Sindrome serotoninergica

Florian Tiefenböck ha studiato medicina umana alla LMU di Monaco. È entrato a far parte di come studente nel marzo 2014 e da allora ha supportato il team editoriale con articoli medici. Dopo aver ricevuto la sua licenza medica e il lavoro pratico in medicina interna presso l'Ospedale universitario di Augusta, è membro permanente del team da dicembre 2019 e, tra le altre cose, garantisce la qualità medica degli strumenti

Altri messaggi di Florian Tiefenböck Tutti i contenuti di sono controllati da giornalisti medici.

La sindrome serotoninergica non è una malattia nel senso tradizionale. Piuttosto, è una combinazione di vari sintomi della malattia (sintomi) che derivano da un eccessivo accumulo della sostanza messaggera serotonina. La sindrome serotoninergica è causata da alcuni farmaci e deve essere trattata rapidamente in quanto può essere fatale. Leggi tutto ciò che devi sapere sulla sindrome serotoninergica qui.

Sindrome serotoninergica: descrizione

La sindrome serotoninergica è una combinazione di vari sintomi causati da un eccesso del neurotrasmettitore serotonina nel sistema nervoso centrale. È anche chiamata sindrome serotoninergica o serotoninergica o sindrome serotoninergica centrale.

La causa dell'eccesso di serotonina risiede nei farmaci usati per trattare la depressione (antidepressivi), che influenzano il sistema serotoninergico del corpo. In senso lato, la sindrome serotoninergica nasce da effetti collaterali o interazioni tra vari farmaci antidepressivi (ma anche altri).

Cos'è la serotonina?

La serotonina (chimica: 5-idrossi-triptamina) è un importante messaggero del sistema nervoso (neurotrasmettitore). Si verifica sia nel sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale) che periferico. Nel sistema nervoso centrale (SNC), la serotonina è coinvolta nel controllo del ritmo sonno-veglia, delle emozioni, della temperatura e del dolore, ma anche nei processi di apprendimento e nella formazione della memoria.

Nel resto del corpo, ad esempio, la serotonina favorisce i movimenti gastrointestinali o dilata i vasi della pelle e dei muscoli scheletrici, ma li costringe nel cuore. La serotonina è anche coinvolta nella coagulazione del sangue (favorisce l'aggregazione delle piastrine nel sangue).

Depressione prima della sindrome serotoninergica

La serotonina, insieme ad un'altra sostanza messaggera chiamata noradrenalina, controlla vari processi nel cervello. Questi includono, soprattutto, i processi emotivi e il controllo dell'attenzione e l'inibizione del dolore. Gli esperti presumono che una carenza di queste sostanze messaggere porti a sintomi depressivi come tristezza, svogliatezza e perdita di interesse. I medici trattano quindi la depressione con farmaci che aumentano i livelli di serotonina nel corpo, ad esempio. Di conseguenza e, ad esempio, se la dose del farmaco è troppo alta, può verificarsi un eccesso di serotonina e, infine, la sindrome serotoninergica.

Sindrome serotoninergica: sintomi

La serotonina agisce su molte strutture riceventi (recettori) nel corpo. Un eccesso di serotonina può quindi causare anche molti sintomi diversi. Di solito compaiono entro le prime 24 ore dall'assunzione del farmaco. A volte l'aumento del livello di serotonina si manifesta inizialmente come una lieve infezione simil-influenzale. I sintomi più gravi possono quindi svilupparsi in pochi minuti.

Secondo le descrizioni dello psichiatra americano Sternbach, gli esperti ora dividono i sintomi della sindrome serotoninergica in tre gruppi:

Disturbi vegetativi

I pazienti soffrono di febbre e brividi, quindi spesso si sentono molto male (sensazione di influenza). Altri sintomi vegetativi che si verificano spesso nella sindrome serotoninergica sono:

  • Aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna (tachicardia e ipertensione)
  • Respirazione rapida (iperventilazione)
  • Sudorazione profusa (iperidrosi)
  • Nausea, vomito e diarrea
  • male alla testa

Interazione disturbata tra muscoli e nervi

Ulteriori sintomi della sindrome serotoninergica derivano dal fatto che l'interazione tra nervi e muscoli è disturbata (sintomi neuromuscolari):

I pazienti tremano (tremore), hanno riflessi facilmente innescabili ed esagerati (iperreflessia), contrazioni muscolari involontarie (mioclonia) e, a causa dell'aumento della tensione muscolare, possono muoversi solo sotto sforzo (iperrigidità, rigidità).Sono anche possibili crampi muscolari.

Effetti psicologici

Inoltre, i pazienti soffrono di sintomi innescati dalla sindrome serotoninergica nel sistema nervoso centrale. L'eccesso di serotonina porta ad un aumento dell'eccitazione. Di conseguenza, con la sindrome serotoninergica possono verificarsi le seguenti anomalie psicologiche:

  • Irrequietezza, nervosismo, voglia di muoversi
  • allucinazioni
  • Disturbi della coscienza e dell'attenzione
  • Aumento dell'umore
  • Problemi di messa a punto dei movimenti (incoordinazione)

Sindrome serotoninergica pericolosa per la vita

In definitiva, la sindrome serotoninergica può diventare pericolosa per la vita. Gravi conseguenze o complicazioni derivano, ad esempio, da aritmie cardiache persistenti. I pazienti di solito avvertono una sensazione di pressione al petto, un battito cardiaco accelerato e irregolare e palpitazioni cardiache.

La sindrome serotoninergica può anche provocare crisi epilettiche o addirittura coma.

Poiché la serotonina ha anche un effetto sulla coagulazione del sangue, la sindrome serotoninergica porta in alcuni casi a quella che è nota come coagulopatia da consumo. Questo attiva il sistema di coagulazione (comprese le piastrine) nei vasi sanguigni. Di conseguenza, in vari organi si formano coaguli di sangue che non possono più funzionare. Inoltre, nel corso successivo c'è una mancanza di fattori di coagulazione (a causa dell'aumento del consumo) e quindi sanguinamento spontaneo.

La morte per sindrome serotoninergica di solito si verifica a causa di insufficienza multiorgano.

Sindrome serotoninergica: cause e fattori di rischio

La sindrome serotoninergica deriva dall'uso di alcuni farmaci. Queste sono erbe che influenzano i processi serotoninergici nel corpo. I medici di solito li prescrivono per curare la depressione. Perché i ricercatori presumono che la mancanza di serotonina (e noradrenalina) sia responsabile dello sviluppo della depressione. Con detti farmaci, la quantità della sostanza messaggera viene aumentata con diversi meccanismi, ad esempio aumentando il rilascio di serotonina o inibendo la sua degradazione.

In alcuni casi, i primi segni della sindrome serotoninergica compaiono dopo aver assunto un antidepressivo per la prima volta. In altri pazienti, si svilupperà solo dopo aver aumentato la dose. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, la sindrome serotoninergica si verifica quando due o più dei farmaci interessati vengono combinati. A causa delle interazioni tra le erbe, c'è un significativo eccesso di serotonina.

Oltre agli antidepressivi, anche alcuni altri medicinali e alcune droghe illegali possono scatenare la sindrome serotoninergica interferendo con il sistema serotoninergico.

Questi farmaci, così come i farmaci che possono causare la sindrome serotoninergica, specialmente in combinazione, sono suddivisi in base al loro effetto:

Effetto sul sistema serotoninergico

Ingredienti attivi

aumento della produzione di serotonina

Triptofano

aumento del rilascio di serotonina

Anfetamine, cocaina, mirtazapina, metadone, ecstasy, la L-dopa del farmaco per il Parkinson

Inibizione della ripresa del gap sinaptico tra due cellule nervose

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), come citalopram, sertralina, fluoxetina, paroxetina

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (SSNRI), come venlafaxina, duloxetina

Antidepressivi triciclici, come amitriptilina, doxepina, desipramina, nortriptilina, clomipramina, imipramina

Tramadolo, petidina (entrambi antidolorifici), trazodone, erba di San Giovanni, cocaina, anfetamina, ecstasy, antagonisti del recettore 5-HT3 contro nausea e vomito come ondansetron, granisetron

Inibizione della degradazione della serotonina

Inibitori delle monoamino ossidasi (MAO) come moclobemide, tranilcipromide o l'antibiotico linezolid

effetto stimolante sulle strutture dei recettori della serotonina (recettori 5-HT)

Agonisti 5-HT1 come buspirone o triptani (ad es. sumatriptan, almotriptan), che sono prescritti per l'emicrania

aumento dell'effetto serotonina

litio

Influenza di altri farmaci

Anche i farmaci vengono scomposti nel corpo. Tuttavia, ci sono alcuni farmaci che interferiscono con la scomposizione dei suddetti farmaci, principalmente perché vengono metabolizzati allo stesso modo. Questi includono, ad esempio, il farmaco per il cuore amiodarone o beta bloccanti, agenti antiepilettici come la carbamazepina, ma anche terapie per l'HIV come ritonavir o efavirenz. L'agente di protezione dello stomaco cimetidina inibisce anche i complessi proteici degradanti. Di conseguenza, le sostanze serotoninergiche si accumulano nel corpo. Di conseguenza, influenzano ancora di più il sistema della serotonina. In questo modo, anche una dose minore di farmaco può portare alla sindrome serotoninergica.

Sindrome serotoninergica: diagnosi ed esame

La diagnosi della sindrome serotoninergica è difficile. Da un lato, le persone colpite mostrano segni diversamente pronunciati di una sindrome serotoninergica. Esistono invece quadri clinici simili a quello della sindrome serotoninergica, soprattutto della sindrome neurolettica maligna (SNM).

Inoltre, un eccesso di serotonina si sviluppa in tempi relativamente brevi. Di conseguenza, spesso c'è poco tempo per esami approfonditi in caso di malattia grave. La diagnosi è resa ancora più difficile dal fatto che non esistono esami di laboratorio degni di nota per determinare la sindrome serotoninergica come causa dei sintomi.

Chi teme di soffrire di sindrome serotoninergica dovrebbe consultare immediatamente un medico, ad esempio lo psichiatra curante.

Anamnesi (anamnesi)

La pietra angolare della diagnosi della sindrome serotoninergica è l'anamnesi (anamnesi). Poiché i pazienti con sindrome serotoninergica a volte sono confusi o hanno una coscienza annebbiata, possono solo rispondere in modo inadeguato ad alcune domande. Pertanto, anche la storia esterna è di cruciale importanza. Il medico non chiede al paziente stesso, ma piuttosto a parenti, amici o altri compagni. Ad esempio, il medico pone le seguenti domande:

  • Di quali disturbi soffri?
  • Hai febbre, nausea con vomito e diarrea? Stai sudando notevolmente pesantemente?
  • Trovi difficile muoverti? Hai spasmi muscolari o contrazioni?
  • Hai problemi a stare fermo?
  • Da quanto tempo esistono i reclami? Sei ingrassato nelle ultime ore?
  • Di quali malattie pregresse sei a conoscenza?
  • Soffri di depressione per cui prendi pillole?
  • Quali medicine stai prendendo? Si prega di nominare tutti i medicinali, compresi gli integratori alimentari e gli ingredienti a base di erbe!
  • Il farmaco è stato modificato o ampliato di recente?
  • Fai uso di droghe regolarmente?

Esame fisico

Dopo l'interrogatorio dettagliato, il medico esamina attentamente il corpo della persona. Presta attenzione ai sintomi tipici della sindrome serotoninergica. Insieme all'anamnesi, sono determinanti per la corretta diagnosi di “sindrome serotoninergica”. Ad esempio, il medico verificherà se le pupille sono dilatate. Contrazioni muscolari o tremori nel paziente possono spesso essere visti ad occhio nudo, così come la respirazione accelerata. Il medico misura anche la pressione sanguigna, il polso e la temperatura corporea.

Il medico controlla anche le condizioni neurologiche del paziente. Presta particolare attenzione al controllo dei riflessi. Per fare ciò, colpisce le cosce sotto la rotula con un cosiddetto martello riflesso, ad esempio (riflesso del tendine rotuleo). Se il paziente soffre di sindrome serotoninergica, il riflesso, cioè lo "scatto in avanti" della parte inferiore della gamba, avviene in modo eccessivo e spesso con solo leggeri picchiettii del tendine.

Ulteriori indagini sulla sindrome serotoninergica

Non ci sono test di laboratorio specifici che dimostrino chiaramente la sindrome serotoninergica. Tuttavia, alcuni valori di laboratorio possono cambiare a causa dell'eccesso di serotonina, ad esempio aumenta il parametro di infiammazione della proteina C-reattiva (CRP). La sindrome serotoninergica può influenzare anche l'emocromo, riconoscibile ad esempio da un basso livello di piastrine nel sangue (trombociti). Nei crampi gravi, aumentano anche le proteine ​​muscolari creatina chinasi e mioglobina nel sangue.

Quando si respira rapidamente, una cosiddetta analisi dei gas ematici può fornire informazioni sullo scambio di ossigeno e anidride carbonica nei polmoni.

Il medico esegue anche test tossicologici. Utilizzando un campione di urina, i test rapidi (i cosiddetti test tossicologici al letto) spesso rivelano un possibile consumo o abuso di droghe. In alcuni casi, possono essere utilizzati processi di screening laboriosi per rilevare l'aumento delle concentrazioni ematiche di una determinata sostanza farmacologica (determinazione del livello del farmaco).

Inoltre, il medico avvierà ulteriori esami a seconda dei sintomi. Ad esempio, usa un elettrocardiogramma (ECG) per rivelare aritmie cardiache. Dopo un attacco epilettico, un test di imaging come la tomografia computerizzata (TC) aiuterà a escludere altre cause dei sintomi.

Diagnosi differenziali

La sindrome serotoninergica è talvolta difficile da distinguere da altre malattie. Un'altra diagnosi possibile (diagnosi differenziale) è la sindrome neurolettica maligna, o MNS in breve. I sintomi del MNS possono insorgere dopo l'ingestione di farmaci altamente efficaci (molto potenti) contro le psicosi (antipsicotici, neurolettici). Come con la sindrome serotoninergica, i pazienti soffrono di disturbi della coscienza, febbre, palpitazioni, fluttuazioni della pressione sanguigna e/o aumento della tensione muscolare.

Tuttavia, contrariamente alla sindrome serotoninergica, i sintomi della MNS si sviluppano molto più lentamente nell'arco di diversi giorni e di solito solo circa due settimane dopo l'inizio della terapia. Inoltre, i pazienti con MNS tendono ad essere sedentari (da bradicinetici ad acinetici) e hanno riflessi ridotti (iporeflessia). Inoltre, la creatina chinasi della proteina muscolare è notevolmente aumentata qui. Lo stesso vale per i globuli bianchi (leucociti) e spesso anche per i valori del fegato (alte transaminasi).

Altre malattie, alcune delle quali presentano sintomi simili alla sindrome serotoninergica, sono ad esempio:

  • Ipertermia maligna
  • Sindrome anticolinergica / Delirium

Sindrome serotoninergica: trattamento

La sindrome serotoninergica è considerata un'emergenza psichiatrica e neurologica perché può essere pericolosa per la vita. Come primo passo, i medici interromperanno i farmaci che possono causare la sindrome serotoninergica. In caso di sintomi lievi, questa procedura è generalmente sufficiente (in circa il 90% dei casi). Se i sintomi persistono, i medici adottano misure aggiuntive. La sindrome serotoninergica grave richiede un monitoraggio e un'assistenza medica intensiva.

Medicina intensiva per la sindrome serotoninergica

Nel reparto di terapia intensiva vengono costantemente monitorati la pressione sanguigna, il polso, la frequenza cardiaca, la saturazione di ossigeno, la temperatura corporea e la produzione di urina. I pazienti ricevono abbastanza liquidi attraverso un'infusione (i pazienti perdono molti liquidi a causa della febbre). Potrebbero anche dover essere posti in coma artificiale e ventilati meccanicamente. In questo modo è possibile eseguire passaggi terapeutici di più ampia portata come il raffreddamento estensivo (in caso di febbre molto alta).

Farmaco

I farmaci antipiretici possono anche ridurre la temperatura corporea elevata.

Se necessario, i medici somministrano anche farmaci per rilassare i muscoli (rilassanti muscolari). In questo modo, ad esempio, abbassano la febbre, che si verifica nella sindrome serotoninergica principalmente a causa dell'aumento della tensione muscolare. I miorilassanti dovrebbero anche prevenire gravi danni muscolari (dissoluzione delle fibre muscolari = rabdomiolisi). Questo protegge anche i reni. Perché la rabdomiolisi rilascia la mioglobina proteica muscolare che lega l'ossigeno in grandi quantità. Questo può essere depositato nel tessuto renale e portare a insufficienza renale.

Le benzodiazepine (come lorazepam, diazepam) possono essere utilizzate anche nella sindrome serotoninergica. Possono sopprimere le convulsioni.

Se i sintomi persistono, i medici somministrano anche ciproeptadina o metisergide. Entrambi i farmaci legano e inibiscono, tra le altre cose, le strutture dei recettori della serotonina e quindi riducono l'influenza dannosa dell'eccesso di ormoni di una sindrome serotoninergica. I pazienti che sono svegli deglutiscono le compresse, mentre i pazienti sedati vengono alimentati con i principi attivi attraverso un tubo gastrico.

Sindrome serotoninergica: decorso della malattia e prognosi

Con un trattamento rapido e corretto, la sindrome serotoninergica ha una buona prognosi generale. In singoli casi, tuttavia, può portare alla morte per insufficienza multiorgano, ad esempio.

Durata della sindrome serotoninergica

La durata della sindrome serotoninergica dipende principalmente dal farmaco scatenante. A seconda del principio attivo, il corpo ha bisogno di tempi diversi per scomporre il farmaco. Gli esperti parlano della cosiddetta emivita (emivita). Indica il tempo dopo il quale metà del farmaco assunto ha lasciato il corpo.

Ad esempio, la fluoxetina ha un'emivita relativamente lunga.Nell'organismo viene prodotto il principio attivo norfluoxetina con un'emivita di circa 4-16 giorni. Ciò significa che questo ingrediente attivo viene metabolizzato e scomposto solo lentamente. I sintomi della sindrome serotoninergica quindi durano più a lungo dopo l'assunzione di fluoxetina rispetto, ad esempio, ad altri antidepressivi.

Attenzione ai nuovi farmaci

Questo fatto deve essere preso in considerazione anche quando il farmaco di un paziente cambia. Ad esempio, se la persona interessata riceve un nuovo agente antidepressivo o un nuovo farmaco (come forti rimedi per il dolore o l'emicrania), potrebbero esserci ancora interazioni dopo due settimane e infine una sindrome serotoninergica.

Prevenire la sindrome serotoninergica

I medici di solito prestano attenzione ai vari effetti collaterali e alle interazioni del farmaco prescritto. Informazioni importanti possono essere trovate nelle informazioni specialistiche pertinenti del produttore. Gli inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI) non devono essere combinati con inibitori MAO (prevengono la degradazione della serotonina), ad esempio, a causa del rischio di sindrome serotoninergica.

Anche i medicinali a base di erbe come l'erba di San Giovanni comportano il rischio di sindrome serotoninergica se assunti in parallelo con antidepressivi (come antidepressivi triciclici e SSRI). Pertanto, presta attenzione alle istruzioni del tuo medico e consultalo rapidamente in caso di sintomi al fine di prevenire la sindrome serotoninergica.

Tags.:  unione sessuale nutrimento cure odontoiatriche 

Articoli Interessanti

add