reticolociti

ed Eva Rudolf-Müller, dottore

Dott. med. Andrea Reiter è uno scrittore freelance per il team editoriale medico di

Maggiori informazioni sugli esperti di

Eva Rudolf-Müller è una scrittrice freelance nel team medico di Ha studiato medicina umana e scienze giornalistiche e ha ripetutamente lavorato in entrambe le aree: come medico in clinica, come revisore e come giornalista medico per varie riviste specializzate. Attualmente lavora nel giornalismo online, dove viene offerta a tutti un'ampia gamma di farmaci.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

I reticolociti sono globuli rossi giovani e immaturi (eritrociti). Si formano nel midollo osseo e vengono lavati nel sangue. Lì maturano in cellule mature entro pochi giorni. La percentuale di reticolociti nel sangue è molto piccola, ma può aumentare in caso di mancanza di ossigeno o dopo perdita di sangue. Leggi quando il midollo osseo rilascia più reticolociti e quando la loro percentuale nel sangue si riduce!

Cosa sono i reticolociti?

I reticolociti sono globuli rossi che non sono ancora completamente maturi. Come gli eritrociti maturi, non contengono più un nucleo cellulare, ma hanno ancora determinate informazioni genetiche (RNA) e il reticolo endoplasmatico (latino "rete" = rete) nel plasma cellulare. Quest'ultimo si occupa di alcuni processi del metabolismo cellulare e conferisce all'interno della cellula un tipico aspetto reticolato al microscopio. Quando l'RNA e il reticolo endoplasmatico sono stati espulsi, il reticolocita è maturato in un eritrocita.

Il numero di reticolociti nel sangue consente di trarre conclusioni sull'attività di formazione del sangue del midollo osseo. Può indicare determinate condizioni come anemia o infezioni. Tuttavia, cambia anche quando c'è carenza di ossigeno nell'aria che respiriamo, ad esempio ad alta quota. Il doping per aumentare la formazione del sangue (ad esempio con l'EPO) modifica anche il tasso di formazione del sangue.

Quando si determinano i reticolociti?

I reticolociti nel sangue sono determinati nei seguenti casi:

  • anemia
  • in terapia con ferro, vitamina B12 o acido folico
  • in caso di terapia medica con eritropoietina (EPO)
  • per il cancro del sangue (leucemia)
  • dopo un trapianto di cellule staminali

Conta dei reticolociti

Il risultato della misurazione della determinazione dei reticolociti è espresso in per mille (‰) di eritrociti, ovvero il numero di reticolociti per 1.000 eritrociti maturi. I seguenti valori standard si applicano a seconda dell'età e - per gli adulti - a seconda del sesso:

età

Intervallo normale dei reticolociti

da 1 a 3 giorni

34,7 - 54,0

da 4 a 30 giorni

10,6 - 23,7

da 31 a 60 giorni

21,2 - 34,7

da 61 a 180 giorni

15,5 - 27,0

da 0,5 a 1 anno

9,90 - 18,2

da 2 a 5 anni

8,20 - 14,5

da 6 a 11 anni

9,80 - 19,4

dai 12 ai 17 anni

9,00 - 14,9

da 18 anni

femmina: 5,40 - 20,2

maschio: 4,80 - 16,4

Quando ci sono troppo pochi reticolociti nel sangue?

Se ci sono troppo pochi reticolociti nel sangue, la formazione del sangue potrebbe essere ridotta. Alcune forme di anemia possono essere la causa (come l'anemia da carenza di acido folico e vitamina B12 o l'anemia aplastica). Una carenza dell'ormone eritropoietina (importante per la formazione del sangue), così come le radiazioni e la chemioterapia (per il cancro) possono abbassare i valori dei reticolociti.

Quando ci sono troppi reticolociti nel sangue?

Se il numero di reticolociti aumenta, ciò indica un aumento della formazione di sangue. Questo può essere un normale meccanismo di regolazione del corpo: ad esempio, il midollo osseo produce più globuli rossi dopo un forte sanguinamento. Anche se il midollo osseo è danneggiato e si sta rigenerando, la percentuale di reticolociti nel sangue può aumentare temporaneamente. Lo stesso vale se si assumono preparazioni con ferro, acido folico o vitamina B12 in caso di anemia.

Inoltre, un aumento della percentuale di reticolociti nel sangue può essere il risultato di una carenza cronica di ossigeno (ipossia) o di un'aumentata degradazione dei globuli rossi (emolisi).

Cosa fare se il conteggio dei reticolociti cambia?

Un aumento della percentuale di reticolociti nel sangue è spesso solo una contromisura adottata dall'organismo, ad esempio in caso di grave perdita di sangue o anemia. Se la proporzione nel sangue è fortemente o persistentemente aumentata, deve essere controllata.

Se i valori dei reticolociti cambiano e non possono essere spiegati (ad esempio con una perdita di sangue), la causa deve essere chiarita. Se è causato da una malattia come la leucemia o l'ipotiroidismo, deve essere trattato di conseguenza.

Tags.:  fatica dieta primo soccorso 

Articoli Interessanti

add