità dell'ago e una pressione negativa viene creata con cura usando un timbro, che accelera la raccolta del sangue.

Se il tubo è abbastanza pieno, viene rimosso dall'ago, il timbro viene staccato e il tubo viene inclinato alcune volte. Ciò fa sì che il sangue si combini con anticoagulanti o altri reagenti già presenti nelle provette, piuttosto che aggregarsi. Il più comune è il sangue EDTA, in cui l'etilendiamminotetracetato (EDTA) contenuto nel tubo mantiene i componenti del sangue non legati. Questo è l'unico modo per esaminare le cellule in laboratorio.

Infine, il medico apre il laccio emostatico, tira l'ago e preme sul sito della puntura con un impacco in modo che non ci siano lividi. Un cerotto protegge dalle infezioni. Se il medico vuole prelevare il sangue arterioso, di solito sceglie un'arteria all'inguine o al polso. Poiché le arterie sono più profonde delle vene, questa procedura è più invasiva e viene utilizzata solo quando è necessario esaminare il sangue arterioso, ad esempio per misurare i livelli di ossigeno e anidride carbonica o il pH.

Al contrario, il prelievo di sangue capillare viene utilizzato principalmente quando la quantità di sangue necessaria è solo molto piccola. Dopo la disinfezione, la pelle viene semplicemente graffiata con una lancetta affilata e il sangue viene prelevato dalla ferita con una striscia di misurazione o un tubo di vetro molto sottile. Se necessario, il flusso sanguigno capillare viene aumentato in anticipo con un bagno di acqua calda, un massaggio o un unguento speciale.

Devo presentarmi a stomaco vuoto per farmi prelevare il sangue?

È importante che tu venga per un prelievo di sangue a stomaco vuoto in modo che i tuoi valori del sangue siano influenzati il ​​meno possibile. Cosa significa sobrio prendere il sangue? In linea di principio, ciò significa che non dovresti mangiare nulla dalle otto alle dodici ore prima. Ciò rende più facile confrontare i valori del sangue, poiché il cibo influenza principalmente i valori della glicemia e dei grassi nel sangue. Anche l'equilibrio enzimatico cambia non appena gli organi iniziano la digestione.

Sono ammessi acqua e tè senza zucchero e latte. D'altra parte, è meglio non bere caffè prima di prelevare un campione di sangue. Inoltre, non è consigliabile fumare prima di perdere peso a digiuno, poiché la nicotina, come la caffeina, può causare l'aumento o la diminuzione di vari ormoni. Se stai assumendo farmaci, discuti con il medico fino a che punto dovresti continuare a prenderli.

Quali sono i rischi del prelievo di sangue?

Non vi è alcun rischio significativo di infezione o lesione quando viene prelevato il campione di sangue diagnostico. Forse può portare a problemi circolatori innescati psicologicamente, in casi molto rari a shock. Tuttavia, un livido si sviluppa relativamente spesso nel sito della puntura.

A cosa devo fare attenzione dopo un esame del sangue?

Nonostante le quantità di sangue per lo più piccole che si ottengono quando viene prelevato un campione di sangue, dovresti prendertela comoda in seguito. L'idratazione extra aiuta il corpo a compensare la perdita molto rapidamente.

Per evitare la formazione di lividi, è necessario premere il cerotto per alcuni minuti e tenere il sito della puntura il più in alto possibile. È importante una compressione sostenuta e forte del sito di puntura (non appena l'ago è stato ritirato), specialmente quando il sangue viene prelevato dall'arteria o quando sono noti disturbi della coagulazione del sangue. In caso contrario, potrebbero formarsi lividi molto grandi (ematomi) nel tessuto o sotto la pelle dopo il prelievo del campione di sangue.

Tags.:  parto in gravidanza bambino piccolo anatomia 

Articoli Interessanti

add