eosinofili

e Martina Feichter, redattrice medica e biologa

Martina Feichter ha studiato biologia con una materia elettiva farmacia a Innsbruck e si è anche immersa nel mondo delle piante medicinali. Da lì non era lontano da altri argomenti medici che la affascinano ancora oggi. Si è formata come giornalista presso l'Axel Springer Academy di Amburgo e lavora per dal 2007 - prima come redattrice e dal 2012 come scrittrice freelance.

Maggiori informazioni sugli esperti di Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

Gli eosinofili sono globuli bianchi specializzati (leucociti). Come parte del sistema immunitario cellulare, svolgono compiti importanti, soprattutto nella lotta contro parassiti e vermi. Leggi qui come questi globuli bianchi supportano il nostro sistema immunitario e in quali situazioni i granulociti eosinofili aumentano o diminuiscono.

Cosa sono gli eosinofili?

Gli eosinofili sono un sottogruppo di globuli bianchi (leucociti). Come parte dell'emocromo completo, il medico determina i valori ematici dei leucociti. Gli eosinofili costituiscono circa dall'1 al 4% di tutti i globuli bianchi (negli adulti), con valori che fluttuano nel corso della giornata.

Il termine “eosinofilo” deriva dall'istologia: le cellule possono essere facilmente colorate con il colorante eosina e quindi apparire rossastre o rosate al microscopio.

I granulociti eosinofili sono i cosiddetti fagociti, cioè cellule spazzine: “inghiottono” gli agenti patogeni, in particolare parassiti e vermi. Gli agenti patogeni vengono poi combattuti da speciali enzimi situati all'interno degli eosinofili.

Eosinofili: valori normali

L'intervallo normale per gli eosinofili dipende dall'età e dal sesso. È dato in percentuale (proporzione del conteggio totale dei leucociti):

età

Femmina

maschile

fino a 14 giorni

0,4 - 4,6 %

0,3 - 5,2 %

15-30 giorni

0,0 - 5,3 %

0,2 - 5,4 %

da 31 a 60 giorni

0,0 - 4,1 %

0,0 - 4,5 %

da 61 a 180 giorni

0,0 - 3,6 %

0,0 - 4,0 %

da 0,5 a 1 anno

0,0 - 3,2 %

0,0 - 3,7%

da 2 a 5 anni

0,0 - 3,3 %

0,0 - 4,1 %

da 6 a 11 anni

0,0 - 4,0 %

0,0 - 4,7 %

dai 12 ai 17 anni

0,0 - 3,4 %

0,0 - 4,0 %

da 18 anni

0,7 - 5,8 %

0,8 - 7,0 %

Quando aumentano gli eosinofili?

Se ci sono troppi eosinofili nel sangue, si parla di eosinofilia. Di solito si verifica durante la fase di guarigione di una malattia infettiva. Ma ci sono anche malattie infettive in cui gli eosinofili sono troppo alti durante l'intero corso. Questo vale per la scarlattina, il morbillo e la gonorrea, per esempio. Grazie alla loro buona difesa contro l'infestazione da vermi e parassiti, anche in questi casi aumenta il numero di eosinofili. Altre cause di eosinofilia includono:

  • malattie allergiche (ad esempio asma o febbre da fieno)
  • Collagenosi (malattie del tessuto connettivo come il lupus eritematoso o la sclerodermia)
  • Leucemia mieloide cronica (LMC)
  • Leucemia eosinofila cronica

Quando gli eosinofili sono bassi?

Se gli eosinofili sono troppo bassi, il medico lo chiama eosinopenia. È tipico delle situazioni stressanti, tra cui:

  • shock
  • crampi
  • nascita
  • coma uremico o diabetico
  • Colica

I granulociti eosinofili diminuiscono anche nelle infezioni acute gravi (tifo, polmonite o avvelenamento del sangue) e nella malattia di Cushing. La malattia di Cushing è una condizione in cui il corpo produce quantità eccessive di cortisolo, l'ormone.

Un'altra possibile ragione per la mancanza di granulociti eosinofili nel sangue è l'uso prolungato di glucocorticoidi ("cortisone").

Tags.:  consiglio sul libro valori di laboratorio bambino bambino 

Articoli Interessanti

add